Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

E’ Massimo Ranieri il super ospite delle Feste di Settembre 2018. Ad annunciarlo, questa mattina in conferenza stampa insieme al sindaco Mario Pupillo e all’Assessore alla Cultura Turismo e Grandi Eventi Marusca Miscia, è stato il presidente del comitato Feste di Settembre Maurizio Trevisan, riconfermato dopo il grande riscontro in termini di partecipazione e gradimento del programma allestito lo scorso anno.

E se già nel 2017 le feste patronali frentane, giunte alle 185^ edizione, si erano distinte per la qualità degli artisti presenti (UT New Trolls, Dodi Battaglia e Alex Britti), quest’anno l’annuncio del super ospite che si esibirà domenica 16 settembre in piazza Plebiscito è altrettanto ghiotto.

Massimo Ranieri è infatti tra i più conosciuti artisti a livello nazionale: non soltanto un cantante, ma anche attore, showman e intrattenitore. La sua esibizione sarà un’occasione quasi unica per piazza Plebiscito, visto che siamo abituati a vederlo più che altro nei teatri, in televisione o al cinema, anche nei ruoli di conduttore, attore o regista. E invece il 16 settembre a Lanciano regalerà uno spettacolo straordinario, fatto di musica, canzoni e parole.

“Sogno e son desto” è il nome del tour che l’artista sta portando in giro per il mondo: prima di Lanciano infatti si esibirà in tutta Italia, ma anche negli Stati Uniti, in Canada e Russia.

Scritto da Gualtiero Peirce e Massimo Ranieri lo spettacolo, dal titolo giocoso e provocatorio, non sarà dedicato ai vincitori e agli eroi, ma agli ultimi e ai sognatori: gli uomini e le donne cantati dalla musica di Raffaele Viviani e di Pino Daniele; o dal teatro di Eduardo De Filippo e Nino Taranto. Tra canzoni e monologhi non mancheranno i colpi di teatro: nel recital Ranieri andrà oltre il repertorio della canzone napoletana, interpretando brani dei più celebri cantautori italiani e internazionali: da Fabrizio De Andrè a Francesco Guccini, da Charles Aznavour a Violeta Parra.

Tra conferme e novità, nel corso della conferenza stampa di questa mattina sono stati fatti altri due annunci: le luminarie saranno realizzate, come lo scorso anno, dalla ditta di Paulicelli Gianfranco, mentre per quanto riguarda la Banda, il presidente Trevisan ha annunciato con grande soddisfazione la presenza della Banda Città di Lanciano.

 “Essere riuscito a portare Massimo Ranieri in piazza a Lanciano – è il commento entusiasta del presidente delle Feste di Settembre 2018, Maurizio Trevisan – è stato un traguardo straordinario. All’inizio sembrava un’impresa impossibile, ma poi ce l’abbiamo fatta. Con questo primo risultato rimettiamo in moto la macchina organizzativa delle Feste di Settembre 2018, che sarà composta da tantissimi altri eventi, che sveleremo nelle prossime settimane”.  

Altrettanto entusiasti il sindaco Mario Pupillo e l’assessore alla Cultura Turismo e Grandi Eventi Marusca Miscia.

 “Quella di Massimo Ranieri è una scelta di altissimo livello che consente di proseguire sulla strada intrapresa lo scorso anno: un deciso cambio di rotta verso la musica di qualità che ha reso le Feste di Settembre un appuntamento imperdibile per decine di migliaia di persone. Auspichiamo una grande partecipazione da parte della città e dei cittadini, le Feste sono di tutti e rappresentano l'appuntamento più atteso dell'anno dai Lancianesi e non solo. Come Amministrazione, con grande sforzo, abbiamo fatto e faremo la nostra parte: abbiamo riavvicinato, ma non pareggiato, la quota del contributo storico che il Comune assicurava alle Feste, il cui indotto in termini economici e sociali è sotto gli occhi di tutti. Ringraziamo il Presidente del Comitato Maurizio Trevisan con tutto il suo staff che hanno messo a segno questo autentico colpaccio per Lanciano con l'ingaggio del più grande uomo di spettacolo poliedrico italiano”.

