Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Sabato 15 luglio piazza dell’Unità d’Italia, ex piazza della Vittoria a Lanciano si trasformerà in grande parco di divertimento a cielo aperto dove fra, musica, arte, moda, shopping, animazione per i più piccoli ognuno potrà apprezzare un dei luoghi simboli della città, a due passi dal centro ma ancora troppe volte trascurato. Si parte alle 17 con l’animazione itinerante curata dai ragazzi della "TAVOLOZZA DEI SORRISI" nel frattempo saranno aperte le esposizione di artigianato con laboratori dimostrativi. Diversi i punti ristoro dedicati allo street food. E poi l’”Abbraccio colorato”, una iniziativa simpatica dove si potrà, indossando una maglietta bianca è un pantaloncino o pantalone o gonna che poi possa rimanere sporca in modo permanente, imprimere la sagoma di una “abbraccio” di chi si ama, di un amico in maniera indelebile sui propri abiti.
Alle 21 sfilata di moda con le ultime tendenze moda per grandi e piccini.  E poi ancora spettacoli di danza 
e percorsi evolutivi . Alle 22,30 spazio alla musica con la COVER BAND di VASCO ROSSI .
A fine serata lancio di lanterne e palloncini luminosi con una dedica o un pensiero da far volare fra le nuvole.

Chiuse al traffico le seguenti strade: piazza Unità D’Italia (dal lato opposto alla scuola), via Monte Grappa e via Isonzo

20 i commercianti che hanno reso possibile l’evento e sono: New Crazy Lab, Giocheria, Caffè per Caso, Copy Cabana, Il Pendolo, Micro Bar, Miscia pelletteria, L’angolo della bellezza parrucchiera, Parrucchiera Gabriella, Dolce Festa, Giò giò Kids, La Coccinella, Baby Shoes, Vacanze Emozioni, Fashion, Coccole per la casa, Antica Bottega Artigiana, Punto Casa, Mercatino del popolo da Peppino, Spritz Bar.

"E’ sconcertante leggere le parole del Consigliere Regionale Mauro Febbo sulla questione del Canile Sanitario Provinciale di Villa Martelli":

 Esordisce così Davide Caporale assessore all'ambiente ealla tutela degli animali del comune di Lanciano in una "rovente" nota stampa giunta in redazione, "probabilmente il Consigliere ne ignorava anche l’esistenza, prima che qualche suo collaboratore glielo segnalasse e gli mettesse in bocca parole di circostanza utili solo a una piccola polemica sterile e estiva. La nostra Amministrazione si scusa con gli utenti e con la Asl2 Lanciano Vasto Chieti per il ritardo di un mese rispetto alla chiusura formale delle ultime pratiche burocratiche che permetteranno a breve l’inizio delle attività, ma esprimiamo sollievo e soddisfazione per aver portato ormai a conclusione una vicenda iniziata nel 1999.

Durante questi 18 anni, il consigliere Mauro Febbo è stato nell'ordine: Presidente della Provincia di Chieti, Assessore Regionale e Consigliere Regionale. Se avesse mostrato lo stesso zelo profuso per l’eliminazione della Asl di Lanciano con la complicità di Fabrizio Di Stefano, cancellata sotto la Giunta Chiodi di cui faceva parte, probabilmente la questione Canile sarebbe stata risolta un decennio fa.

Come sempre raccogliamo i cocci di un'epoca che ci siamo messi finalmente alle spalle. Grazie all’impegno forte di questi ultimi 9 mesi del personale della Asl, dell’Assessore alla Sanità regionale Silvio Paolucci e grazie alla preziosa e incessante opera di collegamento del Presidente del Consiglio Comunale di Lanciano Leo Marongiu, ora vediamo prossimo l’inizio anche sostanziale delle attività che consentirà a Lanciano di essere punto di riferimento dell'intera Provincia per questo servizio".

Il Sindaco di Lanciano Mario Pupillo ha nominato Vicesindaco l'Assessore Giacinto Verna con decreto numero 24 del 10 luglio 2017. Con lo stesso decreto il Sindaco ha revocato temporaneamente la carica di Vicesindaco all'Assessore Giuseppe Valente, per motivi di salute, “ferma restando l'intenzione di restituire l'Assessore Valente alle funzioni di Vicesindaco non appena potrà assicurare la continuità dell'esercizio della carica”, come si legge nelle premesse del decreto.

