Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Ha   torturato e poi ucciso un cinghiale inerme con indicibile violenza, per questo un  uomo di 64 anni, è stato denunciato dai Carabinieri Forestali per maltrattamento ed uccisione di animali e per esercizio della caccia con mezzi non consentiti dalla legge.

Come se non bastasse aveva anche pensato di farsi filmare con il cellulare mentre torturava la povera bestia. Le immagini sono partite proprio dall’esame di  due video che giravano  su Whatsapp e che mostrano l'uomo mentre,  prima con un bidente, colpisce ripetutamente il cinghiale che era stato imprigionato con un laccio di filo di ferro, per poi finirlo con un coltello che era stato dato dall’uomo da chi in quel momento si divertiva a filmarlo.

I Carabinieri Forestale hanno individuato il luogo nel quale il fatto si è verificato, ovvero le campagne di Tornareccio, e con l'ausilio dei carabinieri di Atessa si è giunti alla identificazione del64enne che risiede nella zona. In casa del 64enne sono stati sequestrati il bidente e il coltello utilizzati per torturare e uccidere l'animale, il laccio e gli abiti che l'uomo indossava quando si è verificato il fatto.

Ancora da identificare l'autore del video.