Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

La Squilla di Lanciano noi giornalisti la raccontiamo tutti gli anni. La tradizione della campanella che suona sulla torre civica al rientro della processione partita alle 16 e diretta verso la chiesetta dell’Iconicella, degli auguri, il baciamano alle persone anziane e la visita al cimitero a chi ci ha lasciati; la tradizione è quella e ormai tutti ne conoscono l’esistenza.

Ma di quella campanella che “ugne matine sone ma nen vale la voce de lu ciele, pé ugnune,chi sa pecché!” come recita la famosissima poesia di Cesare Fagiani, cosa resta? “ Lu lancianese che sta fore” chi vive lontano  cosa ha trasmesso ai propri figli di quel messaggio d’amore che fa di Lanciano nel giorno dell’antivigilia di Natale un esempio di come dovrebbe essere il vero spirito natalizio?

 Non tanti anni fa i negozi abbassavano le saracinesche, il rispetto era totale, gli anziani, si sapeva, stavano li ad aspettarti , non li si poteva deludere, il baccalà il pastella, “i cavicionetti”, le crispelle si raffreddavano e nonna ci stava lavorando dal primo pomeriggio. Il bacia mano ti metteva un pò di soggezione ma alla fine erano i capi famiglia a prenderti il viso fra le mani evitando quel gesto che forse imbarazzava più loro e, con gli occhi gonfi di lacrime ti sussurravano “auguri Nonnò!”

La Squilla è cambiata, seppur i veri lancianesi fanno di tutto per conservarne la vera essenza, ma è la città che ad essere sempre più proiettata verso una globalizzazione che non ti porta più a fare gli acquisti al commerciante sotto casa ma ti fa perdere fra le corsie anonime di un centro commerciale dove, le prime palline di natale le vedi appena poco dopo le zucche di Halloween e dove indaffarati con carrelli pieni di ogni ben di Dio si torna poi in case piene di cose ma vuote di persone. Le tavole di una volta non erano così ricche, ci trovavi lo stretto necessario ma erano circondate di volti familiari di persone felici di condividere auguri ed emozioni.

“Ti vùsciche di botte entr'a lu core nu monne ch'à passate” Fagiani gia parlava all’ora di un tempo passato, fu lungimirante in questo, certo è che se le persone anziane ci lasciano e dovrebbero essere  le nuove generazioni a dover portare il testimone di una tradizione che “ntr'à la mente ti squaije nu penzere malamente nche nu ndu-lin-da-li che sa d'amore”.

Buona Squilla a tutti i nostri lettori! (C.lab)

La Regione Abruzzo ha assegnato all'Amministrazione Comunale di Lanciano 108.200 euro per la fornitura gratuita e semigratuita dei testi scolastici degli studenti della scuola dell'obbligo e secondaria superiore per l'anno scolastico 2016.

Il fondo assegnato è così ripartito: 85.065 euro per la fornitura di libri di testo agli studenti della scuola dell'obbligo (scuola secondaria di I^ grado e il primo e secondo anno della scuola secondaria di II^ grado); 21.135 euro per la fornitura di libri di testo agli studenti della scuola secondaria superiore (terzo, quarto e quinto anno superiore).

A questo fondo destinato esclusivamente alla fornitura di testi scolastici va aggiunto il residuo dell'anno precedente, pari a 73.988 euro, per un totale complessivo di oltre 182.000 euro.

Sono ammessi al beneficio gli studenti appartenenti a famiglie il cui Isee (Indicatore Situazione Economica Equivalente) in corso di validità non superi il limite massimo di 15.493,71 euro. L'ufficio Istruzione precisa che il calcolo dell'Isee deve essere fatto sulla base della dichiarazione dei redditi del 2016, periodo d'imposta 2015.

