Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

E' stato uno degli argomenti clou del finale dell'ultima campagna elettorale per il Comune di Lanciano: parliamo del progetto del Central Park a Villa delle Rose, presentato a sorpresa dal candidato sindaco (rieletto) Mario Pupillo direttamente nelle mani del presidente della Regione Luciano D'Alfonso, in città per un'iniziativa della Sangritana. Un'iniziativa di cui nessuno aveva mai sentito parlare prima, che fu etichettata come una boutade in tempi di elezioni. E invece l'amministrazione comunale a quell'idea sembra credere davvero, tanto che è stata approvata una variazione di bilancio da 300mila euro, somma che rappresenta la compartecipazione di Palazzo di Città alla realizzazione dell'opera, per la quale la D'Alfonso ha promesso un finanziamento della Regione di un altro milione e 200mila euro. In realtà nelle casse del Comune quei 300mila euro oggi non ci sono: 285mila arriveranno con l'accensione di un nuovo mutuo, mentre 15mila dagli oneri di urbanizzazione. "La riqualificazione - spiega il vice sindaco Pino Valente - prevede la realizzazione del parco pubblico su una superficie di 6 ettari di verde, nell'area che collega la Villa Comunale con il parco Villa delle Rose. Saranno eliminate sia la strada, sia i recinti in muratura, andando così a creare uno spazio unico a disposizione delle famiglie e dei bambini, circondato dalla pista ciclo perdonale nell’anello dell’ex Ippodromo, pista che si ricollegherà al circuito ciclabile di via del Mare, creando un percorso unico a disposizione di ciclisti, pedoni e cittadini". Valente, insieme a Pupillo e all'assessore Marusca Miscia, ha avuto un altro incontro in Regione per l'attuazione del progetto. "Nel frattempo - aggiunge Valente - partiremo con la progettazione esecutiva del primo lotto funzionale, con l’obiettivo di far partire materialmente i lavori tra la primavera e l’estate del 2017. Nel primo lotto sicuramente inseriremo il rifacimento delle tribune che ad oggi non sono agibili per lo stato di degrado dovuto a decenni di incuria".