Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Lo avevamo predetto già dai primi giorni, quando sui cancelli della Villa comunale a Lanciano spuntò il cartello che annunciava l’apertura in via straordinaria del parchi pubblici nella ore notturne(leggi qui). Villa comunale, parco giochi, parchetto dello stadio aperti tutta la notte per cosa? Chi abitava nella zona sapeva perfettamente che sarebbero stati mesi di schiamazzi e che al mattino provando a godere della frescura dei tigli della villa chissà in cosa ci si sarebbe potuto imbattere…ma nulla l’esperimento va avanti e per chi risiede nella zona sono settimane insonni.

Si alternano diversi tipi di rumori molesti, dalle urla alle 5 del mattino, alle risate, al rumore dei vetri rotti. E poi ancora musica altissima, improvvisati cantanti Rap  che del turpiloquio fanno grande sfoggio. “Abbiamo i bambini piccoli-dichiara una signora- ed è davvero assurdo che la sera dobbiamo tenere le finestre chiuse per evitare di spiegare ai nostri figli simili volgarità”. 

“Non è ben chiaro perché una famiglia dovrebbe andare notte tempo alla villa-continua un anziano- sono residente qui dal 54, anno della costruzione di casa mia e non mi era mia capitato di non dormire, neanche durante le feste di settembre, se almeno illuminassero”.

E poi ancora una anziana: “ io su quella panchine si trascorrevo l’estate, al mare non ci posso andare, ma ora con  quello che sento durante la notte…chissà cosa potrei trovarci”

Esperimento riuscito? A sentire i residenti davvero no!

“Mi hanno detto, e non so se sia vero- incalza D. P.- che non hanno personale per poter chiudere ed aprire. Non so se sia vero, quel che è certo che ci vado io, sono pensionato, lo faccio gratis, basta che dormo!”

E nel frattempo ci si sta organizzando per una raccolta di firme.(C.Lab)

Intoppo burocratico discriminava le dipendenti neomamme del Comune di Lanciano. Il Giudice Unico del Lavoro del Tribunale di Lanciano, Cristina di Stefano, ha ripristinato la legalità in Municipio dove, per una incomprensione burocratica conseguente all’applicazione della cosiddetta Riforma Brunetta sulla valutazione delle performance dei dipendenti pubblici, finivano per essere penalizzate le neomamme assenti dal servizio per gravidanza e puerperio.

L’avv. Andrea Cerrone, Dottore di Ricerca in Tutela dei diritti fondamentali, ha assistito due delle tre donne incappate nella disavventura: “Sono molto soddisfatto della sentenza del Tribunale che, ironia della sorte, è stata pronunciata proprio l’8 maggio, sino a qualche tempo fa festa della mamma, anche se ora per ragioni commerciali parrebbe coincidere con la seconda domenica di maggio. Mi sono confrontato col bravissimo Collega Luigi Fattore di Lanciano che assisteva l’altra neomamma e ho trovato anche lui molto soddisfatto.

Il Comune di Lanciano aveva subito riconosciuto l’errore e la dirigente del settore coinvolto riconosciuto la penalizzazione e l’Amministrazione aveva subito provveduto ad emendare il relativo Regolamento, ma le tre neomamme erano rimaste incastrate dall’applicazione di quelle norme, pur abrogate.

L’intervento del Giudice, che ha disapplicato d’Autorità gli effetti negativi del Regolamento ed ha restituito dignità alle mamme lavoratrici.

Sono particolarmente contento anche per i tre bimbi, figli delle ricorrenti, continua l’avvocato Cerrone, ai quali lo Stato ha riconosciuto che il loro venire al mondo è tutelato dalla Legge. Sono certo che quando cresceranno avranno una ragione in più per essere fieri delle loro mamme, così combattive, che facendosi avanti hanno impedito che altri genitori subissero la stessa discriminazione.