L'erogazione del rimborso avverrà in due modalità: la spesa da sostenere per le famiglie indigenti aventi diritto, segnalate dai Servizi Sociali ed Educativi, verrà rimborsata interamente e direttamente dal Comune di Lanciano alle librerie; la spesa sostenuta dalle altre famiglie aventi diritto verrà rimborsata interamente o parzialmente compatibilmente e proporzionalmente al numero delle domande che arriveranno, si legge nella delibera di Giunta approvata lo scorso 15 dicembre.

La domanda va presentata al Comune di Lanciano, entro il termine del 31 marzo 2017. La modulistica per richiedere il rimborso è disponibile nelle segreterie delle scuole di frequenza.

“Faremo il possibile per rimborsare al 100% tutte le istanze delle famiglie lancianesi che avranno diritto e che presenteranno apposita domanda entro il 31 marzo 2017. Lo consideriamo un investimento importante per il presente e il futuro della nostra Città di Lanciano, oltre che un sostegno concreto alle famiglie e al diritto allo studio”, dichiara l'Assessore alla Pubblica Istruzione Giacinto Verna.

Sabato prossimo alle ore 17 al Polo Museale Santo Spirito di Lanciano una presentazione speciale di diario di viaggio ai confini del mondo.L’autore è l’avvocato Dario Rapino che in questi anni ha girato il mondo per raccontare la bellezza della natura e degli animali nel loro habitat naturale.

Andrit è il racconto di viaggio con testi ed immagini e racconta l'esperienza vissuta nelle lontanissime terre dell'Alaska e della Kamchatka, terre prospicienti e divise dallo stretto di Bering. Esse hanno in comune una natura primordiale ed ancora intatta: laghi, fiumi, imponenti catene montuose e vulcani si susseguono l'un l'altro e, soprattutto, popolate da un elevatissimo numero di orsi Grizzly, colti durante l'attività di pesca al salmone, loro fonte nutritiva e ricca di grassi, che consente a questi animali di affrontare le rigide temperature invernali. Andrit non nasce con l'idea di diventare libro, esso raccoglie le emozioni e le vicende vissute e raccolte giornalmente, conservando così la freschezza e l'autenticità di quei momenti. Ma soprattutto è una riflessione che l'autore pone a se stesso e che cerca di trasmettere agli altri: la consapevolezza di essere solo una parte del tutto può consentirci di preservare il Mondo dalla distruzione. Perchè se è vero che la terra può fare a meno di noi, come dimostra la sua storia di milioni di anni, non è vero il contrario: noi senza la terra moriremmo.

L’evento è patrocinato dal Comune di Lanciano, assessorato alla Cultura. Interverranno l'Assessore alla Cultura Marusca Miscia, il Direttore della Riserva Naturale di Rosello Mario Pellegrini ed il fotografo naturalista Bruno D'amicis.

La Città di Lanciano è nota in tutto il mondo per l'altissimo livello dei corsi di formazione orchestrale dell'Estate Musicale Frentana, e a livello nazionale per la pregiata eredità dei maestri musicisti Fenaroli e Masciangelo, nonché per il recente recupero delle antiche carceri trasformate oggi in un Parco delle Arti Musicali che ospita la Scuola Civica Musicale. Riteniamo dunque Lanciano il contesto ideale dove permettere agli studenti degli istituti di scuola primaria del comprensorio di proseguire gli studi musicali. Le sezioni musicali attive nelle scuole medie del Frentano sono: Comprensivo n.1 Lanciano, Comprensivo di Castel Frentano, Comprensivo di Quadri, Comprensivo n. 2 di Ortona, Comprensivo di Orsogna, tutte ricadenti nell'ambito territoriale che vede come capoluogo Lanciano.E allora perchè non un Liceo Musicale nella Città della Musica per eccellenza?L'Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Mario Pupillo si è detta favorevole all'intenzione manifestata dal Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” di Lanciano di attivare la sezione Musicale all'interno della propria offerta formativa per l'anno scolastico 2017-2018.

