Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO. “Sono ovviamente felice del risultato ottenuto. Mi prendo il merito di aver evitato il dissesto economico, adesso è il momento di dare ai cittadini le risposte che aspettano e che meritano”. Mario Pupillo, rieletto presidente della Provincia di Chieti, commenta così la sua conferma alla guida dell’ente che fa capo a 104 comuni. Nonostante i tanti problemi della Provincia, il personale è sceso da 300 a 140 unità, Pupillo mostra ottimismo ed è pronto per nuovi importanti interventi: “Viabilità e scuole sono le principali – afferma il Presidente rieletto – grazie alla Regione Abruzzo, abbiamo 20 milioni di euro in più per importanti interventi che ci danno un po’ di respiro. A questi si aggiungono i 3,5 milioni, pochi, che ci arrivano dallo Stato. Gli interventi sono stati programmati per i prossimi cinque anni, dal 2019 al 2023, suddividendo tutta la provincia di Chieti in sei distretti, Lanciano è il distretto tre, ognuno con i propri interventi in modo da spalmare i fondi che riceviamo”.

Per quanto riguarda le scuole, tra gli interventi previsti ce ne è uno che riguarda Chieti, con la rigenerazione delle caserme: “L’ex caserma Berardi – spiega Pupillo - ospiterà il Liceo Scientifico e gli uffici dell’Agenzia delle Entrate mentre il Da Vinci – De Giorgio di Lanciano sarà oggetto di adeguamento sismico”.

Il presidente Pupillo parla anche della Via Verde: “7 chilometri, su 42 complessivi, saranno in cemento armato per via di alcune problematiche tecniche. Non si tratta di un unico pezzo ma di sette chilometri lungo tutta la Via Verde, quindi a macchia di Leopardo. Per dicembre, inoltre, pensiamo di aprire altri tratti per poi completare tutta l’opera per la prossima estate. In ogni caso nei tratti non interessati dal cemento armato ci sarà asfalto impermeabile e drenante”. A breve, ha annunciato Pupillo, ci sarà la riapertura del Ponte sul Sangro sulla Lanciano – Atessa: “Lo riapriremo per il periodo natalizio. Mi preme sottolineare, viste le recenti polemiche, che il Ponte è risultato sicuro a seguito delle analisi fatte. Tra gli interventi eseguiti c’è anche la sistemazione dei giunti e quando verrà riasfaltato verrà utilizzato asfalto impermeabile e drenante”.

Nonostante i soldi ricevuti dalla Regione Abruzzo, la Provincia di Chieti rimane, come tutte le altre province, un Ente sempre a rischio: basti pensare che dal 2015 ad adesso, l’allora legge finanziaria ha tagliato 6 milioni di euro e che il 34% delle uscite sono versamenti alle casse dello Stato: “Ho sempre criticato la riforma Delrio – conclude Pupillo - anche nelle riunioni del mio partito che è lo stesso dell’ex ministro”.Intervista a Mario Pupillo

Piergiorgio Di Rocco