Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Il Testo storico di Samy Fayad è stato rappresentato per la prima volta nel 1970 a Napoli dalla compagnia di Nino Taranto. L’azione si svolge nello studio legale dell'Avvocato Russolillo ove piombano i coniugi Amelia e Michele Adinolfi intenti in una guerra familiare causata dal ritrovamento di una ricevuta di un albergo di Cremona che fa emergere il sospetto di un tradimento avvenuto anni addietro. Al chiarimento si troveranno partecipi tutti i personaggi abituali frequentatori dello studio legale:La bigotta zia Margherita, gli aiutanti dell’Avvocato, Lettieri e Caruso già alle prese con casi precedenti: la barba di San Cipriano,lo struzzo, un monaco,la pensione di zia Margherita, Don Maglione, i gemelli e i piselli verdi e gialli. Dalle indagini spuntano nuovi personaggi la cui presenza servirà a dipanare il mistero del tradimento e la soluzione del Papocchio finale. Il finale inatteso e esilarante, farà riflettere su come la vita può essere piena di sorprese.

Botteghino del Teatro aperto il 28 e 29 aprile dalle ore 16.30 alle ore 19.30 e la domenica dello spettacolo dalle ore 15.30 fino ad inizio spettacolo. 
Vendita online dei biglietti su www.teatrofenaroli.it per tutti gli spettacoli in cartellone.

Si chiama “Aspettando le Mongolfiere” e abbraccerà anche la “Fiera delle Meraviglie”. L'appuntamento, che rientra nell'Abruzzo Open Day, si svolgerà a Lanciano  dal 2 al 4 giugno prossimi e sarà un'anteprima del “Raduno delle Mongolfiere” previsto in agosto, per il secondo anno consecutivo, a Gessopalena . L'iniziativa è organizzata dall'associazione “Vivere Gessopalena”, si terrà a Lancianofiera e ha il patrocinio di vari enti, tra cui la Regione Abruzzo, la Provincia di Chieti e il Comune di Lanciano e la collaborazione di Ascom Abruzzo, dell’Associazione Circus Street Food, della Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria (Fipcg), dell’Areo Club d’Italia, di Wind & Fire Balloons, del Festival dell’Anima e di Coloranima. “Protagoniste della manifestazione – spiega Alessandra Laiolo, event manager della Ellepi Service Snc, responsabile della segreteria organizzativa - saranno le mongolfiere. Due aerostati verranno posizionati all'interno dell'area fieristica di Lanciano ed effettueranno il cosiddetto volo vincolato, cioè si alzeranno in aria per alcune decine di metri, per far ammirare il panorama dall'alto, pur restando saldamente ancorate al suolo”. Al contempo, all'interno dell'area fieristica, si terrà la “Fiera delle Meraviglie”, con stand, mercatini, laboratori, mostre, giochi per i più piccoli, spazi del gusto, mostre mercato, proiezione di documentari, show e meeting, street food e musica. Ci saranno spettacoli circensi e giostre per grandi e piccini. Non mancheranno i “percorsi benessere”. “Si tratta – aggiunge Laiolo - di una rassegna pensata anche per le famiglie. Si potrà trascorrere parte della giornata in fiera, tra intrattenimenti e divertimenti vari, e poi, volendo, ci si potrà spostare, tramite bus navetta, anche in centro a Lanciano o sulla Costa dei Trabocchi per scoprirne aspetti storico-artistici e bellezze naturalistiche”.

“L’associazione Vivere Gessopalena – afferma il suo presidente Giuseppe Melchiorre – nasce specialmente per promuovere il nostro territorio, ancora sconosciuto a molti, attraverso l’ideazione di eventi originali. In questo caso puntiamo su un volo inusuale, ma che da sempre ha fatto sognare, grandi e piccini, quello in mongolfiera. Dopo l’evento di Lanciano si partirà con la messa a punto del raduno di Gessopalena, in programma dal 24 al 27 agosto. Qui i più audaci potranno fruire anche del volo libero”.

Per info 380 207 4017 - info@viveregessopalena.it

Sarà la pianista Paola Budano la protagonista del prossimo appuntamento con i Concerti del Parco in programma per domenica 23 aprile, alle ore 18, nella sala di musica da camera Manlio La Morgia nel Parco delle Arti Musicali di Lanciano.