"Dal 2 giugno sono passati 39 giorni, alcuni molto difficili soprattutto dal punto di vista umano, oltre che politico. Oggi possiamo finalmente dire che per Pino Valente il peggio è alle spalle e di questo non possiamo che esserne felici per la famiglia e i tanti amici che si sono stretti intorno a lui, insieme all'intera Città di Lanciano. Un pilastro come Pino è difficilmente sostituibile, ma la regolarità dell'azione amministrativa necessita di questo passaggio di consegne temporaneo che oggi mi appresto ad annunciare, dopo aver condiviso la soluzione innanzitutto con il Vicesindaco Valente, con la Giunta e i Consiglieri di maggioranza. Esclusivamente per esigenze di continuità dell'azione amministrativa e politica ho deciso dunque di nominare Vicesindaco l'Assessore Verna in attesa del ritorno di Pino, che ora ha bisogno di riposo e cure per una ripresa completa, ma che continua ovviamente a godere della mia, nostra, immutata fiducia. La mia è una scelta ricaduta naturalmente sull'Assessore Verna, in quanto rappresentante autorevole della lista civica Progetto Lanciano: una scelta di continuità amministrativa e politica che è stata condivisa all'unanimità da tutte le forze di maggioranza, con in testa il gruppo consiliare e la segreteria di Progetto Lanciano. Ringrazio l'Assessore Verna per essersi messo a disposizione della Città e della nostra Amministrazione anche con questo incarico”, dichiara il Sindaco Mario Pupillo.

Carlo Orecchioni responsabile di Progetto Lanciano in una nota stampa fa un’analisi di quella che è stata l’opera economica amministrativa della giunta Pupillo che ritiene abbia  “ottimizzato la spesa pubblica”

"E’ il dato  di partenza che ha guidato in questi mesi chi sta amministrando la città", scrive Orecchioni in una lunga e meticolosa nota stampa,  "in tempi di grandissima ristrettezza ed incertezza economica per tutti gli enti locali"-

Se la nostra Amministrazione sta andando in questa direzione, il merito va ascritto principalmente all’operato del Vice Sindaco  e assessore alle finanze e Pino Valente (che stiamo aspettando per un immediato ritorno tra noi, nella sua Lanciano), ma che va allargato all’intera maggioranza; ma si può e si deve fare di più, ed è su questo fronte che ci impegniamo quotidianamente. La parola d’ordine deve essere ‘riduzione’, che non significa tagliare in maniera scriteriata, ma deve essere intesa come gestione più oculata delle finanze pubbliche, per influire sulla qualità della vita quotidiana dei cittadini, migliorandola. E poi un rifermento alle polemiche di questi giorni e delle bordate del capogruppo di Liberta in Azione Tonia Polucci,” le affermazioni di questi giorni, da parte di esponenti dell’opposizione, sul modo di amministrare la città ci trova decisamente in disaccordo. Non si tira a campare:  il dato politico importante è che, malgrado le enormi difficoltà economiche, è stato dato ampio  spazio per l’avvio di diverse opere pubbliche, ma anche per molti interventi sul tessuto urbano, strade, e riqualificazione di pezzi importanti di città,  così come anche nelle periferie; sono scelte precise che la giunta Pupillo sta portando avanti. Riteniamo importante l’impegno che questa maggioranza sta riservando alla messa in sicurezza di scuole e strade, considerando questo aspetto un punto di forza del nostro operato in questo primo anno di mandato amministrativo”

“Non è uno slogan, prosegue, ma conferma proprio l’orientamento delle priorità a cui questa amministrazione vuole dedicarsi;  è noto che sono state previste risorse destinate alla costruzione di una nuova scuola dell’infanzia nei pressi dell’attuale scuola “R. Carabba”. Una scuola nuova, moderna e soprattutto rispettosa delle norme antisismiche e antincendio.  I nostri figli devono trovare nella loro scuola, posto deputato alla loro formazione, un luogo accogliente e sicuro.

