Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

La violenza sulle donne è una delle più estese violazioni dei diritti umani, secondo la Convenzione di Instabul del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, dicembre 2013. E' un fenomeno trasversale ai vari Paesi e gruppi sociali e che assume proprie specificità a seconda del contesto sociale e culturale in cui si manifesta, che è dovere di ogni Comunità contrastare e prevenire. Per questa ragione l'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Lanciano ha avviato questo pomeriggio i lavori per l’istituzione della Rete Antiviolenza nella città di Lanciano. L’evento rientra in una serie di interventi, attivati dall’Amministrazione nel 2017, diretti a contrastare il fenomeno della violenza di genere e ad istituire una collaborazione fattiva tra le istituzioni che intercettano il fenomeno affinché vengano promosse e realizzate azioni più incisive nel contesto cittadino e territoriale.

Nel corso dell’annualità 2017 saranno realizzate, in collaborazione con il Centro Antiviolenza Dafne coordinato dalla dottoressa Felicia Zulli, le seguenti attività: sostegno alle vittime di violenza che si rivolgono al Centro Antiviolenza Dafne (sito a Lanciano in via dei Frentani 54, tel. 087240854) nel percorso di fuoriuscita dalla condizione di vittima; l’aggiornamento professionale delle operatrici che lavorano presso il Centro tramite un percorso formativo sul tema della violenza di genere; l’aggiornamento professionale degli operatori che lavorano nei servizi istituzionali (ASL, Forze dell'Ordine, Procura della Repubblica, terzo settore, servizi sociali e altre realtà ampiamente rappresentate oggi nella Sala di Conversazione di Lanciano), che intercettano il fenomeno della violenza di genere e che intendono collaborare all’istituzione della Rete Antiviolenza. L’istituzione della Rete Antiviolenza cittadina prevede una fase preparatoria durante la quale saranno concordate le modalità di collaborazione tra gli operatori che lavorano nei servizi che intercettano il fenomeno di violenza di genere e  la preparazione di una bozza di protocollo di Rete Antiviolenza.

 

“La violenza di genere purtroppo è un fenomeno in crescita anche sul nostro territorio e non possiamo sottrarci nel trovare strategie e strumenti per combatterla e prevenirla. L'istituzione della Rete Antiviolenza punta a diffondere una cultura di prevenzione e contrasto della violenza, a creare nuovi percorsi e modalità di risposte tempestive e sicure a questo grave problema che riguarda anche la nostra Comunità, a implementare un'etica della cura della persona che sappia valorizzare e rispettare le differenze”.