Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

FRANCAVILLA AL MARE – Domenica 13 agosto, a partire dalle 21.30, gran finale sul palcoscenico del Blubar Festival di Francavilla al Mare (in piazza Sant’Alfonso) con “La Notte della Melodia”, quando sul palco salirà Massimo Ranieri, che porterà tutto il suo repertorio musicale.

L’autore di “Perdere l’amore”è stato premiato ai Wind Music Awards 2017 per i suoi spettacoli live e in particolare lo spettacolo “Sogno e son desto… in viaggio“, è un inno alla vita, all’amore e alla speranza. I protagonisti, ancora una volta, non saranno i vincitori o le imprese degli eroi, ma i sognatori e la vita di tutti i giorni.

Nel duplice ruolo di attore e cantante, Ranieri porterà in scena a Francavilla al Mare il teatro umoristico, alternando meravigliosi pezzi teatrali a momenti dedicati alla grande poesia, tra Seneca e Neruda passando per Palazzeschi, Goldoni, Prezzolini, Aznavour, accanto alle più celebri canzoni napoletane: dalle classicissime “Vent’anni”, “Erba di casa mia”, “Rose rosse” e “Perdere l’amore” a piccole grandi gemme del passato musicale partenopeo.

Ospite d’onore della serata finale del Blubar Festival sarà Giorgio Verdelli, autore televisivo di Unici per Rai2, e regista di “Il tempo resterà, il docu-film omaggio cinematografico a Pino Daniele.

Piazza Garibaldi a Lanciano è pronta a rituffarsi nel magico mondo degli anni ’50 e ’60 con “Baciami Piccina – Vintage Summer Night Lanciano”.

Due giornate, il 19 e 20 agosto prossimi, che riporteranno Lanciano indietro nel tempo, con atmosfere vintage, tra ritmi di rock 'n' roll e colpi di brillantina, con l’obiettivo di coinvolgere la nostra città in una festa dal sapore rétro e carica di ricordi.

“Baciami piccina – Vintage Summer Night Lanciano” è alla sua terza edizione, anche se quest’anno ha cambiato nome: “C’è stato qualche problema interno all’organizzazione che ha firmato le prime due edizioni – ha spiegato questa mattina in conferenza stampa Massimo Valentini, tra i promotori dell’evento “Baciami Piccina” e presidente dell’omonima associazione – e per evitare discussioni abbiamo preferito dare un nuovo nome all’evento, che però nella sostanza non cambia e anzi si arricchisce ulteriormente”.

Rispetto agli scorsi anni, infatti, cresce il numero di partner, artisti ed espositori, così come i momenti di spettacolo, per offrire al pubblico presente un ricchissimo programma di appuntamenti.

 

Si parte sabato 19 agosto con l’Aperitivo live, accompagnato dalla musica di “Jab Emily and the wild boys” (abbinata che si ripeterà anche domenica 20). Subito dopo spazio alla moda e alla bellezza con la finale interregionale “New Model Today”, a cura di Camillo del Romano. In passerella, le collezioni dei negozi di Lanciano che collaborano all’iniziativa: Martelli, D’Autilio, Teresa Colantonio, The Simpson sport, Ottica Mascheroni, Dreaming, Anthea Spose e Naphtaline. Presenta la serata Giuliano Gomez. Ancora musica sul finale, con l’esibizione di due gruppi rock di grande talento: Nick's Airlines (ore 22) e Frankie&The Nuggets (ore 23).

 

Saranno invece due splendide regine del Burlesque, Miss Giuditta Sin e Miss Sophie d' Ishtar, a riscaldare l‘atmosfera di domenica 20 agosto, dove però protagonista sarà anche il pubblico presente, che potrà partecipare al concorso per il “miglior outfit vintage”.

Le due serate saranno inoltre arricchite da street food, stand a tema e tante originali iniziative dei commercianti della zona: le acconciature uomo (barba e capelli) e donna (trucco e parrucco) a cura, rispettivamente, di Massimo Valentini (Antica barberia Valentini) e Silvio Luciani (Silvio Luciani Lifestyle), una vera e propria attività di “Sciuscià” (l’antico lustrascarpe) e cucitura a mano di scarpe con il calzolaio Antonio Spadano, i tatuaggi eseguiti da Piero Salvatore, e tanto altro!