 

Dal prossimo 14 dicembre la raccolta porta a porta arriverà nelle case di 5500 famiglie lancianesi e interesserà: Largo M. Bianco, Via M. Bianco, Via R. Fauro, Via Filzi, Via A. Romagnoli, Via C. Battisti, Via L. De Crecchio, Piazzale della Stazione, V.le delle Rose, Piazza E. D’Amico, Via Antinori, Via Pollidori di Mastrorenzo, Via Monte Grappa, Corso Trento e Trieste, Via Fella, Via Obisidius, Via Bocache, Via Pollidori, Corso Bandiera e Vicoli, Via Monte Maiella, Via V. Veneto, Via Abruzzi, Via del Ponte, Via Salita della Posta, Via Piave, Via Arco della Posta, Via Isonzo, Piazza della Vittoria, Via C. Madonna, Via Gorizia, Via F. Renzetti, Via Zara, Via Fiume, Viale delle Rimembranze, Via Panoramica, Via del Mare, Via Alba, Via della Pace, Via Genova, Via Bologna, Via Vicenza, Via M. Rosato, Via Venezia, Via Marzabotto, Via Olmo di Riccio, Via Firenze, Via Napoli, Via Torino, Via Ortona, C.da Santa Croce, C.da Santa Giusta, C.da Serroni, C.da Vicende, C.da Torre Sansone. Circa 2mila utenze che si andranno ad aggiungere a quelle partite già lo scorso anno nei quartieri storici e che tutto sommato, anche se con qualche difficoltà iniziale, sembrano aver preso piede. Il presidente di EcoLan, Massimo Ranieri ci tiene a precisare come in brevissimo tempo, al massimo entro febbraio, tutta Lanciano passerà alla differenziata anche in virtù dell’obbligo che Ecolan ha preso con il Comune, con i costi dello smaltimento accollati alla società se non si raggiungesse lo scopo. L’assessore Davide Caporale, anche lui presente in conferenza stampa, ha tenuto a ricordare come l’amministrazione Pupillo tenga molto alla differenziazione dei rifiuti, anche per permettere un abbassamento dei costi delle bollette. Per questo fa appello a tutta la cittadinanza, affinchè collabori il più possibile alla buona riuscita del progetto e infine il Consigliere Pd, Angelo Laccisaglia si dichiara fiducioso nella buona riuscita del progetto che fa parte di un disegno di “rivalorizzazione” dell’intera città. Il 28 ottobre alle ore 21 nella sede di Rosato Viaggi in via Torre Sansone primo appuntamento con la cittadinanza, a cui seguiranno quelli del  29 ottobre alle ore 21 al Bocciodromo di Olmo di Riccio e del 30 ottobre alle ore 18 alla sala Mazzini. Il centro storico che fa già parte del progetto non ha avuto particolari problemi nella gestione dei bidoncini da mettere fuori casa nei giorni prestabiliti. Discorso diverso sarà invece per i condomini della nuova zona. Per questo è stata prevista la sistemazione di bidoni molto più grandi in condomini che hanno uno spazio comune, un cortile che permetterà a tutti i coinquilini di usare un solo grande contenitore e non di metterne in fila diverse decine lungo le strade. In progetto anche due nuovi centri raccolta: uno quello già esistente in località Re di Coppe, che sarà ampliato anche con un centro di riuso, cioè di donazione oggetti in buono stato alle famiglie bisognose, e l’altro nella zona di via per Treglio. Inoltre EcoLan assumerà 23 persone, fin ora si è dovuto ricorrere a lavoratori interinali, con un  primo bando di gara per 12 unità, per poi aggiungerne altre. (cl.la.)