Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

 

Il programma europeo “Frutta nelle scuole”, il progetto frutta, è una iniziativa introdotto dal regolamento (CE) n.1234 del Consiglio del 22 ottobre 2007 ed è finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari. Nella scelta dei prodotti frutticoli si privilegeranno prodotti di qualità certificati (D.O.P., I.G.P., Biologici) e/o prodotti ottenuti con metodi di produzione integrata certificata e dovranno comprovare la loro origine di prodotto comunitario al 100%. Almeno questo è quanto si apprende sul sito del MInistero delle Politiche agricole e forestali.

Fra gli obiettivi del programma quello principale è di incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini compresi tra i sei e gli undici anni di età e così giornalmente e secondo un calendario ben definito nelle scuole, ad anche a Lanciano, arrivano Arance Fragole, Kiwi, Mele, Pere, Carote, Finocchi, Pomodorino. Prodotti possibilmente feschi che i bambini mangiano, chi più chi meno, anche aiutati dalle maestre e da personale non docente che a volte si ingegna nella preparazione di spremute o taglia le mele nel caso non lo fossero già.

Questa mattina era il turno delle carote, in genere quelle baby tenere e gustose in bustine da 100 gr, e invece cosa hanno dato ad ogni bambino? 480 grammi di “carotone” da brodo una confezione a testa , tre porzioni come indicato nella confezione che francamente ha lasciato le stesse maestre esterrefatte. Certo i bambini le hanno riportate a casa, ma che messaggio si trasmette? Non si parla di educazione ad evitare sprechi di consapevolezza del mangiare il giusto?

L’episodio non è grave certo ma un quesito davvero sorge spontaneo sul come vengano selezionate queste aziende e soprattutto cosa possa far pensare che un bambino di 6 anni possa mangiare 480 gr di carote…le mamme hanno fatto scorta di carote, almeno quello! (C.Lab)