Massimo sostegno al commercio di vicinato e alle imprese artigiane in forte difficoltà economica per la prolungata emergenza maltempo del gennaio 2017. L'Amministrazione Pupillo lo ha ribadito nei giorni scorsi nel corso di un incontro che si è tenuto nella sala consiliare Falcone e Borsellino del Comune di Lanciano. Inoltre sono state annunciate le prime misure utili a fronteggiare l'emergenza economica: la proroga della scadenza Tosap al 28 febbraio, la rateizzazione della Tari in 4 rate, la rottamazione delle cartelle esattoriali Equitalia e delle altre società di riscossione.

Hanno partecipato all'incontro il Vice Sindaco Pino Valente, l'Assessore al Commercio Francesca Caporale, i vertici delle associazioni di categoria Confcommercio, Confartigianato, Vie del Commercio e degli istituti bancari Banca Apulia, Banca di Credito Cooperativo e Tercas. All'incontro, promosso e convocato dall'Assessore al Commercio e dal Sindaco Mario Pupillo – assente per un impegno istituzionale a Pescara - sono stati invitati a partecipare tutte le associazioni di categoria e tutti gli istituti bancari di Lanciano.

“Abbiamo certificato in un documento formale a disposizione di tutti i commercianti da lunedì scorso le oggettive difficoltà causate dall'emergenza maltempo dal 4 al 20 gennaio: 10 giorni di sospensione di attività didattiche, 2 giorni di chiusura totale degli uffici pubblici, 4 mercati settimanali sospesi, servizio di trasporto urbano parzialmente sospeso nei giorni di maggiore difficoltà, il grave disservizio della mancanza di energia elettrica in numerose zone della città, per più giorni. I fornitori e gli istituti bancari garantiscano comprensione concreta e tangibile alle tante piccole e medie imprese del commercio gravemente danneggiate dall'emergenza neve di gennaio”, ha sottolineato l'Assessore Caporale.

Nel corso dell'incontro, il Vice Sindaco e Assessore al Bilancio Pino Valente, ha comunicato ai commercianti la prossima applicazione della legge nazionale che rottama le cartelle esattoriali di Equitalia e delle società di riscossione. “Ieri abbiamo approvato in Commissione Regolamento il punto, che porteremo all'attenzione del Consiglio per l'immediata approvazione nella seduta straordinaria ed urgente convocata mercoledì 1 febbraio. Si tratta di una misura importante per l'economia locale, in particolare per il settore commercio fiaccato da questi giorni durissimi di neve in quanto permette al contribuente di onorare il debito originario senza la parte sanzionatoria, che spesso è molto pesante, e con una dilazione di pagamento in due anni, 2017 e 2018 – ha spiegato il Vice Sindaco Valente - Inoltre, abbiamo già prorogato al 28 febbraio la scadenza della Tosap (tassa di occupazione suolo pubblico) e promosso la possibilità di rateizzare la TARI in 4 rate. Nel 2016 Lanciano, secondo uno studio della Cna nazionale, è stato il primo Comune in Abruzzo insieme a Spoltore e L'Aquila a tagliare il traguardo del tax-free day, il giorno in cui le imprese finiscono di lavorare per il fisco e cominciano a produrre reddito, il 1° agosto: nel 2017 puntiamo a fare meglio, nell'interesse non solo delle imprese ma di tutta la città”.

 

Non è passato inosservato l'allarme lanciato dai residenti. Quel tetto crollato martedì scorso in via Brescia è pericoloso, l'acqua e la neve lo hanno reso innoquo solo momentaneamente. I proprietari, la famiglia Flaminio di Lanciano, hanno allertato tutti gli enti preposti in primis la asl con il responsabile del servizio prevenzione igene e sanità pubblica il Dott. Cesiano Bucci che questa mattina insieme all'assessore Davide Caporale si sono racati sul posto ed hanno deciso la linea da seguire per risolvere il tutto nel più breve tempo possibile.

Entro giovedì i detriti verrano coperti, ha assicurato Caporale, poi si dovrà procedere ad una campionatura delle macerie le quali hanno diverse tipologie di smaltimento, l'attenzione resta ovviamente puntata sull'eternit le cui fibre sono tristemente note per il loro potere altamante cancerogeno.

