Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Partirà dalle contrade il calendario degli incontri informativi che l’Amministrazione Comunale di Fossacesia e la Ecolan spa hanno organizzato per istruire i cittadini sul nuovo servizio di raccolta rifiuti attivo a Fossacesia dal primo settembre. Durante gli incontri, ai quali parteciperanno il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, gli Amministratori Comunali, il Presidente della Ecolan, Massimo Ranieri, insieme al Direttore, Gabriele Di Pietro ed altri funzionari, infatti, sarà spiegato come funzionerà il nuovo sistema di raccolta, come sarà gestita l’isola ecologica, così come saranno illustrate le modalità di utilizzo dei nuovi box di raccolta. Allo stesso tempo saranno fornite tutte le indicazioni anche per il ritiro dei nuovi kit. Inoltre in occasione degli incontri gli amministratori si confronteranno con i cittadini sulle varie problematiche che riguardano il territorio. Si partirà giovedì 22 Settembre alle ore 21.00 da Località Piantonata, dove, presso l’Azienda Agricola Fonte dei Sapori, si terrà il primo incontro. Il giorno dopo, venerdì 23 settembre sempre alle ore 21.00, sarà la volta invece dei cittadini di Piano Favaro che si incontreranno presso il Frantoio Marino Nino. Gli altri incontri in programma invece si svolgeranno giovedì 29 Settembre alle ore 21.00, presso il Teatro Comunale, per i cittadini del centro; venerdì 30 Settembre, sempre alle ore 21.00, per i cittadini di Villa Scorciosa, presso la Sala Parrocchiale; lunedì 03 Ottobre, sempre alle 21.00, sarà la volta dei cittadini di Fossacesia Marina che si troveranno presso l’Hotel Levante. L’ultimo incontro si svolgerà mercoledì 12 Settembre sempre alle 21.00, presso Vivaio Natale Flo Garden per i cittadini di Colle Castagne e Radicandoli.

Le foto che vedete le ha inviate una nostra lettrice, che stanca di sollecitare interventi,ha pensato bene di immortalare quello che ormai sembra diventata una deprecabile consuetudine, (almeno nella zona dove vive, via per Fossacesia, gli scatti si riferiscono ai bidoni posizionati in via San Giovanni da Capestrano) e di inviare tutto alla stampa, confidando in un'eco più forte. Ci ha raccontato che spesso le macchine si fermano e scendono persone che buttano i sacchetti della spazzatura nei bidoni a tutte le ore del giorno, ed è successo per buona parte dell'estate e con il caldo gli odori che si sprigionano sono tutt'altro che gradevoli. Una situazione di disagio che mal si concilia con una città che da mesi è più pulita e dove la raccolta differenziata ha superato il 70 per cento stando ai dati forniti e documentati da Ecolan che si occupa, con affidamento in house, della pulizia e della raccolta e smaltimento dei rifiuti. Con risultati positivi riconosciuti dalla stragrande maggioranza dei cittadini. A quanto pare, però, in questa larga fetta di consensi, non ci sono i residenti di via per Fossacesia o buona parte di essi, che vorrebbero non dover vivere questi disagi. Non sono contro Ecolan, chiedono però, come lo chiede esplicitamente la nostra lettrice, un intervento risolutivo capace di porre fine a un via vai diventato insostenibile. C'è da dire che al di là del lavoro e dell'impegno della società che sicuramente si occuperà di risolvere questa situazione, va stigmatizzata l'assenza totale di senso civico di alcune persone, che non hanno rispetto e considerazione per gli altri, né per la cosa pubblica, e questo è davvero deplorevole. Il signore che getta la busta con nonchalance nel cassonetto è l'esempio concreto di chi preferisce fare il “furbo” più che rispettare indicazioni e norme. In casi come questo ognuno è chiamato a fare la propria parte. La Ecolan dovrà effettuare sopralluoghi e verifiche e non trascurare denunce di questo tipo e individuare una soluzione definitiva, ma i cittadini devono attenersi alle regole e non scavalcarle.

EcoLan e Comune di Lanciano comunicano che dal 5 al 7 settembre prossimi, si procederà alle operazioni di disinfestazione che si articoleranno in 3 fasi. La cittadinanza è invitata a chiudere le finestre e a evitare di tenere sui balconi alimenti, vestiti e quant’altro in uso alle persone durante le operazioni. Le operazioni di disinfestazione saranno annunciate, il giorno precedente, da altoparlanti mobili che passeranno nelle zone interessate.

