Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Dopo l'emergenza maltempo con la neve che è caduta copiosa per giorni creando danni e disagi all'intera popolazione abruzzese, l’Amministrazione provinciale tira le fila e fa un primo bilancio sull’attuazione del “Piano Neve” che la Provincia ha redatto e approvato lo scorso mese di novembre, in largo anticipo rispetto all’eccezionalità degli eventi. Una situazione di vera e grave emergenza che la macchina operativa si è trovata ad affrontare lo scorso mese di gennaio. E in un comunicato vengono resi noti alcuni dati relativi al Piano Neve che ha interessato l’intera rete stradale di competenza di 1800 km, suddivisa in 96 lotti di intervento. Le operazioni di sgombero della neve e spargimento sale hanno previsto la cooperazione in sinergia sia dei mezzi di proprietà dell'Ente, utilizzati dal personale dipendente o dati in comodato d’uso a ditte private, circa 70 le imprese esterne per un totale di 100 mezzi. Risultano utilizzati per le operazioni di disgelo - si legge nella nota - circa 26.500 quintali di sale marino equivalenti a 90 camion di fornitura. Sono 8 le unità di personale tecnico impiegato nell’emergenza e 56 unità del personale stradale. Tutte le operazioni sono state gestite in stretta collaborazione con l’intero sistema della Protezione Civile, sotto il diretto controllo della Prefettura di Chieti, dei Sindaci dei Comuni, della Autorità Regionale e di tutte le Forze di Polizia.

“Possiamo affermare che il Piano neve nell’emergenza ha funzionato – dichiarano all’unisono il Presidente della Provincia Mario Pupillo e Il Consigliere delegato alla viabilità Antonio Tamburrino – e ringraziamo ancora una volta tutto il personale provinciale a partire dal dirigente ing. Carlo Cristini, i suoi collaboratori e i cantonieri. Un ringraziamento doveroso al personale delle ditte che hanno lavorato sulle nostre strade in condizioni proibitive, per giorni e senza sosta, per garantire in tempi rapidi la circolazione e i collegamenti nel nostro territorio che fortunatamente non ha fatto riscontrare particolari criticità e siamo tornati tempestivamente alla normalità”.

“Questa emergenza neve naturalmente ha un costo importante – afferma il Presidente Pupillo- che ha superato la previsione del Piano Neve richiedendo interventi di somma urgenza e ulteriori interventi di ripristino della viabilità per un totale stimato finora di 3.235.000,00 euro, ma sono in corso i conteggi definitivi. Sui fabbricati scolastici e sul patrimonio l’emergenza ha richiesto interventi per 810.000,00 euro. Dunque un totale di oltre 4 milioni di euro su cui ci attendiamo risposte celeri e concrete da parte del Governo, perché altrimenti non potremmo chiudere il bilancio che ci attende a fine marzo.”

 

Sulla circolazione stradale lungo la Strada provinciale n 220 “Maielletta” un precisazione da parte del Consigliere Antonio Tamburrino: “Nell’ultimo fine settimana, l’Amministrazione provinciale ha impiegato il personale della polizia provinciale per coadiuvare le operazioni di sgombero neve sui parcheggi che andavano ultimate e gestire il transito in totale sicurezza, per permettere la regolare viabilità che ha consentito l’accesso in sicurezza ai turisti del week end scorso. Stessa attenzione si riserverà anche nei successivi fine settimana. Nel comprensorio della Maielletta, anche in relazione alla vocazione turistica dell’area montana, sono state profuse sin dalla prima nevicata attenzione e forza lavoro tanto che la zona ha visto in azione mezzi e personale della Ditta privata Tenaglia srl affidataria del servizio per l’intera stagione invernale. Nella zona Maielletta – spiega Antonio Tamburrino - sono operative due turbine Fresa di proprietà provinciale assegnate in comodato d’uso alla ditta. La Società ha in dotazione anche altri due mezzi provinciali, ovvero un trattore Fendt dotato di vomere e 1 pala scavatore Case. Possiamo confermare che il Piano neve che abbiamo coordinato ha dato risultati positivi e tangibili, grazia alla collaborazione e all’impegno di tutti”.

 

 

Di ora in ora si fa sempre più grave il problema dell'assenza della corrente elettrica in diverse contrade di Lanciano. Stando alle segnalazioni dei cittadini di Lanciano sono senza energia da oltre 40 ore le contrade di Nasuti, Serre, Camicie, Spaccarelli, Sant'Amato, Costa di Chieti, Santa Liberata, parte di Torre Marino e Santa Maria dei Mesi, Rizzacorno.

Il sindaco Pupillo ha ricevuto pola telefonata del Presidente Luciano D'Alfonso che mi gli ha garantito l'attivazione della Regione in merito alla  richiesta di ieri per la fornitura di gruppi elettrogeni utili a tamponare questa emergenza che colpisce migliaia di cittadini.