L' intenzione è quella di cogliere questa grande opportunità che il Liceo Scientifico Galilei può offrire agli studenti del Frentano, soprattutto alla luce della recente riforma che ha sostanzialmente equiparato il Conservatorio Musicale in un corso di Laurea: l'obiettivo è quello di garantire agli studenti la continuità di indirizzo di studi dopo la scuola media per poi accedere, eventualmente, post diploma alle Scuole di Alta formazione Musicale (ex Conservatorio).

Chi sceglierà  di frequentare il Liceo Musicale potrà proseguire nello studio dello strumento senza doversi sottoporre a stressanti viaggi per raggiungere l'unica sede attualmente aperta in Provincia, a Vasto, piuttosto distante e difficilmente raggiungibile con i mezzi, tanto da scoraggiare la prosecuzione degli studi musicali per la stragrande maggioranza degli studenti. L'auspicio della Città di Lanciano è che gli uffici regionali preposti possano accogliere la proposta nell'interesse di un intero comprensorio.

La Giunta Comunale ha approvato il sostegno all'iniziativa del Galilei di Lanciano con Delibera di Giunta numero 390 del 30 novembre 2016, inerente “Piano Regionale della Rete Scolastica 2017/2018 - richiesta di attivazione del Liceo Musicale nell'offerta formativa del Liceo Scientifico Statale Galilei di Lanciano.

 

Lanciano- L’Assessorato alla Cultura del Comune di Lanciano promuove l’evento culturale “FLORASPE RENZETTI - Vita, opere e finzioni del pittore lancianese”, nel giorno di sabato 10 dicembre 2016 dalle ore 17.00 nella Sala Rambaldi di PALAZZO DEGLI STUDI in corso Trento e Trieste.

L’incontro è dedicato all’artista frentano FLORASPE RENZETTI (omonimo del suo avo, noto a tutti come il fondatore dell’Ospedale di Lanciano). Scomparso nel 1984, il pittore Renzetti si è distinto in modo straordinario nel mondo dell’arte contemporanea italiana, sin da quando era in vita, collezionando premi, partecipazioni e segnalazioni importanti.

Durante l’evento si racconta l’esistenza di Floraspe e si mostrano le opere più rilevanti delle sue molteplici fasi espressive, svelando pure la complessa e intrigante personalità del pittore, attraverso le considerazioni della dott.ssa Maria Paola Di Francesco.

Inoltre, tale momento di crescita culturale si pone come importante occasione di prestigio per la Città, poiché il figlio dell’artista Claudio Renzetti è presente in sala per donare pubblicamente al Comune di Lanciano il prezioso archivio storico-artistico del padre, affinché questo possa essere conservato, studiato e celebrato nella città natale, come una memoria messa a disposizione per le nuove generazioni e da coltivare attivamente.

Interverranno il Sindaco Mario Pupillo, l’Assessore alla Cultura Marusca Miscia, la promoter culturale Raffaella Tenaglia.

 

 