Questo il calendario
Itinerario 1 - dalle 23 del 5 settembre alle 5 del mattino seguente:
Largo Dell’appello, Via Garibaldi, Via Santa Maria Maggiore, Via Cavour, Via Valera, Via Umberto I°, Piazza Malvò, Via Finamore,Via Silvio Spaventa, Corso Roma, Via Dei Tribunali, Via Fieramosca, Via Agorai, Via Dei Frentani, Via Dei Bastioni, Piazza Plebiscito, Piazza Garibaldi, Via Dell’asilo, Via Del Torrione, Terminal bus, Via Eraldo Miscia, Piazza Eraldo Miscia, Via Ferro Di Cavallo, Via L. De Crecchio, Corso Trento e Trieste, Via Degli Abruzzi, Corso Bandiera, Via Dalmazia, Viale Delle Rimembranze, Piazza Unità d’Italia (ex Piazza Della Vittoria), Via V. Veneto, Via Per Fossacesia, Via Milano, Via S. Francesco D’Assisi, Via Bergamo, Via Modena, Via Mancinello, Piazzale S. Antonio (fino all’Istituto Zooprofilattico) Via Del Verde, Via Osento, Via Aterno, Via Michele De Pasqua, Via Del Mancino, Via S. Spirito, Via I. Silone, Via Don Minzoni, Via Dino Ciriaci, Via Guido Rosato, Via Tinari, Via Dei Decorati, Via B. Maiella, Piazzale Cuonzo, Via Barrella, Via Martiri 6 Ottobre, Viale Cappuccini (fino alla rotonda di Marcianese ), Viale Marconi, Via Petragnani, Via Galvani, Via Belvedere Strada sotto lo Stadio, Pozzo Bagnaro, Via Per Frisa, parcheggio via per Frisa “ascensore”, Via Genova, Via Del Mare, Via Vicenza, Via Marzabotto, Via Venezia, Via Alba, Via Della Pace (zona Cimitero), Via Santa Croce (zona Via Firenze – Via Bologna – zona ex orto botanico), Olmo Di Riccio, Via Napoli,Via Torino,Via Ortona,  Via Panoramica.

Itinerario 2 - dalle 23 del 6 settembre alle 5 del mattino seguente:
Santa Maria Dei Mesi , Candelori,, S. Egidio, S. Liberata, S.Iorio, Nasuti, Madonna Del Carmine, Sant'Amato, Costa Di Chieti, Sabbioni, Santa Giusta, Torre Sansone, Villa Elce, Rizzacorno (compreso L.tà Carrieri), Fontanelle, Colle Campitelli, Villa Pasquini, Serre, Camice, S. Onofrio, Piccola Sicilia.

Itinerario 3 - dalle 23 del 7 settembre alle 5 del mattino seguente:
Marcianese, Follani (compresa Zona Industriale), S. Nicolino, Torre Marino, Quartiere Santa Rita, Via per Treglio, Zona Artigianale, Villa Martelli (compreso Via San Sevino fino ai depuratori e zona canile), Villa Stanazzo, Villa Spoltore, Iconicella, Re Di Coppe, Colle Pizzuto, Villa Andreoli.

La EcoLan ha deciso di festeggiare in piazza, con tutti i cittadini, il completamento dell'attivazione di tutti i nuovi servizi di raccolta differenziata dei rifiuti, sul territorio comunale di Lanciano. L'appuntamento è per domani, mercoledì 13 luglio, in piazza Plebiscito, a partire dalle 20. Saranno illustrati anche i primi dati del servizio, che a fine giugno aveva già superato la soglia del 70 per cento di pattume riciclato. E' previsto anche un momento gastronomico (panino con porchetta e birra), oltre al concerto della Crossroad Blues Band.

