Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Il degrado in atto, ormai da anni, in tutta la zona dell'ex ippodromo di Lanciano, sembra ogni giorno avere un capitolo nuovo. Alla sporcizia, agli atti vandalici ai danni provocati senza alcuna remora da gruppetti di ragazzini che hanno, per così dire "colonizzato" anche la villa comunale rendendola off-limits alle famiglie con bambini, ora spunta la tenda da campeggio.

E' infatti,  da alcuni giorni,  la presenza di una tenda probabilmente riparo per qualche persona in difficoltà, forse la stessa, o le stesse che occupavano gli ex box dei cavalli distrutti oltre che dall'incuria anche dai ragazzini, dei quali più volte vi abbiamo parlato, gli stessi che nel mese di luglio aggredirono la nonna con i nipotini. Una persona che ha forse bisogno di aiuto e qualcuno ha pensato di farle dono di una tenda, ma è così che si risolvono i problemi?

O forse si tratta, più semplicemente, di qualcuno di passaggio che ha pensato bene di accamparsi alla meno peggio? Se così fosse siamo di fronte comunque ad una scena di degrado in centro città.

Una intera area, potenziale, almeno sulla carta, polmone verde della città, con un progetto "faraonico" in atto, sempre sulla carta,  può offrire questo spettacolo degradante? Dove un genitore può portare i propri figli a giocare? Queste persone dove si lavano, dove espletano i propri bisogni fisiologici (in realtà basta farsi un giro ed è chiaro dove la fanno).

Di articoli se ne sono scritti tanti, forse troppi ma di soluzioni "concrete" per restituire dignità ad una intera area al momento non se ne vedono.(C.Lab)