In questi giorni partiranno i lavori per il rifacimento di molte strade della città e di alcune contrade per un ammontare di € 700.000, partendo dalle più ammalorate, secondo la planimetria  che l’ufficio dei lavori pubblici ha già reso nota. Ricordo che stanno per iniziare i lavori, oltre che per gli asfalti, anche per i gradoni dell’ex Ippodromo, per Corso Bandiera, Porta San Biagio. Presto riprenderanno i lavori in Via del Mare. Bisogna capire che i tempi previsti per iniziare un cantiere pubblico, nel rispetto del nuovo codice degli appalti della Pubblica amministrazione del 2016, delle sue prescrizioni, delle direttive europee e per lo svolgimento dell’intero iter amministrativo, sono piuttosto lunghi.  Quindi una delibera, una scelta politica, non è seguita da immediata realizzazione di un’opera pubblica: questo accade sia che amministri il Sindaco Pupillo di centrosinistra, sia se governasse la città un qualunque altro sindaco di centrodestra o di M5S.

La nuova illuminazione che entro l’anno sarà realizzata nell’intera area cittadina dalla ditta “CEIE POWER” rappresenta un grande passo in avanti: minori consumi, maggiore e migliore qualità dell’illuminazione, minor inquinamento, minori spesa per la collettività, senza dimenticare che la ditta eseguirà anche la manutenzione dell’intero sistema. La pressione fiscale pro capite si è confermata stabile in questo bilancio. Lanciano infatti è la città in Abruzzo che raggiunge, secondo l’indagine dell’agenzia indipendente CNA, il "TAX FREE DAY"; vale a dire che è la città nella quale le tasse pesano meno nella nostra regione. Nel consiglio comunale del 30 giugno, in occasione dell’approvazione del bilancio consuntivo, si è parlato di tutto, fuorché di numeri, si è criticato l’operato di questa maggioranza in termini pretestuosi, ma sempre senza entrare nel merito. Anche la critica “tecnica” in merito al ricorso ai cosiddetti “anticipi di tesoreria” previsti dalla normativa propria degli enti locali e introdotta dalla Legge finanziaria del 2004, è una concessione che non viene utilizzata  per rispettare il patto di stabilità come interpretato dall’opposizione, ma per far fronte a momentanee necessità di cassa per effettuare spese per le quali è già prevista la copertura di bilancio. E’ un’apertura di credito che dà la possibilità agli Enti locali,  di confidare su un adeguato finanziamento dei servizi essenziali erogati ai cittadini. Si chiedono opere ed interventi che spesso i comuni possono soddisfare esclusivamente facendo ricorso a questo stratagemma. D’altronde, conoscendo le difficoltà di cassa delle amministrazioni locali, la soglia di utilizzo di questi anticipi è stata elevata dal Governo nazionale dai 3/12 a 5/12 negli ultimi due anni. Sfugge alla nostra comprensione, come il ricorso ad anticipazioni di tesoreria possa essere considerato una forma di elusione al pareggio di bilancio, in quanto le movimentazioni finanziarie relative all’anticipazione di tesoreria, (voci non considerate nel saldo come disciplinato dalla normativa di riferimento) non sostituiscono, ma accompagnano quelle da registrare sui capitoli di competenza che, al contrario, sono incluse nelle voci di spesa partecipanti al saldo stesso. Se fosse stato diversamente, anche il Collegio dei revisori dei conti avrebbe avuto da eccepire, cosa che non è avvenuta, trattandosi di regolarità dei procedimenti amministrativi.

