Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Il Lanciano Calcio 1920 si porta al comando del girone b di prima categoria rifilando una cinquina di gol al Pagliata.

Forse troppo il divario tra le due compagini, ed una gara a senso unico segnata fin dai primi minuti. Il Lanciano scende in campo con: Di Vincenzo, Boccanera (20 st Giancristofaro), Shipple, Quintiliani (25 st De Rentiis), Scudieri, Natalini, Val (10st Rullo), Petrone (25 st La Morgia), Tarquini, Di Gennaro (15 st Cianci), Sardella. In Panchina Rossetti, Nativio. Allenatore Alessandro Del Grosso

Il Paglieta: Cinalli, Caldo, Povero, Cancellier, Di Florio (25st Romagnoli), Cianfrone, Di Nella (1 st Bosco), Bevilaqua, M. Bosco (15 st Tundo), Di Paolo (45 st Scancaciottoli), Remigio. In Panchina Di Virgilio, Di Nucci, Di Campli. Allenatore Gianluca D’Onofrio

Arbitro il Sig. Cosmin Filippo Dumea della sezione di Sulmona

La prima rete del Lanciano al primo affondo con Petrone che sfrutta una respinta del portiere avversario su tiro di Di Gennaro. Al 10° minuto Sardella firma il 2 – 0 con un bel diagonale su passaggio di Quintiliani. Il Lanciano è costantemente nella metà campo avversaria e impegna la difesa ospite prima con un tiro di Quintiliani e poi con Scudieri, in entrambi i casi su cross di Shipple. Il Paglieta tenta qualche sortita offensiva che non procura patemi d’animo per la difesa lancianese.

A 40° arriva il terzo gol, Natalini gonfierà la rete ospite con un preciso colpo di testa su angolo battuto da Shipple. Si va negli spogliatoi mentre Giove pluvio ha deciso che era ora di fare scendere qualche goccia di pioggia. Il Lanciano è padrone del campo e il divario con gli avversari è netto, al 1° del secondo tempo affondo di  Boccanera che  si invola dalla destra e passa a Sardella che da centro area segna la 4 rete, chi pensava che il Lanciano si sarebbe accontentato del risultato del primo tempo si sbagliava, anche se l’undici rossonero resta padrone del campo, e limita le sortite offensive, sotto una pioggia che a tratti si è fatta battente.

 La quinta rete arriva da Quintiliani, dopo rispettivamente una traversa presa da Tarquini e un palo dello stesso Quintiliani. Alla mezzora due pali negano la sesta rete a Cianci, che colpisce prima il palo alla destra del portiere per poi attraversare tutta la linea di porta e colpire il palo alla sinistra dell’estremo difensore ospite. Qualche minuto dopo è Rullo a provare la via del Gol con un bel tiro da fuori area, ma questa volta il portiere avversario intercetta il tiro. Poi sarà la volta di Tarquini, prima il tiro dell’attaccante rossonero si spegnerà sul fondo, poi su punizione la palla sorvolerà di poco la traversa. Sul finire della gara nuovo palo per il Lanciano, questa volta colpito da La Morgia.

La classifica sorride al Lanciano del Patron De Vincetiis che dopo cinque giornate è a punteggio pieno e al comando del proprio girone, il pubblico ha sottolineato la prestazione dei giocatori con un lungo applauso che è stato apprezzato dagli stessi e hanno ringraziato la tribuna e i ragazzi della curva che oggi nonostante la pioggia hanno sempre incitato l’undici rossonero.

Il Lanciano giocherà la prossima gara con lo Spinalvetri, che oggi è stato corsaro a San Vito andando a  vincere per 1 – 0, sul campo di San Salvo nella giornata di Sabato 28 fischio d’inizio ore 15.00 (da confermare).

Bella affermazione dell’ Athletic Lanciano che vince sul campo dello Scerni per 2 – 1, al 9° del primo tempo, un disimpegno mal gestito su un tiro-cross di Verì fa carambolare la palla su un giocatore dello Scerni che infila la propria rete. Il raddoppio da parte di Fischio nei primo minuti del secondo tempo, mentre lo Scerni segnava allo scadere dei 90 minuti.

Con questa gara l’Athletic raggiunge l’Atessa Mario Tano al terzo posto della classifica e si pone in zona Play-off.

L’Orsogna si pone come seconda forza del girone e oggi ha regolato la Tollese con un perentorio 4 – 1.

Il Vasto Marina si impone per 4 – 2 sul Fresa.

La Virtus Ortona cade in casa alle spese dell’Atletico Cupello per 1 -2.

Infine finisce 3 – 3 tra Trigno Celenza e Tre Ville

Questa la classifica:

 

Lanciano

15

Orsogna

13

Atessa Mario Tano

12

Athletic Lanciano

12

Scerni

11

Atletico Cupello

11

Vasto Marina

10

Virtus Ortona

9

Tollese

7

Trigno Celenza

7

Roccaspinalveti

6

San Vito 83

3

Paglieta

2

Tre Ville

1

Fresa

1

 

 

Uranio Ucci

 

Una cornice di pubblico, circa 1500 con larga rappresentanza ospite, ha salutato oggi a Monte Marcone l’incontro di calcio tra l’Atessa Mario Tano e Lanciano Calcio 1920. Ci si aspettava una gara avvincente ed è stata proprio così con il risultato sempre in bilico fino al fischio finale.

