Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

"Il referendum sulle trivelle, appena ammesso dalla Consulta, non riguarda il progetto Ombrina Mare e non avrà alcun effetto su di esso. Ombrina per legge non si farà più, a prescindere da qualsiasi esito del referendum (quorum raggiunto o no, vittoria del sì o del no)". Poche parole, in un comunicato altrettanto sintetico, con cui Nuovo Senso Civico interviene nel dibattito che si è riacceso negli ultimi giorni sulle trivellazioni in Adriatico. Un dibattito legato al dietrofront della Regione sul referendum, che ha riacceso l'allarme sul territorio rispetto a Ombrina."Considerato che molte persone  continuano a interpellarci preoccupate perché non riescono a raccapezzarsi nei recenti ingarbugliati intrecci su referendume e trivelle, tra sentenze, ricorsi e vuote parole al vento - scrive Nuovo Senso Civico - ci sentiamo in dovere di mettere una parola definitiva sulla vicenda che negli ultimi anni ha appassionato decine di migliaia di donne ed uomini nella nostra Regione e non solo. Poi naturalmente su tutte le altre questioni ancora aperte, a terra o in mare, la nostra battaglia continua finché non si arriverà all'obiettivo 'trivelle zero' che significa scegliere un presente ed un futuro più sani e di benessere per tutti. Ma tranquilli, arriveremo anche a questo...".