Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Un tranquillo pomeriggio d’estate fa salire i bollenti spiriti ad un 38enne di Milano. C.G.P. si apparta in uno degli spogliatoi del centro commerciale DECATHLON di San Giovanni Teatino e appoggia, con destrezza e circospezione, il proprio cellulare a terra, tra le cabine di prova, in modo da poter riprendere una donna che si stava provando un costume da bagno. L’uomo resta lì, in attesa, finché non raggiunge il proprio scopo, recupera quindi il cellulare e torna ai propri acquisti con fare sereno.

Non sa però che, nonostante la sua aria innocente, i suoi stani movimenti sono stati notati dall’addetto alla sicurezza del negozio, che lo blocca dopo aver allertato il 112.

Quando i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Chieti si sono fatti consegnare il cellulare dal singolare cliente, hanno trovato immediatamente i file “incriminati” appena registrati e hanno pertanto denunciato l’uomo per interferenze illecite nella vita privata. Ciò che però ha sorpreso i militari è che, alla fine, il focoso voyeur potrebbe pure paradossalmente dover essere ringraziato: dalle immagini estrapolate è apparso chiaro che la donna, da identificarsi, si era rivestita senza togliersi il costume provato ed è uscita dal centro senza pagare, rivelandosi pertanto anche lei non una normale cliente ma una taccheggiatrice.