Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Eternit in pieno centro cittadino. Una costruzione ricoperta interamente di materiale tossico, lastre di amianto, si trovava lungo Corso Roma a Castelfrentano. Negli anni lo stabile aveva ospitato un bar ma era da anni all’abbandono. Una segnalazione giunta in comune, l’impegno del sindaco Gabriele D’Angelo e in poco tempo tutta l’area è stata bonificata . “La salute dei cittadini viene prima di tutto e il comune, nonostante tutte le controversie normative che vengono fuori in questo caso , in poco più di un mese ha risolto il problema”. Ad affermarlo il sindaco D’angelo il quale ha imposto alla ditta costruttrice proprietaria dell’immobile di rimuovere tutti i lastroni che erano danneggiati.

L’ordine di smaltimento è partito lo scorso 21 dicembre e nei documenti si legge come il tutto sia stato a norma di legge: “all'iter procedurale per il campionamento e le analisi del materiale costituente la copertura dell'edificio in questione, per poi passare ad una successiva fase di monitoraggio della stessa fino alla demolizione completa del fabbricato ovvero, qualora se ne ravvisasse l'urgenza, alla rimozione della copertura".

I tecnici del comune avevano accertato  il parziale crollo della copertura dell'edificio e per questo si è proceduto allo smaltimento. Ora si tratta di capire cosa l’impresa edile vorrà fare di quella struttura, se intenderà cioè procedere all’abbattimento totale o parziale delle mura rimanenti o, procedere ad una costruzione ex novo.(Clara Labrozzi)