Intanto Via Brescia continua a rimanere parzialmente chiusa ma dal Comune si sta lavorando spediti in accordo con i proprietari affinchè la situazione si risolva. Sul futuro dell'edificio non si hanno notizie certe si parla di un abbattimento per fra posto ad una nuova struttura mentre altre voci danno per probabile una riqualificazione dell'intera area compreso il palazzo che affaccia su via per Fossacesia. (C.Lab)

Riprenderanno regolarmente lunedì 23 gennaio le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, compresi i nidi d'infanzia, del territorio del Comune di Lanciano.

L'ufficio tecnico del Settore Lavori Pubblici ha effettuato oggi le ricognizioni degli edifici scolastici di proprietà comunale con esito negativo in relazione ad eventuali problemi strutturali in seguito alle scosse del 18 gennaio 2017, avvertite nitidamente anche a Lanciano. Gli impianti termici risultano tutti funzionanti.

Il tecnico incaricato della ricognizione, l'architetto Aldo Carosella, ha inviato una relazione puntuale in mattinata al Sindaco Mario Pupillo e all'Assessore ai Lavori Pubblici Pino Valente, in cui conferma di non aver riscontrato sugli edifici scolastici “elementi riconducibili direttamente o indirettamente all'evento sismico del 18 gennaio”.

Inoltre, il Settore Lavori Pubblici ha avviato le operazioni di sgombero neve dei piazzali e delle aree adiacenti le scuole, così come dei parcheggi e dei percorsi pedonali abitualmente utilizzati dagli studenti. Le squadre di manutenzione sono al lavoro anche sugli alberi pericolanti nei pressi delle scuole, per prevenire possibili cadute di rami.

Sul fronte buche stradali, che dopo le abbondantissime nevicate dei giorni scorsi sono aumentate a causa degli interventi spazzaneve e delle gelate notturne, il Settore Lavori Pubblici si è attivato per un intervento urgente con opportuna segnaletica e il ripristino di condizioni di sicurezza per la viabilità cittadina che conta 380 chilometri di strade.

“Stiamo lavorando con la necessaria cautela e la giusta determinazione per un ritorno graduale alla normalità dopo questi giorni di autentica emergenza, che abbiamo cercato di fronteggiare in tutti i modi. Ringrazio i dipendenti e tutta la squadra dell'Amministrazione, tutti, dagli Assessori ai Consiglieri, che si sono mobilitati lavorando senza sosta per ridurre i disagi di una nevicata straordinaria per intensità e impatto sull'Abruzzo intero”, dichiara il Sindaco Mario Pupillo.

Confermata la sospensione del mercato settimanale di domani sabato 21 gennaio, mentre la ZTL torna attiva a partire dalle ore 20 di questa sera dopo 5 giorni di sospensione a causa del maltempo.

 

Di ora in ora si fa sempre più grave il problema dell'assenza della corrente elettrica in diverse contrade di Lanciano. Stando alle segnalazioni dei cittadini di Lanciano sono senza energia da oltre 40 ore le contrade di Nasuti, Serre, Camicie, Spaccarelli, Sant'Amato, Costa di Chieti, Santa Liberata, parte di Torre Marino e Santa Maria dei Mesi, Rizzacorno.

Il sindaco Pupillo ha ricevuto pola telefonata del Presidente Luciano D'Alfonso che mi gli ha garantito l'attivazione della Regione in merito alla  richiesta di ieri per la fornitura di gruppi elettrogeni utili a tamponare questa emergenza che colpisce migliaia di cittadini.

Enel ha comunicato questa mattina che i clienti disalimentati in provincia di Chieti sono circa 27.000 in 50 diversi comuni. A tempo debito bisognerà che Lanciano e l'Abruzzo intero, dichiara il sindaco, abbia una risposta precisa e puntuale dai responsabili della fornitura elettrica, da Enel e Terna in particolare: chiediamo spiegazioni su come sia possibile nel 2017 lasciare decine di migliaia di persone senza corrente elettrica per più di 40 ore, con temperature prossime allo zero d'inverno.

