Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO. Nuovi importanti indizi sembrano inchiodare ulteriormente la banda di romeni che lo scorso 23 settembre aggredì, in casa a Lanciano, i coniugi Martelli.

Come riporta ‘Il Messaggero Abruzzo’, i carabinieri di Lanciano, guidati dal capitano Vincenzo Orlando, hanno trovato, durante un controllo territoriale approfondito, un borsone contenente vestiti e scarpe. Il ritrovamento è stato fatto nella periferia nord di Lanciano, poco dopo località Costa di Chieti, la stessa zona dove venne trovata la Volkswagen Golf nera con dentro tre romeni che poi si scoprì essere tra gli autori della sanguinolenta rapina. Gli indumenti e le scarpe trovati dentro il borsone nero sono macchiati di sangue e con loro c’erano anche fascette e del nastro isolante che quasi sicuramente sono stati utilizzati nel corso della rapina. I rapinatori, prima di finire fuori strada ed essere fermati dai carabinieri, gettarono il borsone nero dal finestrino dell’auto. Sarà ora compito della polizia scientifica di Ancona analizzare le tracce ematiche e le impronte per confermare i sospetti. Le indagini, in ogni caso, sono ancora in corso.