Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Al via da domani la campagna di vaccinazione antinfluenzale nel territorio della provincia di Chieti. E’ stata completata la distribuzione delle dosi presso i centri vaccinali della Asl (indicati su www.asl2abruzzo.it) e gli ambulatori dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta che potranno vaccinare i propri assistiti compresi nella categorie a rischio indicate dal Ministero della Salute.

Le specialità antinfluenzali disponibili sono quattro: vaccino Trivalente (nome commerciale “Influvac S 10 vials”), destinato ai bambini sopra i sei mesi e fino a tre anni di età; vaccino Tetravalente (nome commerciale “Vaxigrip Tetra”) per soggetti di età pari o superiore a tre anni; vaccino Trivalente, ad antigene di superficie con somministrazione intradermica (nome commerciale “Intanza 15“), per soggetti con età pari o superiore a 60 anni; vaccino antinfluenzale Trivalente ad antigeni di superficie adiuvato MF59 (nome commerciale “Fluad“) per soggetti di età pari o superiore a 64 anni.

Salvo necessità di tipo epidemiologico, la campagna si concluderà il prossimo 31 dicembre.

Con le 75 mila dosi acquistate, il Servizio epidemiologia igiene e sanità pubblica mira a raggiungere l’obiettivo di copertura del 75% della popolazione interessata e a migliorare sensibilmente il dato dello scorso anno, quando l’asticella si era fermata al 49,8%.

La campagna vaccinale è rivolta agli ultra 65enni e alle categorie a rischio: bambini di età superiore ai sei mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza, quali malattie croniche dell’apparato respiratorio, malattie cardiovascolari, diabete, tumori, insufficienza renale, malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, malattie infiammatorie croniche, epatopatie, malattie degli organi emopoietici, patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici. È inoltre destinata a soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori quali forze di polizia, vigili del fuoco, lavoratori particolarmente esposti per attività svolta e al fine di contenere ricadute negative sulla produttività; donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza; ricoverati presso strutture per lungodegenti; medici e personale sanitario di assistenza; familiari di soggetti ad alto rischio; personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani, quali allevatori, addetti al trasporto di animali vivi, veterinari pubblici e libero-professionisti.

E’ importante, comunque, adottare anche misure di igiene e protezione individuale, poiché, com’è noto, la trasmissione del virus dell’influenza si può verificare per via aerea attraverso le gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce, ma anche attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie. Per questo, una buona igiene può giocare un ruolo importante nel limitare la diffusione dell’influenza. Queste le raccomandazioni: lavarsi le mani, coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, evitando di abbandonare i fazzoletti in giro, uso delle mascherine da parte delle persone influenzate quando si trovano in ambienti sanitari, isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale.

 

CHIETI - E’ partita la consegna dei vaccini antinfluenzali negli ambulatori della provincia di Chieti, dove ci si prepara per l’avvio della campagna, prevista per giovedì 3 novembre in tutta la regione Abruzzo. L'epidemia di influenza quest'anno si preannuncia a insorgenza precoce rispetto all'anno passato e dovrebbe interessare un numero maggiore di soggetti in quanto sono previste variazioni nei virus circolanti.  La Asl Lanciano Vasto Chieti ha già acquistato 62 mila dosi, ma è pronta ad acquisirne altre nel caso la fornitura si rivelasse insufficiente. Quattro le specialità disponibili, in quantitativi differenziati, tre tipi trivalenti (2 virus tipo A e 1 tipo B) e 1 tipo quadrivalente (2 virus tipo A e 2 tipo B).  I cittadini potranno rivolgersi ai centri vaccinali della Asl ad Atessa, Casoli, Castiglione Messer Marino, Chieti, Francavilla al Mare, Guardiagrele, Lanciano, Ortona, San Giovanni Teatino, San Salvo, Vasto, Villa Santa Maria nonché al proprio Medico di medicina generale e Pediatra di libera scelta. La vaccinazione è gratuita per i soggetti che rientrano nelle categorie a rischio, ovvero le persone di età pari o superiore a 65 anni; i bambini di età superiore ai sei mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza; i bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale; le donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza; gli individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti; medici e personale sanitario di assistenza; familiari e contatti di soggetti ad alto rischio; soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori; personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani. «Anche se nella passata stagione nel territorio della nostra Azienda abbiamo raggiunto una copertura pari al 47,45%, tra le più alte della regione - mettono in evidenza al Servizio igiene epidemiologia e sanità pubblica (Siesp) della Asl, diretto da Ada Mammarella Anchitella -, quest’anno puntiamo al 58% per i soggetti di età pari o superiore ai 65 anni, anche se è ragionevole ritenere che si tratta di un obiettivo non facile da raggiungere, visto anche l’atteggiamento di diffidenza e disaffezione che caratterizza ultimamente il tema generale dei vaccini. Com’è stato ripetuto più volte in questi giorni dai rappresentanti del mondo scientifico e delle istituzioni, è importante aderire alla campagna antinfluenzale per evitare l’aggravamento di patologie di base e croniche, il ricovero in ospedale e complicazioni gravissime di malattie respiratorie che potrebbero avere conseguenze mortali». Al fine di agevolare al massimo l’adesione alla campagna ed evitare disagi all'utenza nel caso di una numerosa partecipazione, il Dipartimento di Prevenzione e il Siesp hanno già previsto turni di apertura straordinaria dei centri di vaccinazione. Sedi e orari di apertura sono disponibili sul sito Internet www.asl2abruzzo.it