Nelle notti del 4, 5 e 6 luglio prossimi, dalle 23 alle 5 del mattino successivo, la EcoLan procederà alle operazioni di disinfestazione del territorio comunale di Lanciano. Gli interventi si articoleranno in 3 fasi e i cittadini dovranno tenere chiuse le finestre, oltre a  evitare di tenere sui balconi alimenti, vestiti e altri oggetti che potrebbero risultare poi nocivi alle persone. Le operazioni di disinfestazione saranno annunciate, il giorno precedente, da altoparlanti mobili che passeranno nelle rispettive zone interessate.
Queste le strade interessate:
4 luglio (dalle 23 alle 5 del mattino seguente): Largo Dell’appello, Via Garibaldi, Via Santa Maria Maggiore, Via Cavour, Via Valera, Via Umberto I°, Piazza Malvò, Via Finamore,Via Silvio Spaventa, Corso Roma, Via Dei Tribunali, Via Fieramosca, Via Agorai, Via Dei Frentani, Via Dei Bastioni, Piazza Plebiscito, Piazza Garibaldi, Via Dell’asilo, Via Del Torrione, Terminal bus, Via Eraldo Miscia, Piazza Eraldo Miscia, Via Ferro Di Cavallo, Via L. De Crecchio, Corso Trento e Trieste, Via Degli Abruzzi, Corso Bandiera, Via Dalmazia, Viale Delle Rimembranze, Piazza Unità d’Italia (ex Piazza Della Vittoria), Via V. Veneto, Via Per Fossacesia, Via Milano, Via S. Francesco D’Assisi, Via Bergamo, Via Modena, Via Mancinello, Piazzale S. Antonio (fino all’Istituto Zooprofilattico) Via Del Verde, Via Osento, Via Aterno, Via Michele De Pasqua, Via Del Mancino, Via S. Spirito, Via I. Silone, Via Don Minzoni, Via Dino Ciriaci, Via Guido Rosato, Via Tinari, Via Dei Decorati, Via B. Maiella, Piazzale Cuonzo, Via Barrella, Via Martiri 6 Ottobre, Viale Cappuccini (fino alla rotonda di Marcianese ), Viale Marconi, Via Petragnani, Via Galvani, Via Belvedere Strada sotto lo Stadio, Pozzo Bagnaro, Via Per Frisa, parcheggio via per Frisa “ascensore”, Via Genova, Via Del Mare, Via Vicenza, Via Marzabotto, Via Venezia, Via Alba, Via Della Pace (zona Cimitero), Via Santa Croce (zona Via Firenze – Via Bologna – zona ex orto botanico), Olmo Di Riccio, Via Napoli,Via Torino,Via Ortona,  Via Panoramica.
5 luglio (dalle 23 alle 5 del mattino seguente): Santa Maria Dei Mesi , Candelori,, S. Egidio, S. Liberata, S.Iorio, Nasuti, Madonna Del Carmine, Sant'Amato, Costa Di Chieti, Sabbioni, Santa Giusta, Torre Sansone, Villa Elce, Rizzacorno (compreso L.tà Carrieri), Fontanelle, Colle Campitelli, Villa Pasquini, Serre, Camice, S. Onofrio, Piccola Sicilia.

6 luglio (dalle 23 alle 5 del mattino seguente): Marcianese, Follani (compresa Zona Industriale), S. Nicolino, Torre Marino, Quartiere Santa Rita, Via per Treglio, Zona Artigianale, Villa Martelli (compreso Via San Sevino fino ai depuratori e zona canile), Villa Stanazzo, Villa Spoltore, Iconicella, Re Di Coppe, Colle Pizzuto, Villa Andreoli.

Già nei mesi scorsi vi avevamo mostrato le foto degli "irriducibili del cassonetto", coloro cioè, che non si arrendono al fatto che in tutta Lanciano ormai è stata attivata la raccolta differenziata porta a porta e che i bidoni stradali sono stati rimossi ovunque. C'è però chi ancora non si arrende e, dopo la scomparsa dei cassonetti pubblici, oggi decide di utilizzare quelli condominiali, le isole ecologiche che la EcoLan ha sistemato nei palazzi con più appartamenti. Le foto che pubblichiamo oggi ce le ha mandate un nostro lettore che vive nella zona di Santo Spirito e che, dal suo balcone, ha immortalato sconosciuti che si fermavano con le loro auto e scaricavano la spazzatura nei bidoni (privati) dello stabile più vicino alla strada. Una donna, non contenta, ha anche fatto manovra con la sua Cinquecento ed è entrata addirittura nel cortile dell'edificio, per "scaricare" più agevolmente.
Grazie al nostro lettore e continuate a inviarci le vostre foto di incivili che non si rassegnano al nuovo corso delle cose. A loro, invece, un invito a evitare simili comportamenti, anche perché - fortunatamente - la gran parte dei cittadini è molto sensibile su questo tema e ha sempre un telefonino pronto a immortalarvi...

