Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

"Sembra incredibile ma l’amministrazione di San Vito Bene Comune, torna a deliberare sui parcheggi a pagamento a soli 11 giorni dalla precedente delibera del 3 luglio scorso che li aveva istituiti e quest’ultima delibera (n. 52 del 14 luglio 2017), se possibile, fa piú danno della prima". E' questa il tema "scottante" della nota stampa arrivata in redazione e redatta dall'opposizione in consiglio comunale del comune di san Vito. Il tema delle critiche è la gestione dei parcheggi ritenuta approsmativa e senza alcuna conoscenza della materia.

"La Giunta comunale al completo e l’assessore alla viabilità Catenaro, si sono accorti solo ora, si legge, che con l’istituzione dei parcheggi a pagamento, per come erano stati da loro pensati (ovverosia ricomprendendo TUTTE le aree di sosta tranne l’area di risulta), “si andava a rendere la quasi totalità dei parcheggi della zona Marina a pagamento e che avrebbe potuto arrecare danni all’economia del comune” .

Del resto non ci voleva uno scienziato per capire che vincolare a pagamento tutte le aree di sosta della Marina (anche ampliandone le aree rispetto al passato…lo ricordiamo) e ricomprendendo in esse anche la traversa Feltrino (novità assoluta) ed il parcheggio Feltrino Sud (dove, peraltro, si svolge il mercato settimanale) non sarebbe stata una buona idea.

Ma, purtroppo,  le sorprese non finiscono qui.

Nella delibera non si fa più alcuna menzione di quegli “interventi minimi richiesti dall’amministrazione per l’affidamento del servizio” (rifacimento segnaletica orizzontale, installazione segnaletica verticale, installazione di una telecamera) previsti nella delibera precedente (come in quelle già predisposte dalla nostra Amministrazione negli anni precedenti) a carico del futuro gestore dei parcheggi.

Zero….niente interventi di rifacimento per chi vorrà partecipare.

Ancora….viene  stabilito un canone di concessione (ovverosia l’importo che l’eventuale ditta affidataria dovrà versare al Comune) di sole €4.500,00 a fronte delle €20.000,00 previste nella precedente delibera.

E per di più, incredibilmente,  il servizio è iniziato stamattina, ovverosia a sole poche ore dalla pubblicazione della delibera, con forti perplessità sulla legittimità del procedimento e senza alcun preavviso creando sconcerto tra i residenti ed i turisti.

Se non si trattasse di gestione della  cosa pubblica ci sarebbe da ridere….ma qui c’è da piangere.

Ora, nel bilancio comunale verrà meno la relativa entrata prevista per tale servizio (all’incirca €45.000,00).

E quindi…..chi dovrà rispondere, in ogni sede, di tale deficit nel bilancio comunale se non la giunta di San Vito Bene Comune e l’assessore alla viabilità Catenaro ? E come intenderanno coprire la mancata entrata? Continua il comunicato, forse con gli incassi degli eventi del centro sociale abusivo Zona 22 di cui lo stesso assessore Catenaro è fondatore ?

Purtroppo, questa è soltanto una dei già tante magagne accumulate da questa amministrazione in soli 30 giorni di amministrazione.

Un terzo degli elettori sanvitesi li ha votati sperando nel “cambiamento”….un “cambiamento” certamente c’è stato : siamo passati da una Amministrazione composta da Amministratori oculati e responsabili ad una amministrazione di dilettanti allo sbaraglio.