Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Da troppo tempo, soprattutto nel centro storico di Lanciano  alcuni incivili, come li definisce il sindaco Mario Pupillo, abbandonano rifiuti senza alcun rispetto né del calendario della raccolta né della differenziata. Non è raro, tuttavia,  vedere sacchetti di pattume indifferenziato buttato in strada anche in centro città. Usano i cestini per la raccolta delle deiezioni canine per infilarvi di tutto, o, alla meno peggio, abbandonano grossi sacchi appoggiandoli nei pressi degli eco box. Una abitudine che si fa beffa dei tanti cittadini, a Lanciano la raccolta differenziata sfiora l’80%, che invece diligentemente conferiscono la spazzatura.

Oggi la svolta, Ecolan Spa ci ha comunicato, scrive il sindaco dal suo profilo FB, che non effettuerà più la raccolta dei rifiuti abbandonati in questo modo incivile e assolutamente illegale. Con l'Ufficio Ambiente stiamo procedendo alla bonifica dei luoghi e con la Polizia Municipale alle operazioni di accertamento della provenienza dei rifiuti e dei responsabili degli abbandoni. I rifiuti saranno ispezionati minuziosamente per risalire ai proprietari dei sacchetti e ai responsabili di questo comportamento incivile e gravemente lesivo per la comunità intera. 

Ricordiamo che l'abbandono dei rifiuti è sanzionato, ai sensi del Codice dell'Ambiente, con una multa da 300 a 3000 euro.

Il fenomeno come abbiamo già detto è maggiormente presente nel centro storico una zona dove le case vengono affittate a persone di “passaggio”. Spesse volte non viene effettuata neanche l’iscrizione al comune per aprire una posizione che li metta in regola, oltre che con il pagamento della tassa anche con la successiva distribuzione del massello. Una situazione di perfetta illegalità dove non si paga la Tari e non ci si preoccupa neanche di ritirare il bidoncino. Fino ad oggial  mattino si trovavo tutto pulito, gli operatori Ecolan passando caricavano anche quello che non doveva essere abbandonato li e in quelle condizioni. Non è giusto, reclamavano i residenti ed oggi, finalmente, l’annuncio. Vita dura per gli sporcaccioni quindi con, la speranza che si proceda spediti e senza i passi in dietro che si sono fatti con le multe ai padroni dei cani che non raccoglievano le deiezioni. (C.Lab)