Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

VAL DI SANGRO - Sarà terminato nel 2017 l’ampliamento della piastra logistica intermodale di Saletti nella zona industriale della Val di Sangro. Il progetto preliminare, inserito nello schema finale del Masterplan per l’Abruzzo con uno stanziamento di 5 milioni e mezzo di euro, diventerà definitivo entro la fine dell’anno e verrà realizzato nel secondo semestre del 2017, implementando l’asset del trasporto merci in regione.

All’indomani della firma del Masterplan, soddisfazione è stata espressa anche dal ministro Graziano Delrio che ha sottolineato come l’intermodalità sia la strada giusta per aumentare la cooperazione tra l’Italia ed i Paesi europei.

“Siamo molto felici - ha dichiarato il ministro - che la Regione Abruzzo, con la società di trasporto Tua, abbia seguito l’indirizzo del ministero per la cura del ferro e quindi lo spostamento delle merci sempre più su rotaia e via mare. Il lavoro che si sta facendo in Abruzzo è di straordinaria importanza. La collocazione geografica della regione a livello ferroviario – ha concluso il ministro delle Infrastrutture – favorirà un complessivo sviluppo economico diminuendo le emissioni inquinanti”.
A beneficiarne saranno non solo Sevel ed il suo indotto, ma l’intero comparto automotive abruzzese, grazie ad un incremento esponenziale del volume di traffico, ad una conseguente riduzione dei costi per il trasporto e ad una diminuzione dei tempi di percorrenza.

“La piastra logistica di Saletti - ha dichiarato Giovanni Di Vito, consigliere TUA con delega alla ferrovia - rappresenta un’infrastruttura strategica al servizio della Val di Sangro e della Sevel che consentirà di implementare la capacità di smistamento delle merci sulla rete nazionale e dunque verso l’Europa. L’infrastruttura - ha spiegato Di Vito - prevede la realizzazione di un piazzale ferroviario dotato di 4 binari di 750 metri di lunghezza e 3 binari di 350 metri, infrastrutture dedicate alla logistica per la movimentazione di merci, quali ad esempio capannoni di stoccaggio, piani di caricamento, uffici e zone dedicate alla manutenzione. Infrastrutture - ha concluso il consigliere - che favoriranno la piena intermodalità della Val di Sangro, ovvero l’integrazione strada-rotaia, in linea con gli attuali standard europei”.

Uno dei  maggiori vantaggi dell’opera sarà quello di poter effettuare il cosiddetto trasporto combinato accompagnato, ovvero trasbordare i mezzi stradali direttamente sul treno.

“L’opera - ha affermato il responsabile dell’infrastruttura ferroviaria di Tua, Florindo Fedele - permetterà di incrementare la lunghezza dei convogli ferroviari, attualmente movimentati per ciascun viaggio e di caricare direttamente i TIR sul treno con una pedana che si sposterà longitudinalmente rispetto al senso del binario.  Allo stato attuale - ha spiegato Fedele - ogni treno merci movimenta 15 carri, ognuno dei quali trasporta 4 furgoni. A configurazione ultimata - ha concluso - il volume di traffico aumenterà del 33 per cento con un incremento di 200 unità di merce trasportata ogni giorno”.

LANCIANO - Tra gli appuntamenti più rilevanti nel programma sportivo 2016 della ASD Arcieri Anxanon spiccano i due appuntamenti di prestigio per fine anno: L’incontro pubblico con l’Atleta Olimpica Guendalina Sartori il 27 novembre e la Gara Nazionale di tiro con l’arco del 18 dicembre 2016 entrambi patrocinati dal Comitato Fitarco Abruzzo e dall’Amministrazione Comunale.
L’appuntamento pubblico con l’Atleta Olimpica Guendalina Sartori avrà luogo presso Polo Museale Santo Spirito alle ore 15:00 di domenica 27 novembre 2016. L’atleta, ospite della ASD Arcieri Anxanon, parteciperà all’incontro per condividere la sua esperienze agonistiche a Rio 2016. Ad accoglierla oltre alla Comunità Arcieristica Abruzzese e alla cittadinanza il Comitato di Benvenuto: dott. Enzo Imbastaro, Presidente Regionale CONI; Sig. Aldo Di Silverio, Presidente Fitarco Abruzzo; Raimondo Cipollini, Presidente Fitarco Marche; Giulio Richetti Presidente Fitarco Molise; ing. Ramacieri Giovanni, Presidente ASD Arcieri Anxanon; sig. Tito Paris, Tecnico Allenatore Fiamme Azzurre; dott. Mario Pupillo, Sindaco di Lanciano; geom. Davide Caporale, Assessore allo Sport; prof. Carlo Orecchioni, Liceo Scientifico indirizzo Sportivo.
Il secondo appuntamento, la Gara Nazionale di Tiro con l’Arco inizialmente prevista inizialmente presso il palazzetto dello sport per l’elevato numero di atleti verrà disputata presso i padiglioni di Lanciano Fiera il 18 dicembre in pieno clima natalizio. E’ la prima edizione del Memorial a Maurizio Scarinci dirigente e atleta della ASD Arcieri Anxanon morto prematuramente. Ad oggi, con le iscrizioni alla gara ancora aperte, si contano già 130 atleti provenienti da 32 compagnie di 7 distinte regioni. Tra gli atleti nomi di rilievo nazionale partecipanti ad una gara che si preannuncia un evento arcieristico. Tutti coloro che vorranno osservare da vicino questo sport e i suoi campioni potranno assistere alla gara gratuitamente.

