Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Domenica 25 settembre, con inizio alle ore 10, si svolgerà presso lo stabilimento Sevel di Atessa il 31esimo Corrifiat, manifestazione organizzata dall’Atletica Gruppo Fiat Auto Formia in collaborazione con la direzione ed il cedas dello stabilimento Sevel di Atessa. Il Corrifiat è una classica dicorsa su strada riservata ai dipendenti degli stabilimenti FCA ed è diventata un preciso punto di riferimento per l’attività amatoriale del mondo FCA. Al via ben tredici stabilimenti per un totale di trecento atleti partecipanti: Magneti Marelli Sulmona, Magneti Marelli Bari, Cnh – Fpt Foggia, Cnh New Holland Modena, Fca Melfi, Fca Termoli, Fca Cassino, Fca Pomigliano d’Arco,Fca Pratola Serra, Sevel Atessa, Aumatech San Salvo, Yanfeng Automotive, Tofas Bursa. Da sottolineare la presenza degli atleti della Turchia della Tofas Bursa. Per la cronaca l’edizione 2015 , svoltasi a Melfi, fu vinta dai dipendenti della FCA di Cassino, che precedettero i colleghi di Melfi ed i colleghi di Termoli. Anche quest’anno la squadra da battere sarà ancora una volta la FCA di Cassino, che tra l’altro ha vinto le ultime tre edizioni consecutive, eche schiererà ai nastri di partenza ben 42 atleti. Da Non sottovalutare la squadra dei padroni di casa della Sevel di Atessa, fortemente intenzionati a conquistare l’ambito trofeo, sfruttando il fattore campo e che si presenteranno al via con 49 atleti. Il percorso sarà allestito lungo i viali dello stabilimento Sevel, dove verrà ricavato un circuito di km.2. Le prove maschili si svolgeranno sulla distanza di Km. 10, ad eccezione della categoria ugaf (dai 66 ai 70 anni) che coprirà la distanza di Km.6, mentre la prova femminile avrà luogo sui Km.2.

Queste le categorie:
Donne: categoria unica – Km. 2
Uomini: categoria A ( 20-34 anni); categoria B (35-39 anni), categoria C (40-44 anni), categoria D (45-49 anni), categoria E (50-54 anni), categoria F (55-65 anni) – Km.10
Categoria Ugaf (66-70 anni) – Km.6
Ad esse va aggiunta la categoria “family”, riservata ai dipendenti e ai loro familiari, che dovranno percorrere la distanza simbolica di Km.1 , camminando o correndo.

Per la classica a squadre verranno presi in considerazione i primi tre classificati per ogni categoria e alla fine risulterà vincitore lo stabilimento che dalla somma delle sette categorie ( sei maschili e una femminile) avrà ottenuto il punteggio più basso.

Questo nel dettaglio il programma orario:
ore 10.00 cerimonia d’apertura
ore 10.15 Corrifiat Femminile Km.2
ore 10.30 Corrifiat maschile ( categoria Ugaf km. 6  e categorie D-E-F Km.10)
ore 11.30 categoria family km.1
ore 11.45 Corrifiat maschile (categorie A.-B-C Km.10)
ore 14.00 pranzo e premiazione ufficiale

Questa la classifica a squadre 2015 – Melfi 27 settembre
 1.    FCA Cassino
 2.    FCA Melfi
 3.    Fca Termoli
 4.    Cnh – Fpt Foggia
 5.    Magneti MArelli Bari
 6.    JC –YFAI Rocca d’Evandro
 7.    Tofas Bursa
 8.    Magneti Marelli Sulmona
 9.    Sevel Atessa
 10.    FCA Pratola Serra