L’appuntamento del mese di aprile vedrà quindi il recital pianistico di Paola Budano, concerto collegato al seminario di interpretazione musicale e vedrà la pianista siciliana, interprete riconosciuta per purezza di suono e fraseggio limpido, proporre musiche e composizioni di Bach, Haydn e Mozart.

Pertanto prosegue spedito il progetto didattico dell'associazione "Amici della Musica" FEDELE FENAROLI che prevede una rassegna di concerti nella sala Manlio La Morgia, tutti collegati a seminari, conferenze, workshop, corsi, master class, stage e recording day. Questi corsi, con i concerti collegati, ampliano l'offerta formativa, didattica e musicale, a tutto l'anno accademico, per interrompersi solo nel periodo estivo e far posto alla formazione orchestrale ed ai concerti dell'Estate Musicale Frentana.

Posto unico 5 euro.

 


 


 

“La musica è sempre stata una forza vitale nella mia vita. Alla tenera età di quattro anni, ho avuto la mia prima esperienza musicale quando i miei genitori mi comprarono il mio primo strumento musicale” E da allora Roberto Angelucci di strada ne ha fatta e la musica continua ad essere sua fedele compagna di viaggio che gli sta regalando soddisfazioni internazionali.

Si è trasferito negli Stati Uniti nel 1997 quando aveva 19 anni. Ha scelto la California per frequentare il Musician Institute a Hollywood. Ha frequentato la scuola per 12 mesi, e poi ha iniziato a conoscere diversi musicisti e subito a suonare con loro. Praticamente, senza che lo sapesse, la sua carriera era iniziata. Il lancianese Robbie Angelucci oggi è un musicista affermato che rappresenta la nuova generazione della musica. Chiamato ad accompagnare in tour un’icona della musica mondiale come Frankie Valli. Robbie non è l’unico giovane musicista italiano ad aver assaporato il successo nella megalopoli californiana, ma non si sente ancora del tutto estraneo alle proprie radici. E sul braccio ha fatto tatuare il nome italico della sua città natale: Anxanum. Collaborazioni su progetti per spettacoli televisivi nazionali, i principali trailer di film e colonne sonore, e registrazioni sia negli Stati Uniti e in Europa. L’opportunità di aver registrato con alcuni dei migliori musicisti del mondo, come: Matt Bissonette, Oscar Cartaya; Tommy Coster Jr , John Pena, Vinnie Colaiuta, Toss Panos, Enzo Todesco, Bob Franceschini, Paul Jackson Jr, Greg Bissonette, John Baseley, Otmar Ruiz, Oskar Seaton, Zuccher, Ricky Lawson, Michito Sanchez.

Nel 2003, ha registrato e pubblicato il suo primo album da solista come sceneggiatore e produttore, dal titolo “Un ragazzo con un Accento”, un album che ha guadagnato fama internazionale sia da stampa europea e Stati Uniti. Da allora, ha aperto una struttura Studio e Registrazione chiamata PRODUZIONI TONE MOODY'S.

Ma Lanciano è sempre nel suo cuore e il suo ultimo lavoro discografico “Eviali” la cui copertina è curata dal fotografo lancianese Gianluca Scerni potrebbe, perché no, essere un rimando romantico ai viali della sua adolescenza, i “mitici” viali anni 90 dove poteva accadere di tutto e dove in un micro cosmo di allegria, sentimenti e amori tutti i lancianesi hanno passato gli anni migliori della loro vita. E infatti lui stesso dice “EVIALI si legge "I Viali".... e questo e' il mio viaggio di scrittura e di produzione musicale da "amarcord" se si può' dire.... viaggio in quel posto della mia/nostra gioventù, dove in assenza di social media ci si ritrovava "in passeggio" per avere una vita sociale...e ci si scopriva a vicenda ,e si era esposti a tutto, amicizie e non, e tanti altri valori....dalla fratellanza alla seduzione! e poi le pomiciate sulle panchine...questa musica e' per questo...anche la chitarra che ho usato viene da li' ...una chitarra classica da 300mila lire comprata a Lanciano”.

Il disco è dedicato alla sua bambina Kaliana.

