Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO - Sulla disciplina delle zone a traffico limitato a Lanciano, da mesi al centro di feroci polemiche (soprattutto per le contravvenzioni, molte delle quali sbagliate, recapitate a migliaia di automobilisti) è arrivato il momento di fare un passo avanti…senza timori. A lanciare l'appello all'amministrazione comunale è Tommaso Sarchese, esponente Ecodem e storico esponente ambientalista, protagonista in passato di tante battaglie per mantenere l'altrettanto e perennemente contestata chiusura al traffico di corso Trento e Trieste.
Secondo Sarchese ci sono alcuni aspetti che andrebbero rivisti, perché alcuni dei dubbi sollevati dai cittadini sull'utilità di una Ztl concepita come oggi, "non sono totalmente infondati". "Le zone a traffico limitato - spiega Sarchese - solitamente servono affinché in ore di maggiore affluenza pedonale, in aree solitamente di pregio della città, come quelle con monumenti o edifici storici, si possa tranquillamente passeggiare e godere appieno la bellezza di centri storici senza pericoli e senza respirare aria inquinata. Lo stesso vale per le ore notturne, quando le stesse aree sono frequentate perché le numerose attività di ristoro e di svago fanno sì che tante persone si riversino in dette zone a quelle ore, e quindi si ritiene opportuno limitare il traffico. Ma a Lanciano le casistiche sono queste? Non credo proprio".
Secondo Sarchese sarebbe invece più opportuno che il Comune individuasse delle aree ben precise, come quella di Santa Maria Maggiore, chiudendole permanentemente chiuse al traffico. "Ovviamente non basta assolutamente solo chiudere al traffico con Ztl permanenti - continua - è indispensabile che le aree storiche vengano attrezzate con un idoneo arredo urbano, che queste vengano fatte vivere tutto l’anno con iniziative culturali, storiche, ludiche (e abbiamo diverse associazioni che possono collaborare) e ridare vita a pieni polmoni a queste zone. Contemporaneamente, poiché oltre ad essere pedoni siamo anche automobilisti, è necessario studiare una viabilità alternativa, anche sperimentando e verificando sul campo quali soluzioni possano essere le più idonee". Per il rappresentante Ecodem, a Lanciano non si possono nemmeno più sollevare problemi di parcheggio, alla luce delle tante aree di sosta disponibili in centro e a ridosso degli antichi quartieri.  "Inoltre - conclude - sapendo che sono vie precluse al traffico 24 ore 24, i cittadini si abitueranno presto a non transitarle, evitando spiacevoli multe".
 

VILLA SANTA MARIA - Undici Comuni in rete per condividere un processo di pianificazione e programmazione delle vocazioni esistenti e delle risorse reperibili per la tutela, rivitalizzazione e inclusione dei cittadini. L’Unione Montana dei Comuni del Sangro, con sede a Villa Santa Maria,  inaugura una iniziativa innovativa a favore del proprio territorio con la creazione di una comunità di rappresentanti politici e tecnici dei comuni che si troveranno a definire per ciascuna linea di intervento, ognuno del proprio progetto di intervento territoriale integrato, lo strumento di finanziamento europeo, nazionale o regionale idoneo e svilupparne la candidatura di finanziamento. Il percorso inizia sabato 12 novembre con l’illustrazione di alcuni programmi tematici europei, tra cui Europa Creativa, Life +, Programma dell’Unione Europea per l’occupazione e l’Innovazione, per i quali gli enti locali sono beneficiari eleggibili.

‘’L’obiettivo, spiega Arturo Scopino,  presidente della Comunita’ Montana,  è quello di mettere a fattore comune un bacino di informazioni e dati territoriali e condividere un processo di pianificazione e programmazione delle vocazioni esistenti e delle risorse reperibili per la tutela, la rivitalizzazione e l’inclusione dei cittadini dei comuni di Colledimezzo, Montebello sul Sangro, Monteferrante, Montelapiano, Montenerodomo, Pietraferrazzana, Roio del Sangro, Rosello, Bomba,  Fallo e Villa Santa Maria‘’.

La programmazione di sviluppo avrà una calendarizzazione  settimanale di studio fino al 15 dicembre. Ci saranno anche laboratori progetto sui programmi operativi nazionali sulla Scuola, l’Inclusione e la Strategia Nazionale per le Aree Interne. Nel mese di dicembre sarà particolarmente approfondita la programmazione regionale dei fondi strutturali e le regole di rendicontazione. Le sessioni di lavoro sono abbinate alle fasi di illustrazione delle tematiche di sviluppo ed elaborazione di schede-progetto.  

