Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

E’ accaduto tutto ieri mattina, sabato, una giornata come tante. Il mercato, tanta gente in giro e tanti ragazzi africani che, come ogni giorno, arrivano in città dalle zone del pescarese, in pulman o in treno, per chiedere soldi ai parcheggi, proponendo la vendita di accendini e collanine. In gruppo, alcuni di loro entrano in un bar del centro città e li, questo è ancora da chiarire, sono volate parole grosse, una discussione, offese, i testimoni raccontano pesanti e poi botte.

Il proprietario del bar, un locale storico di Lanciano, per ora ci ha chiesto riservatezza: “devo parlare con il  mio legale, è una situazione che non so come gestire, non è la prima volta che accade e voglio capire come comportarmi”. Noi rispettiamo questa sua richiesta, appena vorrà, vi forniremo il nome del locale e del suo proprietario.

Quel che è certo, e che per dovere di cronaca dobbiamo raccontarvi,  che il malcapitato è finito in ospedale con un braccio rotto e diverse altre escoriazioni. Questa mattina quando abbiamo chiamato al telefono ci ha risposto il papà, anche lui provato dall’accaduto, che ci ha raccontato che forse, nel pomeriggio, il bar sarebbe rimasto chiuso, “mio figlio sta male”, ci ha detto.(Redazione)