“Nessun allarmismo” dichiara il Consigliere di Progetto Lanciano e Vice Presidente della Commissione Bilancio Arturo Di Corinto. “Il Comune di Lanciano chiude con un saldo positivo di cassa di 1.486.000,00 euro e con un risultato utile di gestione pari a 6.548.264,48 euro. Tale risultato viene condizionato dalla iscrizione in contabilità dei fondi introdotti dalle  nuove regole  dell’armonizzazione contabile,  norma imposta e valida per  tutti i Comuni Italiani che determina  un disavanzo del rendiconto di esercizio pari ad euro 3.370.935,64. Lo stato onde mitigare gli effetti negativi prodotti dalla stessa norma  è intervenuto consentendo di ammortizzare questo disavanzo tecnico in trent’anni, che si traduce per il nostro Comune in un accantonamento annuale di euro 123.315,00”. Massima attenzione e oculatezza quindi nella spesa pubblica, nel rispetto degli interessi di tutti. L’approvazione del bilancio di previsione, infine, nel mese di aprile,  manifesta un altro segnale di buona amministrazione: ha consentito di poter contare sugli interi importi disponibili su tutti i capitoli di bilancio senza ricorrere ai cosiddetti dodicesimi: fondi certi quindi e immediatamente spendibili. Mi sento di stigmatizzare molte delle affermazioni dell’opposizione, accuse fotocopia che si ripetono da mesi. Sembra, dopo un anno, di trovarsi ancora in piena campagna elettorale. Stiamo operando bene, per il  bene della collettività e per dare un nuovo volto alla città e al modo di amministrarla. Ai nostri concittadini che il 19 giugno del 2016 hanno scelto di confermare Mario Pupillo Sindaco, dico di continuare ad avere fiducia in lui e nella sua squadra: alla fine del mandato saremo chiamati a rispondere sul nostro operato e i cittadini potranno nuovamente scegliere; è quindi nel 2021 che si dovranno tirare le somme".

 

Sono iniziati questa mattina i lavori straordinari di rifacimento della segnaletica orizzontale delle strade di Lanciano. Gli interventi saranno effettuati a partire dalle strade che presentano maggiore densità di traffico pedonale e automobilistico. La ditta che si è aggiudicata i lavori al termine di una gara espletata dal settore Lavori Pubblici, con invito a presentare preventivi da parte di 13 ditte specializzate, è stata la Erreci Segnaletica srl dell'Aquila. L'importo dei lavori è di 14.158 euro, come da determina del dirigente settore Lavori Pubblici dello scorso 13 giugno.

“Vogliamo restituire decoro e ordine alle nostre strade con questo primo intervento mirato ed esteso di rifacimento della segnaletica orizzontale, partendo da dove c'è maggiore urgenza per traffico di auto e pedoni: per questa ragione abbiamo condiviso con il settore l'affidamento dei lavori a una ditta esterna che in tempi rapidi e con materiali di qualità come il bicomponente rinnoveranno la nostra segnaletica orizzontale. Molti di questi interventi riguarderanno gli attraversamenti pedonali, per garantire maggiore sicurezza ai pedoni che il codice della strada ci impone di tutelare in via prioritaria in qualità di utente debole della strada. In autunno procederemo a un secondo intervento straordinario per completare i lavori ed estenderli a tutto il territorio comunale, anche con la segnaletica verticale”, dichiara l'Assessore alla Mobilità di Lanciano, Francesca Caporale. 

 

Le strade interessate dagli interventi in “Bicomponente”, una vernice molto resistente all'usura, sono le seguenti: dare precedenza incrocio Via Marconi / Via Spaventa; attraversamento pedonale Via Spaventa (altezza scuola elementare Eroi Ottobrini); Segnaletica completa rotonda Santa Chiara, con 4 attraversamenti pedonali; Segnaletica completa rotonda Via Ferro di Cavallo; 11 attraversamenti pedonali Via Dalmazia; 6 attraversamenti pedonali Via Vittorio Veneto; 2 attraversamenti Via Caduti di Nassirya; stop Via Caduti di Nassirya intersezione con Via Dalmazia; Segnaletica completa rotonda Sant’Antonio + 2 attraversamenti pedonali adiacenti su via per Fossacesia; 4 attraversamenti pedonali via Fabio Filzi; attraversamento pedonale + stop incrocio via Martiri con via Ferro di Cavallo.