Eduardo e Pirandello si incontrarono in un camerino del Sannazzaro, a Napoli, nel 1933. Aveva 33 anni, allora, il fenomeno della stagione napoletana. L’altro 66, esattamente il doppio, ed era il più famoso drammaturgo del suo tempo, già prossimo al premio Nobel. In quel famoso incontro, Eduardo ha l’ardire di chiedere al grande Pirandello il permesso di tradurre alcune sue opere in napoletano, e addirittura getta le basi per una collaborazione futura. Fu lo stesso Pirandello, che suggerì ad Eduardo di mettere in scena “Il berretto a sonagli” in napoletano, Nel 1936 la commedia trionfò, al Fiorentini di Napoli, con ventidue “esauriti”. “Ciampa era un personaggio che aspettava da vent’anni il suo vero interprete” ebbe a dire Pirandello assistendo alle prove dello spettacolo.

 

La vicenda è nota: lo scrivano Ciampa, per salvare il suo onore macchiato dalla tresca tra la moglie ed il principale, non trova di meglio che far passare per pazza colei che lo ha denunciato a tutto il paese. Ciampa è una figura esemplare nell’opera di Pirandello un concentrato di umanità dolente, di umorismo caustico, di beffarda critica alla falsità dell’ordine borghese.

Il botteghino del teatro sarà aperto giovedì 30, venerdì 31 marzo e sabato 1 aprile dalle ore 16.30 alle ore 19.30. 

Vendita online dei biglietti su www.teatrofenaroli.it per tutti gli spettacoli in cartellone.

 

LANCIANO . Alex Britti, Dodi Battaglia, UT News Trolls… Ma anche tanti ospiti a sorpresa, esibizioni e divertimento, con la “Nottata” che si trasformerà in una grande festa in piazza!

ìUn programma che – come nelle intenzioni iniziali – ha soddisfatto le aspettative di riportare a Lanciano la grande musica, quello presentato questa mattina a Lanciano dal presidente delle Feste di Settembre Maurizio Trevisan, dal sindaco Mario Pupillo e dall’assessore alla Cultura Marusca Miscia.

Una conferenza stampa che, tra la sorpresa generale, si è trasformata in un piccolo grande evento per la partecipazione di Dodi Battaglia, che ha voluto essere a Lanciano per l’occasione, per dare il suo saluto alla città dove tornerà il 15 settembre prossimo.

Dodi Battaglia, appena arrivato in Piazza Plebiscito, si è detto entusiasta della location dove suonerà e ha annunciato che a Lanciano girerà anche un video. Grazie all’intraprendenza dell’assessore alla Cultura Marusca Miscia, che chitarra alla mano gli ha dedicato “Tanta voglia di lei”, ha anche improvvisato con lei un duetto sulle note di uno dei più grandi successi dei Pooh.

Un protagonista indiscusso della musica italiana, il chitarrista storico degli Pooh, che a Lanciano (in occasione della seconda serata delle Feste) si esibirà con lo straordinario repertorio della Band dove ha suonato per oltre cinquant’anni, ma anche con tante sorprese che di certo appassioneranno il pubblico presente. E con lui, sorpresa nella sorpresa, suoneranno diversi musicisti locali: Carlo Porfilo (batteria), Rocco Camerlengo (tastiere), Giuseppe Genisio (basso), Marco Marchionne (chitarra) e Costanzo Del Pintio (voce).

Prima di lui, il 14 settembre, piazza Plebiscito ospiterà una grande festa dedicata al Revival Progressive, con l’esibizione degli UT New Trolls e di un ‘ospite a sorpresa’ (per il momento ancora top secret) che salirà sul palco con loro. Gli Ut New Trolls nascono nel 2011 dalla riunione di due membri dei New Trolls: Gianni Belleno, storico batterista, e Maurizio Salvi, tastierista e pianista dell'epoca d'oro dei New Trolls. Oltre a loro, fanno parte della band anche Claudio Cinquegrana (chitarre), Umberto Dadà (voce), Stefano Genti (basso), Alessio Trapella (voce e basso). Il progetto ‘UT New Trolls’ - dal titolo dell’album omonimo dei New Trolls – è “un laboratorio ‘work in progress’, in cui i brani più popolari della band avranno il loro spazio ma rivisitati; sarà come calarsi in una tela d'atmosfere verso un mondo di idee alternative, distinto da una sana e seria ricerca su tutto ciò che si muove nell'ambito della cultura musicale”.

Spazio invece a un repertorio più vicino ai giovani il 16 settembre (serata conclusiva delle Feste) con l’esibizione di Alex Britti, che tra l’altro a breve pubblicherà il suo nuovo album "In nome dell’amore - Vol. 2”, anticipato venerdì scorso dal primo singolo “Speciale”. Alex Britti, che sta attualmente partecipando a “Masterchef Vip”, subito dopo l’uscita del disco inizierà il suo tour, e quella di Lanciano è una delle prime tappe confermate.