È una situazione non più sostenibile, con queste temperature. Il ringraziamento va  ai tecnici che stanno lavorando in questi condizioni difficili, a loro tutta la mia gratitudine e la mia stima, prosegue, ringrazio le Istituzioni e in particolare la Regione Abruzzo che sta lavorando senza sosta per assistere la popolazione in una situazione a dir poco emergenziale cui si sono aggiunte le scosse di terremoto delle 10,25 e 11,16 chiaramente avvertite anche a Lanciano.

 

“Siamo in piena emergenza. La nevicata eccezionale di ieri ha accumulato al suolo tra i 70 e gli 80 centimetri, a seconda delle zone: ma l'urgenza in queste ore è l'assenza di luce, gas e acqua in numerose contrade di Lanciano, con oltre 12.000 cittadini colpiti dai disservizi. Chiedo l'aiuto della Protezione Civile e della Regione Abruzzo il Sindaco Pupillo che in mattinata ha  inviato una nota puntuale sull'attuale emergenza neve al Prefetto di Chieti Antonio Corona e al Presidente della Regione Luciano D'Alfonso”, dichiara il Sindaco Mario Pupillo.

“Servono misure straordinarie, a tutela dell'incolumità pubblica e della sicurezza dei cittadini. Ho ordinato la chiusura di tutti gli uffici pubblici nel territorio di Lanciano anche per domani, in relazione agli avvisi della Protezione Civile Nazionale e del Centro Funzionale d'Abruzzo, che ha confermato l'allerta meteo per la Provincia di Chieti e precipitazioni a carattere nevoso fino a mercoledì con quantitativi abbondanti. Si segnala inoltre la possibilità di ghiaccio sulle strade per stanotte”, aggiunge Pupillo.

“Ho ordinato la sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado del territorio di Lanciano, compresi i nidi d'infanzia, fino a sabato 21 gennaio. Bisogna prestare massima attenzione agli accumuli di neve sui tetti e sugli alberi pericolanti. Abbiamo 14 contrade e alcune zone del centro città senza luce da oltre 24 ore per un traliccio caduto tra Vasto e San Salvo: Santa Maria dei Mesi, Torre Marino, Marcianese, via Santo Spirito, Camicie, Re di Coppe, Spaccarelli, Sant'Amato, Colle Campitelli, Nasuti, San Iorio, Madonna del Carmine, Costa di Chieti, Rizzacorno. Enel e Terna, che hanno la competenza in materia, ci dicono che stanno lavorando ma non sono in grado di garantirci un tempo preciso di ripristino. Abbiamo bisogno di gruppi elettrogeni per queste zone, di 5 lame e spargisale, 5 pale meccaniche con relativi operatori da aggiungere a quelli delle ditte incaricate in servizio da ieri mattina all'alba ininterrottamente e di 5 fuoristrada con relativo personale per assistenza socio sanitaria della popolazione gravemente colpita da questi disservizi”, aggiunge il Sindaco. “Per quanto riguarda l'acqua, la Sasi ci ha comunicato un duplice problema che sta lasciando gran parte della città e del comprensorio senz'approvvigionamento idrico: a Fara San Martino c'è un problema di natura elettrica, mentre in zona c'è una rottura grave di una condotta per cui saranno necessarie diverse ore di lavoro. A questo si aggiunge il problema di fornitura di metano in contrada Serroni e Torre Sansone”, segnala Pupillo.

“E' un evento assolutamente eccezionale e imprevedibile nelle modalità che sta mettendo in ginocchio Lanciano, siamo in un'emergenza che deve essere gestita a livello sovra comunale – conclude il Sindaco - non avendo garanzie sul ripristino di acqua e energia elettrica e alla luce delle previsioni che annunciano una situazione ancora grave fino a giovedì rivolgo il mio appello a Regione e Prefettura per un intervento tempestivo utile a fronteggiare questa emergenza”.