E come d’incanto la differenziata è arrivata anche in centro città. Certo non si può dire a sorpresa, visto che il recupero e il riciclaggio dei rifiuti è argomento di cui a Lanciano si discute da mesi. La carta oleata dove la metto? E il flacone dello smalto, e la carta della carne e quella del pesce? Insomma i dubbi, come per ogni cosa nuova all’inizio, ci sono, ma non si può certo dire che EcoLan non abbia comunicato - in tutto questo tempo - con i cittadini in maniera assidua. Però c'è chi, come molti candidati consiglieri comunali non eletti, che ruggiscono su Fb da dietro le loro tastiere, gridano allo scandalo, dimostrando però di sapere davvero poco sull'argomento e su quanto sia importante differenziare la spazzatura.

Il presidente della EcoLan Massimo Ranieri risponde a tutti con cortesia, spiega che se gli ecobox sono stati messi sui parcheggi per i disabili è solo per poche ore, perché si sta provvedendo a fare nuove strisce, eppure no, non ci si vuole abituare al cambiamento e si fanno sondaggi per capire se in giro ci sono ancora bidoni dove buttare il proprio sacchetto "misto". Le novità sembrano dure a voler essere accettate, un po' per prigrizia (c'è anche chi ammette candidamente "io lascio tutto sul tavolo, ci pensa mia moglie"), un po' per la nostra abitudine di criticare a prescindere.

Ma è davvero così difficile capire che  i rifiuti sono composti da materiali diversi, per cui se tutti imparassimo a fare una corretta raccolta differenziata, molti di questi potrebbero essere riciclati, cioè potrebbero essere riutilizzati come materie prime? Si potrebbero così risparmiare tante risorse naturali e tanta energia necessaria per la produzione di nuovi materiali. Infatti il vetro, la carta, la plastica, l'alluminio, recuperati dalle campane, arrivano in apposite ditte che li lavorano, fino a farli tornare materie prime, pronte per essere riutilizzate. Ed è per questo che tutti dovremmo abituarci a differenziare i rifiuti.
Questo piccolo, ma importante gesto da parte di tutti noi, oltre a rispettare, la natura eliminerebbe parte dell'inquinamento atmosferico, provocato da discariche e inceneritori. È bene ricordare, inoltre, che la discarica non è un "pozzo senza fondo": dopo alcuni anni si trasformerà in una collina di veleni pronta a inquinare il terreno e le falde acquifere. Non va trascurato poi il fattore economico: servirebbero meno soldi per costruire discariche (oltre a mantenerle e a bonificare le aree al momento della loro chiusura) e i cittadini pagherebbero meno tasse sui rifiuti;
E' bene quindi che tutti noi ci abituiamo a fare una raccolta differenziata dei rifiuti per: 
- poter riutilizzare le materie prime e risparmiare le risorse naturali;
- diminuire i rifiuti che vanno nelle discariche e negli inceneritori; 
- ridurre l'inquinamento causato da discariche e da inceneritori; 
- risparmiare l'energia necessaria alla produzione della materia prima;
- risparmiare soldi.

La natura e il portafoglio ci ringrazieranno, quindi lancianesi forza e coraggio! (C.Lab.)
 

 

