Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Era sparita lo scorso 4 giugno, erano stati i sub dell'associazione Orsa Minore a denunciarne il presunto furto. Lo scorso anno il Cristo degli abissi del maestro Pancella era stato ripulito e riposizionato nel suoa 5 metri di profondità, simbolo dell'intera costa, a braccia allagargate in segno di accoglienza.

Un sfregio al sentimento di una intera terra che per fortuna questa mattina, intorno alle ore 8 ha avuto il lieto fine che tutti aspettavano. Luigi Morgione il sub di Lanciano che ha fatto la scoperta è ancora emozionato: " era li a tre metri di profondità, dal lato destro del molo verso la terra, all'inizio non ho capito cosa fosse, poi appena ho intuito ho subito chiamato aiuto e dopo l'autorizzazione di Carabinieri e Guardia Costiera l'abbiamo recuperata"

Ma come è arrivata fin li? E' stata gettata dopo aver forse capito la gravità del gesto compiuto e l'impossibilità di "piazzarla" nel mercato delle opera d'arte trafugate? 

Questo è difficile stabilirlo,  certamente non può essere ststa la corrente marina a farla arrivare a San Vito, sostengono i pescatori del luogo, la corrente l'avrebbe portata verso sud, verso Vasto.

La statua è ora custodita dai Carabinieri di Fossacesia. ( Clara Labrozzi)