“L’anno scorso abbiamo raggiunto le diecimila presenze – ha sottolineato entusiasta Massimo Valentini – e quest’anno contiamo di fare di più. Gli espositori e gli artisti arrivano da tutta Italia, e questo ci ha permesso di coinvolgere nella nostra iniziativa anche b&b, hotel e ristoranti della zona, creando quell’indotto e quel ritorno economico che la nostra città merita”.

Presente alla conferenza stampa anche l’assessore alla Cultura e Grandi eventi del Comune di Lanciano, Marusca Miscia: “La felice intuizione di riportare indietro agli anni '50 una delle piazze più caratteristiche di Lanciano è stata una scintilla esplosiva che ha saputo generare creatività, bellezza, leggerezza, economia per l'intera città. Piazza Garibaldi con la sua storia popolare di laboriosità tipicamente lancianese è la location ideale per il genere vintage, grazie alla passione di Massimo e dei tanti esercenti che vivono e animano con il proprio lavoro questa piazza quotidianamente. Noi sosteniamo concretamente e fortemente la festa e il progetto di crescita dell'evento concepito nel cuore del nostro centro storico: i numeri delle presenze e dell'indotto che questa manifestazione è in grado di generare d'altronde parlano chiaro”.

 

 

 

 

 

 

 

Saranno la Carmen e la colonna sonora di Star Wars a chiudere la parte estiva della stagione 2017 dell’Estate Musicale Frentana, giovedì 10 agosto, alle ore 21.30, in largo dell’Appello, nel tradizionale appuntamento della notte di San Lorenzo, naso all’insù alla ricerca di una stella cadente.

L’Orchestra Sinfonica Internazionale Giovanile “Fedele Fenaroli”, diretta dal l’affermato Maestro Giuseppe Ratti, sarà protagonista dell’evento concertistico con un maestoso organico, preparato da docenti italiani e stranieri di chiara fama e che eseguirà le Suite che danno il titolo alla serata: n. 1 e n. 2 dalla Carmen di George Bizet, e da Star Wars di John Williams.

Due i botteghini aperti da un’ora prima del concerto. Uno in via Finamore (lato Cura Arcivescovile) e l’altro in via Paul Harris (lato Torri Montanare). Biglietteria online e prevendita su www.ciaotickets.com e da Venditti in corso Trento e Trieste a Lanciano. I bambini under 12 non pagano, posto unico 15 euro.

Come di consueto l’appuntamento sarà anticipato dal concerto dei docenti in programma per mercoledì 9 agosto, alle ore 21.30, nell’Auditorium Diocleziano. Posto unico 5 euro.

 

Venerdì 11 Agosto 2017, alle ore 21.30, nello splendido scenario dell’Abbazia di S. Giovanni in Venere il Comune di Fossacesia , in collaborazione con l’Associazione “Amici della Musica” FEDELE FENAROLI di Lanciano, presenterà una straordinaria serata di Gala, per celebrare, attraverso uno dei luoghi più splendidi della costa abruzzese, l’Abbazia di San Giovanni in Venere, lo stupendo mare d’Abruzzo. Per il secondo anno consecutivo, l’Orchestra Sinfonica Internazionale Giovanile, composta da ben 90 elementi e diretta dal M° Giuseppe Ratt, si esibirà in un concerto di rilevanza internazionale, prosecuzione dell’evento “Il Respiro musicale che saliva dal mare”, eseguendo le Suite n. 1 e n. 2 dalla Carmen di G. Bizet e la Suite da Star Wars di J. Williams, insieme ad un brano eseguito per questo evento concertistico tratto dal film “Indiana Jones” dello stesso J. Williams. In caso di avverse condizioni meteo, il concerto si svolgerà all’interno dell’Abbazia - INGRESSO LIBERO

 

Il Lanciano Blues Festival è orgoglioso di ospitare a Lanciano giovedì 10 agosto il concerto di Chris Cain, uno dei migliori e più raffinati chitarristi blues al mondo. Cain è considerato una vera e propria icona del Blues moderno, uno dei migliori interpreti del genere di tutti i tempi: il suo stile intriso di sfumature jazz e intense sonorità blues tradizionali, la sua profonda voce decisamente “black” fanno di Mr. Chris Cain un autentico bluesman con tantissimi anni di carriera alle spalle e una grandissima espressività sul palco, frutto degli innumerevoli show dati nel corso degli anni.