L'Amministrazione Comunale di Fossacesia ha predisposto le azioni per fronteggiare l’emergenza neve che nelle prossime ore colpirà anche il territorio comunale. Il Piano Neve prevede la suddivisione del territorio comunale in 4 zone: centro cittadino, frazione marina, Villa Scorciosa e aree rurali; ciascuna zona è stata affidata ad una ditta privata: Sangroter srl, Antonino Flamminio, Domenico Giuliano e Vivai Natale Florindo. Per le attività di sgombero della neve dalle strade di competenza comunale e per lo spargimento del sale saranno impiegati 6 mezzi (pale gommate, bobcat con lama, camion). Sono a disposizione 90 quintali di sale da spargere sulle strade ed i marciapiedi per limitare la formazione di ghiaccio soprattutto nelle ore notturne. A supporto delle attività di sgombero della neve e per la pulitura dei marciapiedi e delle zone pedonali saranno impegnati due operai comunali, due operatori della Ecolan spa e una squadra del gruppo di Protezione Civile comunale e 4 volontari dello Sprar. Il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio , il vice Sindaco Paolo Sisti, gli assessori e i consiglieri delegati coordineranno le azioni del piano neve d’intesa con il settore tecnico del comune (ing. Silvano Sgariglia e Maurizio Marrone). Il comune raccomanda di utilizzare l’automobile solo in caso di estrema necessità e solo se munita di dotazioni invernali (gomme termiche e catene). Il Sindaco Di Giuseppantonio e il delegato alla Viabilità Danilo Petragnani, in una nota hanno chiesto alla Provincia e all’ANAS, che gestiscono la maggior parte delle strade che attraversano Fossacesia, di prestare particolare attenzione al servizio di spazzamento neve e di spargisale. L’Amministrazione comunale inoltre ha predisposto il servizio SOS NEVE, in collaborazione con il gruppo di volontari della Protezione Civile, il consorzio cooperative sociali S.G.S. ed il gruppo parrocchiale Caritas; gli anziani soli e le persone diversamente abili potranno contattare i numeri 0872.608740 e 346.6767634 per richieste di acquisto di beni di prima necessità, di medicinali e per l’accompagnamento presso strutture sanitarie del territorio per visite ed esami programmati. Tutti gli aggiornamenti saranno consultabili in tempo reale sul sito internet del comune e sui social network.

 

Il Sindaco Mario Pupillo, in qualità di Capo della Protezione Civile del Comune di Lanciano, ha firmato l'ordinanza con cui istituisce la Centrale Operativa Comunale in relazione allo stato di allerta meteo per neve e ghiaccio come da avviso per avverse condizioni meteorologiche emesso ieri dalla Protezione Civile Nazionale.

Da questa mattina e per le 24-36 ore successive si prevedono venti di burrasca con raffiche forti e nevicate in Abruzzo, con "apporti al suolo generalmente moderati, localmente abbondanti sulle regioni Adriatiche", si legge nell'avviso.

Il Centro Operativo Comunale, con sede nell'ufficio di Protezione Civile di Largo Tappia, attiva le varie funzioni a supporto del Sindaco e monitora tutta la fase di allerta per l'attuazione degli interventi di assistenza alla cittadinanza e di ripristino della viabilità.

Nello specifico sono state attivate: funzione tecnica di pianificazione, Fausto Boccabella Settore Lavori Pubblici; funzione volontariato dott. Claudio D'Angelo; funzione Materiali e mezzi e funzione strutture operative locali e viabilità, Gabriele Dell'Elce Comando Polizia Municipale; funzione assistenza alla popolazione, Tiziana Silvestri Settore Politiche Ambientali; funzione amministrativa contabile, Paolo D'Antonio settore Programmazione Finanziaria ed Economica. “Ringrazio sin da ora tutti i Dipendenti Comunali che presteranno senza sosta il proprio servizio per alleviare i disagi della nevicata: con l'Assessore ai Lavori Pubblici, Pino Valente, seguiamo l'evolversi della situazione. Siamo pronti con il piano neve, nel pomeriggio è prevista una prima uscita dei mezzi spargisale per contrastare la probabile ghiacciata notturna. Contiamo sulla massima collaborazione della cittadinanza per ridurre al massimo i disagi”.

