Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO - Cosa fanno i bambini a Lanciano? La città offre spazi adeguati, appuntamenti, e propone in maniera gratuita opportunità di svago anche per i bambini le cui famiglie non possono permettersi una ludoteca o un laboratorio creativo che tanto vanno di moda? Di strutture private che promettono mondi fatati, che organizzano feste per ogni gusto ne sorgono ogni giorno. Slogan accattivanti e immagini della Disney, a molti neo genitori che ovviamente possono permetterselo, danno l’impressione che portare il figlio a saltare come un ossesso su un gonfiabile o a rimanere incastrato in una vasca di palline, sia un bel modo per far trascorrere al figlioletto il proprio tempo. In molti, invece, credono che i bambini debbano inventarsi il proprio svago, fare i bambini, annoiarsi anche quando è il caso. Spetterenne a loro decidere con chi e come giocare, senza chi invece dall’alto si limita a riempire un bambino di mollette per i panni, invitando tutti gli altri a liberarlo…fantasia dei piccoli annientata e pomeriggio trascorso al chiuso, con le mamme però contente, perché il piccino non ha preso freddo.

Al di là delle tante considerazioni che si possono fare di cosa significhi l’infanzia negli ultimi anni, e al di là del pensiero di ognuno di noi, quel che è certo è che a Lanciano i bambini se non pagano non giocano, non fanno sport e soprattutto non possono giocare all’aria aperta.

Lo stato dei parchi giochi pubblici è sotto la nostra lente di ingrandimento da anni. Una città di 35mila abitanti con un parco con due altalene sgangherate, il più delle volte chiuso per il fango, che nonostante tappeti di ultima generazione lo rendono una laguna dopo due gocce di pioggia. Posizionati su una strada con scarsa illuminazione, con la Villa di fronte e  le auto che passano a folle velocità: il pericolo è costante, tanto che non a caso, tempo fa, il Comune aveva messo un dipendente a monitorare la situazione. Attività ludico ricreative accessibili a tutti? Aiuto scolastico? Supporto per le mamme che lavorano? Incontri pubblici con i genitori che spiegano cosa sarebbe meglio per i propri figli? Ecco tante sono le domande in un deserto di cultura per la prima infanzia che a dir la verità in campagna elettorale era stato rilevato da tutti i contendenti, ma che a oggi non vede ancora nessuna e soluzione.

In estrema sintesi la situazione è questa: zero proposte, mercato privato in ascesa, con davvero pochi professionisti che propongono cose giuste, bambini rimbalzati da una attività scolastica all’altra, mentre in un batter d’occhio diventano adolescenti annoiati che in un pomeriggio annoiato vandalizzano la Pista e un Comune che non è in grado di proporre una politica per l’infanzia seria e concreta e che chieda ai genitori, o ai piccoli stessi, cosa sarebbe meglio per loro. (C.Lab)

SAN VITO - In occasione della giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il 21 novembre si terrà a San Vito Chietino la prima “Marcia dei cuori e dei colori” alla quale parteciperanno i bambini delle scuole elementari e medie dell’Istituto Comprensivo “G.D’Annunzio” di San Vito Chietino che comprende anche i plessi di Treglio e Rocca San Giovanni. La manifestazione intende rafforzare nei ragazzi il senso della solidarietà e della integrazione Il corteo partirà dalla sede dell’istituto in via Michelangelo alle 10 per arrivare, attraversando il corso principale, nella zona del Colle presso il Teatro all’aperto D’Annunzio. Ad introdurre la manifestazione sarà la dirigente dell’Istituto Comprensivo Paola Monacelli ed i sindaci dei tre comuni: Rocco Catenaro per San Vito Chietino, Massimiliano Berghella per Treglio e Gianni di Rito per Rocca San Giovanni.  Poi ci saranno le varie esibizioni dei bambini. A ricordare i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sarà Giulia Amodio, psicoterapeuta responsabile del Telefono Azzurro di Pescara e a portare all’attenzione di tutti realtà difficili come quella dei Paesi sottosviluppati saranno Delia Verna ed Angela Catalano del Kiwanis Club Pescara. A coordinare l’evento la giornalista Gioia Salvatore, presidente dell’Associazione La Luna di Seb. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà presso la palestra della scuola secondaria di San Vito.
 

FOSSACESIA - “Tutti insieme per tutti i bambini del mondo”: si intitola così la manifestazione che l’Amministrazione Comunale di Fossacesia ha organizzato per domani Sabato 19 Novembre, in occasione della giornata mondiale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, a ricordo della Convenzione ONU sottoscritta 27 anni fa. L’Amministrazione Comunale quest’anno ha deciso di dedicare questo evento in particolare ai bambini di Amatrice, uno dei paesi maggiormente dilaniati dal terremoto, per i quali durante l’evento vi sarà una raccolta fondi tramite la vendita di oggetti realizzati dai bambini del Centro Diurno per Minori di Fossacesia, come in una sorta di gemellaggio dell’infanzia e dell’adolescenza. Si inizierà dalle ore 17.15, quando, dopo i saluti del Sindaco Enrico Di Giuseppantonio, la Prof.ssa Tonia Orlando, autrice del libro “Come gli Aquiloni”, parlerà ai presenti dell’importanza del valore della famiglia e dell’educazione morale delle nuove generazioni. Seguirà, a cura del Teatro del Sangro, la rappresentazione teatrale “L’Anello di Gollum” in cui Stefano Angelucci Marino rappresenterà, attraverso un monologo teatrale liberamente tratto dall’opera di Tolkien, l’importanza di valori come l’amicizia, la fedeltà, l’amore, la gioia, il sacrificio, la libertà, la verità e la grazia. L’evento si concluderà per le 19.00, con i saluti finali dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Fossacesia, Mariangela Galante.