 Il concerto gratuito si terrà nella splendida e prestigiosa cornice di Piazza Plebiscito, nel cuore di Lanciano a chiusura del tradizionale Giovedì del Gusto e dello Shopping.

A fare da sfondo all’originale recital lirico dedicato a Giacomo Puccini non ci sarà più largo dell’Appello, bensìl’Auditorium Diocleziano, sabato 5 agosto, alle ore 21.30, all’interno dell’edizione 2017 di Perlage in programma per il prossimo weekend a Lanciano, in una ormai quasi collaudata collaborazione per dare maggior risalto, insieme, alla cultura frentana.

Gli interpreti Maria Tomassi, Marco Iezzi e Christian Starinieri, con il maestro concertatore Fabio D’Orazio, si cimenteranno in un racconto musicale dedicato a Tosca e Gianni Schicchi di Puccini in cui i personaggi saranno parte integrante della scena e il pubblico sarà a stretto contatto con gli artisti, quasi a diventare parte attiva dello spettacolo stesso.

Il botteghino sarà aperto da un’ora prima dello spettacolo nell’Audittorium Diocleziano, posto unico 15 euro. E’ possibile acquistare i biglietti in prevendita sulla piattaforma online ciaotickets.com e da Venditti in corso Trento e Trieste a Lanciano.

 

 

L’associazione “Ripensiamo il Centro Storico” e l’associazione Culturale Teatrale “Di Loreto - Liberati” di Castel Frentano, patrocinate dal Comune e dal FAI, sono liete di presentare il primo grande appuntamento con  l’Opera nel Borgo: “MADAMA BUTTERFLY”che andrà in scena domenica 6 agosto alle ore 21 in piazza Caporali a Castelfrentano.

Accogliendo a pieno la direttiva del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che ha proclamato 2017 “Anno dei Borghi d’Italia”, con la finalità di valorizzare il patrimonio artistico, culturale, naturale e umano di questi luoghi che rappresentano una componente determinante dell’offerta turistica del Paese, l’associazione ha pensato di portare nel cuore di Castelfrentano una fra le opere liriche più importanti. La Madama Butterfly di Giacomo Puccini una tragedia grandiosa che si snoda  in tre atti definita nello spartito e nel libretto "tragedia giapponese" e dedicata alla regina d'Italia Elena di Montenegro.

Castel Frentano paese di poco più di 4000 mila anime  che sorge sul crinale di una collina tra la Maiella e il mare Adriatico a pochi km da Guardiagrele e ancora meno dalla cittadina di Lanciano il cui centro storico confluisce in piazza Raffaele Caporali sulla quale si affaccia il teatro “Di Loreto - Liberati” e la Chiesa di Santo Stefano.

L’idea è di riqualificare e dar vita al centro storico attraverso l’arte e la cultura, portando ospiti eccellenti che ne siano veicoli autorevoli.

Ecco dunque l’opera lirica “MADAMA BUTTERFLY”, il cui cast internazionale vede cantanti, regia e direzione artistica di tutto pregio.

La scenografia curata nei dettagli e i costumi di sartoria teatrale (alcuni dei quali provenienti dalla Sicilia), potranno essere ammirati all’aperto, in una calda serata estiva. La tragedia giapponese vedrà un cast internazionale straordinario, regia e direzione musicale a cura di Isabella Crisante e Marco Moresco, costumi e scenografie curati ad arte.

Per l’occasione Piazza Caporali, punto focale del centro storico, accoglierà 400 posti numerati e assegnati secondo l’indicazione riportata sul biglietto.

Intervenuti alla conferenza stampa il sindaco di Castelfrentano Gabriele D’angelo, il presidente e il vice presidente dell’associazione “Ripensiamo al centro storico” Ivana Rulli e Aldo Angelucci, la regista Isabella Crisante e i protagonisti dell’opera Kiyooka Sakamoto (Butterfly Cho-Cho-San) e Aldo di Toro Pirkenton.