Tanta musica, dunque, alle Feste di Settembre 2017, come aveva anticipato il presidente Maurizio Trevisan, che l’ha ribadito anche stamattina: “La musica in piazza è l’ingrediente giusto per organizzare delle Feste di Settembre all’altezza delle aspettative, e i nomi annunciati stamattina vanno in questa direzione. Non dimentichiamo – ha aggiunto – che quest’anno le feste saranno a ridosso del weekend (giovedì, venerdì, che è anche festa patronale, e sabato) e saranno quindi occasione per portare in città non solo i Lancianesi, ma anche tantissime persone dal resto dell’Abruzzo e da fuori regione”.

La musica, ma non solo, sarà protagonista anche della “Nottata” – l’apertura del 13 settembre, aspettando i fuochi pirotecnici delle 4 del mattino. “Vogliamo organizzare a piazza Plebiscito una grande festa all’aperto – aggiunge Trevisan - con esibizioni musicali, momenti di divertimento, balli e tanto altro. Siamo in contatto con numerose associazioni e persone che ci aiuteranno in questa direzione”.

"La musica torna al centro delle Feste di Settembre – ha sottolineato il sindaco, Mario Pupillo - questo volevamo quando abbiamo scelto il progetto e il curriculum del Presidente delle Feste e questo abbiamo ottenuto. Ora le ragioni della nostra scelta sono più chiare ed evidenti e di questo non possiamo che esserne felici. Il programma musicale allestito da Trevisan rispecchia fedelmente la nostra richiesta di riportare a Lanciano per le feste patronali musicisti di primissimo livello e di qualità".

“La presentazione degli eventi più importanti del calendario delle Feste di Settembre – ha aggiunto l’assessore alla Cultura, Marusca Miscia, rappresenta sicuramente un motivo per incoraggiare la città a sostenere anche economicamente il grande impegno che il comitato si è assunto per rilanciare in particolar modo il programma musicale”.

Non mancheranno, ovviamente, tanti altri eventi e iniziative, per rallegrare ulteriormente l’atmosfera nei tre giorni di festa principali, ma anche in tutto il mese di settembre. “Il programma dettagliato sarà illustrato nelle prossime settimane – conclude Trevisan – perché le sorprese che abbiamo in serbo sono ancora molte”.

 

 

 

 

Lo scorso settembre l’Arena di Verona ha ospitato l’evento Amiche in Arena, un mega concerto di Loredana Berté che festeggiava i suoi 40 anni di carriera. Curatore del look di tutte le ospite del programma il lancianese Silvio Luciani che non è nuovo a queste occasioni speciali è infatti ormai dal 1997 quando vinse il premio Sergio Valente che è parte del Backstage degli eventi televisivi e artistici in generale più importanti d’Italia.

La trasmissione della Bertè andrà in onda domani domenica 26 marzo alle ore 21.10 su Canale 5 ed ha radunato sul palco dell’Arena tante voci femminili del panorama musicale italiano, Gianna Nannini, Paola Turci, Patty Pravo, Elisa, Noemi, Irene Grandi, Alessandra Amoroso, Emma, Nina Zilli, Elodie e Antonella Lo Coco, anche e soprattutto per esprimere sostegno alla lotta contro il femminicidio e contro la violenza sulle donne.

Silvio ci ha confidato che sono in cantiere altri progetti importanti che lo porteranno a far parte del Back stage di trasmissioni internazionali ma per ora non ha voluto svelare altro.

 

Il 26 marzo alle ore 18.00 a Lancianno alla ex Casa di Conversazione (ci sarà la presentazione del libro Le Musiche del Messico di Gabriel Oscar Rosati (edito da Orient Express, 2016) seguito da esemplificazioni musicali del suo sestetto. L’incontro è organizzato dal Centro Ricerche Musicali Francesco Masciangelo e patrocinato dal Comune di Lanciano e dalla Regione Abruzzo.

L’iniziativa fa parte della rassegna La musica al Centro che nell’edizione 2017 ha ampliato lo sguardo anche alle tradizioni non Occidentali, pur mantenendo l’impegno nei confronti dei musicisti importanti della storia abruzzese.