‘’ L’iniziativa, prosegue il presidente Scopino,  è una delle attività del progetto Innovazione e Inclusione Sociale finanziata con il PAR FSC 2007/2013 della Regione Abruzzo, Accrescimento della capacity building negli enti locali e nell’intera filiera interistituzionale, anche attraverso l’innovazione e la razionalizzazione della gestione associata dei servizi pubblici locali, finanziata dalla regione Abruzzo e finalizzata alla costituzione di un ufficio unico per la gestione dei fondi europei ‘’.  La modernizzazione  dell’Area Basso Sangro-Trigno ha mosso i primi passi già a primavera scorsa  attraverso un progetto di inclusione e innovazione sociale  che mira alla costruzione di una struttura capace di elaborare i Piani Territoriali di coordinamento pluriennali con finalità socio- economiche, congruenti con gli obiettivi della Strategia Europa 2020. Obiettivi inseriti all’interno della Strategia Nazionale per le Aree Interne(Snai) riguardanti  l’ Area Basso Sangro-Trigno. Struttura necessaria a rispondere alle finalità di economicità, efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa in modo tale da favorire lo sviluppo economico e sociale del territorio valorizzando le competenze dei dipendenti coinvolti e realizzando le economie di bilancio proprie dell’Ufficio Unico.  

LANCIANO - Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso, presentato dal Comune di Lanciano, con cui l'amministrazione comunale impugnava gli atti (rilasciati a gennaio 2013), con cui la società Abruzzo Energia fu autorizzata alla costruzione e gestione dell'elettrodotto Villanova-Gissi.  Secondo Palazzo di Città. "l'autorizzazione impugnata sarebbe stata rilasciata non per perseguire un interesse pubblico, bensì per soddisfare un interesse privato della società Abruzzo Energia". Per i giudici amministrativi, al contrario, "il nuovo elettrodotto risponde ad esigenze valutate di pubblica utilità e che la normativa di settore non esclude che tali finalità di carattere pubblico possano essere perseguite con l'iniziativa di un privato e che lo stesso possa gestire in via diretta la relativa procedura amministrativa". Il Tar ha ritenuto infondate anche le altre censure sollevate dal Comune, sia per quanto riguarda eventuali irregolarità nella procedura di Valutazione d'Impatto Ambientale, sia per ciò che concerne la mancata intesa con i Comuni attraversati dall'impianto, in quanto "la normativa di settore non prevede affatto il raggiungimento di un'intesa con i comuni interessati bensì con la Regione in quanto i primi sono solo chiamati a formulare un parere motivato, ma non vincolante, in relazione alla verifica di compatibilità urbanistica dell'opera".

SANT'EUSANIO DEL SANGRO - "Da oltre un anno dalla presentazione del progetto del pirogassificatore di rifiuti,proposto il 26 agosto 2015 e localizzato tra le contrade di Colle Campitelli in Lanciano e  Brecciaio in S.Eusanio del Sangro, nonostante le manifestazioni ben riuscite, organizzate da noi del comitato e la chiara e netta contrarietà al progetto espressa da cittadini, associazioni e sindaci, attendiamo con ansia un parere della commissione Via. regionale. E’ arrivata l’ora di chiudere la partita con la ditta proponente, la Marcantonio sas e lo faremo a gran voce in tutte le sedi". Comincia così la nota del comitato spontaneo di cittadini, che si sta battendo da mesi contro il progetto dell'impianto. Sabato 12 novembre, alle ore 16, nel centro visite della riserva regionale Oasi di Serranella, il comitato ha organizzato un evento informativo dal titolo “Incenerire non è una soluzione”, con la presenza del sottosegretario alla presidenza della Regione Abruzzo, Mario Mazzocca. Sarà un'occasione per confrontarsi con il governo regionale e conoscere le sue intenzioni, alla luce delle disposizioni contenute nello "Sblocca Italia", con cui il Governo nazionale prevede in Abruzzo un termovalorizzatore da 120mila tonnellate di rifiuti l'anno. All'incontro interverranno anche Felice Vitullo, presidente Isde medici per l’ambiente di Chieti e Luciano Di Tizio presidente del Wwf Abruzzo.
 