Enel ha comunicato questa mattina che i clienti disalimentati in provincia di Chieti sono circa 27.000 in 50 diversi comuni. A tempo debito bisognerà che Lanciano e l'Abruzzo intero, dichiara il sindaco, abbia una risposta precisa e puntuale dai responsabili della fornitura elettrica, da Enel e Terna in particolare: chiediamo spiegazioni su come sia possibile nel 2017 lasciare decine di migliaia di persone senza corrente elettrica per più di 40 ore, con temperature prossime allo zero d'inverno.

È una situazione non più sostenibile, con queste temperature. Il ringraziamento va  ai tecnici che stanno lavorando in questi condizioni difficili, a loro tutta la mia gratitudine e la mia stima, prosegue, ringrazio le Istituzioni e in particolare la Regione Abruzzo che sta lavorando senza sosta per assistere la popolazione in una situazione a dir poco emergenziale cui si sono aggiunte le scosse di terremoto delle 10,25 e 11,16 chiaramente avvertite anche a Lanciano.

 

Si iniziano a contare i danni dell'eccezionale nevicata che sta interessando l'intero comprensorio. Il tetto di una soffitta nel palazzo che ospita a pian terreno la banca popolora di Ancona è crollato molto probabilmente a causa del peso della neve. Per fortuna i proprietari dell'appartamneto non risiedono in città e non si registrano danni alle persone. Seguiranno ulteriori aggiornamenti.

“Siamo in piena emergenza. La nevicata eccezionale di ieri ha accumulato al suolo tra i 70 e gli 80 centimetri, a seconda delle zone: ma l'urgenza in queste ore è l'assenza di luce, gas e acqua in numerose contrade di Lanciano, con oltre 12.000 cittadini colpiti dai disservizi. Chiedo l'aiuto della Protezione Civile e della Regione Abruzzo il Sindaco Pupillo che in mattinata ha  inviato una nota puntuale sull'attuale emergenza neve al Prefetto di Chieti Antonio Corona e al Presidente della Regione Luciano D'Alfonso”, dichiara il Sindaco Mario Pupillo.

“Servono misure straordinarie, a tutela dell'incolumità pubblica e della sicurezza dei cittadini. Ho ordinato la chiusura di tutti gli uffici pubblici nel territorio di Lanciano anche per domani, in relazione agli avvisi della Protezione Civile Nazionale e del Centro Funzionale d'Abruzzo, che ha confermato l'allerta meteo per la Provincia di Chieti e precipitazioni a carattere nevoso fino a mercoledì con quantitativi abbondanti. Si segnala inoltre la possibilità di ghiaccio sulle strade per stanotte”, aggiunge Pupillo.

“Ho ordinato la sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado del territorio di Lanciano, compresi i nidi d'infanzia, fino a sabato 21 gennaio. Bisogna prestare massima attenzione agli accumuli di neve sui tetti e sugli alberi pericolanti. Abbiamo 14 contrade e alcune zone del centro città senza luce da oltre 24 ore per un traliccio caduto tra Vasto e San Salvo: Santa Maria dei Mesi, Torre Marino, Marcianese, via Santo Spirito, Camicie, Re di Coppe, Spaccarelli, Sant'Amato, Colle Campitelli, Nasuti, San Iorio, Madonna del Carmine, Costa di Chieti, Rizzacorno. Enel e Terna, che hanno la competenza in materia, ci dicono che stanno lavorando ma non sono in grado di garantirci un tempo preciso di ripristino. Abbiamo bisogno di gruppi elettrogeni per queste zone, di 5 lame e spargisale, 5 pale meccaniche con relativi operatori da aggiungere a quelli delle ditte incaricate in servizio da ieri mattina all'alba ininterrottamente e di 5 fuoristrada con relativo personale per assistenza socio sanitaria della popolazione gravemente colpita da questi disservizi”, aggiunge il Sindaco. “Per quanto riguarda l'acqua, la Sasi ci ha comunicato un duplice problema che sta lasciando gran parte della città e del comprensorio senz'approvvigionamento idrico: a Fara San Martino c'è un problema di natura elettrica, mentre in zona c'è una rottura grave di una condotta per cui saranno necessarie diverse ore di lavoro. A questo si aggiunge il problema di fornitura di metano in contrada Serroni e Torre Sansone”, segnala Pupillo.

“E' un evento assolutamente eccezionale e imprevedibile nelle modalità che sta mettendo in ginocchio Lanciano, siamo in un'emergenza che deve essere gestita a livello sovra comunale – conclude il Sindaco - non avendo garanzie sul ripristino di acqua e energia elettrica e alla luce delle previsioni che annunciano una situazione ancora grave fino a giovedì rivolgo il mio appello a Regione e Prefettura per un intervento tempestivo utile a fronteggiare questa emergenza”.

PESCARA: servizi sospesi da Spoltore, Moscufo  Città S.Angelo e Pianella. Non effettuata la prima corsa per Roma (3.50) e da Roma alle 7 per chiusura autostrada. Servizi ridotti per Chieti Scalo, Ortona, Cepagatti.


PESCARA URBANO
Linea 4 limitata a Colle Marino. Chiusa Via Marconi, servizi deviati su via D'Annunzio.                        

