Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

E’ quanto accaduto la scorsa notte in un bar del centro storico di Lanciano.  Appena dopo la mezzanotte, infatti, mentre D.R.,  titolare del bar, era dietro il bancone, un giovane del luogo, a volto scoperto,  si è avvicinato  e con la scusa di ordinare una birra estraeva una pistola intimandogli di consegnargli l’incasso. Il barista, in preda al panico, ha prelevato del denaro dalla cassa e a quel punto il rapinatore, con mossa fulminea e senza neanche guardare, ha sottratto di una banconota da 50 euro scappando a piedi.

Immediato l’intervento dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lanciano, già impegnati in un più ampio e  specifico servizio per il contrasto dei reati contro il patrimonio disposto dal Comandante Capitano Vincenzo Orlando, allertati dall’esercente.

Le  tempestive indagini condotte in loco grazie alle preziose indicazioni fornite dal titolare dell’esercizio pubblico, hanno permesso di risalire immediatamente al rapinatore che nel giro di poco tempo è stato rintracciato in una sua abitazione. La perquisizione domiciliare operata a suo carico ha permesso di rinvenire, occultata nel secchio dell’immondizia, la pistola utilizzata per la rapina, accertando che si trattava  di “giocattolo”, priva del tappo rosso, che è stata subito sequestrata.

Il Rapinatore Scoccimarra Nino, 33enne di Lanciano, già noto alle forze dell’ordine per  gravosi precedenti, è stato pertanto arrestato ed ora dovrà rispondere di rapina aggravata. IN attesa della convalida è stato tradotto presso la locale Casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica.