Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Riceviamo e pubblichiamo.

Uno striscione del Blocco Studentesco di Lanciano è stato affisso nei pressi della biblioteca della città per denunciare la pessima gestione della biblioteca comunale. “Orari limitati, studenti abbandonati!”. Questo il testo riportato nello striscione dopo che diversi studenti, sia liceali che universitari rientrati per l’estate, hanno contattato i ragazzi del Blocco per segnalare la persistente problematica che va avanti da anni: l'assurdità degli orari di apertura della biblioteca comunale".

“È intollerabile. La biblioteca è aperta dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 19:00. Gli studenti frentani dovrebbero essere liberi di poter studiare nell'unica biblioteca della città durante tutto il giorno, come avviene quotidianamente nelle città universitarie. - afferma Domenico De Lucia, responsabile lancianese del Blocco Studentesco - Ci auguriamo che gli organi competenti comprendano ed attuino un prolungamento sia pomeridiano che serale riguardo gli orari di apertura - prosegue De Lucia nella nota - ma, nel frattempo, invitiamo gli studenti che necessitano di uno spazio libero e gratuito negli orari di chiusura della biblioteca, a recarsi nella nostra struttura previo appuntamento".

Un contributo di circa 2mila 800 euro l'anno da destinare alle scuole della città, per far fronte a quelle piccole esigenze contingenti che spesso non possono essere affrontate con gli ordinari - e tortuosi - percorsi della pubblica amministrazione. 

Il gruppo consiliare Libertà in Azione ha tradotto in fatti quello che aveva promesso ai lancianesi in campagna elettorale, dichiara Tonia Paolucci in un comunicato e insieme Riccardo Di Nola e Antonio Di Naccio, hanno  formalmente rinunciato al gettone di presenza per la partecipazione alle sedute del consiglio comunale e delle commissioni consiliari. 

Per ogni riunione, infatti, secondo le disposizioni vigenti, ognuno di loro avrebbe percepito circa 33 euro lordi. 

"Un piccolo gesto, ma significativo - commenta la capogruppo Tonia Paolucci - che avrebbe potuto avere ben altra portata se anche altri consiglieri (compresi sindaco, assessori e presidente del consiglio comunale) avessero appoggiato questa scelta. L'importo dei nostri gettoni di presenza sarà messo a disposizioni delle scuole, per l'acquisto di materiali o per piccoli interventi di manutenzione".

Il provvedimento è stato approvato nell'ultima seduta dell'assise civica.


 

Dieci cantieri per circa 4 milioni di euro di lavori pubblici a Lanciano. Questi lavori avviati in questi giorni e quelli aggiudicati tramite le procedure di gara, si vanno ad aggiungere a quelli già in corso per la riqualificazione del quartiere Santa Rita (2 milioni di euro).

Lunedì sono iniziati i lavori di demolizione e ricostruzione della vecchia tribuna del Parco Villa delle Rose (300.000 euro), dopo la consegna dei lavori ufficiale avvenuta giovedì nel settore Lavori Pubblici. L'impresa che si è aggiudicata i lavori al termine della gara di appalto gestita dalla Centrale Unica di Committenza Lanciano Ortona Treglio, alla quale hanno partecipato circa 500 imprese, è la ditta siciliana Impresalv Srl di Favara (Agrigento) con un ribasso del 18% (bit.ly/Risultati_Gara). Gli operai della ditta dopo aver delimitato l'area del cantiere hanno avviato i lavori di demolizione e ricostruzione della vecchia gradinata, che dovranno essere terminati entro 210 giorni, a decorrere dalla data della consegna dei lavori, avvenuta giovedì 13 luglio. Lunedì sono inoltre iniziati i lavori della prima fase del piano asfalti nelle strade del centro e delle contrade, mentre ieri sono ripresi i lavori che completeranno definitivamente la riqualificazione del quartiere Olmo di Riccio – Via del Mare.

“Grazie alla determinazione della nostra Amministrazione e del nostro Assessore ai Lavori Pubblici Pino Valente sono partiti i lavori del primo lotto del progetto più ampio di riqualificazione del Parco Villa delle Rose, un parco pubblico che diventerà il vero cuore verde della città, un punto di riferimento per le attività all'aperto di bambini giovani e adulti, fruibile 365 l'anno e aperto 24 ore al giorno, senza barriere. La Regione Abruzzo farà la sua parte fondamentale grazie all'interesse diretto mostrato dal Presidente Luciano D'Alfonso con la realizzazione di una pista ciclopedonale nell'anello dell'ex Ippodromo tramite il decisivo e importante contributo di 1,2 milioni di euro. Lanciano è un cantiere a cielo aperto, come avevamo ampiamente annunciato pochi mesi fa: oltre 10 cantieri saranno all'opera nel centro come nelle contrade, per interventi destinati a migliorare la vivibilità della nostra Città. Sono infatti partiti i lavori degli asfalti in centro e nelle contrade (500.000 euro), cui seguiranno nel prossimo autunno altri lavori per 700.000 euro; sono ripresi ieri lavori in via del Mare-Olmo di Riccio e a breve inizieranno i lavori di consolidamento delle mura di Porta San Biagio (400.000), mentre i lavori di rifacimento dei marciapiedi in Corso Bandiera (200.000) sono in programma a fine agosto. Per quanto riguarda l'impiantistica sportiva sono stati aggiudicati inoltre lunedì dalla Centrale Unica di Committenza Lanciano-Ortona-Treglio, che ringrazio per il prezioso lavoro e le elevate competenze che ne fanno il punto di riferimento dell'intero comprensorio Frentano con oltre 50 milioni di euro di appalti gestiti nei primi sette mesi del 2017: i lavori di riqualificazione del Palazzetto dello Sport (100.000) e del Palamasciangelo (100.000) sono stati aggiudicati alla Des Services Srl di San Salvo; la scorsa settimana sono stati invece aggiudicati i lavori di ristrutturazione e adeguamento tecnologico della Pista di Atletica “Orecchioni” (150.000): la ditta aggiudicataria è la Cicchini Impianti Srl di Cupello. Da ultimo, ma non per importanza, sono stati finalmente aggiudicati pochi giorni fa i lavori per la riqualificazione pubblica di Corso Trento e Trieste (1.300.000 ditta Edilizia e Strade srl di Campobasso). Salvo imprevisti, il cantiere che darà un volto nuovo e prestigioso al nostro Corso principale aprirà in autunno. Lanciano cambia, con i fatti”, dichiara il Sindaco di Lanciano Mario Pupillo.

Notte da “Arancia meccanica” quella appena trascorsa a Lanciano. I carabinieri della locale compagnia sono stati allertati circa la presenza di un gruppo di ragazzi armati di bastone che sia aggiravano in centro città e, nello specifico nella zona dell’ex ippodromo e via del Feltrino (la strada privata).  Hanno poi individuato una macchina danneggiata, molto probabilmente dagli stessi, e stanno ora cercando di risalire alla loro identità. Nel frattempo sempre nella suddetta zona lancio di pietre verso una casa privata che hanno portato alla rottura di alcuni vetri. Ma quello che davvero ha dell’incredibile è il ritrovamento che questa mattina hanno fatto gli abitanti della strada; un gatto strangolato, ( preferima non mostravi le immagini) molto probabilmente impiccato e lasciato morto sul selciato in terra battuta. Il veterinario ha confermato la morte per strangolamento. Della rimozione della carcassa si sono occupati gli operai del comune che hanno proprio li un deposito.

Ora non è chiaro se l’episodio in questione si stato commesso dallo stesso gruppo che girava armato di bastoni e che molto probabilmente ha danneggiato l’auto ma, ciò che è certo è che siamo di fronte ad un vero e proprio allarme sociale che sta trasformando il centro di Lanciano in un posto poco sicuro dove sono all’ordine del giorno fatti di degrado. Si spera che i lavori partiti oggi, e annunciati dal Sindaco Mario Pupillo, degli spalti dell'ippodromo possano arginare il fenomeno.

E’ della scorsa settimana la notizia della nonna aggredita insieme ai nipotini mentre, gli schiamazzi notturni all’interno della villa comunale non accennano a placarsi.(C.Lab.)

Il nubifragio di pochi minuti fa ha causato un incidente che ha coinvolto una ragazza di 20 anni alla guida della sua fiat 500 nera.

Siamo all’altezza della farmacia comunale di Viale Cappuccini quando, all’improvviso probabilmente a cusa della bomba d’acqua che si è abbattuta sulla città,  è esploso  un tombino che ha preso in piego l’auto. Nell’urto sono esplosi gli airbag della macchina che è poi finita contro il marciapiede a ridosso di un albero. Nell’urto la giovane, visibilmente sotto shock raccontano i presenti, ha riportato diverse escoriazioni traumi alle gambe alle braccia ed è stato trasportata all’ospedale Renzetti per ricevere le prime cure. Sul posto ancora la polizia municipale per i rilievi del caso,

La Corte d'Appello dell'Aquila ha respinto il ricorso presentato dall'Associazione Circolo Casa di Conversazione contro il Comune di Lanciano. L'Associazione ha impugnato la sentenza di primo grado del Tribunale di Lanciano del 7 marzo 2016 che ha ritenuto risolto il contratto di locazione con il Comune di Lanciano dell'immobile nel quale svolgeva attività socio culturale per morosità nel pagamento dei canoni di locazione. Il Tribunale di Lanciano aveva condannato l'Associazione al pagamento dell'importo di 29.965 euro al Comune di Lanciano per i canoni inevasi. La Corte d'Appello ha condannato inoltre l'appellante al pagamento delle spese legali. La sentenza 1309/2017 è stata pubblicata lo scorso 6 luglio 2017.

“La legittimità e la legalità della nostra azione a tutela della comunità sulla vicenda della Casa di Conversazione è stata certificata due volte dagli organi di giustizia. I locali di proprietà del Comune di Lanciano, e quindi di tutti noi, sono tornati nella piena disponibilità della Cittadinanza: si contano ormai a centinaia gli eventi culturali ospitati nella Casa di Conversazione, dove le numerose e vivaci Associazioni culturali lancianesi hanno finalmente a disposizione una sala attrezzata e prestigiosa a tariffe contenute per le proprie iniziative. Al di là delle sentenze, è questo il vero successo dell'operazione culturale e amministrativa che abbiamo portato a termine e che merita di essere ancora una volta sottolineata”, dichiarano il Sindaco Mario Pupillo e l'Assessore alla Cultura Marusca Miscia.

Sabato 15 luglio piazza dell’Unità d’Italia, ex piazza della Vittoria a Lanciano si trasformerà in grande parco di divertimento a cielo aperto dove fra, musica, arte, moda, shopping, animazione per i più piccoli ognuno potrà apprezzare un dei luoghi simboli della città, a due passi dal centro ma ancora troppe volte trascurato. Si parte alle 17 con l’animazione itinerante curata dai ragazzi della "TAVOLOZZA DEI SORRISI" nel frattempo saranno aperte le esposizione di artigianato con laboratori dimostrativi. Diversi i punti ristoro dedicati allo street food. E poi l’”Abbraccio colorato”, una iniziativa simpatica dove si potrà, indossando una maglietta bianca è un pantaloncino o pantalone o gonna che poi possa rimanere sporca in modo permanente, imprimere la sagoma di una “abbraccio” di chi si ama, di un amico in maniera indelebile sui propri abiti.
Alle 21 sfilata di moda con le ultime tendenze moda per grandi e piccini.  E poi ancora spettacoli di danza 
e percorsi evolutivi . Alle 22,30 spazio alla musica con la COVER BAND di VASCO ROSSI .
A fine serata lancio di lanterne e palloncini luminosi con una dedica o un pensiero da far volare fra le nuvole.

Chiuse al traffico le seguenti strade: piazza Unità D’Italia (dal lato opposto alla scuola), via Monte Grappa e via Isonzo

20 i commercianti che hanno reso possibile l’evento e sono: New Crazy Lab, Giocheria, Caffè per Caso, Copy Cabana, Il Pendolo, Micro Bar, Miscia pelletteria, L’angolo della bellezza parrucchiera, Parrucchiera Gabriella, Dolce Festa, Giò giò Kids, La Coccinella, Baby Shoes, Vacanze Emozioni, Fashion, Coccole per la casa, Antica Bottega Artigiana, Punto Casa, Mercatino del popolo da Peppino, Spritz Bar.

"E’ sconcertante leggere le parole del Consigliere Regionale Mauro Febbo sulla questione del Canile Sanitario Provinciale di Villa Martelli":

 Esordisce così Davide Caporale assessore all'ambiente ealla tutela degli animali del comune di Lanciano in una "rovente" nota stampa giunta in redazione, "probabilmente il Consigliere ne ignorava anche l’esistenza, prima che qualche suo collaboratore glielo segnalasse e gli mettesse in bocca parole di circostanza utili solo a una piccola polemica sterile e estiva. La nostra Amministrazione si scusa con gli utenti e con la Asl2 Lanciano Vasto Chieti per il ritardo di un mese rispetto alla chiusura formale delle ultime pratiche burocratiche che permetteranno a breve l’inizio delle attività, ma esprimiamo sollievo e soddisfazione per aver portato ormai a conclusione una vicenda iniziata nel 1999.

Durante questi 18 anni, il consigliere Mauro Febbo è stato nell'ordine: Presidente della Provincia di Chieti, Assessore Regionale e Consigliere Regionale. Se avesse mostrato lo stesso zelo profuso per l’eliminazione della Asl di Lanciano con la complicità di Fabrizio Di Stefano, cancellata sotto la Giunta Chiodi di cui faceva parte, probabilmente la questione Canile sarebbe stata risolta un decennio fa.

Come sempre raccogliamo i cocci di un'epoca che ci siamo messi finalmente alle spalle. Grazie all’impegno forte di questi ultimi 9 mesi del personale della Asl, dell’Assessore alla Sanità regionale Silvio Paolucci e grazie alla preziosa e incessante opera di collegamento del Presidente del Consiglio Comunale di Lanciano Leo Marongiu, ora vediamo prossimo l’inizio anche sostanziale delle attività che consentirà a Lanciano di essere punto di riferimento dell'intera Provincia per questo servizio".

Il Sindaco di Lanciano Mario Pupillo ha nominato Vicesindaco l'Assessore Giacinto Verna con decreto numero 24 del 10 luglio 2017. Con lo stesso decreto il Sindaco ha revocato temporaneamente la carica di Vicesindaco all'Assessore Giuseppe Valente, per motivi di salute, “ferma restando l'intenzione di restituire l'Assessore Valente alle funzioni di Vicesindaco non appena potrà assicurare la continuità dell'esercizio della carica”, come si legge nelle premesse del decreto.

"Dal 2 giugno sono passati 39 giorni, alcuni molto difficili soprattutto dal punto di vista umano, oltre che politico. Oggi possiamo finalmente dire che per Pino Valente il peggio è alle spalle e di questo non possiamo che esserne felici per la famiglia e i tanti amici che si sono stretti intorno a lui, insieme all'intera Città di Lanciano. Un pilastro come Pino è difficilmente sostituibile, ma la regolarità dell'azione amministrativa necessita di questo passaggio di consegne temporaneo che oggi mi appresto ad annunciare, dopo aver condiviso la soluzione innanzitutto con il Vicesindaco Valente, con la Giunta e i Consiglieri di maggioranza. Esclusivamente per esigenze di continuità dell'azione amministrativa e politica ho deciso dunque di nominare Vicesindaco l'Assessore Verna in attesa del ritorno di Pino, che ora ha bisogno di riposo e cure per una ripresa completa, ma che continua ovviamente a godere della mia, nostra, immutata fiducia. La mia è una scelta ricaduta naturalmente sull'Assessore Verna, in quanto rappresentante autorevole della lista civica Progetto Lanciano: una scelta di continuità amministrativa e politica che è stata condivisa all'unanimità da tutte le forze di maggioranza, con in testa il gruppo consiliare e la segreteria di Progetto Lanciano. Ringrazio l'Assessore Verna per essersi messo a disposizione della Città e della nostra Amministrazione anche con questo incarico”, dichiara il Sindaco Mario Pupillo.

