Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Le Cantine Cooperative festeggiano i 50 anni del Montepulciano d'Abruzzo. E' trascorso quindi, mezzo secolo dal riconoscimento della denominazione di origine controllata per un vino che ha da tempo varcato i confini regionali e nazionali conquistando meritati apprezzamenti, consolidando un posto di primissimo piano nel panorama vinicolo internazionale. Si tratta perciò di un compleanno importante che andava celebrato in una adeguata cornice e con un programma capace di dare il giusto risalto non solo al Montepulciano d'Abruzzo ma anche alle Cantine Sociali che svolgono un ruolo significativo per l'economia del territorio. E il nostro racconta di vigneti, di profumi, di lavoro, di impegno, di obiettivi centrati e di percorsi ancora da fare. Lancianofiera ha voluto sottolineare con una serata evento organizzata con il patrocinio del Comune di Lanciano e in collaborazione con il Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo, proprio il ruolo delle Cantine Sociali, brindando con e al Montepulciano d'Abruzzo. La manifestazione si terrà a Lanciano il prossimo 3 agosto, sarà piazza Plebiscito il palcoscenico di un programma interessante e accattivante  illustrato questa mattina nel corso di una conferenza stampa.

“L'idea è nata con l'obiettivo di sottolineare con iniziative ad hoc il lavoro e i risultati raggiunti dalle cooperative agricole della nostra zona, ricordare come gli agricoltori con lungimiranza hanno sentito la necessità di unirsi per commercializzare il vino prodotto – ha spiegato il Presidente di Lancianofiera Franco Ferrante - un vino che ne ha fatta di strada e oggi, non è esagerato dire, che è tra i migliori e più noti d'Italia. Attraverso il Montepulciano d' Abruzzo si possono conoscere le peculiarità e le suggestioni di una regione dalle molteplici risorse e dalle potenzialità ancora inespresse. Il programma del 3 agosto unisce conoscenza, competenza, cultura, ma anche momenti di leggerezza e di spettacolo,in un'atmosfera che sono certo verrà apprezzata, naturalmente non mancheranno degustazioni e assaggi. Si comincia alle 19.00 con un talk show dal titolo eloquente “ 50 anni di Montepulciano d'Abruzzo:il ruolo delle cantine cooperative” - ha concluso Ferrante – con la presenza di Patrizio Roversi, conduttore di Linea Verde che coordinerà, con piglio brillante e autorevole, i relatori”. Tra questi Giuseppe Mauro, Ordinario di Politica Economica all'Università D'Annunzio Chieti-Pescara, Jenny Pacini, Direttrice Abruzzo Economia, Tonino Verna, Presidente Cantina Tollo, Dennis Pantini, responsabile di Nomisma Wine Monitor e Valentino Di Campli, Presidente Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo.

“Il Montepulciano d'Abruzzo è un vino rosso fermo, tra i più importanti d'Italia e il più importante all'estero – ha esordito il Presidente Di Campli che questa mattina ha preso parte all'incontro con i giornalisti -  questa serata evento è quasi un atto dovuto, un riconoscimento ampiamente meritato dalle cantine cooperative abituate a lavorare in silenzio, senza clamori, ma con grandi e visibili risultati. Il prodotto abruzzese è cresciuto negli anni, specie nella provincia di Chieti che annovera il maggior numero di cooperative in Italia. La parola sociale – ha tenuto a precisare – non è casuale ma esprime lo spirito, la volontà di lavorare insieme con un prodotto che esiste da millenni e in Abruzzo in tanti hanno creduto con forza e determinazione alla possibilità di creare cooperative, di ottimizzare quindi impegno e risultati. La produzione di vino passa per oltre l'85 per cento attraverso le Cantine Sociali che associano oltre 20.000 produttori. Le cantine abruzzesi sono in totale 40 di cui 33 nella sola provincia di Chieti”.

A ribadire il ruolo strategico della vitivinicoltura e quindi del vino e dell'enogastronomia è stata l'assessore all'Agricoltura e alle Attività Produttive al Comune di Lanciano Francesca Caporale: “Sono molto orgogliosa di ospitare nel cuore della città un evento che sicuramente richiamerà un pubblico numeroso e che vede protagonisti il lavoro infaticabile delle cantine sociali e il frutto di questo impegno, il Montepulciano d'Abruzzo, un vino diventato ormai internazionale. Questa iniziativa rappresenta un'altra costruttiva occasione di promozione e di conoscenza. Noi come amministratori non possiamo che sostenere e favorire progetti di questo tipo che puntano a rimarcare il buono e il bello del nostro territorio e della nostra regione”.

L'appuntamento quindi con il Montepulciano d'Abruzzo è per il 3 Agosto prossimo, in Piazza Plebiscito. Si comincia alle 19 e si finisce con il cabaret di Nduccio e la musica della sua orchestra “Il Sentimento Agricolo”.