Anche quest’anno sarà Ripa Teatina a ospitare “Sport in piazza, notte bianca” la manifestazione organizzata dalla Delegazione provinciale del Coni in programma domenica 18 settembre a partire dalle ore 15.00. Il lungo pomeriggio di sport si aprirà con la consueta sfilata di tutti i partecipanti che coloreranno le vie del paese i cui legami con lo sport sono indissolubili. La giornata proseguirà così con le protagoniste dell’evento, le discipline sportive che per questa edizione saranno: tiro con l’arco, basket, atletica leggera, calcio, pallavolo, pattinaggio, tennis, pugilato, ciclismo, softball, ginnastica ritmica e arti marziali. Il Delegato Coni di Chieti Gianfranco Milozzi ha voluto rivolgere il suo ringraziamento “al Sindaco Ignazio Rucci, all'Assessore allo Sport Gianluca Palladinetti e a tutte le Associazioni del Comune di Ripa Teatina che hanno collaborato all'organizzazione di questo importante evento che vedrà la partecipazione di circa 500 atleti delle diverse discipline sportive in programma”.

Riparte anche quest’anno l’attività del Centro sportivo Le Gemelle 2.0 di Lanciano, che vede nel team degli istruttori l’ingresso di Francesca Alvino e di Alessandra Salerno, istruttrici di spinning che si sono formate alla Fispin Academy (Federazione Italiana Spinning). Lo spinning è un programma di allenamento indoor e di gruppo, che consiste in un’ attività prevalentemente aerobica che porta lo spinner a pedalare a ritmo di musica  su biciclette stazionarie. Questo tipo di allenamento, nato come preparazione al chiuso per ciclisti su strada, è stato inventato da Johnny G. negli Stati Uniti ed introdotto in Europa nel 1995. Durante una lezione di spinning (che dura mediamente dai 45 ai 50 minuti) vengono  simulati percorsi virtuali , lungo i quali il ritmo della pedalata cambia, imitando salite pianure e colline. Lo spinning si fonda su tecniche di concentrazione e di coinvolgimento tipiche del training autogeno grazie a scelte musicali appropriate e tecniche di allenamento impartite dall’istruttore che rendono ogni singola lezione diversa dall’altra, in intensità ed obiettivi da raggiungere. La lezione si svolge in gruppo ,e si esegue sotto la direzione di un istruttore che cercherà di condurre lo spinner in un viaggio virtuale in cui concentrazione e coinvolgimento la faranno da padroni per superare la fatica fisica ed aumentare le capacità organiche di ogni allievo.L’allenamento è unico ma, al contrario di quanto spesso si è indotti a pensare, si presta molto facilmente ad essere adattato sia al principiante sia al ciclista esperto. Le lezioni di spinning, adatte a tutti, producono dunque un ottimo allenamento che garantisce ottimi progressi in resistenza, forza e perdita di peso con un notevole dispendio calorico. Infatti, il dispendio energetico medio  che si ha in una lezione di spinning è di circa 540 kcal/h.
Ogni allenamento ha un obiettivo specifico che l’istruttore cercherà di far centrare allo spinner attraverso la descrizione delle sensazioni che questo dovrà perseguire e invogliandolo all’utilizzo del cardiofrequenzimetro che è un importante strumento di riscontro che rileva e consente la visualizzazione e il monitoraggio del battito cardiaco, importante riferimento per l’ottimizzazione degli allenamenti. Altre info su www.legemelle.com