Presenta il relatore musicologo Gianfranco Miscia ed interverranno anche: l’editore Antonio Allegrini (scrittore vincitore di premi internazionali, in contatto artistico con la Beat Generation insieme a Lorenz Ferlighetti negli anni ‘70), il poeta, ghost writer, argentino Daniel Walter Silvestri ed esponenti della Associazione Messicani in Abruzzo.

Dal 1991 Gabriel Rosati ha vissuto la maggior parte delle esperienze musicali e professionali tra El Paso, Juarez, San Diego, Acapulco, Cabo San Lucas, Cancùn, Los Angeles, San Francisco, Chicago e Miami. Grazie ai gruppi messicani ha raccolto un bagaglio di conoscenze specifiche ragguardevoli. Vivendo sulla propria pelle l’esperienza della migrazione, senza documenti per anni, e tuttavia suonando con nomi quali Santana, El Chicano, Tierra, Malo, Mariachi America, Mariachi Universal, Sonora Santanera (nueva), Sergio Alberti e Leo Acosta (batterista del mitico Perez Prado).

Completano il gruppo il cantante violinista cubano Willie Paco Aguero, Maurizio Paduli alla chitarra, Pierpaolo Catena al basso, Roberto Rapini alle percussioni e Rosati alla tromba e voce.

 

Sarà Dodi Battaglia, lo storico chitarrista dei Pooh appena uscito da un tour straordinario, l’artista che si esibirà a Lanciano nella seconda serata delle Feste di Settembre, il 15 settembre prossimo.

D’altra parte il presidente delle Feste di Settembre 2017, Maurizio Trevisan, l’aveva annunciato in occasione della conferenza stampa di presentazione della sua candidatura: “Porterò a Lanciano i grandi nomi del panorama musicale nazionale”.

E Dodi Battaglia, dal 1968 componente di una delle band più longeve e di maggior successo della musica italiana, rispecchia perfettamente questa intenzione.

“Battaglia – con cui sono in contatto già da settimane – conferma Trevisan – porterà a Lanciano il grandissimo mondo dei Pooh. E’ un chitarrista straordinario, un musicista di grande effetto, ma è anche un artista trasversale, capace di raccontare, con la sua voce e chitarra, la storia della musica italiana, quella appunto narrata in oltre cinquant’anni dai Pooh”.

 

Battaglia si esibirà venerdì 15 settembre, giorno della Festa patronale, e regalerà ai Lancianesi uno straordinario spettacolo di piazza.

 

Ma non sarà l’unico artista a rallegrare il clima del Settembre lancianese. “Siamo in dirittura d’arrivo – aggiunge Trevisan – anche con la chiusura dei contratti per le esibizioni del 13 e 14 settembre, oltre ovviamente alla serata conclusiva del 16, e continueremo a mantenere la promessa (già rispettata con Battaglia) di riportare a Lanciano la grande musica. A breve – conclude il presidente delle Feste di Settembre – organizzeremo una conferenza stampa per annunciare il programma completo della quattro giorni di festa e posso già anticipare che in quell’occasione ci saraà una grande sorpresa”.

Testo di grande divertimento, a tratti esilarante, ma con quel pizzico di amarezza che rimane nel cuore e che restituisce il desiderio di tutti noi di divertire, sì, ma lasciando agli spettatori un pensiero in più da portare via.

Una chiesa distrutta, due sacerdoti profondamente diversi ma accomunati da una grande fede, un quartiere difficile di quelli che conquistano la notorietà solo nelle pagine di cronaca nera, un tossicodipendente sull’orlo della fine con alle spalle una sorella che soffre impotente, un giovane affascinato dalla malavita locale ed il boss del quartiere infastidito dal “rumore” provocato dai nuovi sacerdoti: questi sono gli elementi di una storia che apparentemente non lascia spazio a nessuno spiraglio di speranza, ma che invece i fatti schiuderanno a nuove ed imprevedibili evoluzioni.

Il testo è prevalentemente in Lingua italiana con qualche battuta in lingua napoletana, ma comprensibile in qualsiasi regione.

Il botteghino del Teatro sarà aperto venerdì 17 e sabato 18 marzo dalle ore 16.30 alle ore 19.30 e la domenica dello spettacolo dalle ore 15.30 fino ad inizio spettacolo.

Vendita online dei biglietti su www.teatrofenaroli.it per tutti gli spettacoli in cartellone.