ORTONA - L’evento più atteso dell’anno del centenario della morte di Tosti si è concluso. La giuria internazionale ha  proclamato i nuovi migliori interpreti della romanza vocale da camera.
FRANCESCO TELLI (Italia), Presidente di Giuria. Compositore, docente ordinario di composizione  Conservatorio di Musica Santa Cecilia, Roma; EMANUELE MORIS (UK), Guildhall School of Music, Londra; GLENN MORTON (U.S.A.)  Docente Manhattan School of Music e Mannes College – The New School for Music, New York; MIWAKO MATSUMOTO (Giappone), Soprano, stimata interprete del repertorio tostiano in Giappone, Docente Università Musashino Academia Musicae di Tokio; LUISA PRAYER (Italia), Pianista, direttore artistico Istituzione Sinfonica Abruzzese, L’Aquila hanno selezionato progressivamente i quaranta candidati provenienti da diversi paesi oltre che ovviamente l’Italia (America, Regno Unito, Giappone, Polonia, Costarica, Corea Del Sud, Cile, Francia) nelle fasi durate quattro giorni: dalle eliminatorie del 29 novembre alla finale del 2 dicembre.
La finale, aperta al pubblico, si è svolta al teatro Comunale Tosti la sera del 2 (giorno centenario della morte di Tosti). Tutti i 9 finalisti hanno eseguito due romanze, una in italiano e una in inglese o francese e sono stati accompagnati dalla pianista ufficiale e consulente dell’Istituto Tostiano Isabella Crisante.
Alla fine la giuria, unanimemente ha designato i vincitori:
JOHN VISCARDI (USA), baritono, Primo Premio
MARIA BAGALA’ (Italia), soprano, Secondo Premio
MARIKA SPADAFINO (Italia), soprano, Terzo Premio
PARK KIOK (Corea del Sud), basso, Premio Speciale “Tosti Friends” assegnato al migliore interprete di un’aria a scelta fra quelle delle opere di G. Verdi, G. Puccini, P. Mascagni, R. Leoncavallo, tutti compositori legati da rapporti di amicizia e collaborazione con Tosti.
MICHELA GUARRERA, soprano, Premio Marco Aurelio Basti per i candidati al di sotto dei 25 anni particolarmente distintisi. Inoltre si è decisa una menzione speciale per DELPHINE DA PONTELLO BUTIQUE (Francia), soprano e RINAKO HARA, (Giappone), soprano. Le altre due finaliste sono SARA BORRELLI, soprano e SARAH PICCIONI, soprano.
A conclusione della competizione la giuria ha riconosciuto la qualità di molte delle voci dei concorrenti pur non ammessi alla finale. In effetti tra i concorrenti molti sono i talentuosi ma il concorso tostiano richiede un livello di maturità vocale ed interpretativa tale da evidenziare ogni preziosità testuale e musicale. Altro parametro tenuto in considerazione è stato la corretta dizione per la lingua italiana e la competenza linguistica per le lingue straniere.
Gianfranco Miscia, musicologo dell’Istituto e il soprano Donata D’Annunzio Lombardi hanno intrattenuto il pubblico durante la fase in cui la giuria si è riunita per deliberare, sottolineando il valore del concorso, l’importanza del centenario tostiano e ricordando le figure di Francesco Sanvitale e Tommaso Caraceni che hanno fondato e guidato l’Istituto rendendolo quello che oggi conosciamo. Il testimone dell’Istituto  è stato raccolto dopo la morte dei fondatori sia dal personale dell’ente che continua a produrre attività e ricerca, sia da coloro che negli anni sono diventati punto di riferimento di Tosti e della romanza da salotto. Tra questi certamente, oltre alla stessa Crisante,  il soprano Donata D’Annunzio Lombardi, prima vincitrice del Concorso Internazionale del 1996,  nota voce lirica e ambasciatrice di Tosti nel mondo.
La serata è stata comunque animata da diversi ospiti importanti. Erano presenti Rolando Panerai, ospite d’onore, le agenzie di management internazionale Virginio Fedeli di Atelier Musicale; Sandra Hormozi, Encompass Arts di New York, alcune testate specializzate: Antonella Neri, presidente di Cantare l’Opera e responsabile del portale www.cantarelopera.com; Simone Tomei degli Amici della Musica www.gliamicidellamusica.net, e diverse autorità del mondo teatrale: la regista Vivien Hewitt, il Maestro Angelo Taddeo direttore artistico del festival pucciniano di Torre del Lago e Vittorio Di Paola, Presidente dei Cavalieri del Lavoro e Presidente onorario della Società di Concerti “B. Barattelli” dell’Aquila.
Panerai, invitato sul palco a fare un saluto dalla D’Annunzio Lombardi, ha ricordato alcuni episodi della sua vita artistica ed espresso l’idea che le stesse romanze tostiane si prestano ad essere drammatizzate. Altra gradita sorpresa la presenza del maestro Beppe Vessicchio, appassionato cultore della produzione di Tosti,  che ha ricevuto un riconoscimento dal Comune di Ortona la mattina del 2 dicembre. Vessicchio ha ricordato come sin da bambino cantasse le romanze di Pasquale Mario Costa e Tosti prima di approfondire gli studi e comprendere lo spessore del musicista ortonese, assolutamente attuale ed anzi da valorizzare ulteriormente per la sua creatività.
Insomma si è svolto, sotto gli occhi del pubblico che affollava il teatro, una sorta di spettacolo nello spettacolo sino all’epilogo con la proclamazione dei vincitori. Sono stati invitati sul palco a consegnare i premi alcuni delegati dei principali sostenitori (Regione Abruzzo, Comune di Ortona, Consorzio Tutela Vini D’Abruzzo, Camera di Commercio di Chieti, il main sponsor Walter Tosto Spa), i signori Milena Basti (premio giovani) e Italo Civitarese (Tosti Friends), soci storici del Club Tosti; Kaeko Yamaguchi direttore artistico dell’Associazione Italo Giapponese di Nara che ha offerto due concerti in Giappone al vincitore del primo premio. Grazie ai premi internazionali e alle occasioni concertistiche (Istituzione Sinfonica Abruzzese) e discografiche (Brilliant Classics) i vincitori e più in generale i finalisti potranno continuare a far parlare di sè e a portare la musica di Tosti nel mondo.
Il centenario si è rivelato un punto di arrivo degli oltre trent’anni di lavoro dell’Istituto Tostiano ma anche un punto di svolta per affrontare le sfide del futuro all’insegna di Tosti, della sua musica e della musica italiana che continua ad essere faro per la cultura e patrimonio dell’umanità.