LANCIANO: Situazione particolarmente critica nella zona frentana. Collegamenti molto problematici tra la costa e il capoluogo frentano. In questo momento un bus TUA bloccato a Treglio zona incrocio (senza alcun passeggero a bordo) in attesa dell'intervento dei vigili del fuoco                        

PESCARA: collegamenti sospesi da Caramanico, Pietranico, Farindola, Arsita e Villa Celiera

La situazione è critica, siamo in emergenza. La neve accumulata al suolo ha raggiunto i 50 cm di altezza, si registrano forti disagi alla circolazione stradale e la nevicata non accenna a diminuire.
Il primo cittadino Mario Pupillo ha  per questo ordinato la sospensione delle attività didattiche anche per le giornate di martedì e mercoledì, oltre che per oggi.
Per quanto riguarda l'eventuale chiusura degli uffici pubblici per motivi di sicurezza, si sta  valutando minuto dopo minuto la situazione con gli uffici della Prefettura di Chieti, che sono stati allertati per gli atti opportuni conseguenti a fronteggiare questa gravissima ondata di neve e gelo.

E' necessario prestare massima attenzione agli alberi appesantiti dalla neve e non bisogna assolutamente utilizzare l'auto se non strettamente necessario e solo se dotata di catene da neve.

I 25 mezzi delle 18 ditte incaricate sono in giro da questa mattina all'alba, ma l'intensità del fenomeno sta vanificando lo sforzo sta mettendo in grande difficoltà. Il Centro Operativo Comunale di Lanciano è attivo da questa mattina alle 6.

A disposizione della cittadinanza due numeri per le segnalazioni ESCLUSIVAMENTE di tipo tecnico e sociale

- emergenze tecniche di viabilità 0872707328
- emergenze socio assistenziali 0872707336

Per le emergenze e le urgenze notturne utilizzare i numeri di Carabinieri 112 Polizia 113, 118 e Vigili del Fuoco 115.

Neve, neve ed ancora neve. L'emergenza che sembrava essere rientrata continua a flagellare la Frentania e i disagi questa volta sembrano essere perfino maggiori della scorsa settimana. In centro città non si circola quasi e sono numerose le segnalazioni di auto bloccate nella tormenta di neve.

In Via per Fossacesia un bus ha bloccato la viabilità dopo aver colpito una 500 parcheggiata. Il mezzo spargisale non ha potuto progeguire verso l'ospedale. In genere questa è una di quelle strade che vengono liberate per prima ma questa volta sembra davvero difficile. Dalle bacheche Fb degli amministratori continua a circolare l'appello a non uscire se non strettamente necessario e comunque di evitare di prendere le auto. Ritardi sulla rete ferroviaria di collegamneto con Pescara e corrente in tilt a San Vito. Insomma situazione difficile e le previsioni non sono incoraggianti. .

La neve dovrebbe infatti continuare a scendere per tutta la giornata con una pausa parziale domani per poi tornare mercoledì copiosa.

Vi terremo aggiornati

In considerazione del repentino peggioramento delle condizioni meteorologiche avvenute durante la notte e alla luce dell'abbondante nevicata in corso i comuni di Lanciano Treglio, Castelfrentano hanno sospeso le attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado, compresi i nidi d'infanzia, per la giornata di oggi lunedì 16 gennaio. 
La neve è tornata a cadere copiosa sul territorio e sembra non dare tregua. Vi terremo aggiornati

Il sindaco Lanciano ha promesso che questa volta lo scherzo verrà segnalato alla polizia postale. Non è infatti la prima volta che dopo la chiusura protratta delle scuole nel tempo a qualche "burlone" venga in mente di fingersi il sindaco ed annunciare un nuovo giorno di vacanza. Il riposo dura da 20 giorni e a questo punto è davvero auspicabile che le aule si riaprino per accogliuere di nuovo gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

Sono state tante le difficoltà che si sono avute con l'emergenza neve e un nuovo giorno di chiusuta avrebbe complicando ulteriormente le cose. Domani le campanelle suoneranno puntuali: si ricomincia!

La situazione del trasporto garantito da Tua SPA in regione si va sempre maggiormente normalizzando, grazie soprattutto alla rimozione della coltre nevosa dalle strade che rende, di fatto, agevole l'effettuazione del servizio. Nelle primissime ore di questa mattina, l'aspetto critico in determinate zone dell'Abruzzo, è stato rappresentato dall'eccezionale rigidità delle temperature che ha fatto registrare valori anche di meno 20 gradi.


SERVIZI AUTOBUS
Proprio a causa delle temperature rigidissime, alcune criticità hanno interessato il congelamento del gasolio e dei filtri nella zona di Lecce dei Marsi dove, in nottata, sono state registrate temperature vicine ai meno 20 gradi. Tua SPA ha utilizzato additivi antigelo per gasolio e le problematiche verificatesi nella primissima mattinata sono state risolte. Situazione analoga si è verificata nell'entroterra teramano (a Guazzano) e anche a Bellante.

SERVIZI TRENO
Circolazione treni TUA/Sangritana regolare