Un Cast internazionale, è stato ribadito stamane in conferenza stampa, con 10 attori protagonisti, 16 di secondo piano, un imponente coro che vede anche la presenta di cantanti locali e più di 50 persone che cureranno l’imponente apparato scenico.

Un progetto ambizioso che l’associazione sta curando da mesi e che è dedicato ai due amici, ai due soci fondatori del gruppo, Silvana e Luciano la coppia vittima della immane tragedia di Rigopiano dello scorso gennaio che hanno lasciato una grande vuoto in tutta la comunità ma allo stesso tempo la grande voglia di portare avanti un progetto da loro tanto amato.

 

Prevendita biglietti: 0872 56 600 - 339 340 4337

Costo del biglietto: 25,00 euro. Quattrocento i posti a sedere disponibili.(già quasi tutti esauriti)

Durante l’intervallo dell’opera, gli organizzatori offriranno agli spettatori il famoso Bocconotto castellino, dolce tipico locale le cui origini risalgono al 1700. In degustazione anche l’Elisir d’Abruzzo e altri prodotti di punta dell’azienda lancianese “Distilleria Jannamico M. & Figli”.

 

l Comune di Lanciano e l'Amministrazione Pupillo non hanno “sfrattato” alcuna manifestazione, tantomeno il Festival Adriatica Cabaret da anni ospitato nella Piazza d'Armi delle Torri Montanare.

Arriva puntuale la nota stampa del comune di Lanciano e dell'assessoreato alla cultura che dopo la conferenza stampa di ieri di presentazione di Adiatica proprio non sono d'accordo con le accuse mosse dal suo direttore artistico Ivaldo Rulli.

"Come noto all'intero paese Italia- silegge nel comunicato- enti pubblici e operatori dello spettacolo compresi, le direttive del Ministero dell'Interno dopo i gravi fatti di Torino si sono fatte più stringenti e particolarmente severe in tema di safety e security degli spettacoli pubblici: in particolare, si fa riferimento alla circolare in materia del Capo della Polizia Franco Gabrielli datata 7 giugno 2017 e a quella del Capo dipartimento dei Vigili del Fuoco che la recepisce del 19 giugno. L'ex candidato consigliere di Forza Italia e direttore artistico del Festival, dott. Ivaldo Rulli, con cui questa Amministrazione ha collaborato proficuamente in occasione delle Feste di Settembre 2011 confermando la nomina dalla precedente amministrazione di centrodestra, è stato prontamente informato e allertato dagli uffici competenti del Comune, come del resto tutte le altre associazioni che tradizionalmente organizzano eventi all'interno delle Torri Montanare. Al Festival Adriatica Cabaret, come all'Estate Musicale Frentana e a tutte le rassegne estive di cinema, teatro, spettacoli di vario genere è stata offerta in alternativa a Piazza D'Armi, che allo stato non può ospitare eventi con più di 100 persone salvo diverse disposizioni di apposita commissione grandi eventi, la suggestiva location di Largo dell'Appello che è stata dotata di un palco adeguato e di oltre 400 posti a sedere a 20 metri dalla solita e tradizionale location; una soluzione che tra l'altro garantisce la possibilità di tenere pressoché nello stesso luogo anche gli spettacoli a pagamento, come avviene per i prestigiosi concerti dell'Estate Musicale Frentana e come è avvenuto per le iniziative del Mastrogiurato dello scorso anno. Non solo: sono state offerte e messe a disposizione altre location, come Piazza Plebiscito - chiusa al traffico ovviamente, come avviene per qualsiasi evento che lì viene organizzato - lo Stadio comunale Guido Biondi, il campo sportivo Esposito sito all'interno del Parco Villa delle Rose, Piazza Pace. Le reali motivazioni del "trasloco" impropriamente definito sfratto a beneficio di una sterile polemica dal sapore post-elettorale, sono da ricercare dunque altrove: questa Amministrazione, per il tramite di questo Assessorato e degli uffici preposti, hanno più volte contattato la direzione del Festival, l'ultima volta il 20 luglio scorso giorno in cui siamo stati informati che tutto ormai era stato deciso per il trasferimento nella location di San Giovanni in Venere di Fossacesia.

