Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Continuano gli episodi di abbandono dei rifiuti in Val di Sangro, dopo il sito preso di mira dagli incivili,sotto il ponte del  Sangro,che congiunge Lanciano e Atessa,(ne parlarono anche alcuni giornali locali il mese scorso) noi dell’associazione “noimessidaparte” sollecitati anche da alcuni cittadini siamo andati a vedere.

Lo spettacolo che ci si presenta è a dir poco impietoso, pattume,pezzi di lastre di eternit, pneumatici, cavi elettrici, materiale e scarti edilizi, materie plastiche,frigoriferi…insomma una discarica a cielo aperto,anzi pardon, sotto il ponte. Eh si perché il ponte funge da “paravento”, ironizza Marco severo presidente dell'associazione "NOIMESSIDAPARTE", e da sicurezza di non esser visti, agli incivili che si recano qui e senza remore scaricano e lasciano di tutto. Inoltre la discarica ricade a pochi metri dal percorso trekking che porta alla Lecceta del Sangro,diventando cosi un deterrente per cicloamatori e amanti del trekking.

Ci chiediamo come mai  l’amministrazione comunale di Lanciano, incalza Severo, o la Provincia non abbiano ancora preso dei rimedi e delle soluzioni per scoraggiare l’incivile?Ma soprattutto perché non si impegnano,a far rimuovere il pattume e al ripristino ambientale dell’area?

Gli attivisti di Noimessidaparte se ne sono andati in giro una settimana per campagne alla ricerca di altre aree prese di mira dall’ ignobile pratica e il quadro purtroppo è dei peggiori. Sono decine le aree e i punti  presi di mira, oltre a gli abbandoni di qualche sacchetto nelle strade tratturali, vi sono vere e proprie discariche, i più grandi nei comuni di Lanciano,oltre a quello già noto,anche in loc.Cerratina e Atessa nei pressi dello svincolo per la superstrada. Il greto del Sangro è ormai un vero e proprio centro di raccolta per chi la differenziata non la vuole proprio fare e pure per qualche piccola azienda che forse vuole risparmiare sui costi di smaltimento.

Eppure la legge è chiara, il divieto di abbandono di rifiuti è enunciato dall’art. 192 della legge 152/2006 (T.U.A.) secondo cui “l'abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati ed è  altresi'  vietata l'immissione  di  rifiuti  di qualsiasi genere,  allo  stato  solido  o  liquido,  nelle acque superficiali e sotterranee,e le disposizioni sanzionatorie previste per le violazioni al citato art. 192 sono contenute negli articoli 255, 1° comma (Sanzioni amministrative) e 256, 2° comma (Sanzioni penali)  a seconda se l’autore del gesto è un privato cittadino o appartenente a ditta-enti, con sanzioni economiche fino a 1200 euro. Già questo dovrebbe scoraggiare l’incivile.

Inoltre ai sensi del D. Lgs. 152/06, Parte IV, art. 184, comma 2,lettera D, che recita testualmente “ i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d'acqua sono rifiuti urbani”.

Pertanto, a fini della tutela della salute pubblica e dell’ambiente, essi sono a carico del Comune, anche se tra gli stessi sono presenti determinate tipologie di materiali.

Per questi motivi ieri l'associazione ha  inoltrato un formale e dettagliato esposto presso i Carabinieri Forestali di Lanciano e per conoscenza inviato anche alle amministrazioni di Lanciano e Atessa.

Chiediamo che vengano rimossi i rifiuti e ripristinate le aree da parte degli enti preposti, inoltre è doveroso che le amministrazioni comunali dei comuni sangrini, insieme alla provincia si attivino per attuare misure che contrastino questa triste piaga,come ad esempio l’installazione di foto trappole nelle aree sensibili ,oltre a maggiore controllo da parte delle polizie municipali e provinciale.

In quanto agli incivili, be’ per loro non ci sono parole, conclude il presidente, valgono meno del nulla e speriamo che un giorno verranno presi in flagranza…allora saranno dolori!