LANCIANO - Domani, giovedì 17 novembre alle ore 18, nel Salone d'Onore dell'ex Casa di Conversazione di Lanciano, è in programma un convegno sulle ragioni del "no" al referendum  costituzionale, promosso dal coordinamento cittadino di Forza Italia. Ospite d'onore dell'incontro sarà il professor Alessandro Pace, lancianese, emerito di Diritto Costituzionale all'Università La Sapienza di Roma, autore di numerose pubblicazioni in materia di teoria della Costituzione, relatore in numerosi convegni scientifici, nonché presidente del “Comitato per il NO” creato in vista del referendum. Con lui interverranno il coordinatore regionale di Forza Italia Nazario Pagano, il deputato Fabrizio Di Stefano e il consigliere regionale Mauro Febbo.

"L'obiettivo del Direttivo, del Comitato per il No e del Gruppo dei Giovani di Forza Italia di Lanciano - spiega la coordinatrice  cittadina di Forza Italia, Luciana Di Castelnuovo -, è stato ed è quello di favorire una maggiore conoscenza del testo costituzionale in relazione alla Riforma Renzi-Boschi. Nell'ambito di questa campagna referendaria abbiamo organizzato un ciclo di incontri con relatori esperti e qualificati che hanno spiegato ed illustrato, anche nelle pieghe meno comprensibili, cosa e come cambierebbe la nostra Costituzione se dovesse vincere il Sì. Incontri che hanno registrato una partecipazione attenta e interessata. Un risultato che consideriamo positivo e che ha centrato gli obiettivi fissati. Questa campagna referendaria è troppo importante per ridurla a mero scontro politico, va ben oltre le singole appartenenze considerato che in gioco c'è la nostra Costituzione che rischia di essere stravolta senza alcun beneficio per il Paese. Una Riforma che noi di Forza Italia, e non solo noi, riteniamo dannosa e inutile".
 

LANCIANO - C'è anche il nuovo ospedale di Lanciano nel programma di investimenti in edilizia sanitaria, approvato nel pomeriggio dalla giunta regionale. L'investimento complessivo ammonta a 284 milioni euro, di cui circa 102 milioni a carico dello Stato, 5 milioni e 400mila euro finanziati dalla Regione e 174 milioni dai partner privati che saranno coinvolti nei progetti di finanza. Gli interventi inseriti nell'accordo riguardano la costruzione dei nuovi ospedali di Avezzano (per 84 milioni di euro), Sulmona (17 milioni e mezzo di euro), Lanciano (80 milioni), Vasto (84 milioni). E' prevista anche la ristrutturazione del presidio ospedaliero di Penne (per il quale sono stati stanziati 12 milioni e mezzo di euro) e la realizzazione della nuova centrale operativa del 118 (6 milioni e 300mila euro). "Questo provvedimento - sottolinea l'assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci - segna punto fermo nella nostra azione di riqualificazione della sanità abruzzese, perché ci permetterà di imprimere una svolta decisiva alla qualità della nostra offerta, che passa anche dagli standard alberghieri che possiamo garantire ai nostri cittadini. Abbiamo già sottolineato l'esigenza di investire sul nostro sistema sanitario per avere infrastrutture moderne in grado di accogliere le nuove tecnologie. La giunta regionale ha inoltre stabilito la necessità di intervenire sul polo di alta riabilitazione di Popoli e di confermare e di accelerare l'accordo di programma per l'investimento su Giulianova". La Regione ha già garantito la copertura finanziaria delle proprie quote di finanziamento, imputando in bilancio una somma di 8 milioni e 400mila euro. La delibera di giunta approvata oggi sarà ora inviata ai ministeri competenti (Salute, Economia e Finanze) per la validazione definitiva, dopo la quale potranno essere adottati tutti gli atti di competenza regionale per la costruzione dei nuovi ospedali.