Si raccomanda di utilizzare l'auto solo in caso di stretta necessità e con le dotazioni antineve necessarie, gomme termiche o catene. L'evento in programma domani sera nell'ambito dell'iniziativa culturale “Conversazioni del Venerdì” è stato rinviato a data da destinarsi.

Le comunicazioni ufficiali verranno diffuse tramite la pagina pubblica verificata facebook.com/pupillosindaco e il sito istituzionale del Comune di Lanciano www.lanciano.eu.

Lo aveva annunciato già ieri in conferenza stampa il sindaco Mario Pupillo e oggi è arrivata la conferma. Lanciano avrà, a breve, un'autostazione efficace e funzionale a servizio del trasporto pubblico locale e perfettamente integrata nella mobilità cittadina. Procede, infatti, speditamente, la fase progettuale dell’opera che rientra nell’ambito degli interventi strategici del Masterplan “Patto per il Sud” e che coinvolge contestualmente le città di Pescara, L'Aquila, Teramo, Mosciano Sant'Angelo, Vasto e Avezzano. Questa mattina il consigliere delegato alla Ferrovia del Cda di Tua Giovanni Di Vito e il direttore tecnico Michele Valentini hanno incontrato a Palazzo di città il sindaco Mario Pupillo e alcuni tecnici del Comune proprio per definire alcuni aspetti del progetto per la realizzazione dell'autostazione nella zona della “Pietrosa”. Nel corso della riunione – si legge nel comunicato inviato dalla società Tua - sono stati discussi dettagli relativi all'ulteriore miglioramento delle vie d'accesso alla zona dell'autostazione e dei servizi che offrirà agli utenti. I lavori inizieranno entro il primo semestre di quest'anno e termineranno nel 2018. L’intervento strategico dell’autostazione di Lanciano rientra nel progetto del Masterplan denominato “Realizzazione, ammodernamento e riqualificazione del sistema regionale delle autostazioni/impianti/aree a servizio del TPL per lo scambio modale gomma-gomma e gomma-ferro per L’Aquila, Teramo, Mosciano Sant’Angelo, Vasto, Avezzano, Pescara e Lanciano oltre che all’avvio del programma di messa in sicurezza delle stazione di fermata sulle SS 16 e 17”. Per l'intero progetto sono stati finanziati 5 milioni di euro e la società di trasporto della Regione Abruzzo Tua Spa ne è il soggetto attuatore. “ Questa mattina – ha spiegato Giovanni Di Vito – abbiamo condiviso con l'amministrazione alcuni dettagli da rimodulare per la realizzazione dell'autostazione. Un'opera che si inserisce in un discorso migliorativo e di completamento delle infrastrutture a Lanciano e che renderà più funzionale la mobilità cittadina, con ricadute importanti per lo sviluppo economico e turistico di questa città. L'autostazione – ha continuato Di Vito – è soltanto l'ultima opera in ordine cronologico discussa tecnicamente con l'amministrazione comunale. Dal 27 dicembre, infatti, Tua si sta interfacciando quotidianamente con tutti gli altri enti direttamente coinvolti nella realizzazione di diverse infrastrutture. E' un'occasione irripetibile – ha concluso – quella di permettere a tante zone del nostro territorio di sfruttare nel più breve tempo possibile, quanto di strategico ha garantito il Masterplan a questa regione.” Sulla realizzazione dell’autostazione a Lanciano è intervenuto anche il consigliere regionale delegato ai Trasporti Camillo D'Alessandro: “ L'obiettivo è quello di rendere Lanciano sempre più integrata dal punto di vista della modalità gomma e di quella ferroviaria, la realizzazione dell'autostazione nel capoluogo frentano – ha rimarcato il consigliere regionale – rappresenta un altro passo avanti per la mobilità cittadina che andrà ad integrarsi perfettamente con un altro progetto che stiamo portando avanti, quello del tram”.