Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Un impegno preso con la città che abbiamo mantenuto, con queste parole ha esordito stamane in conferenza stampa Camillo D’Alessandro consigliere regionale di maggioranza con delega ai trasporti che ci ha tenuto ad annunciare di persona come per l’EMF siano in arrivo 50 mila euro. Non annunci ma carte alla mano ha mostrato come la determina dell'atto di indirizzo del presidente D'Alfonso ha finalmente concesso alla gloriosa istituzione cittadina, dopo tanti tentennamenti la somma che va a colmare un vuoto che in città aveva creato non pochi clamori. Altri 20 di fondi peg mila dovrebbero arrivare, erano stati già annunciati lo scorso 25 maggio in un incontro al Parco della Musica, per ora si ha solo un problema di rendicontazione, ma arriveranno anche quelli assicura D’Alessandro. Il sindaco Pupillo che non ha mai fatto mistero del suo legame personale con l’Estate Musicale ora potrà agire anche per arrivare al FURC (fondo unico regionale dello spettacolo) che ha a diposizione altri finanziamenti da distribuire sul territorio secondo parametri ben precisi a 14 realtà. Altri 45 mila  euro verranno dalle casse comunali.

Poi un appello al direttore artistico Luigi Piovano, che nei mesi scorsi aveva abbandonato il suo posto, ad un ripensamento, qualora fosse possibile e compatibilmente ai propri impegni artistici, a tornare a curare la parte artistica dell’Estate Musicale Frentana. La mia, ha ribadito D’Alessandro, è una stima personale ribadita più volte anche in occasione dell’Expo.

I soldi non arriveranno più tardi di metà gennaio.

La Squilla di Lanciano noi giornalisti la raccontiamo tutti gli anni. La tradizione della campanella che suona sulla torre civica al rientro della processione partita alle 16 e diretta verso la chiesetta dell’Iconicella, degli auguri, il baciamano alle persone anziane e la visita al cimitero a chi ci ha lasciati; la tradizione è quella e ormai tutti ne conoscono l’esistenza.

Ma di quella campanella che “ugne matine sone ma nen vale la voce de lu ciele, pé ugnune,chi sa pecché!” come recita la famosissima poesia di Cesare Fagiani, cosa resta? “ Lu lancianese che sta fore” chi vive lontano  cosa ha trasmesso ai propri figli di quel messaggio d’amore che fa di Lanciano nel giorno dell’antivigilia di Natale un esempio di come dovrebbe essere il vero spirito natalizio?

 Non tanti anni fa i negozi abbassavano le saracinesche, il rispetto era totale, gli anziani, si sapeva, stavano li ad aspettarti , non li si poteva deludere, il baccalà il pastella, “i cavicionetti”, le crispelle si raffreddavano e nonna ci stava lavorando dal primo pomeriggio. Il bacia mano ti metteva un pò di soggezione ma alla fine erano i capi famiglia a prenderti il viso fra le mani evitando quel gesto che forse imbarazzava più loro e, con gli occhi gonfi di lacrime ti sussurravano “auguri Nonnò!”

La Squilla è cambiata, seppur i veri lancianesi fanno di tutto per conservarne la vera essenza, ma è la città che ad essere sempre più proiettata verso una globalizzazione che non ti porta più a fare gli acquisti al commerciante sotto casa ma ti fa perdere fra le corsie anonime di un centro commerciale dove, le prime palline di natale le vedi appena poco dopo le zucche di Halloween e dove indaffarati con carrelli pieni di ogni ben di Dio si torna poi in case piene di cose ma vuote di persone. Le tavole di una volta non erano così ricche, ci trovavi lo stretto necessario ma erano circondate di volti familiari di persone felici di condividere auguri ed emozioni.

“Ti vùsciche di botte entr'a lu core nu monne ch'à passate” Fagiani gia parlava all’ora di un tempo passato, fu lungimirante in questo, certo è che se le persone anziane ci lasciano e dovrebbero essere  le nuove generazioni a dover portare il testimone di una tradizione che “ntr'à la mente ti squaije nu penzere malamente nche nu ndu-lin-da-li che sa d'amore”.