LANCIANO - Si intitola "Le avventure di un gentiluomo squattrinato e altre storie, ovverossia: della caccia a bianchi tesori in Abruzzo Ulteriore Primo”", il libro di Sergio Marciani che sarà presentato domani, mercoledì 7 dicembre, alle ore 17 a Palazzo De Crecchio, sede dell'Agenzia di promozione culturale di Lanciano. Oltre all'autore, interverranno l'editore Marco Solfanelli e la professoressa Eide Spedicato Iengo.

ATESSA - E’ Pier Giorgio Antonelli, fotografo abruzzese di Atessa, il direttore artistico del Festival Europeo della Fotografia che si terrà il 3 dicembre a Roma, presso il Teatro 1 di Cinecittà.
“E’ una bellissima esperienza che credo tutti vorrebbero fare – spiega Pier Giorgio - mi sento fortunato ed onorato di ricoprire questo importante ruolo, conscio anche di tutti i sacrifici e gli investimenti fatti su me stesso.
Classe 1985, comincia per gioco, all’età di 13 anni, ad immortalare tutto ciò che lo colpisce con la fotocamera a pellicola del padre, una Zenit EM. Tanta passione per la fotografia, due master in fotografia e cinema presso la Scuola Romana di Fotografia e Cinema e tante collaborazioni con prestigiosi eventi, da Pitti Uomo a Milano Fashion Week fino al Festival di Cannes.
 “Sono grato sempre alla mia terra natia – aggiunge - essere nato in un paese mi ha giovato molto, perché mi ha insegnato a non mollare mai. Sono molto legato all’Abruzzo e metto a disposizione dei giovani abruzzesi che vogliono intraprendere un percorso artistico la mia esperienza di fotografo maturata fuori regione”.


Il Festival, che comprenderà, oltre alla categoria Fotografia anche quelle di Fotomodelli e Fashion Designer, è diretto da Alexandra Titova, ed ha come obiettivo quello di promuovere giovani talenti attraverso l’unione di due forme d’arte: la moda e la fotografia. Numerose saranno le presenze di volti noti del mondo della moda e dello spettacolo: tra cui il fotografo di fama internazionale Max Moor, il presidente di Roma Fashion Week Riccardo Gubiani, il ballerino Jacopo Paone (concorrente di “Amici 14”), Mahmood (concorrente di “X-Factor 2012”), gli stilisti di alta moda Monika Marek e Igor Occhipinti e tanti altri ancora.
“Mi sono subito innamorato di questo festival, lo sento mio in tutto e per tutto – commenta il direttore artistico Pier Giorgio Antonelli - mi ha dato tantissimo sia a livello professionale che a livello umano. Per la selezione dei fotografi non mi sono basato su una singola foto ma bensì su un progetto fotografico fatto di tecnica e soprattutto di contenuti. La fotografia è un mezzo di espressione e tante volte lo dimentichiamo. Ecco perché il fotografo deve partire da un’idea, costruirla e tramutarla in foto”.
 

