Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

E’ morta questa mattina in ospedale a Pescara Aurora Belardo, la 23enne originaria Palombaro che sabato notte è rimasta coinvolta nell’incidente sulla fondovalle Sangro insieme ad una amica.

Nonostante fosse stata sottoposta a un complicato  intervento chirurgico per cercare di arginare le gravi ferite ed le emorragie interne riportate nel violento impatto si è spenta questa mattina intorno alle 11.

L’ambulanza a sirene spiegate nel cuore della notte aveva lasciato intendere che si trattasse di una situazione disperata per la giovane che viaggiava in auto insieme all’amica, M.D.U., 22 anni di Casoli anche lei ricoverata in ospedale.

La loro auto di una Smart diretta a Vasto aveva appena imboccato la superstrada, dallo svincolo Piane d’Archi-Casoli e poco dopo lo scontro con l’auto del neopatentato N.C., di Casoli, che ora è indagato per omicidio colposo.

Non ce l'ha fatta Daniela Martorella, la 37enne di Bomba rimasta coinvolta, l'altra mattina, in un drammatico incidente stradale sulla Fondovalle Sangro. Secondo quanto riferisce il quotidiano "Il Centro", i medici dell'ospedale di Teramo - dove la donna  era stata trasferita per la gravità delle sue condizioni - avrebbero già registrato ieri sera l'elettroencefalogramma piatto, primo terribile segnale della morte cerebrale. Daniela Martorella, operaia alla Sevel di Atessa, era in auto con un collega - un 30enne di Bomba, rimasto ferito e ricoverato all'ospedale di Chieti - e stava facendo ritorno a casa dopo il turno di notte. All'altezza del bivio per Archi la loro auto si è scontrata frontalmente con un'altra vettura proveniente in direzione opposta che - secondo le prime testimonianze, ancora al vaglio dei carabinieri di Atessa - avrebbe effettuato una manovra per evitare alcuni cinghiali sulla carreggiata, senza rendersi conto del sopraggiungere della vettura dei due operai. Anche gli occupanti della seconda auto sarebbero rimasti feriti, ma le loro condizioni non sarebbero preoccupanti.