Al Festival, c ontinua l'assessore Marusca Miscia, e al Comune di Fossacesia, che fa parte a pieno titolo del comprensorio Frentano di cui Lanciano è storicamente capoluogo, auguriamo le migliori fortune per la riuscita della manifestazione che continueremo a sostenere insieme a tutte le iniziative che fanno crescere il territorio culturalmente e artisticamente. Va però sottolineato, a scanso di equivoci, che la disponibilità ad accogliere l'evento era stata già manifestata dall'Amministrazione attraverso la pubblicazione della stessa all'interno del programma di Lanciano Estate 2017, senza indicazione specifica del luogo, come del resto è stato previsto anche per l'iniziativa organizzata dall'Associazione "Il Mastrogiurato", che sta lavorando in questi giorni di concerto con gli uffici e i tecnici per adeguare il luogo alle prescrizioni di safety e security poste dalle recenti circolari del Ministero dell'Interno.

La quarta settimana di LancianoEstate 2017 si apre domani martedì 1 agosto con due appuntamenti: alle 18 al Polo Museale Santo Spirito il Flic Festival Lanciano in Contemporanea propone “Acquerellando”, lezione-laboratorio sugli acquerelli per adulti, mentre alle 21 in Largo dell'Appello sarà la volta della seconda serata della rassegna dedicata al cinema muto “Suoni&Visioni”, con la proiezione de “Il Gabinetto del Dottor Caligari” di Robert Wiene (1920) e la colonna sonora live e inedita a cura di Mauro Campobasso (chitarre e live electronics) e Mauro Manzoni (sassofoni e live electronics). A seguire, alle ore 22, proiezione del film “La pazza gioia” di Paolo Virzì (2016). Dal cinema al teatro, sempre in Largo dell'Appello: mercoledì 2 agosto alle 21.30 appuntamento con lo spettacolo teatrale “Mary Poppins” dell'Associazione culturale Emeis. Sempre alle 21.30, al Polo Museale di Santo Spirito, proiezione di “Love is all. Piergiorgio Welby, Autoritratto”, per la regia di Francesco Andreotti e Livia Giunti (2015). Giovedì 3 agosto alle 17.30 laboratori d'acquerelli per bambini al Polo Museale, nell'ambito di Flic Festival Lanciano in Contemporanea. Dalle 19, via al quarto appuntamento con i Giovedì del Gusto e dello Shopping con la musica del Quartetto Alba lungo Corso Trento e Trieste, a cura della Scuola Civica Fenaroli di Lanciano. Alle 20.30, cena sotto le stelle lungo Corso Roma e Via dei Frentani, per l'occasione chiusa al traffico delle auto, con “Taste of Lanciano”: tema della quarta serata è #civuoleunfiore, con 11 ristoranti che proporranno menù a 15 euro per tutti i gusti e musica live sia a Corso Roma che in Via dei Frentani (consigliata la prenotazione). Alle 21.30 serata dedicata al karaoke nel Parco Diocleziano, a cura della Pro Loco Lanciano; alle 22 concerto in Piazza Plebiscito con la musica degli Alta Frequenza, a cura dell'associazione Lanciano Blues Festival. Venerdì 4 agosto alle 21.30 nell'ambito del Flic Festival Lanciano in Contemporanea, il Consorzio Matrix presenta il cortometraggio “Bianco e Nero”, di Vincenzo Scardapane e il libro “Il confine umano: vite in cerca di pace”, di Patrizia Angelozzi. Alle 21.30 nel Parco Diocleziano serata jazz con il duo Emanuela Di Benedetto (voce) e Giulio Gentile (piano), a cura della Pro Loco Lanciano. Sabato 5 e domenica 6 agosto torna il grande appuntamento con le bollicine di “Perlage 2017”, enogastronomia di qualità e cultura nella Lanciano antica, a cura di Lancianofiera. Domenica 6 agosto, alle ore 19, teatro all'aperto in Costa di Chieti 85 a “La Pecora Nera”, con i monologhi da“Lettura-riflessione interpretata” di Luigi Lunari e Stefano Benni, con Piera Spaziani e Dino Potenza dell'associazione Piccola Bottega dell'Arte.