Il cartellone del Settembre Lancianese si arricchisce di un ulteriore appuntamento: con il patrocinio delle Feste e del Comune di Lanciano viene infatti organizzata in questi giorni la mostra «Le radici e le passione», un’esposizione di documenti storici e fotografici curata dall’associazione Lanciano Rossonera. La mostra sarà aperta, con ingresso libero, da martedì 13 a venerdì 16 settembre dalle 18:00 alle 21:00 nel Foyer del Fenaroli in via Sotto la Torre, la strada che collega piazza del Plebiscito a via dei Bastioni. Verranno esposti una serie di documenti d’archivio a partire dai primi anni ’20, come ad esempio i carteggi per le richieste di sovvenzioni all’amministrazione comunale, o del periodo bellico, come la corrispondenza con le autorità alleate per la derequisizione del campo di calcio. La parte fotografica riguarda invece per la maggior parte il Dopoguerra, e ripropone molte delle fotografie già esposte nel 2005 nel Palazzo degli Studi, in occasione di una mostra simile curata da Elena Geniola e Marcella Di Marco. Il materiale è disposto su otto pannelli ordinati cronologicamente, per ripercorrere con uno sguardo a volo d’uccello, ma in maniera ordinata, mezzo secolo di storia del calcio lancianese. Si comincia con la fondazione della Virtus Lanciano nel 1920 sino alle difficoltà di fine decennio, la crisi dei primi anni ’30 e la rinascita prima e dopo il conflitto sotto la guida dell’allenatore bolognese Giuseppe Baccilieri, fino a concludere con gli esaltanti campionati dei primi anni ’50. Per approfondire le vicende sportive del periodo, è stato prodotto un libricino intitolato «Breve storia del calcio lancianese nella prima metà del novecento», che sarà in distribuzione al Foyer in questi giorni. Nei giorni della mostra sarà inoltre possibile sottoscrivere il modulo di adesione all’associazione Lanciano Rossonera, che sabato scorso è stato presentata nel corso di un’assemblea pubblica alla sala Mazzini. Per conoscere meglio Lanciano Rossonera c’è il sito www.lancianorossonera.it; mentre per seguire l’associazione sui social sono attivi gli account Facebook Lanciano Rossonera, Twitter @LancianoRN e Instagram lancianorossonera.

In tanti hanno pensato a uno scherzo: sulla pagina Facebook del Virtus Store è apparso un avviso, in cui si annunciava la riapertura del punto vendita, con i relativi orari. "Ma come?", si sono chiesti in tanti, "tornano a vendere gadget e merchandising di una squadra che non esiste più?". E in rete, ovviamente, si è scatenata la polemica, con molti tifosi che hanno interpretato questa decisione come un'ulteriore provocazione da parte dei Maio, a cui non viene perdonata la scelta di aver abbandonato il calcio dall'oggi al domani. E giù strali all'indirizzo degli ex patron rossoneri. Già nelle scorse settimane si era registrato un altro momento di tensione, quando apparvero i giganteschi cartelloni stradali che annunciavano l'apertura delle iscrizioni alla "scuola calcio d'elite" della Virtus. Va comunque ricordato che la Virtus ha mantenuto il settore giovanile. Una piccola consolazione, che però non è bastata a calmare gli animi della tifoseria.

Giovedì 25 agosto, alle 19, nell’ex casa di conversazione di Lanciano, si riunisce il direttivo dell’associazione Lanciano Rossonera per presentare il modello di adesione e organizzare le prime iniziative dell’associazione. La riunione sarà comunque aperta a tutti coloro che vorranno intervenire per avere informazioni sull’attività e gli scopi dell’associazione. Per quanto riguarda le adesioni, una volta completata l’organizzazione degli aspetti fiscali e burocratici, sarà reso noto l’iban per versare la quota associativa di 50 euro che permette di far parte attivamente di Lanciano Rossonera per i prossimi due anni. Lo statuto dell’associazione è consultabile sul blog lancianorossonera.wordpress.com. Tra le prime iniziative in cantiere invece c’è la realizzazione di una mostra storica sulle origini del calcio lancianese, che si svolgerà durante il periodo delle Feste di Settembre con tempi e luogo che sono in via di definizione.

L’assemblea dell’associazione Lanciano Rossonera, che si è svolta ieri sera nell’ex casa di conversazione a Lanciano, ha nominato il direttivo provvisorio composto da Giancarlo Micolucci (presidente), Pio Fiore Di Vincenzo (vicepresidente), Francesco Di Lello (segretario-tesoriere), Luigi Toppeta (portavoce), Andrea Rapino (addetto stampa e alle comunicazioni), Mario Pupillo, Enrico Ciannamea, Alessandro Flamminio, Gabriele Di Bucchianico, Mario Giancristofaro, Leonardo Di Florio e Pasquale Giovannelli. Questo direttivo provvisorio resterà in carica fino al 30 novembre, quando il nuovo sarà eletto dai soci. Lo scopo dell’associazione, il cui statuto può essere scaricato dal blog lancianorossonera.wordpress.com, è quello di ricostruire dal basso una società di calcio a Lanciano, che porti il nome della città e gli storici colori rossoneri. L’associazione ha stretto un accordo con la Marcianese, al momento prima squadra della città che milita nel campionato di Prima Categoria: la Marcianese, in base alle proprie necessità e richieste, riceverà il sostegno dell’associazione, e dalla prossima stagione cambierà denominazione in Lanciano 1920.