"Stupisce davvero che dal Comune di Lanciano continuino ad arrivare annunci sul fantomatico progetto del Central Park a Villa delle Rose, mentre gli ultimi fatti di cronaca ci consegnano l'immagine che tutti i cittadini già conoscono: quella di un'area abbandonata al degrado più assoluto". Tonia Paolucci, capogruppo di Libertà in Azione in consiglio comunale, riporta l'attenzione sul piano di riqualificazione dell'ex ippodromo, presentato in fretta e furia dal sindaco Mario Pupillo e dal suo vice Pino Valente, alla vigilia delle elezioni comunali dello scorso giugno. Un progetto fumoso, fatto in fretta, che prevede un investimento di un milione e mezzo di euro per il recupero di tutta l'area verde. La spesa sarebbe finanziata quasi interamente dalla Regione, mentre il Comune dovrebbe partecipare accollandosi il 20 per cento dell'importo. "Il punto è che a oggi - commenta Tonia Paolucci - quel progetto è rimasto solo sulla carta: su quella della delibera di giunta regionale del 3 giugno, che non prevede impegni di spesa; e su quella della giunta comunale di qualche settimana fa, che a sua volta parla dell'accensione di un mutuo da 285mila euro per far fronte alla quota di competenza comunale. Il nulla più assoluto, quindi, mentre nella terra di nessuno della Pista, vengono appiccati incendi, tossici e disperati bivaccano nelle strutture abbandonate, e addirittura vengono rubate le fontane in ghisa". Per la rappresentante dell'opposizione, sarebbe più importante che l'amministrazione comunale si preoccupasse della manutenzione ordinaria e attuale di Villa delle Rose, invece di pensare a progetti che non si sa se e quando diventeranno concreti. "Pupillo - continua - ha detto che il progetto verrà finanziato con i fondi del Masterplan, dove ci sono 61 milioni di euro per i percorsi ciclabili del Bike to coast. Qualche giorno fa, però, il premier Renzi è venuto a firmare gli accordi attuativi dei progetti del Masterplan stesso, e mi risulta che soggetti attuatori di questo tipo di interventi siano le Province. Appare, quindi, piuttosto strano che la Regione nomini la Provincia di Chieti stazione appaltante di un intervento sul Comune di Lanciano. E' vero che il capo dell'amministrazione è lo stesso, ma si tratta di un iter inusuale, che non lascia ben sperare per il futuro. Tra l'altro, a oggi, tra gli atti della Regione pubblicati sul sito istituzionale dell'ente, non c'è alcuna determina direttoriale che assegni il milione e 200mila euro di fondi regionali al Central Park di Pupillo e Valente".

 

LANCIANO - Per il sesto anno consecutivo tornano gli appuntamenti targati EMF per la Festa di Santa Cecilia. Dal 21 al 27 novembre, il teatro Fenaroli sarà animato, ogni mattina, dalla presenza delle scuole del territorio chiamate a partecipare ad eventi ed iniziative didattiche e, nel pomeriggio, dai tanti appassionati che vorranno godere degli spettacoli pensati ad hoc per questa festa.

Nel corso degli anni, sono stati circa 10 mila gli studenti che hanno partecipato ai vari concerti didattici, proiezioni ed eventi di produzione esclusiva. La finalità di questa iniziativa è quella di avvicinare i giovani alla cultura musicale ed artistica delle varie discipline dello spettacolo, attraverso la comprensione dei linguaggi non verbali, visivi e musicali, l’analisi dei contenuti delle opere, con la possibilità di partecipare direttamente; di cogliere il legame tra il patrimonio culturale musicale e l’ambiente storico in cui nasce; sviluppare un’educazione musicale e critica, creando la possibilità di realizzare collegamenti con le materie che vengono insegnate nelle scuole.

Matinée per le scuole

Si parte lunedì 21, con la proiezione del film musicale “Tutto può cambiare”, con Keira Knightley e Mark Ruffalo. Martedì 22 sarà la volta della lezione-concerto con il Quartetto delle Marche in una continua alternanza tra la parola “detta” e la parola “suonata”.

