Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Tutto pronto per la festa in onore di sant’Antonio di Padova a Lanciano. La parrocchia, la più popolosa della città che lo scorso anno ha festeggiato il suo 50esimo anniversario e che è ospitata all’interno del convento francescano sant’Angelo della Pace fondato da San Giovanni da Capestrano nel 400, si prepara ad una due giorni di festeggiamenti che culmineranno nella solenne processione di domani sera per le vie del centro. Il percorso di quest’anno attraverserà via per Fossacesia per poi girare a via San Giovanni da Capestrano e rientrare in Chiesa.

Un Santo amato da tutti i fedeli Sant’Antonio protettore  oltre che dei lavoratori dei campi anche delle cause “impossibili” ed è per questo che ogni anno sono migliaia i fedeli che si riversano i Chiesa per prendere parte alle messe che si susseguono senza sosta dalle 6 del mattino fino a mezzogiorno e che poi riportano a casa il “panicello” benedetto simbolo del frate che la cui effige lo rappresenta sempre con il pane, il bambinello e il giglio simbolo della purezza dei bambini.

Ed è per questo che Sant’Antonio da Padova è considerato, da sempre, protettore dei fanciulli e durante la messa delle 18 di  domani 13 giugno presieduta da Sua eccellenza il Vescovo Don Emidio Cipollone verranno benedetti tutti i bambini ai quali verrà consegnato il giglio da portare il processione insieme ai bambini che hanno ricevuto il sacramento della prima comunione.

Per il programma civile è prevista per questa sera, dopo la premiazione del torneo di calcetto, l’esibizione della Tequila e Montepulciano Band mentre domani della Grande Banda Fedele Fenaroli.

Presidente del comitato  dei festeggiamneti Domenico Mancini nella foto con il presidente dello scorso anno Massimo Desiderioscioli.