Buona Squilla a tutti i nostri lettori! (C.lab)

La Regione Abruzzo ha assegnato all'Amministrazione Comunale di Lanciano 108.200 euro per la fornitura gratuita e semigratuita dei testi scolastici degli studenti della scuola dell'obbligo e secondaria superiore per l'anno scolastico 2016.

Il fondo assegnato è così ripartito: 85.065 euro per la fornitura di libri di testo agli studenti della scuola dell'obbligo (scuola secondaria di I^ grado e il primo e secondo anno della scuola secondaria di II^ grado); 21.135 euro per la fornitura di libri di testo agli studenti della scuola secondaria superiore (terzo, quarto e quinto anno superiore).

A questo fondo destinato esclusivamente alla fornitura di testi scolastici va aggiunto il residuo dell'anno precedente, pari a 73.988 euro, per un totale complessivo di oltre 182.000 euro.

Sono ammessi al beneficio gli studenti appartenenti a famiglie il cui Isee (Indicatore Situazione Economica Equivalente) in corso di validità non superi il limite massimo di 15.493,71 euro. L'ufficio Istruzione precisa che il calcolo dell'Isee deve essere fatto sulla base della dichiarazione dei redditi del 2016, periodo d'imposta 2015.

L'erogazione del rimborso avverrà in due modalità: la spesa da sostenere per le famiglie indigenti aventi diritto, segnalate dai Servizi Sociali ed Educativi, verrà rimborsata interamente e direttamente dal Comune di Lanciano alle librerie; la spesa sostenuta dalle altre famiglie aventi diritto verrà rimborsata interamente o parzialmente compatibilmente e proporzionalmente al numero delle domande che arriveranno, si legge nella delibera di Giunta approvata lo scorso 15 dicembre.

La domanda va presentata al Comune di Lanciano, entro il termine del 31 marzo 2017. La modulistica per richiedere il rimborso è disponibile nelle segreterie delle scuole di frequenza.

“Faremo il possibile per rimborsare al 100% tutte le istanze delle famiglie lancianesi che avranno diritto e che presenteranno apposita domanda entro il 31 marzo 2017. Lo consideriamo un investimento importante per il presente e il futuro della nostra Città di Lanciano, oltre che un sostegno concreto alle famiglie e al diritto allo studio”, dichiara l'Assessore alla Pubblica Istruzione Giacinto Verna.

Lanciano- I Carabinieri della locale Stazione, in ottemperanza all’ordine di esecuzione di pena emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Lanciano, hanno tratto in arresto D.B.G.. Il 49enne di Napoli residente a Lanciano da tempo è  ritenuto essere il responsabile dei reati di furto in concorso e ricettazione, consumati tra il 2009 ed il 2010, a Lanciano.

L’uomo, che è stato tradotto presso la locale casa circondariale, dovrà scontare la pena definitiva di anni 3 e mesi 7 di reclusione.

 

Sono stati posizionati nei giorni scorsi i defibrillatori donati dall'Associazione “Gli Amici di Marcello” al Comune di Lanciano. I dispositivi D.A.E. (dispositivo automatico esterno) sono stati sistemati nei due impianti comunali destinati al calcio: il campo “Marcello Di Meco” nel quartiere Santa Rita e all'“Enrico Esposito” di Villa delle Rose. Gli uffici del Settore Sport comunicano la posizione e l'orario in cui i defibrillatori sono a disposizione di utenti, cittadini e 118.

Campo di Calcio “Marcello Di Meco”, via Sigismondi,  posizione interna nel locale custodia, a disposizione per l'utilizzo dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 21.30, il sabato e la domenica in occasione di gare dei vari campionati.

Campo di Calcio “Enrico Esposito” area pubblica Villa delle Rose, posizione interna nel locale custodia, a disposizione dal lunedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 21.30, sabato e domenica in occasione delle gare dei vari campionati.

Questi due defibrillatori si aggiungono ai due acquistati dal Comune con un co-finanziamento della Regione Abruzzo nel 2015 e già posizionati da oltre un anno nei seguenti impianti:

Palazzetto dello Sport, via Guido Rosato, il defibrillatore è stato posizionato all'interno dell'area di gioco del campo centrale sottostante la gradinata in cemento campo A ed è accessibile agli utilizzatori dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22.30, il sabato dalle 8 alle 14; il sabato pomeriggio e la domenica in occasione delle gare dei vari campionati.