Carlo Orecchioni responsabile di Progetto Lanciano in una nota stampa fa un’analisi di quella che è stata l’opera economica amministrativa della giunta Pupillo che ritiene abbia  “ottimizzato la spesa pubblica”

"E’ il dato  di partenza che ha guidato in questi mesi chi sta amministrando la città", scrive Orecchioni in una lunga e meticolosa nota stampa,  "in tempi di grandissima ristrettezza ed incertezza economica per tutti gli enti locali"-

Se la nostra Amministrazione sta andando in questa direzione, il merito va ascritto principalmente all’operato del Vice Sindaco  e assessore alle finanze e Pino Valente (che stiamo aspettando per un immediato ritorno tra noi, nella sua Lanciano), ma che va allargato all’intera maggioranza; ma si può e si deve fare di più, ed è su questo fronte che ci impegniamo quotidianamente. La parola d’ordine deve essere ‘riduzione’, che non significa tagliare in maniera scriteriata, ma deve essere intesa come gestione più oculata delle finanze pubbliche, per influire sulla qualità della vita quotidiana dei cittadini, migliorandola. E poi un rifermento alle polemiche di questi giorni e delle bordate del capogruppo di Liberta in Azione Tonia Polucci,” le affermazioni di questi giorni, da parte di esponenti dell’opposizione, sul modo di amministrare la città ci trova decisamente in disaccordo. Non si tira a campare:  il dato politico importante è che, malgrado le enormi difficoltà economiche, è stato dato ampio  spazio per l’avvio di diverse opere pubbliche, ma anche per molti interventi sul tessuto urbano, strade, e riqualificazione di pezzi importanti di città,  così come anche nelle periferie; sono scelte precise che la giunta Pupillo sta portando avanti. Riteniamo importante l’impegno che questa maggioranza sta riservando alla messa in sicurezza di scuole e strade, considerando questo aspetto un punto di forza del nostro operato in questo primo anno di mandato amministrativo”

“Non è uno slogan, prosegue, ma conferma proprio l’orientamento delle priorità a cui questa amministrazione vuole dedicarsi;  è noto che sono state previste risorse destinate alla costruzione di una nuova scuola dell’infanzia nei pressi dell’attuale scuola “R. Carabba”. Una scuola nuova, moderna e soprattutto rispettosa delle norme antisismiche e antincendio.  I nostri figli devono trovare nella loro scuola, posto deputato alla loro formazione, un luogo accogliente e sicuro.

In questi giorni partiranno i lavori per il rifacimento di molte strade della città e di alcune contrade per un ammontare di € 700.000, partendo dalle più ammalorate, secondo la planimetria  che l’ufficio dei lavori pubblici ha già reso nota. Ricordo che stanno per iniziare i lavori, oltre che per gli asfalti, anche per i gradoni dell’ex Ippodromo, per Corso Bandiera, Porta San Biagio. Presto riprenderanno i lavori in Via del Mare. Bisogna capire che i tempi previsti per iniziare un cantiere pubblico, nel rispetto del nuovo codice degli appalti della Pubblica amministrazione del 2016, delle sue prescrizioni, delle direttive europee e per lo svolgimento dell’intero iter amministrativo, sono piuttosto lunghi.  Quindi una delibera, una scelta politica, non è seguita da immediata realizzazione di un’opera pubblica: questo accade sia che amministri il Sindaco Pupillo di centrosinistra, sia se governasse la città un qualunque altro sindaco di centrodestra o di M5S.