TREGLIO - "Sono passati 12 giorni dall’inspiegabile e non spiegata riapertura del sansificio Vecere di Treglio, ma da Mario Pupillo, medico, convinto ambientalista soprattutto in campagna elettorale, sindaco di Lanciano e presidente della Provincia di Chieti, nemmeno una parola". E' un attacco duro e frontale quello lanciato da Nuovo Senso Civico nei confronti del primo cittadino di Lanciano, per il sodalizio reo di non aver preso alcuna posizione sulla vicenda, dopo il sit-in di protesta della scorsa settimana, che ha portato al rinvio della conferenza di servizi - fissata inizialmente per oggi - in cui si sarebbe dovuto decidere su una nuova autorizzazione, della durata di 15 anni, al contestato impianto. "Non uno straccio di comunicato-stampa, una mezza intervista o una dichiarazione pubblica - incalza, in una nota, Nsc - niente di niente e così tutti gli esponenti della sua amministrazione comunale, a qualsiasi livello. Lo riteniamo un atteggiamento gravissimo e inaccettabile da parte di chi guida una città come Lanciano, che è la più grande della zona e quella che, dopo Treglio, subisce maggiormente i fumi del sansificio". Ma Nuovo Senso Civico ne ha anche per gli altri sindaci della zona, che avrebbero lasciato solo in questa battaglia il primo cittadino di Treglio Massimiliano Berghella. "Ancora una volta - continua la nota - la nostra associazione e la società civile si sono dovute sostituire a una politica latitante che ha dato l’ennesima dimostrazione di inadeguatezza, inefficienza, mancanza di responsabilità. Non siamo disfattisti, ma anzi sostenitori della buona politica e dei buoni poltici, che pure ci sono, quando questi sanno adempiere al loro primo dovere che è quello di difendere con le unghie e con i denti l’interesse collettivo alla salute, al benessere ed alla sana economia di fronte alle deleterie speculazioni private di pochi". E poi il sodalizio lancia un appello "a recuperare" l'occasione persa, ricordando però che il tempo rimasto non è più molto. "Lo stesso Pupillo disse l’anno scorso - conclude Nuovo Senso Civico - a Treglio che l’unico fumo da quelle parti sarebbe stato quello delle castagne: ci troviamo d’accordo e siamo sicuri che sarà così se davvero ci crediamo tutti e ci comportiamo di conseguenza".

SAN VITO - Anche San Vito affida il servizio di igiene urbana alla EcoLan, la società il cui capitale è interamente detenuto da 53 Comuni del Frentano, che già gestisce lo stesso servizio in numerosi centri, tra cui Lanciano e Ortona. Lo ha deciso il consiglio comunale. Oltre alla raccolta domiciliare integrale porta a porta, già attiva dal 2011 a San Vito, ricomprende anche altre prestazioni aggiuntive e innovative, quali la raccolta degli olii esausti, il servizio di disinfestazione e derattizzazione, lo sgombro della neve e del ghiaccio, la raccolta dei rifiuti di provenienza agricola e l’installazione sul territorio comunale di due isole ecologiche automatiche informatizzate per agevolare il conferimento delle frazioni riciclabili. Il contratto, inoltre, prevede il raggiungimento di una percentuale minima di raccolta differenziata del 74 per cento (attualmente San Vito ha raggiunto il 72) e l’avvio della informatizzazione delle singole utenze per il calcolo del peso dei singoli conferimenti. Il costo complessivo del servizio ammonta è di 704mila euro annui (con un risparmio di 22mila euro, a cui vanno aggiunti i risparmi per i servizi aggiuntivi prima effettuati a totale carico del Comune). L'importo, inoltre, è comprensivo dei costi di smaltimento che, quindi, a differenza di quanto avvenuto finora, resteranno fissi anche in caso di eventuali emergenze negli impianti di conferimento. Nell’immediatezza non ci sarà alcun cambiamento né nelle modalità di conferimento delle singole frazioni di rifiuti né nella frequenza. In goni caso, nei prossimi giorni, verranno organizzati degli incontri informativi con i cittadini. “La proposta progettuale tecnico-economica presentata dalla Ecolan S.p.A. risponde ai requisiti di economicità, efficacia ed efficienza richiesti dalla Amministrazione in questo delicato settore e tale affidamento consentirà un controllo più stringente sul servizio essendo il Comune socio della società affidataria - spiegano il sindaco Rocco Catenaro e l'assessore Luigi Comini - la predisposizione del servizio con modalità operative innovative e l’implementazione di nuovi servizi consentiranno un miglioramento dell’efficacia ed efficienza di un servizio già finora brillantemente eseguito. Siamo, quindi, convinti della bontà della scelta che abbiamo operato nell’interesse pubblico e della Comunità sanvitese che si è sempre distinta nel rispetto delle buone pratiche ambientali. Dispiace, infine, vista l’importanza dell’argomento, dover prendere atto dell’assenza dei consiglieri di minoranza a questo consiglio comunale”.

