Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Quartiere Civitanova, ai confini con la Sacca ore 9,45 circa. Una sirena non smette di suonare, ci si affaccia in strada e si nota mezzo di soccorso del 118  bloccato dalle auto in sosta.

Sono tre i mezzi che si vedono dalla foto, che un nostro lettore ci ha mandato,  tutte le autovetture sono parcheggiate a ridosso dei paletti posizionati dal comune per impedire la sosta. Ma da queste parti, raccontano i residenti, ognuno fa come gli pare. Li hanno tagliati, spostati ed alcuni ci hanno addirittura messo dei lucchetti che aprono e chiudono a piacimento creandosi cosi di fatto un bel posto auto privato.

Nessuno dice nulla, incalza un residente, ma questa mattina con un mezzo di soccorso bloccato si è davvero toccato il fondo. Almeno 15 minuti, interminabili, non hanno permesso ad un malato di raggiungere il pronto soccorso e il proprietario dell’auto quando è arrivato sul posto ha anche detto: “tutta questa fretta avete?”

Di situazione ai limiti della legalità tutto il quartiere ne vive molte, le scene di degrado sono all’ordine del giorno, ci racconta una signora anziana. A volte ho paura ad uscire da sola-continua- ma a chi devo rivolgermi se tanto alla fine nessuno fa nulla ed io resto qui, sola…è meglio farsi i fatti propri.

L'assessore alla viabilità e traffico Francesca Caporale si appella, ancora una volta, al senso civico degli abitanti del quartiere ricordando loro che abitudini simili vanno a discapito anche della loro sicurezza. "Se una ambulanza passa su via Garibaldi, continua l'assessore è perchè deve soccorrere un residente e a tutti potrebbe capitare, si spera di no, un emergenza in famiglia. Il parcheggio delle Ripe è in via di completamento, conclude, entro il 2018 dovrebbe essere finito ma, non per questo, le persone possono permettersi comportamenti simili". (C.Lab)