La nuova illuminazione che entro l’anno sarà realizzata nell’intera area cittadina dalla ditta “CEIE POWER” rappresenta un grande passo in avanti: minori consumi, maggiore e migliore qualità dell’illuminazione, minor inquinamento, minori spesa per la collettività, senza dimenticare che la ditta eseguirà anche la manutenzione dell’intero sistema. La pressione fiscale pro capite si è confermata stabile in questo bilancio. Lanciano infatti è la città in Abruzzo che raggiunge, secondo l’indagine dell’agenzia indipendente CNA, il "TAX FREE DAY"; vale a dire che è la città nella quale le tasse pesano meno nella nostra regione. Nel consiglio comunale del 30 giugno, in occasione dell’approvazione del bilancio consuntivo, si è parlato di tutto, fuorché di numeri, si è criticato l’operato di questa maggioranza in termini pretestuosi, ma sempre senza entrare nel merito. Anche la critica “tecnica” in merito al ricorso ai cosiddetti “anticipi di tesoreria” previsti dalla normativa propria degli enti locali e introdotta dalla Legge finanziaria del 2004, è una concessione che non viene utilizzata  per rispettare il patto di stabilità come interpretato dall’opposizione, ma per far fronte a momentanee necessità di cassa per effettuare spese per le quali è già prevista la copertura di bilancio. E’ un’apertura di credito che dà la possibilità agli Enti locali,  di confidare su un adeguato finanziamento dei servizi essenziali erogati ai cittadini. Si chiedono opere ed interventi che spesso i comuni possono soddisfare esclusivamente facendo ricorso a questo stratagemma. D’altronde, conoscendo le difficoltà di cassa delle amministrazioni locali, la soglia di utilizzo di questi anticipi è stata elevata dal Governo nazionale dai 3/12 a 5/12 negli ultimi due anni. Sfugge alla nostra comprensione, come il ricorso ad anticipazioni di tesoreria possa essere considerato una forma di elusione al pareggio di bilancio, in quanto le movimentazioni finanziarie relative all’anticipazione di tesoreria, (voci non considerate nel saldo come disciplinato dalla normativa di riferimento) non sostituiscono, ma accompagnano quelle da registrare sui capitoli di competenza che, al contrario, sono incluse nelle voci di spesa partecipanti al saldo stesso. Se fosse stato diversamente, anche il Collegio dei revisori dei conti avrebbe avuto da eccepire, cosa che non è avvenuta, trattandosi di regolarità dei procedimenti amministrativi.

“Nessun allarmismo” dichiara il Consigliere di Progetto Lanciano e Vice Presidente della Commissione Bilancio Arturo Di Corinto. “Il Comune di Lanciano chiude con un saldo positivo di cassa di 1.486.000,00 euro e con un risultato utile di gestione pari a 6.548.264,48 euro. Tale risultato viene condizionato dalla iscrizione in contabilità dei fondi introdotti dalle  nuove regole  dell’armonizzazione contabile,  norma imposta e valida per  tutti i Comuni Italiani che determina  un disavanzo del rendiconto di esercizio pari ad euro 3.370.935,64. Lo stato onde mitigare gli effetti negativi prodotti dalla stessa norma  è intervenuto consentendo di ammortizzare questo disavanzo tecnico in trent’anni, che si traduce per il nostro Comune in un accantonamento annuale di euro 123.315,00”. Massima attenzione e oculatezza quindi nella spesa pubblica, nel rispetto degli interessi di tutti. L’approvazione del bilancio di previsione, infine, nel mese di aprile,  manifesta un altro segnale di buona amministrazione: ha consentito di poter contare sugli interi importi disponibili su tutti i capitoli di bilancio senza ricorrere ai cosiddetti dodicesimi: fondi certi quindi e immediatamente spendibili. Mi sento di stigmatizzare molte delle affermazioni dell’opposizione, accuse fotocopia che si ripetono da mesi. Sembra, dopo un anno, di trovarsi ancora in piena campagna elettorale. Stiamo operando bene, per il  bene della collettività e per dare un nuovo volto alla città e al modo di amministrarla. Ai nostri concittadini che il 19 giugno del 2016 hanno scelto di confermare Mario Pupillo Sindaco, dico di continuare ad avere fiducia in lui e nella sua squadra: alla fine del mandato saremo chiamati a rispondere sul nostro operato e i cittadini potranno nuovamente scegliere; è quindi nel 2021 che si dovranno tirare le somme".

 

  • Pagina 2