Si svolgerà domani nel piazzale dell'Assunta, inizio alle 20.30, Boxe sotto le stelle - primo trofeo città di Castel Frentano. La manifestazione pugilistica è organizzata dalla Crea-box di Lanciano e dalla Pro Loco di Castel Frentano. Saranno presenti stand gastronomici. Durante la riunione, con incontri di alto livello combatteranno i pugili Vincenzo Verderosa, Johnny Cocci e Luigi Alfieri, pugile élite vincitore del torneo nazionale "Il guanto d'oro". Sarà presente il campione regionale 2016, categoria juniores, il castellino Mattia Del Nobile. Questi gli incontri che si disputeranno: Scholboys, peso 56 kg, Francesco D'Ottavio (ASD Ascoli Boxe) - Francesco Pio Giannuario (ASD Revolution); Yunior, 60 kg, Mattia Del Nobile (ASD Crea Boxe)- Fabio Di Matteo (ASD Boxing San Salvo); Yunior, 75 kg, Michele Mucci (ASD Pugilistica Guardiagrele) - Domenico Golino (ASD Exelsior Boxe Marcianise); Youth, 64 kg, David Mihut (ASD Crea Boxe)- Gioele Pichini (ASD Ascoli Boxe); Senior, 60 Kg, Manuel Cordisco (ASD Boxe Termoli) - Gino Fontana (ASD Sauli Boxe); Senior, kg 69, Mario Giovanni Zolli (ASD Revolution)- Anis Hafdi (ASD Vasto Ring); Senior 75 kg, Sidi Hamed Gano (ASD Boxing San Salvo) - Fabio Giacomodonato (ASD Boxe Termoli); Elite, 64 kg, Volodymyr Gaiduk (ASD Ascoli Boxe)- Gustavo Rossetti (ASD Exelsior Boxe Marcianise); Élite, 69 kg, Vincenzo Verderosa (ASD Boxing San Salvo)- Raimondo Gallo (ASD Exelsior Boxe Marcianise); Élite, 81 kg, Jonny Cocci (ASD Ascoli Boxe)- Davide De Lellis (ASD Pug. Di Giacomo).

Questa mattina fra i tifosi rossoneri ritrovato entusiasmo: Donato di Campli, il procuratore di Verratti, un lancianese doc, ha ripreso le redini di una nuova società di calcio. Del resto era stato proprio lui ad annunciarlo con la frase "Noi siamo la Pro Lanciano...presidente della Pro Lanciano", scrivendolo sulla sua bacheca Facebook (nella foto sopra). Poi, però, la smentita sempre dello stesso Di Campli proprio sotto il nostro articolo che annunciava il sodalizio. E in rete, oltre a una nuova delusione, è scoppiato un piccolo giallo: cosa ci sarà di vero? Certo è che trattative in corso per costituire una nuova società ci sono, ma a questo punto, Di Campli ne farà parte? Non resta che aspettare e...incrociare le dita. (C.Lab.)

Morta la Virtus, è nata ufficialmente la Pro Lanciano. Ad annunciarlo, sui social, è Donato Di Campli, che dovrebbe essere anche il presidente del nuovo sodalizio rossonero. Per ora non è filtrata nessuna altra indiscrezione sulla compagine societaria, né in quale categoria militerà la squadra. La notizia, però, sta già facendo il giro della rete, tra l'entusiasmo della tifoseria.

  • Pagina 5