ORTONA - L’evento più atteso dell’anno del centenario della morte di Tosti è vicino: il concorso internazionale dedicato a Tosti e alle sue romanze sarà il momento finale dell’intero anno tostiano. La giuria internazionale e il mondo musicale avranno modo di proclamare i nuovi migliori interpreti della romanza vocale da camera.
Le selezioni inizieranno oggi al Teatro Comunale Tosti di Ortona.  La giuria internazionale  è composta da: Francesco Telli (Italia), Presidente di Giuria. Compositore, docente ordinario di composizione  Conservatorio di Musica Santa Cecilia, Roma; Emanuele Moris (Uk), Guildhall School of Music, Londra; Glenn Morton (Usa)  Docente Manhattan School of Music e Mannes College – The New School for Music, New York; Mikawo Matsumoto (Giappone), Soprano, stimata interprete del repertorio tostiano in Giappone, Docente Università Musashino Academia Musicae di Tokio; Luisa Prayer (Italia), Pianista, direttore artistico Istituzione Sinfonica Abruzzese, L’Aquila.
Pianista ufficiale: Isabella Crisante
I candidati provengono da diversi paesi oltre che ovviamente l’Italia: America, Regno Unito, Giappone, Polonia, Costarica, Corea Del Sud, Cile, Francia. Ciò conferma il grande appeal che la musica di Tosti ha nel mondo e che anzi si è accresciuta nell’ultimo anno. D’altra parte la consultazione del nuovo sito dell’Istituto alla pagina Tosti nel Mondo evidenzia proprio la mole di attività che da ogni dove è stata dedicata al nostro compositore.
La finale del concorso è prevista per venerdì 2 dicembre presso il Teatro Comunale Tosti  a partire dalle ore 17. Nell’occasione saranno proclamati i vincitori e premiati sul palco dopo aver ascoltato i brani presentati. La serata sarà presentata da Enrico Stinchelli conduttore con Michele Suozzo del noto programma di Rai Radio Tre “La Barcaccia”. Saranno presenti numerosi e prestigiosi ospiti del mondo della musica e dello spettacolo: Rolando Panerai, ospite d’onore, le agenzie di management internazionale Atelier Musicale e Stage Door; Antonella Neri, presidente di Cantare l’Opera e responsabile del portale www.cantarelopera.com; giornalisti delle testate L’Opera, Operaclick, GBOpera, Gli Amici della Musica  (www.gliamicidellamusica.net), Il Tempo, Il Messaggero e diverse autorità del mondo teatrale.
L’ingresso alla serata del 2 dicembre  è libero sino ad esaurimento posti.

LANCIANO - Domani, sabato 26 novembre, dalle ore 17 alle 20, da Ega (in corso Roma 57  a Lanciano), si svolgerà un pomeriggio interamente dedicato alle lanterne, alle essenze e alla poesia. L’evento, organizzato da Scribo, ha come titolo A lume di candela e vedrà protagonisti i poeti Rolando D’Alonzo, Giovanni Di Guglielmo, Nicoletta Fazio e Bruno Montefalcone, che leggeranno testi inediti, composti per l’occasione, dedicati alle suggestioni poetiche che evoca la fiamma di una candela e alle seduzioni che sprigionano le essenze contenute nella cera. Inoltre, gli autori proporranno al pubblico versi scelti dalle loro raccolte poetiche. Seguendo la tematica principale, non mancheranno momenti dedicati alla letteratura europea con le prose di Gaston Bachelard, Luigi Pirandello e Gabriele D’Annunzio. Coordina i vari interventi Giuseppina Fazio.