Le strade che saranno interessate da interventi con vernice semplice sono le seguenti: 2 attraversamenti pedonali piazza Plebiscito, incrocio con corso Trento e Trieste; Segnaletica completa incrocio Via Rosato, altezza ITIS; 3 attraversamenti pedonali Via Rosato; Stop incrocio Via don Minzoni con Via Rosato; Stop incrocio Via Panoramica con Via per Frisa; 3 attraversamenti pedonali Via Renzetti; 6 attraversamenti pedonali viale delle Rose; stop incrocio via dell’Aventino con Via del Verde; 2 stop + 4 attraversamenti pedonali incrocio Via del Mancino con Via del Verde; attraversamento pedonale + 1 stop Viale Sant’Antonio, altezza parco giochi.

 

 

“Il prestigioso e atteso concerto diretto dal Maestro Donato Renzetti che inaugurerà la stagione concertistica dell'Estate Musicale Frentana 2017, si legge in una nota stampa del comune di Lanciano, si terrà in Largo dell'Appello, nello spazio antistante le Torri Montanare”.

La scelta è legata a motivi di sicurezza. La piazza d'Armi delle Torri non potrà infatti ospitare più di 100 persone per ragioni legate alle normative in materia di sicurezza di pubblici spettacoli. In considerazione dell'importanza dell'evento e in accordo con l'Associazione Amici della Musica Fedele Fenaroli di Lanciano, che organizza l'Estate Musicale Frentana, si continua a leggere, il concerto è confermato per sabato 1° luglio alle ore 21 nella suggestiva location di Largo dell'Appello che sarà attrezzata con un palco adeguato all'evento. La soluzione è stata concordata con il Presidente dell'Associazione Omar Crocetti e le strutture tecniche comunali preposte, per consentire al pubblico di assistere al concerto con ogni comfort.

In Largo dell'Appello sarà vietata la sosta a partire dalle ore 8 per consentire il montaggio del palco che ospiterà l'orchestra e l'allestimento delle sedute destinate al pubblico. Sarà inoltre vietato il transito alle auto a partire da due ore prima dall'inizio del concerto e per tutta la durata dello stesso: i divieti saranno segnalati con debito anticipo, saranno comunque assicurati il passaggio ai mezzi di soccorso e il passaggio pedonale ai residenti durante il concerto. Due saranno i varchi adibiti a biglietteria, no  in via Paul Harris (lato Torri Montanare) e uno su via Finamore (lato Curia Arcivescovile).

Renzetti dirigerà la Filarmonica Gioachino Rossini di Pesaro con la quale proporrà un concerto dal titolo “Rossini in Viaggio”. Si tratta di un progetto concertistico articolato in due parti: la prima interamente dedicata alla pagine rossiniane, la seconda con brani di Bach-Respighi e Felix Mendelssohn Bartholdy. La novità di questo evento è la presenza sul palco dell’attore Antonio Olivieri che narrerà la genesi delle sinfonie rossiniane con la lettura delle lettere del compositore relative alle sinfonie stesse. Per la realizzazione di questo nuovo tassello del progetto “Rossini in Viaggio” è stata fondamentale la collaborazione della Fondazione Rossini di Pesaro che ha permesso di selezionare e utilizzare le lettere originali autografe del compositore.

Come di consueto, sarà inoltre possibile acquistare i biglietti sulla piattaforma online ciaotickets.com e da Venditti in corso Trento e Trieste a Lanciano. Posto unico 15 euro. L’evento è in abbonamento.

La nuova location, con tutti cambiamenti del caso, interesserà anche tutti gli altri concerti della stagione EMF 2017 inizialmente in programma nella piazza d'Armi delle Torri Montanare.

 

 

 

Bagno di folla ieri sera a Lanciano per l’atteso ritorno in città di Vittorio Sgarbi: il famoso critico d’arte e scrittore ferrarese ha infatti tenuto un’interessante ed appassionante “lectio magistralis” nell’ inedito scenario di Largo Dell’Appello nel quartiere antico di Civitanova.  Ad organizzare l’evento, inserito anche nel ricco cartellone de “La Notte del Parco” 2017  Nico Barone,  con il supporto di Confartigianato Impresa Chieti.  Al centro della lectio di Sgarbi  il nuovo libro “Dall’Ombra alla Luce: da Caravaggio a Tiepolo” quarto tomo della collana “Il Tesoro d’Italia” edito dalla casa editrice La Nave di Teseo.  A moderare la lectio il giovane studioso d’arte  Simone Cortese. Un lungo viaggio ed appassionante quello narrato da Sgarbi che ha fin da subito catturato l’attenzione dei presenti con un lungo intervento incentrato sullo “straordinario patrimonio storico ed artistico del nostro paese, che ci rende unici ed inarrivabili nel mondo”. Scendendo poi nel dettaglio e grazie alla proiezione delle immagini di alcune opere d’arte presenti nel libro, Sgarbi ha incentrato il proprio discorso sulle testimonianze artistiche del Barocco italiano, prendendo come inizio e fine le vicende umane e artistiche di due “grandi” come Caravaggio e Tiepolo.  Finita la lectio non sono mancati, autografi strette di mano e foto di rito per un personaggio che seppur discusso sa sempre come attirare l’attenzione degli ascoltatori.