Atessa Mario Tano: Cericola, Spinelli (35st Zinni), Caruso (35st Djolo), Manzone, Mainella, Vitullo, Del Roio, D’Ortona (40 pt M. Russi), Sciarrino, Venditti (1 st Barry), Iannone (35 st Russi). In panchina Scutti, Di Rocco. Allenatore Gabriele Farina

Lanciano Calcio 1920:  Di Vincenzo, Giancristofaro, ShIpple, Quintiliani, Scudieri, Natalini, Val (1 st Boccanera), Petrone, Tarquini, Di Gennaro (35 st Cianci), Sardella. In panchina Rossetti, Rullo, La Morgia, Cianci, De Rentiis, Vitali. Allenatore Alessandro Del Grosso .

Arbitro il sig. Davide Sciubba della sezione di Pescara.

I gol:  22’ pt Tarquini (L), 29’ pt Del Roio (A), 34’ pt Di Gennaro (L), 40’ pt Natalini (L), 13’ st Manzone (A)Ammoniti

Ammonti: Caruso, Mainella e Vitullo dell’Atessa Mario Tano, Giancristofaro del Lanciano; angoli 7-5; recupero 2’ pt 4’ st.

Nell’anticipo della Quinta giornata del campionato di Prima categoria il Lanciano soffre per portare a casa i tre punti conto una squadra che si è impegnata senza risparmio.

Le compagini si schierano in campo entrambe a specchio con un 443, il Lanciano cerca fin dai primi minuti di gioco di portarsi in avanti, anche se bisogna aspettare il primo quarto d’ora per vedere il primo tiro, ad opera di Sardella che sfiora il palo.

Il vantaggio rossonero però sembra nell’aria, e infatti qualche minuto dopo con il più classico dei contropiede Tarquini batte in porta vedendo il portiere dell’Atessa fuori dai pali e in uscita disperata su di lui.

L’Atessa non ci sta e contrattacca con veemenza,  al 30 giunge al pareggio con la complicità di Giancristofaro che non intercetta un traversone di Sciarrino,  la palla giunge a Del Roio che non fa altro che appoggiarla in rete 1 – 1 Sulla scia dell’entusiasmo L’Atessa continua ad attaccare, ma un cross di Tarquini dà la possibilità a Di Gennaro di portare nuovamente in vantaggio i rossoneri, 2 a 1. Questa volta il Lanciano continua ad attaccare e a 5 minuti dal termine del primo tempo arriva il terzo gol, ad opera di Natalini su colpo di testa, dopo che il portiere avversario era riuscito a neutralizzare una ribattuta a rete di Sardella, il primo tempo si chiude con il risultato di 3 a 1 per il Lanciano.

Nel secondo tempo il Lanciano scende in campo con l’intenzione di chiudere definitivamente la gara ma il portiere avversario sventa i tentativi e come succede tante volte nel calcio al quarto d’ora arriva la doccia fredda, calcio d’angolo per l’Atessa, battuto da Del Roio è intercettato da Manzone che spedisce il tiro in rete, 2 – 3 pubblico di casa galvanizzato e partita virtualmente riaperta.

L’Atessa attacca anche se l’opportunità migliore sarà sempre del Lanciano quando Tarquini non finalizzerà un contropiede portato avanti da Sardella. Nonostante la voglia e l’impegno della squadra di casa, non si avranno altre occasioni degne di nota fino al triplice fischio finale.

I Rossoneri raggiungono seppur a pari merito l’Atessa al vertice della classifica, con una gara in meno, e domenica l’Orsogna ha l’occasione di portarsi in solitaria al comando qualora dovesse battere l’Athletic Lanciano, gara che si giocherà sul campo “Esposito” fischio d’inizio ore 15,30. Ma questa sarà una storia tutta da raccontare.

Uranio Ucci

Ci sarebbero dei problemi per la trasferta di sabato ad Atessa per i tifosi lancianesi, infatti nonostante la vendita dei tagliandi sia già cominciata, ricordiamo che ai tifosi del Lanciano erano stati riservati 450 biglietti al costo di €5,00, sembrerebbe che la questura di Chieti, abbia inoltrato alla società dell’Atessa Mario Tano il divieto a disputare la gara per motivi di ordine pubblico.

Ad Atessa esiste una piccola tribuna che può contenere un migliaio di spettatori, e parte di questa è separata da una doppia fila di grate, attualmente stanno anche facendo dei lavori di consolidamento in vista proprio della gara di sabato, ma nonostante le rassicurazioni della società atessana, la questura è irremovibile dalla sua decisione.

Si stanno valutando delle soluzioni, dalla disputa della gara a campi invertiti oppure la ricerca di un campo consono ad ospitare i tifosi delle due compagini, il tempo non è amico fra poco più di due giorni si gioca, ma chi prima del campionato sosteneva che il Lanciano, per motivi di ordine pubblico, avrebbe dovuto giocare in serie superiori forse aveva ragione. (Uranio Ucci)