TREGLIO - Il Comune di Treglio ha inviato all'Arta (Agenzia regionale di tutela ambientale) la richiesta di controllare, con specifiche analisi e in maniera costante e regolare, fumi e odori sgradevoli emanati dal sansificio Vecere. E questo perché i cittadini lamentano il fatto che, talvolta, il fetore diviene insopportabile. “Bisogna monitorare le molestie olfattive”, dice quindi il sindaco Massimiliano Berghella. L'attività del sansificio è ripartita da qualche settimana, per la campagna olearia 2016/2017, dopo aver ottenuto, lo scorso 7 ottobre, il nulla osta della Procura di Lanciano, pm Rosaria Vecchi. Perché l'impianto, assieme all'attigua centrale a biomasse, era stato posto sotto sequestro ed è “osservato speciale” essendo classificato come “industria insalubre di prima classe” e trovandosi a ridosso di campagne e di abitazioni. L'istanza di riattivazione, richiesta dalla proprietà, è stata concessa per la parte relativa alla caldaia denominata Buzzi 3. “Che – spiega Berghella – è stata adeguata dopo l'intervento della magistratura. Ma, nonostante tutto, il 14 e il 21 dicembre 2015 ha sforato i limiti imposti dalla legge riguardo alle emissioni dei COV (Composti organici volatili, ossia inquinanti ambientali ). Di qui la richiesta all'Arta di tenere alta l'attenzione sulle emissioni”.
Sulla questione sansificio, inoltre, non ci sarà la Conferenza dei servizi che avrebbe dovuto tenersi il 31 ottobre prossimo in Regione, che, per legge, è l'autorità competente al rilascio dell'Autorizzazione unica ambientale (Aua) richiesta dai Sansifici Vecere Srl per proseguire l'attività per altri 15 anni. In questo caso responsabile del procedimento amministrativo è il dirigente regionale Enzo Franco De Vincentiis. Nella prima seduta della Conferenza dei servizi, il 21 luglio scorso, erano presenti il Comune di Treglio e il movimento Nuovo Senso Civico, quale portatore d'interesse. Assenti, benché regolarmente convocati, la Sasi Spa per gli scarichi; l'Arta Abruzzo, l'Asl Lanciano Vasto Chieti; il Servizio di Gestione e qualità delle acque della Regione. Il Comune di Treglio aveva dato parere negativo per il problema delle emissioni in aria, per questioni igienico –sanitarie e di rispetto ambientale, per salvaguardare la salute pubblica. Secco no anche dalla Asl che aveva fatto recapitare il proprio parere di competenza , “non favorevole, considerato che non si conosce la qualità dell'aria della zona e che il sansificio può arrecare pericolo alla salute pubblica”.
Nel frattempo il Comune di Treglio ha chiesto che il procedimento venga assoggettato a Vinca (Valutazione di incidenza ambientale) dato che il sansificio Vecere si trova a ridosso di un Sito di interesse comunitario (Sic), il “Fosso delle farfalle”, e che quindi nella programmazione territoriale si deve tenere conto della valenza naturalistico-ambientale dei luoghi e che lo studio di impatto ambientale dovrà contenere anche gli elementi sulla compatibilità fra progetto e finalità conservative del sito.
“A tutto ciò – riprende Berghella – va aggiunto che il Comune ha chiesto l'avvio del procedimento di delocalizzazione dello stabilimento e che sta lavorando con il vice presidente della Regione Giovanni Lolli, e il sottosegretario alla Presidenza della Regione con delega all’Ambiente, Mario Mazzocca, per l'attivazione di un tavolo regionale che prenda in esame la faccenda. E torno a lanciare l'appello agli altri sindaci del territorio e alle istituzioni in genere affinché ci affianchino in questa battaglia”.