Pista di Atletica “Davide Orecchioni” - Campo di Calcio “Lucio Memmo”, via Guido Rosato,  il defibrillatore è stato posizionato nel locale custodia dell'impianto, nei pressi dell'ingresso, ed è accessibile dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20; la domenica in occasione di aperture straordinarie.

La scorsa settimana il reparto di Cardiologia dell'ospedale Renzetti di Lanciano ha donato tre defibrillatori semi automatici destinati a tre scuole: “Umberto I”, “Principe di Piemonte” e “Rocco Carabba”. Il terzo defibrillatore donato da “Gli Amici di Marcello” sarà posizionato nel centro cittadino sotto i Portici di Corso Trento e Trieste. A breve sarà posizionato anche il defibrillatore donato dalla Bcc. Le posizioni dei dispositivi sono state comunicate alla centrale del 118 di Chieti per il monitoraggio e l'eventuale utilizzo.

“Lanciano è sempre più una città 'cardio-protetta', per un Sindaco-medico questa è un'ottima notizia, soprattutto perché aumenta la sicurezza dei cittadini: questi apparecchi, come noto, possono salvare la vita in caso di arresto cardiaco”, dichiara il Sindaco Mario Pupillo.

“La scelta di acquistare due defibrillatori nel 2015 si è rilevata lungimirante. Grazie a quella scelta, grazie alla sensibilità dell'Associazione “Gli Amici di Marcello” e dei tanti istruttori che si sono formarti per utilizzare il defibrillatore, da oggi si può fare sport a Lanciano con maggiore sicurezza”, dichiara l'Assessore allo Sport, Davide Caporale.

Torna all'attacco Ascom Abruzzo e ancora una volta al centro di una critica dura, aspra è la Ztl. “Come può un sindaco istituire una Zona a traffico limitato che è invisa a quasi tutta la cittadinanza, esclusa una piccola frangia?, si apre così, con questa provocatoria domanda, il comunicato dell'associazione presieduta da Angelo Allegrino. “ La quasi totalità dei residenti non è soddisfatta di questo provvedimento, in quanto i loro quartieri, soprattutto nelle ore notturne, sono isolati e pericolosi, specie per donne e anziani. Inoltre molti residenti, nonostante il rilascio del tesserino per
entrare nella propria Ztl, hanno ricevuto decine di multe che non sono state annullate nemmeno in autotutela, e sono state impugnate davanti al giudice di pace. Inoltre il provvedimento sta danneggiando il commercio”. La zona a traffico limitato, in vigore da mesi, continuerebbe quindi a provocare malumori e polemiche e nemmeno le multe accennerebbero a diminuire, stando almeno al quadro della situazione dipinto da Ascom. “I cittadini – si legge nella nota- sono stati male informati sul funzionamento e sulla data iniziale dell’entrata in vigore della Ztl e hanno ricevuto
multe salate”. E anche i commercianti che operano nelle zone interessate dalla Ztl avrebbero ricevuto un danno. “Il Tar – ricorda Ascom - afferma che il provvedimento che limita il traffico in ambito urbano deve essere preceduto da un’attenta valutazione degli effetti che esso produce sulla
salute, sulla sicurezza della circolazione, sul territorio, sul patrimonio ambientale e culturale. Tale valutazione deve prendere in considerazione anche gli interessi delle categorie di persone che, per
ragioni professionali o meno, siano interessate dalla limitazione. Quindi, oltre che ragioni di opportunità politica e di sensibilità, rispetto alle esigenze ed alle istanze della popolazione, anche da un punto di vista giuridico sarebbe stato opportuno che il Comune di Lanciano avesse fatto precedere qualsivoglia decisione da un’attenta ricognizione delle necessità oltre che dall’opinione di tutti coloro, non solo residenti, ma anche gestori di locali e proprietari di esercizi commerciali che avrebbero di lì a poco subito le conseguenze di una così drastica decisione sulla viabilità cittadina. Come mai non hanno chiesto ai commercianti interessati dalla Ztl cosa ne pensassero”. In verità ci sono stati diversi incontri tenuti dall'assessore Francesca Caporale, caratterizzati da una vivacità di interventi e da un clima piuttosto caldo e animato. Forse non sono bastati a dissipare i dubbi, a placare le contrarietà ed è chiaro che l'amministrazione dovrà tornare sull'argomento, al di là di comunicati più o meno pesanti. Intanto Ascom conclude dicendo che “giuridicamente le Ztl si possono eliminare in quanto non sono obbligatorie. Ma dopo che per istituirle sono stati investiti 550 mila euro si rischia l’intervento della Corte dei Conti per danno erariale?”