Simone Cortese

Il Sindaco di Lanciano Mario Pupillo e l'Assessore alle Politiche della Casa Giacinto Verna rendono noto che da oggi giovedì 22 giugno è possibile presentare la domanda di partecipazione al bando di concorso per l'assegnazione in locazione semplice di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP).

Le domande di partecipazione devono essere presentate, utilizzando la modulistica disponibile online sul sito istituzionale del Comune di Lanciano e in allegato a questa nota, entro il 21 agosto 2017 per i cittadini residenti nel Comune di Lanciano o per coloro che svolgono una attività lavorativa esclusiva o principale nello stesso Comune; entro il 20 ottobre 2017 per i lavoratori emigrati all’estero residenti nell'area europea;entro il 19 novembre 2017 per i residenti nei Paesi extra europei.

Bando e moduli cartacei per la presentazione della domanda sono disponibili nell’Ufficio Relazioni con il Pubblico al primo piano della casa comunale in piazza Plebiscito n. 59 (tel. 0872707226), negli orari di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle 12,30, martedì e giovedì anche dalle 16 alle 17,30.

“L'attività della Sasi va avanti su varie direzioni, prosegue nei progetti relativi al sistema di depurazione e fognario, senza però trascurare gli interventi sulla rete idrica e sulle adduttrici, un impegno a 360 gradi con l'obiettivo di migliorare e rendere sempre più efficace ed efficiente il servizio”. Il Presidente della Sasi Gianfranco Basterebbe nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina nella sala della sede di viale Cappuccini a Lanciano, ha fatto il punto sulla situazione attuale, soffermandosi sulla serie di progetti, molti dei quali già completati, ed altri in via di ultimazione. Per un importo complessivo di 25 milioni di euro. All'incontro con i giornalisti insieme a Basterebbe, sono stati presenti l'architetto Aurelio Falconio, Pio D'Ippolito, responsabile del settore relativo alla depurazione e Paola Tosti componente del Cda della Sasi. Per una maggiore chiarezza il Presidente ha voluto consegnare alla stampa alcune schede dettagliate sui lavori finiti e quelli in corso, con i relativi importi. “Si tratta di interventi importanti, il progetto di 4 milioni di euro, per esempio, che è stato possibile grazie all'attivazione del Masterplan – ha precisato Basterebbe – è destinato a paesi che non avevano alcun impianto di depurazione. Sarà quindi colmato un vuoto e saranno risolti difficoltà e disagi.”. Sui problemi legati all'inquinamento e al funzionamento, corretto o meno, degli impianti, il Presidente ha tenuto a puntualizzare che “l'eventuale cattivo funzionamento di un depuratore non è l'unica fonte di inquinamento come spesso si crede. L'inquinamento delle acque dipende anche dall'assenza di sistemi specifici di smaltimento e di depurazione da parte di molti ristoratori che dovrebbero invece dotarsi di un disoriatore. I rifiuti prodotti devono essere smaltiti prima di finire nelle fogne altrimenti il rischio è l'ostruzione, e quando una fogna si chiude le conseguenze sono inevitabili e gli scarichi vanno direttamente al mare. Si comprende quindi come questo sia un problema serio che investe tutta la fascia costiera. Noi stiamo facendo la nostra parte ma è necessario che anche gli altri facciano la loro”. In effetti non si può parlare di ambiente, di tutela e salvaguardia del territorio senza distinguere ruoli e competenze. La Sasi si è sempre assunta le proprie responsabilità, ma non ci sta ad essere il parafulmine di tutti i problemi. “Quando spuntano i divieti di balneazione il dito è subito puntato contro di noi. Sul servizio di depurazione siamo fortemente impegnati. Dei 