Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

L'edizione del TG4 delle 19,30 di ieri, 19 Aprile , ha visto la messa in onda di un servizio relativo all' iniziativa promossa dall’Associazione Culturale Thèm Romano ONLUS presieduta dal Prof. Santino Spinelli, in arte “Alexian”. Partendo da una notizia vera, ovvero l'organizzazione della Seconda Edizione del "Rom Summer School" a Lanciano (CH) che si terrà dal 1 all'8 Agosto 2017, la redazione del TG4 ha effettuato un montaggio del servizio volutamente denigratorio dell’iniziativa, utilizzando immagini non pertinenti, appartenenti ad altri contesti, palesando non solo lo scopo sprezzante, ma anche una completa ignoranza dell’argomento. E' quanto scrive in una nota il Prof. Spinelli che aggiunge: "Con il presente comunicato vogliamo rendere noto che stiamo valutando la possibilità di adire vie legali nei confronti dell’autrice del servizio, la Signora Simona Peverelli ed il Direttore della testata giornalistica TG4, Mario Giordano per istigazione all’odio razziale.

A fronte dei sempre più frequenti atti di razzismo, dovuti soprattutto alla non conoscenza della millenaria cultura della Popolazione Romanì, l’Associazione Thèm Romano ha ideato questa iniziativa in cui è possibile incontrare persone, e non stereotipi.

La testata purtroppo non è nuova a tali denunce sempre per disinformazione ai danni della popolazione romanì prosegue Spinelli.

Non siamo i soli a pensarla così, anche Gad Lerner si è così espresso per episodi simili: “questi servizi sono come una sorta di format televisivo assiduamente reiterato e oggi concentrato, in particolare, sull’ostilità contro rom e sinti”.

L’Onorevole Luigi Manconi, Presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei Diritti Umani, che ho avuto l’onore di incontrare più volte in occasione di incontri Istituzionali a favore della Popolazione Romanì , auspica di non dover mai più assistere a: “strazi quotidianamente perpetrati ai danni dell’intelligenza e del buon gusto”.

Diffondere odio etnico è un limite che l’Ordine dei Giornalisti ha giustamente ribadito" ha concluso Spinelli.