Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO. Dopo l’approvazione dello scorso 5 giugno da parte della giunta Pupillo, è stato pubblicato dalla Centrale Unica di Committenza del Comune di Lanciano l'avviso per l'indagine di mercato finalizzata ad individuare i soggetti da invitare alla procedura negoziata per affidare i lavori di restauro di Porta San Biagio e riqualificazione dei percorsi limitrofi, tra cui l'ultimo tratto di via dei Bastioni. nei documeti antichi di Florindo Carabba così è descritta : " Porta San Biagio. Dalla strada maggiore di Lancianovecchio immetteva al tratturo, all'antica strada Traiana ed alla Fontana di Santa Lummina.In pietra arenaria locale, a sesto ogivale, del secolo XIII, è l'unica porta superstite della cinta muraria cittadina"

Il progetto è finanziato con fondi provenienti dal Masterplan della Regione Abruzzo pari a 300.000 euro, che serviranno al restauro e la valorizzazione di “Porta San Biagio”, l'antica porta di accesso alla città risalente al XIII secolo, l'unica ancora esistente delle nove porte medievali. L'importo complessivo dei lavori e oneri compresi nell'appalto per il restauro e manutenzione di bene immobile sottoposto a tutela ammonta a 254.434,20 euro; l'importo a base d'asta è di 233.734,20 euro. Il tempo previsto per la realizzazione dei lavori è di 235 giorni dalla data di consegna dei lavori. Le ditte interessate a svolgere i lavori dovranno manifestare il proprio interesse compilando il modello disponibile nella sezione Centrale Unica di Committenza del sito www.lanciano.eu entro le 13 del 26 ottobre 2018.

Qualora dovessero pervenire all'ufficio oltre 20 manifestazioni di interesse, si procederà al sorteggio in seduta pubblica nell'ufficio della CUC Lanciano in via dei Frentani, alle ore 10 del 31 ottobre; in caso contrario, la CUC inviterà tutte le ditte che hanno manifestato interesse e che siano in possesso dei requisiti richiesti.
I lavori interesseranno il restauro di Porta San Biagio, che sarà valorizzata anche nelle ore notturne con apposita illuminazione e riqualificazione della piazzetta prospiciente; inoltre, verrà riqualificato l'ultimo tratto di via dei Bastioni verso la Porta e dei due percorsi pedonali che dalla Porta conducono verso il parcheggio con ascensore e la strada di via per Frisa, l'antico passaggio che dal tratturo conduceva a Porta San Biagio e quindi all'ingresso in città. Nell'ultimo tratto di via Bastioni è previsto il rifacimento della rete fognaria e del sistema di raccolta delle acque, con nuovo massetto in cemento e successiva posa della pavimentazione riutilizzando i cubetti di porfido esistenti. Per i due percorsi pedonali che dall'area di Porta San Biagio attraverso la scalinata conducono uno al parcheggio con ascensore e l'altro alla strada di via per Frisa, l'intervento prevede la realizzazione del sistema di raccolta acque bianche, pavimentazione in porfido, acciottolato e pietra della Maiella e nuova illuminazione pubblica. Il progetto, redatto dall'architetto Adele Di Campli, ha acquisito i pareri della Sovrintendenza Belle Arti e Paesaggio e Archeologica, con le seguenti prescrizioni tassative: conservazione della scalinata originaria e del pianoro inferiore, con stessa forma e materiali; conservazione delle lastre di pietra che caratterizzano il percorso al di sotto della fornice della Porta; condivisione del progetto di illuminazione; esecuzione degli scavi previsti sotto controllo archeologico. I lavori, salvo imprevisti, saranno aggiudicati entro la fine del 2018.

“Stiamo parlando – spiega Giacinto Verna, assessore ai Lavori pubblici - di un intervento importante che rientra nell'opera organica di recupero avviata dalle Amministrazioni Pupillo del quartiere Lancianovecchio, il più antico di Lanciano. Un intervento che è stato possibile mettere in cantiere grazie ai fondi del Masterplan Abruzzo. Se il Governo non dovesse tornare sui propri passi restituendo all'Abruzzo e quindi anche a Lanciano i 200.000.000 di euro già destinati e impegnati per opere importanti come questa, sarebbe un gravissimo danno per tutti i cittadini abruzzesi. Lanciano vedrebbe il rinvio a destinarsi cioè ignota, di opere importanti come la riqualificazione del Parco pubblico Villa delle Rose per 1.000.000 di euro, la mitigazione del dissesto idrogeologico di Santa Giusta per 1.500.000 euro e l'adeguamento del terminal bus “Memmo” per 500.000 euro. Invitiamo pertanto il Governo a riparare al grave errore contenuto nel decreto che preleva i soldi del Masterplan degli abruzzesi alla sicurezza di un'infrastruttura di rilevanza nazionale come le autostrade A24-A25 Roma-L'Aquila-Pescara su cui è lo Stato a dover dare una risposta immediata e urgente.”