12 depuratori sotto sequestro, 8 sono tornati regolarmente a funzionare e ci stiamo adoperando per riportare gli altri a una condizione di normalità”. Nel corso della conferenza stampa è stato inoltre ricordato che tra gli obiettivi della Sasi c'è quello di migliorare lo stato qualitativo delle acque attraverso lo strumento del Masterplan. Per raggiungere i risultati stabiliti, gli interventi sono concentrati su tre assi principali, tre macroprogetti, rappresentati da altrettanti assi fluviali: il Foro, il Sangro e il Sinello. “L'attività della Sasi non si limita ai grandi progetti ma svolge quotidianamente una attenta e capillare opera di manutenzione, ci sono reti obsolete che necessitano di continui interventi e purtroppo spesso ci sono rotture che impongono riparazioni urgenti con la conseguente sospensione della fornitura idrica. Non vorremmo lasciare i cittadini senz'acqua e siamo consapevoli dei disagi che questo comporta, ma quando ci sono dei guasti non si può fare altrimenti. Trovo davvero pretestuose e strumentali le polemiche delle ultime settimane, come se decidessimo in maniera arbitraria di togliere l'acqua – ha rimarcato Basterebbe con l'intenzione di dissipare, una volta per tutte, dubbi e perplessità --.ci sono stati titoli in cui addirittura si parlava di “complotto idrico”, scomodando ripicche elettorali, creando un clima di sospetto e di confusione che non solo non giova alla società che presiedo ma soprattutto dà una visione distorta e non vera della realtà. Tutti i nostri progetti, l'intero programma di lavoro della Sasi ha come obiettivo prioritario il miglioramento dei servizi. La strada intrapresa va in questa direzione e continueremo con la convinzione di essere nel percorso giusto”. Non è mancato un appello ai cittadini, al loro senso civico e buon senso. “E' necessario fare un uso più attento dell'acqua potabile che non dovrebbe essere utilizzata per innaffiare campi e giardini, molte città hanno anche serbatoi inadeguati e questo rappresenta una ulteriore penalizzazione. Lavoriamo quotidianamente con il personale nostro e con 13 ditte, siamo consapevoli della fragilità della rete nella sua interezza, perciò è necessaria la collaborazione di tutti, Comuni e cittadini”.

 

Sono almeno una ventina, si danno appuntamento tutti i pomeriggi, sono poco più che bambini e il loro scopo è distruggere. E da almeno sei mesi che tutti i pomeriggi, puntualmente, un gruppo di ragazzini, tutti minorenni “trascorrono” il loro tempo vandalizzando quel che resta dei box dei cavalli dell’ippodromo villa delle Rose a Lanciano.

La situazione è diventata insostenibile denunciano i residenti di via del Trigno, abbiamo cercato di parlare con i ragazzi, ma in cambio abbiamo ricevuto solo minacce e parolacce. Un pomeriggio, raccontano, sarebbe intervenuta la mamma di uno di loro per riportare il figlio a casa ma anche alla donna non sono stati risparmiati epiteti di ogni sorta. Rispetto per nulla e per nessuno insomma in una situazione di degrado totale dove i migliori anni della propria vita vengono gettati nel nulla. Rovesciano tutto quello che si trovano a tiro, spaccano, bruciano insomma una violenza inaudita che lascia davvero perplessi se pensiamo che parliamo di ragazzini.

Il degrado di tutta l’area ex Torrieri è cosa nota da anni, il processo di riqualificazione annunciato lo scorso anno in campagna elettorale stenta a decollare e nel frattempo quella che dovrebbe essere un area di svago di accoglienza, un polmone verde della città dove poter trascorrere del tempo all’area aperta si sta sempre più trasformando in una di quelle periferie degradate che siamo abituati a vedere solo in televisione.(C.Lab)

 

  • Pagina 2