Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Aumento del numero degli iscritti, ma arredi scolastici e attrezzature vecchi e fatiscenti, in alcuni casi "pregiudizievoli per la sicurezza degli studenti". Sono questi i motivi che hanno spinto il Comune di Lanciano a "prelevare" quasi 25mila euro dal fondo di riserva di Palazzo di Città, e a destinarli all'acquisto di quanto è necessario per garantire l'attività didattica nei diversi plessi locali. Nei capitoli ordinari di bilancio, infatti, non c'erano somme sufficienti a procedere agli ordinativi. Di qui la scelta di utilizzare, su proposta dell'assessore alla pubblica istruzione Giacinto Verna, le risorse accantonate nel fondo di riserva.