Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Rischia la chiusura già da aprile 2018 per la Honeywell Transportation System di Atessa. A rischio 420 lavoratori della storica  fabbrica dei turbocompressori, la terza in ordine di importanza dopo Sevel ed Honda.

Conferenza stampa questa mattina di Fim, Fiom e Uilm che, hanno indetto due giornate di sciopero, oggi e domani. Sciopero che ha totalmente bloccato gli impianti.

Un destino già segnato secondo il sindacato  tanto, da azzardare già una data della definitiva chiusura. La politica deve ascoltarci ha ribadito Antonio  Manzi segretario di Chieti – Pescara Uilm, “dai 2 milioni di turbo prodotti in passato ora si è passati, dal 2008, ai 700mila di Atessa contro i 4 milioni di quelli fatti in Romania. La Honeywell non investe più su Atessa, questo è un dato di fatto con nessun prodotto che possa garantire continuità alla nostra fabbrica”.

Nel frattempo cambio vertici, nessun italiano, il potere è in mano ai francesi che sono i "competitor" storici, è chiaro prosegue Manzi, che il futuro che immaginano non comprende noi. “La proprietà deve parlare con noi e con il governo”

Sarebbero «quattro francesini», si legge nella nota interna che indice lo sciopero , «decidono di chiudere Atessa per favorire il sito di Thaon Les Vosges. La filosofia è chiara: azzeriamo la concorrenza per salvare la fabbrica francese. Da questo istante», si legge nella nota distribuita fuori i cancelli dello stabilimneto, «assumiamo il controllo della fabbrica. Questo stabilimento non è più di chi ha intascato e intasca il frutto del nostro sudore. La fabbrica di Atessa è nostra, è di chi in questi anni ha prodotto una ricchezza enorme, smisurata, che ha gonfiato le tasche dell’azionista e dei dirigenti che nel momento più delicato hanno deciso di abbandonare la nave. Chiediamo a tutti di incrociare le braccia, questa realtà industriale va difesa ad ogni costo».

I sindacati chiedono «l’arresto immediato delle operazioni di duplicazione delle produzioni della Honeywell di Atessa, l’elaborazione di un piano industriale di rilancio del sito abruzzese e l’impegno a non riconoscere più ogni forma di esubero occupazionale». Il motto, da spedire direttamente ai francesi, è per Fim, Fiom e Uilm, “lottare oggi per costruire il domani”.