 

Una grande festa per le Scuole di Lanciano per lo scambio degli auguri di buon Natale. L'Assessorato alla Pubblica Istruzione promuove e organizza una festa per le Scuole primarie venerdì 23 dicembre dalle 10.30 alle 11.30, nel Palazzetto dello Sport in via Guido Rosato, con l'obiettivo di “avvicinare ancora di più le scuole, gli alunni e il personale docente e non docente all'Amministrazione Comunale, e viceversa”, spiega l'Assessore alla Pubblica Istruzione, Giacinto Verna, promotore dell'iniziativa. Nel corso della festa, alla quale sono attesi oltre 1.000 alunni delle Primarie di Lanciano, ci sarà spazio per uno spettacolo di giocoleria e il classico dolce panettone natalizio, oltre che per i saluti istituzionali del Sindaco Pupillo e dell'Assessore Verna.

“La nostra intenzione è quella di avvicinare ancora di più le Scuole all'Amministrazione Comunale, cercando di andare oltre il classico rapporto di lavoro burocratico. Vogliamo favorire un salto di tipo culturale per l'Amministrazione e le Scuole che quotidianamente collaborano per raggiungere lo stesso obiettivo: la crescita sociale e umana dei nostri piccoli concittadini”, dichiarano il Sindaco Mario Pupillo e l'Assessore Giacinto Verna.

Ripercorre con dovizia di particolari, senza trascurare alcun dettaglio, l'attività sportiva e non solo, che il Circolo Tennis di Lanciano porta avanti da anni. Giancarlo Staniscia presidente del Circolo (è al quarto mandato) difende e sottolinea il ruolo di questa struttura sportiva, la prima in Abruzzo che si è dotata di un defibrillatore, grazie all'aiuto della Croce Rossa. Ma questo, a guardare i trofei che campeggiano nella sala e considerando che una delle 20 squadre che operano nei vari campionati regionali è in A2, non sembra essere l'unico primato. Una serie di riconoscimenti, infatti, ha caratterizzato l'attività sportiva del Circolo, balzato nelle ultime settimane agli onori della cronaca. Oggetto di polemiche e di commenti pesanti tanto che il presidente fa sapere di aver querelato chi si è abbandonato “senza conoscere e senza verificare a certe offensive considerazioni”. Al centro di una querelle o meglio di un esposto che ha portato la Guardia di Finanza ad acquisire dal Comune tutta la documentazione relativa alla convenzione “Comune-Circolo”. Proprio la convenzione sarebbe sotto la lente di ingrandimento delle Fiamma Gialle nonché di chi (non è dato sapere) ha scelto di agitare acque fin'ora tranquille. E continua a essere tranquillo e orgoglioso per il ruolo che il Circolo Tennis di Lanciano ha conquistato nel panorama sportivo nazionale, il presidente Staniscia: “L'obiettivo di questa conferenza stampa è quello di sgomberare il campo da una serie di equivoci e falsità, vogliamo che non ci sia un'immagine distorta di questo luogo che non è una sorta di nicchia per pochi eletti, qui tutti, anche i non soci, hanno la possibilità di giocare e di intrattenersi. Se il Comune ci darà ancora fiducia continueremo, non abbiamo timori di controlli perché è tutto in regola, alle parole abbiamo sempre preferito i fatti – dice- ed è con questi che vogliamo mettere a tacere le malelingue. Questa polemica getta un'ombra su una struttura che in tanti ci invidiano”. I due punti fondamentali contenuti nella convenzione sono il decoro e la diffusione dello sport. Punti che, ha rimarcato Staniscia, non solo sono stati rispettati ma ampliati. “Ci siamo anche occupati della manutenzione straordinaria, pavimentando una parte dell'edificio, abbiamo risolto il problema delle fogne, ci siamo occupati della custodia e abbiamo fatto tanto altro per rendere questo posto completo nei servizi e accogliente, c'è pure il bar. Insomma – ha aggiunto - in questi 22 anni di convenzione il Circolo ha creato un valore che può essere tradotto anche in termini economici, è l'unica struttura sportiva autogestita che funziona bene. Non riesco proprio a vedere le negatività paventate ma solo il lavoro, i sacrifici fatti e i risultati ottenuti sotto l'aspetto sportivo e sociale”. Il presidente ha tenuto inoltre a precisare che “non c'è scopo di lucro, per far giocare tutti abbiamo mantenuto la quota sociale a 180 euro, una cifra che consente di utilizzare tutto, dal campo alla palestra, dal bar alla sauna”.Va ricordato che il Circolo Tennis di Lanciano è il primo in Abruzzo per l'attività giovanile ed è tra i primi 20 in Italia. Da sottolineare anche l'efficacia dei corsi (160 i ragazzi) con maestri qualificati. “Avremmo fatto anche di più – ha concluso Staniscia – se avessimo avuto i campi coperti e la possibilità di lavorare a pieno ritmo. Sono comunque soddisfatto dei tanti risultati raggiunti”. E lascia intendere di non temere confronti, né altre decisioni e se dovesse esserci un bando, il Circolo parteciperà “con la forza degli obiettivi centrati, degli impegni rispettati e della serietà di programmi che mettono al centro non soltanto la struttura e lo sport, ma la città di Lanciano”.