 

L'appuntamento è per domani, martedì 25 ottobre, alle ore 10, in contrada Paglieroni di Treglio, davanti al sansificio Vecere, da tempo al centro di una serie di polemiche perché molti residenti della zona sono preoccupati dei pericoli per la salute che potrebbero derivare dagli impianti. Il condizionale è d'obbligo, perché proprio in questi giorni il tribunale di Lanciano ha riautorizzato la ripresa dell'attività di alcune strutture, bloccate nei mesi scorsi in attesa che fossero adeguate. A lanciare l'invito alla mobilitazione è Nuovo Senso Civico, che da tempo si occupa delle vicende del sansificio e della centrale a biomasse che fa capo (più o meno) allo stesso gruppo imprenditoriale. "Un picchetto spontaneo di numerosi cittadini di Treglio e dei comuni limitrofi che, ancora una volta, sono costretti a scendere in piazza per difendere il proprio diritto alla salute - scrive il sodalizio in una nota - si tratta di maestre, bambini, mamme, papà, rappresentanti della chiesa e residenti che stanno tentando l’ultima carta a loro disposizione, quella della sensibilizzazione dell’opinione pubblica, prima della riunione della Conferenza dei servizi, il prossimo 31 ottobre, che dovrà decidere dell’autorizzazione alle attività del sansificio per altri 15 anni, dal momento che l’autorizzazione in essere scade a partire dal prossimo 21 dicembre". Per l'associazione si tratta di una corsa contro il tempo per fermare la proroga. Proprio nei giorni scorsi anche il sindaco di Treglio, Massimiliano Berghella, aveva rilanciato l'appello a una delocalizzazione dell'impianto in un'altra area.

La Procura di Lanciano, nelle scorse settimane, su richiesta della difesa, ha dato parere favorevole alla riattivazione del sansificio Vecere (la parte relativa alla caldaia denominata Buzzi 3 ) per la campagna olearia 2016-2017. E così i camini dell'impianto industriale, situato in pieno tessuto urbano a Treglio, hanno ricominciato a fumare. “Ma il Comune – dice il sindaco di Treglio, Massimiliano Berghella – sta lavorando su diversi fronti, anche con i propri legali, per trovare soluzioni e alternative per garantire il rispetto dell’ambiente e quindi la tutela della salute dei cittadini”. Le autorizzazioni concesse a suo tempo alla società per la messa in esercizio dell'impianto scadono quest'anno. La famiglia Vecere, titolare dell'attività, ha chiesto il rinnovo dei permessi per altri 15 anni e la questione è al vaglio della Regione in una Conferenza dei servizi (a cui partecipano Asl, Arta, Sasi e Comune) per il rilascio dell'Autorizzazione unica ambientale (Aua). “La prossima riunione – evidenzia Berghella – è prevista per il 31 ottobre e speriamo che stavolta non venga boicottata dalla maggior parte degli enti interessati come accaduto nei mesi scorsi, perché ne va di mezzo la collettività. Di fatto nella prima seduta erano presenti solo il Comune e la proprietà, e la Asl aveva inviato il proprio parere. Noi siamo contrari al rilascio di nuove autorizzazioni e ci stiamo opponendo. Fermo restando che il rilascio dell'Aua prevede, da parte del gestore dell’impianto, che siano state individuate e adottate le migliori tecnologie disponibili o Best available techniques (Bat), ovvero le tecniche impiantistiche, di controllo e di gestione che - tra quelle tecnicamente realizzabili ed economicamente sostenibili per ogni specifico contesto - garantiscano bassi livelli di emissione di inquinanti, l'ottimizzazione dei consumi di materie prime, prodotti, acqua ed energia e un’adeguata prevenzione degli incidenti”. “A più riprese – dice ancora Berghella - , con lettere inviate alla proprietà il Comune di Treglio, ha chiesto l'avvio del procedimento di delocalizzazione dello stabilimento Sansificio Vecere srl che è necessaria per questioni igienico –sanitarie e di rispetto ambientale, per salvaguardare la salute pubblica e l'ambiente. A tal proposito il Comune ha già incontrato, a livello istituzionale, la società Sansifici Vecere, società che a parole si è dimostrata disponibile, ma concretamente non ha prodotto alcun avvio progettuale. C’é ancora un mese per farlo, quindi, adesso, è il tempo dei fatti. In questo contesto, con l'aiuto del vicepresidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, stiamo lavorando per l'attivazione di un tavolo regionale, a cui chiediamo che partecipino il sottosegretario alla Presidenza della Regione con delega all’Ambiente, Mario Mazzocca, e l’assessore alla Sanità, Silvio Paolucci. Ma abbiamo chiesto anche che la questione, che interessa un ampio territorio, venga affontata in un tavolo nazionale: in modo particolare l’amministrazione si è gia attivata e ha creato le basi per aprire tale tavolo presso il ministero dello Sviluppo Economico avvalendosi di tecnici specializzati ed esperti”.
Il sansificio è stato a lungo bloccato e sotto sequestro per problemi a due caldaie (Buzzi 1 e Buzzi 2) che - è stato riscontrato dai consulenti della magistratura, tre dei massimi esperti a livello nazionale in materia ambientale e chimica - hanno superato di oltre tre volte i limiti riguardo alle emissioni di monossido di carbonio (CO), ossia 1500 mg per metro cubo d'aria secondo le condizioni poste nell’autorizzazione. Si tratta di essiccatori datati, del '74 e del '96 e per questo risultati non adeguati. Altro discorso per il Buzzi 3, del 2006, sottoposto a migliorie tecnologiche ma che, nelle verifiche imposte dalla Procura nel dicembre dell'anno scorso ed eseguite dall'Arta, è risultato sforare i limiti dei COV (Composti organici volatile , cge sono inquinanti ambientali ), nei controlli effettuati dall’Arta in data 14 e 21 dicembre. “Chi e come controllerà, ora? E saranno attente, puntuali e sufficienti le verifiche? - chiede Berghella -. In ultimo – dice – faccio appello a tutti i sindaci del comprensorio, affinché si mobilitino a fianco del Comune di Treglio, dato che si tratta di un problema che riguarda un'ampia fascia di territorio. E faccio appello, in particolare, ad un medico, anche presidente della Provincia, Mario Pupillo, affinché non rimanga inerte di fronte ad una vicenda che tocca la salute di decine di migliaia di cittadini. Come nel caso di Ombrina dobbiamo essere uniti e combattivi e trovare una soluzione a questa situazione che ha del paradossale”.
 

