Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO. Comprano birra, magari in offerta, in qualche supermercato e poi vanno a festeggiare nello spiazzo dietro l’ex ippodromo di Villa delle Rose, in barba ai divieti di vendere alcolici a ragazzi che, in molti casi, sono anche minorenni. Storie di degrado ed ordine pubblico a Lanciano, in pieno centro, in una zona frequentatissima non solo dai ragazzi ma anche da famiglie. Non è la prima volta che scriviamo di questa situazione, ma ci auguriamo che sia l’ultima.

Le foto parlano chiaro: già il sabato mattina la via che costeggia l’ex ippodromo è piena di cartoni di birra con all’interno bottiglie vuote, senza contare cartacce e vassoi da dolci con all’interno avanzi di vario genere. E ancora, mozziconi di sigarette, siringhe e preservativi. La situazione peggiora, come in questo caso, quando il chioschetto, presente all’interno dell’area, è chiuso. Quando è aperto, infatti, gli inservienti passano per i tavoli a ritirare carte e bottiglie lasciando tutto pulito almeno fino ad orario di chiusura. Stessa cosa per i locali vicini. Quando sono chiusi, il luogo diventa una sorta di terra di nessuno in cui l’inciviltà dei giovani avventori regna sovrana, visto che i cestini presenti, pochi, vengono riempiti di rifiuti abbastanza celermente e spesso anche con materiale che non dovrebbe essere depositato nei cestini. Tutto questo nonostante gli operatori ecologici della Ecolan passano a ritirare i rifiuti alle prime luci dell’alba. Ciò che non si può pulire sono le scritte sulla gradinata lungo il muretto che costeggia l’ex ippodromo. La speranza è che non vengano imbrattate quelle nuove, da poco realizzate.

Spostandoci di qualche metro troviamo una situazione simile anche al parco giochi, luogo dove i bambini dovrebbero essere liberi di giocare in una situazione di relativa tranquillità. Il condizionale è d’obbligo visto che anche qui si trovano cartacce e varie deiezioni. Se l’occhio ha la sua parte, anche il naso ha la sua: in tutte queste zone, a cui si aggiunge la scalinata che scende su via per Fossacesia, c’è una forte puzza di urina. Molti residenti, infatti, lamentano un odore sgradevole fin dalle prime ore della mattina, prima del passaggio della Ecolan, e che ormai definiscono la situazione insostenibile.

Tutto questo avviene in pieno centro a Lanciano. Quindi in luogo pubblico in cui i cittadini tutti, senza distinzione di età, dovrebbero collaborare per mantenere il luogo pulito entro certi limiti e non trasformare la zona in una sorta di latrina a cielo aperto o in una discarica. E’ vero che passano gli operatori ecologici per pulire, ma è anche vero che il loro lavoro viene vanificato dopo qualche ora visto che tutto questo avviene anche negli altri giorni della settimana e non solo il sabato e la domenica. Una soluzione potrebbe essere l’installazione di telecamere di sicurezza, che il comune ha comunque previsto nel progetto del futuro parco urbano in memoria di Pino Valente, ma che forse sarebbe meglio anticipare. (P.D.R.)