Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

E dopo le polemiche sulla rinuncia della Proloco agli eventi di natale, sulla pista di pattinaggio, che poi alla fine si fa, sugli appuntamenti, più o meno interessanti e, soprattutto sull’albero “senziente”, il natale lancianese sta per partire e , alla fine, di cose da fare ce ne saranno tante e si accontenterà tutti , grandi e piccini.

Le associazioni dei commercianti sono la “salvezza” dello spirito natalizio, “Le vie del Commercio” con i 42 alberi realizzati dai detenuti, gli esercenti di via Fabio Filzi con le luminarie auto “finanziate” e, soprattutto, la voglia di mettersi in gioco e  l’entusiasmo dei commercianti di corso Bandiera che domani, 8 dicembre, sabato e domenica, trasformeranno tutta la strada del corso vecchio di Lanciano in un regno incantato dove, fra vin brulè, neve finta, Babbo Natale e i re magi a cammello saremo tutti catapultati in una atmosfera da fiaba, per riscoprire la magia del natale.

Anna Bendotti, presidente dell’associazione, ha spiegato ieri mattina, ancora una volta in strada proprio come la settimana scorsa quando protestarono contro il comune per il proseguimento dei lavori, cosa sono riuscite ad organizzare in poco tempo.

Saranno una ventina le attività coinvolte, delle 50 presenti sul corso, qualcuno si è tirato indietro, altri vanno avanti convinti, spiega, che per aiutare il commercio non si può rimanere mani in mano sperando che il comune ci aiuti. Abbiamo pensato a tutto, alle luminarie, all’atmosfera, ai  giochi, al buon cibo e soprattutto all’accoglienza dei clienti che potranno fare i loro acquisti natalizi in un mondo fatato. Stefania Santobuono, è una delle artefici della location insieme a Cinzia Stella. Da ormai due anni organizziamo eventi a tema e anche per questo natale, nonostante tutto, abbiamo deciso di proporci alla città in modo diverso, sperando di fare cosa gradita.

L’assessore al commercio Francesca Caporale, anche lei presente ieri mattina, ha ringraziato i commercianti definendoli il vero motore trainante della città, il loro entusiasmo, è una garanzia per la per tutti.(C.Lab.)