Massimo Ranieri non ci sta. Il presidente della EcoLan, la società di igiene urbana di gestione del ciclo dei rifiuti, il cui capitale è detenuto da 53 Comuni della zona, risponde all'ennesimo attacco arrivato nei giorni scorsi dal deputato di Forza Italia Fabrizio Di Stefano, che aveva ipotizzato una seria di irregolarità sulla convocazione dell'assemblea dei soci prevista per domani. "Nuovamente l'onorevole Di Stefano, torna a parlare della EcoLan - attacca Ranieri - ma come sempre i fatti e i numeri dicono altro, e ci si dimentica che esistono le norme e i regolamenti statutari, L’assemblea dei soci è stata convocata per martedì 31 maggio al fine di sostituire il consigliere di amministrazione Nicola Madonna (che ringrazio per il suo contributo fondamentale in questi 3 anni di amministrazione) dipendente del Comune di Lama dei Peligni e comandato all’Unione dei Comuni Montani, Maiella Orientale, Verde, Aventino (sede Palena) dimessosi il primo maggio, perché completamente impegnato in qualità di responsabile finanziario dei Comuni dell’Unione". Circostanza che, a norma dello statuto della società, impone di convocare l'assemblea ordinaria per la costituzione. "Quindi le motivazioni circa la convocazione dell’assemblea - continua il presidente - sono dettate dalle regole societarie e non da altro. Cosi come la rielezione dell’intero CdA  fatta a marzo scorso, anch'essa contestata da Di Stefano il giorno prima dell’assemblea, andava attuata entro il 30 aprile con l’approvazione del bilancio, e quindi comunque prima delle elezioni, perché gli amministratori durano in carica non oltre tre esercizi finanziari. Pertanto nulla hanno a che fare i passaggi nelle assemblee con le elezioni amministrative, quindi attenzione alle regole e norme, altrimenti parliamo di aria fritta. Capisco la campagna elettorale, ma le cose che si dicono devono essere corrette e vere". Nonostante le dimissioni di Madonna, in ogni caso, Ranieri precisa che il cda della EcoLan è in carica con pieni poteri. "I sindaci dei 53 Comuni, di centro destra, centro sinistra e civiche, appena lo scorso marzo hanno riconfermato questa gestione ed è ai sindaci che io rispondo, visto che sono loro i proprietari della società: io sono a disposizione fintanto ho la piena loro fiducia". Ma Ranieri contesta anche i dati forniti dal parlamentare forzista, che non corrisponderebbero al vero. "Dal dicembre 2015 - prosegue - la EcoLan ha portato la differenziata al 60 per cento, partendo dal 28 per cento. Vuol dire che l'indifferenziato è diminuito del 32 per cento ed entro giugno diminuirà ancora di più, perché ci siamo posti l'obiettivo del 72 per cento. In ogni caso gli eventuali maggiori costi, se non si dovesse raggiungere tale obiettivo, sono a carico della società. Quindi, anche qui si parla di cose raccontate senza conoscere. Sulla questione personale faccio presente che la EcoLan è passata da 36 a 130 dipendenti, molti dei quali riassorbiti dalle commesse affidateci dai Comuni (vedi Lanciano, Orsogna, Villa S. Maria, Filetto ecc.), altri tramite concorsi e altri ancora stabilizzati su indicazioni della proprietà. E quindi c’è stato un aumento dei costi del personale per tali ragioni. Questo, però, a fronte di un aumento del fatturato, che nel 2015 è stato di oltre un milione di euro". Ranieri sottolinea anche che i quadri hanno compensi al di sotto dei 2mila euro mensili, con orari di lavoro molto pesanti, e sono state ridotte pure le consulenze esterne. "Tra l’altro la gestione di EcoLan di questi 3 anni - precisa ancora Ranieri - ha prodotto solo utili, ridistribuiti ai Comuni soci, altro che dati/numeri negativi". Un ultimo aspetto riguarda i ricorsi pendenti, sui quali il presidente invita ad attendere le sentenze. In ogni caso, precisa che i conti della società sono in sicurezza e che quindi all'orizzonte non c'è alcun rischio di tracollo finanziario.
 

Tolleranza zero, da parte del Comune di Lanciano, all'abbandono dei rifiuti in città, dopo la progressiva estensione della raccolta porta a porta su tutto il territorio. La polizia municipale ha sanzionato con una multa di 600 euro una donna che aveva abbandonato, a Costa di Chieti, un frigorifero, un congelatore, una sedia da ufficio e altri rifiuti. I vigili sono risaliti alla famiglia della donna tramite indizi contenuti nei rifiuti stessi. "Lo stato dei luoghi è stato ripristinato per mezzo della ditta concessionaria del servizio di igiene urbana, la EcoLan spa - spiegano dal Comune - la violazione accertata dalla Polizia Municipale anche con materiale fotografico è punita ai sensi del D.Lgs 152/2006 con la sanzione amministrativa pecuniaria da 300 euro a 3000 euro. Si ricorda alla cittadinanza che è attivo presso la EcoLan spa il servizio gratuito di ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti: per prendere l'appuntamento per il ritiro basta contattare il numero verde 800020029 o compilare il form online a questo link: http://www.ecolanspa.it/ritiro-ingombranti/. I rifiuti ingombranti possono essere inoltre conferiti dai cittadini stessi, senza alcun costo, nel Centro di Riuso EcoLan in località Re di Coppe".  (la foto è di repertorio)

Incidente poco prima delle otto di questa mattina su via Santo Spirito, nei pressi del Circolo Tennis di Lanciano. Coinvolti tre mezzi, tra cui un mezzo della Ecolan. Fortunatamente nessuna conseguenza per i conducenti. Alla base dell'incidente, probabilmente, una precedenza non rispettata, che ha poi provocato la carambola, in cui un'Audi è rimasta letteralmente incastrata tra il mezzo della Ecolan e una Hyundai. 

  • Pagina 2