Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Nel consiglio comunale di mercoledì scorso a Lanciano la maggioranza e opposizione unanimemente favorevoli alla realizzazione delle piste ciclabili in citta’. Favorevoli si, ma a patto che non siano come quella di via del mare, sottolinea in un comunicato stampa Nuova Lanciano con Paolo Bomba e Angelo Palmieri.

“Nuova Lanciano”, si legge in un comunicato stampa,  nel ribadire quanto espresso nel consiglio comunale , manifesta la propria netta e ferma contrarietà all’istituzione del senso unico di marcia in Viale Cappuccini con relativa realizzazione di una pista ciclabile modello “Via del Mare”, così come è nelle intenzioni dell’amministrazione comunale.

Come già spiegato nelle sedi opportune, si continua a leggere,  la mobilità alternativa – alla quale Nuova Lanciano, peraltro, si dice favorevole – si attua attraverso la messa in campo di una serie di studi e di iniziative che non prevedano solo e semplicemente un senso unico ed una corsia ciclabile. Noi pensiamo a progetti che prevedono parcheggi di scambio all’ingresso della città che possano interagire con una mobilità alternativa, inoltre, valutiamo positivamente la possibilità di realizzare percorsi ciclo pedonali lontani dalle arterie ad alta densità di traffico sia per ragioni di sicurezza stradale sia per ragioni legate alla salute dei fruitori.

Viale Cappuccini, arteria fondamentale per l’accesso alla Città, anche grazie ad un cospicuo intervento messo in campo dall’allora amministrazione di centrodestra, non può e non sarà oggetto di sperimentazioni fantastiche di una maggioranza di governo che, dietro il paravento di mirabolanti concetti come “green city” o “smart city”, continua a portare avanti dei progetti assolutamente scollegati dalla realtà ma, soprattutto, dannosi per i residenti, gli operatori economici e per tutti coloro che, per fortuna (e non altro, viste le politiche di spoliazione in atto!), trovano ancora un’occasione per frequentare la nostra Città.

Pertanto, pur senza timore di smentire la natura moderata che ci contraddistingue, “Nuova Lanciano” è pronta ad intraprendere e supportare ogni iniziativa democratica che impedisca all’amministrazione comunale di replicare i progetti fallimentari già sperimentati in altre zone della Città.

E a Nuova Lanciano si aggiunge anche CasaPound che presenta la propria petizione in via preventiva per ribadire il secco "No" alla pista ciclabile in progetto nella zona di Viale Cappuccini. La cosiddetta opera ecologica, afferma il movimento, renderebbe a senso unico una delle grandi arterie di Lanciano, infliggendo seri danni al commercio e alla viabilità.
"Con questa petizione intendiamo portare in Comune l'opinione degli oramai inascoltati cittadini lancianesi su questa nuova trovata dell'Amministrazione Pupillo" queste le durissime parole del responsabile locale Marco Pasquini.
"Abbiamo ascoltato diversi commercianti della zona di Viale Cappuccini, seriamente preoccupati di subire lo stesso triste destino di Via del Mare. Le attività commerciali risulterebbero pesantemente danneggiate dal conseguente calo di visibilità, per non parlare del blocco del traffico: molte vie secondarie, come Via Belvedere, già pericolose per confermazione e danno procurato dal dissesto idrogeologico, si troverebbero intasate".

"Rendere Viale Cappuccini a senso unico - prosegue Pasquini - è uno spreco di fondi immotivato, poiché Lanciano non è una città adatta allo spostamento in bicicletta: zone sconnesse, conformazione del terreno inadatta, forti pendenze. Un chiaro esempio è il bike sharing, esperimento fallito per trascuratezza del Comune. Se davvero si vuol fare qualcosa per riqualificare la zona, forse sarebbe più sensato da parte della giunta comunale pensare al rifacimento delle strade e dei marciapiedi, distrutti dall'incuria e dagli alberi."

"Per firmare la petizione - conclude il responsabile lancianese di CPI - i cittadini potranno recarsi presso la nostra sede negli orari di apertura o contattandoci sulla nostra pagina Facebook, e nei prossimi giorni verranno comunicati i nomi delle attività commerciali dove è possibile trovare il modulo. CasaPound Italia agirà nel nome dei cittadini, contro le false promesse e ed i vuoti proclami di questa Amministrazione".