Torna anche quest'anno il tradizionale appuntamento con il Concerto Gospel di Santo Stefano a cura dell'Estate Musicale Frentana. Si tratta di un vero e proprio evento che continua a mietere presenze e consensi. Lunedì prossimo, 26 dicembre, alle 18.00, il Teatro Fenaroli ospiterà la travolgente gospel night live. Il sipario si alzerà sui Danton Whitley and Mosaic Sound, per la prima volta a Lanciano. Un'occasione, quindi, non solo per gli appassionati del genere, di ascoltare un gruppo di straordinari talenti dalle eccezionali doti vocali e dalla grande carica umana, pronti a trascinare il pubblico in un coinvolgente ed emozionante spettacolo. Un concerto degno della migliore tradizione Gospel made in USA. Da non perdere, perché come dice il direttivo dell'Associazione “non c'è Natale senza Gospel, non c'è Gospel senza Estate Musicale Frentana”. I biglietti sono già in vendita sulla piattaforma online ciaotickets.com e da Venditti in corso Trento e Trieste a Lanciano. Il botteghino del teatro sarà invece aperto da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Ieri il nostro articolo nel quale si annunciava la volontà dei due candidati alle feste di settembre Raffaele Di Nunzio e Maurizio Di Marco di collaborare per la riuscita delle feste patronali e del loro invito a fare lo stesso agli altri 6 “pretendenti” ad una carica, diciamolo pure, non facile da gestire in un periodo di crisi economica come questo, i bei tempi delle centinaia di milioni delle vecchie lire sono finiti da un pezzo.

In serata una mail alla nostra redazione di Claudio Fantini direttore della School of Rock di Lanciano, altro partecipante al bando che testualmente ci diceva, e noi per correttezza riportiamo integralmente:“…allo scopo di volere precisare che l’associazione musicale School of Rock da me presieduta non ha ricevuto alcun invito circa un eventuale incontro con i concorrenti all’avviso pubblico per la designazione del presidente delle feste del settembre lancianese. Tanto si invia per dovere di verità ribadendo la disponibilità di questa associazione a qualsiasi tipo di confronto”.

Quindi a Fantini nessuna chiamata è arrivata e agli altri? Ai giornalisti presenti era stato detto che l’invito era stato esteso a tutti ma sembrerebbe di no. Ora senza inutili polemiche ci sentiamo di dire che settembre è lontano ma gennaio, intorno al 20 si saprà chi sarà il presidente 2017, è vicinissimo e tranne altri colpi di scena converrà aspettare quella data per parlare con sicurezza di un argomento che a Lanciano riesce sempre a creare polemiche…