Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

E ora è un coro unanime, una voce che si fa sempre più forte e che pretende di essere ascoltata. E' quella dei tanti cittadini che davvero non ne possono più di aprire il giornale o leggere sul tablet o ascoltare dal tg, dell'ennesimo furto, dell'ennesima violazione di case, scuole, aziende. A Lanciano nelle ultime settimane c'è stato un rigurgito di criminalità. L'impressione è che la città e il territorio siano diventati il terreno preferito di bande di ladri, rapinatori, furfanti e teppisti. La cronaca racconta ogni giorno di fatti di piccoli delinquenti, ma anche di azioni criminose messe in atto da professionisti (un esempio, l'assalto al furgone portavalori e solo il provvidenziale intervento di un automobilista di passaggio, che non si è girato dall'altra parte, ma ha chiamato subito polizia e carabinieri,ha impedito che il colpo venisse portato a termine) e questo sta creando e alimentando un clima di paura, di preoccupazione che ormai si fa fatica a nascondere. C'è chi non esce la sera per non lasciare la casa vuota, chi ha intensificato allarmi e controlli, chi pensa di organizzare ronde nei quartieri più popolosi e quindi ritenuti più a rischio. In una zona del quartiere Santa Rita sembra che le famiglie residenti stiano pensando di organizzare una squadra di giovani che dovrebbe controllare e supervisionare la zona, dietro compenso. Le famiglie interessate sono disposte ad autotassarsi pur di provare a dormire sonni tranquilli, senza l'angoscia di trovare qualcuno in casa o di tornare dopo un cinema o una cena ed essere accolti dal finimondo. La sicurezza, dunque, sta diventando un tema centrale e sicuramente sarà uno tra i punti più importanti del programma elettorale, dei quattro candidati sindaci. In fondo quando si è a caccia di consenso è facile cavalcare gli argomenti sensibili, far leva sull'emotività e sulle reazioni, seppur comprensibili e giustificate, dei cittadini. L'auspicio però è che un tema decisamente nevralgico come la sicurezza, che necessita di una programmazione seria da elaborare in sinergia con gli altri organi competenti, non diventi solo materia di scontro elettorale, di sfida a chi è più convincente. L'obiettivo non dovrebbe essere solo catturare un voto in più, ma provare a dare risposte adeguate. (p.d.f.)
 

Ladri in azione la scorsa notte a Lanciano e ancora una volta a essere prese di mira le scuole a due settimane dal furto a Principe di Piemonte, Maria Vittoria e centro Anziani.

Dopo gli arresti dei giorni scorsi dei malviventi che avevano messo a segno il furto nelle scuole di Altino si pensava che il fenomeno sarebbe finito e invece questa notte sono tornati ed hanno fatto veramente danno.

Due le scuole ripulite: gli Eroi Ottobrini di via Martiri e la scuola media Mazzini, evidentemente stiamo palando di più bande dedite allo stesso tipo di furto.

Nella prima scuola  preso un  portatile Lenovo, altri computer in uso nelle classi come registro elettronico e collegati alle lavagne elettroniche e 4 Lim, qui sarebbero entrati dalla porta del cortile. Alla Mazzini ancora registri elettronici e i soldi delle gite. Addirittura qui sono entrati dal piano di sotto dove hanno aperto la porta blindata con delle mole che hanno letteralmente divelto le porte come scatole di latte.

Entrambe le scuole erano senza impianto di allarme. Stanno indagando i Carabinieri di Lanciano con il capitano Massimo Capobianco.

Seguiranno aggiornamenti e contributi filmati

(C.Lab)