 

 

 

Vola in Argentina lo spettacolo Tanos prodotto dal Teatro Stabile d’Abruzzo in collaborazione con la compagnia del Teatro del Sangro. Uno spettacolo che racconta senza giudizi né pregiudizi la storia degli italiani emigrati in Argentina negli anni ‘50.

La drammaturgia prevede l’utilizzo in scena di maschere che sono state realizzate dall’artista Stefano Perocco di Meduna e di burattini realizzati da Gaspare Nasuto e Brina Babini. Le musiche originali sono di Giovanni Sabella e le scene di Filippo Iezzi.

La tournée in Argentina è realizzata in collaborazione con Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires, Consolato Generale d’Italia di Rosario, Comites Rosario, Associazione “Famiglia Abruzzese” di Rosario, Centro Abruzzese Marplatense di Mar del Plata, Circolo Ricreativo Abruzzese di Berazategui, la Società Italiana di San Lorenzo, Scuola italo-argentina “Edmondo De Amicis” di Rosario, Scuola italo-argentina “Dante Alighieri” di Rosario, Società Italiana di Casilda Associazione Marchigiana, Società Italiana di Galvez, Società Italiana di Canada de Gomez, Associazione Alcara Li Fusi di Rosario, Società Italiana di Paranà, che ospiteranno lo spettacolo dal 4 al 22 agosto 2017.

Tanos è una messa in scena realizzata nell’ambito del progetto “Sistema Cultura Abruzzo”, il modello di investimento sul territorio messo in campo dal Tsa, attività unanimemente apprezzata e riconosciuta che ha portato al recente Premio Cultura di Gestione, promosso da Federculture, Agis, Alleanza Cooperative Italiane Turismo e Beni Culturali e Forum del Terzo Settore assegnato per la “costruzione di un organico sistema teatrale regionale, quale essenziale investimento culturale, con il quale il Teatro Stabile d’Abruzzo ha fornito un contributo decisivo alla trasformazione della vita culturale abruzzese, facendo sì che il Teatro divenisse un'importante e non episodica componente della vita sociale, anche rispondendo ad esigenze espresse di narrazione, analisi ed elaborazione dei traumi subiti nei luoghi del cratere sismico”.

Gli attori portano sui palcoscenici argentini Domenico e Rosa, giovani sposi, che in famiglia sentono scoppiettare l’idioma abruzzese, idioma che tra i componenti del “clan“  rappresenta il mito dell’origine, il rifugio salvifico, l’identità riaffermata, mentre per loro, senza lavoro nel 1950 e pieni di ambizioni, significa solo emarginazione e disprezzo.

Inizia così l’avventura di una coppia che costruisce su di sé una visione dell’estero, dell’Argentina, come terra da conquistare. Conquistare il successo, un buon lavoro, costruirsi una casa e farla finita con l’Abruzzo.

Domenico con la famiglia in Argentina vive tutte le fasi della sua vita nel pieno di una forte contraddizione psicologica, in una specie di lunga crisi d’identità, indeciso tra la spinta all’integrazione piena e la difesa della propria radice autentica, rappresentata dal patrimonio di tradizioni dei genitori, di norma antiquati e fatalmente antagonisti rispetto alle ambizioni dei figli.  

Tanos è il racconto di un continuo sogno ad occhi aperti, e del sogno questo spettacolo conserva la struttura ambigua e sfuggente.

Un lavoro teatrale “alimentato” anche dalla scrittura di John Fante: una comicità trafelata e plateale, l’inquietudine visionaria e ispirata, l’attenzione profonda, eppure mai compiaciuta, al mondo degli ultimi- degli immigrati- e chiaramente la scoppiettante presenza dell’ambiente domestico, cioè etnico, come sempre nei romanzi di Fante descritto nel momento della sua implosione, del suo scardinamento a causa delle forze contrapposte che lo abitano, generazionali e culturali.

 

  • Pagina 3