Non solo fototrappole, ma anche appostamenti e controlli a tappeto. Pugno duro della EcoLan contro l'abbandono indiscriminato di rifiuti sul territorio, piaga che sta diventando sempre più visibile, soprattutto nei Comuni - come Lanciano - dove da poco è stata introdotta la raccolta differenziata porta a porta. La società pubblica (il capitale è interamente detenuto da 53 amministrazioni comunali del Frentano e del Sangro) che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti, ha infatti avviato una collaborazione serrata con la polizia municipale e il corpo forestale dello Stato, che nei giorni scorsi ha già portato al "recapito" di 1400 fotografie in cui sono "immortalati" coloro che abbandona il pattume lungo le strade. Fenomeno notato da molti anche a Lanciano, in particolare lungo la Variante Frentana e nei pressi della stazione Sangritana di via Bergamo. "Rifiuti ingombranti come elettrodomestici, vecchi materassi, materiale edile di scarto, ma anche sacchetti di pattume indifferenziato, plastica e organico - spiega la EcoLan in una nota - , sono spesso il biglietto da visita in cui i cittadini si imbattono all’ingresso delle città, nelle zone periferiche, nelle scarpate e campagne, lungo gli argini di fiumi e corsi d’acqua, in discariche improvvisate ai cigli delle strade e, sempre più spesso, anche nelle aree di raccolta dei rifiuti dei condomini. Si tratta, spesso, anche di rifiuti pericolosi, il cui impatto sull’ambiente e sulla collettività può essere estremamente dannoso".  Contestualmente prosegue l’impegno di Eco Lan nella sensibilizzazione dei cittadini verso le buone pratiche di raccolta differenziata. In questi giorni è partita infatti una campagna pubblicitaria che mira a lanciare un messaggio di impatto, diretto e immediato che scoraggi i cittadini da un comportamento lesivo dell’ambiente e della comunità. Allo stesso tempo la comunicazione della Eco Lan racconta anche cosa c’è dietro l’abbandono di un sacchetto o di un rifiuto ingombrante e le conseguenze dirette di una pratica che, sebbene portata avanti da pochi incivili, coinvolge interamente territorio e comunità. "Gli effetti dell’inciviltà di pochi - sottolinea la nota - diventano infatti onerosi per tutti, sia a causa del maggior carico di lavoro degli operatori ambientali, che per i costi di cui si deve sobbarcare la società che gestisce i rifiuti urbani e tutte le fasi del loro ciclo integrato. Si tratta, in sostanza, di soldi che andranno a gravare sulle tasse di smaltimento dei rifiuti dell’anno successivo e di conseguenza, sulle tasche dei cittadini. Spese che dovranno necessariamente essere coperte da tutti, anche da chi effettua correttamente la raccolta differenziata".

  • Pagina 7