Mercoledì 23 novembre i ragazzi assisteranno alla pièce musico-teatrale “Beethoven era un bambino difficile” a cura di Daniele Ciccolini. Infine, venerdì 25 e sabato 26 andrà in scena un ridotto dell’opera di Gateano Donizetti in matinée per circoli didattici “L’Elisir d’Amore”, in collaborazione con Opera World.

Appuntamenti pomeridiani e serali

Martedì 22, alle 18, si parte con il concerto del Quartetto delle Marche. Mercoledì 23, alla stessa ora, andrà in scena “Beethoven era un bambino difficile” a cura di Daniele Ciccolini, uno straordinario racconto su una straordinaria figura, fuori dalle righe, sin dalla tenera età.

Ma il clou della settimana si raggiunge, senza dubbio, con le due repliche, venerdì 25 e sabato 26 novembre, alle ore 21, sempre al teatro Fenaroli, dell’opera lirica di Gateano Donizetti su libretto di Felice Romani, “L’elisir d’Amore”, in collaborazione con Opera World. Un allestimento particolare, moderno, dovuto anche alla conformazione dello stesso Fenaroli, per un’opera definita in partitura “melodramma giocoso”, in essa trova spazio anche l'elemento patetico, che raggiunge la punta più alta nel brano più noto, l’aria Una furtiva lagrima.

Biglietti in vendita sul circuito ciaotickets.com, da Venditti in corso Trento e Trieste e presso il botteghino del teatro Fenaroli aperto da un’ora prima degli spettacoli.

LANCIANO - Gli interventi richiesti non sarebbero stati ancora eseguiti secondo le prescrizioni della Procura. Per questa ragione il gip del tribunale di Lanciano ha disposto un nuovo sequestro dei 12 depuratori della Sasi, a cui già lo scorso anno erano stati apposti i sigilli, perché ritenuti malfunzionanti. Il provvedimento riguarda ancora una volta gli impianti di Santa Liberata, Cerratina e Villa Martelli a Lanciano, Paglieroni di Treglio, Vallevò e Cavalluccio a Rocca San Giovanni, Civitella a Santa Maria Imbaro, Zappetti di Bomba, Sangro di Quadri, Valloncello, Ianico e Osento ad Atessa. Il termine disposto dalla magistratura per la messa a norma dei depuratori era stato fissato al 30 settembre scorso, ma per gli ulteriori accertamenti avrebbero stabilito che ciò non sarebbe avvenuto. Di qui il nuovo sequestro e l'affidamento ai sindaci, che dovranno occuparsi degli adempimenti. Da ambienti vicini alla Sasi, però, si apprende che il provvedimento è legato alla presunta mancanza di alcune autorizzazioni allo scarico, non ancora formalizzate dalla Regione, che lo farà già in questi giorni e che verranno subito notificate alla Procura, nell'istanza di richiesta di dissequestro.

LANCIANO - Svaligiato il supermercato cinese  Fada aperto pochi mesi fa in città. Bottino dei ladri circa tremila euro che i proprietari avevano lasciato all’interno della cassa del locale. Il tutto sembrerebbe essersi verificato nella notte fra domenica e lunedì quando i malviventi si sarebbero introdotti dalla porta di sicurezza posta sul lato anteriore dell’ampio locale di via Panoramica. Si registrano inoltre altri tentati furti proprio in quelle ore nella zona di Viale Cappuccini  dove  secondo i testimoni sarebbero stati avvistati “ladri acrobati”, la stessa tipologia di malviventi che aveva terrorizzato la città lo scorso anno.

Speriamo a questo punto si tratti solo di un episodio isolato e non torni il clima pesante che la città ha già vissuto.

LANCIANO - E' di due feriti gravi il bilancio della domenica sulle strade del Frentano e del Sangro. Ieri sera, intorno alle 19, un insegnante di religione di Sant'Eusanio del Sangro, è stato investito da una Opel Corsa mentre percorreva, insieme ad altri amici, via Martiri 6 Ottobre a Lanciano. Nell'impatto l'uomo, che ha 28 anni, ha battuto violentemente la testa contro il marciapiede. E' stato ricoverato all'ospedale di Pescara, ma non sarebbe in pericolo di vita. E poteva avere conseguenze ben più gravi anche l'incidente stradale avvenuto in mattinata lungo la Fondovalle Sangro, a poca distanza dallo svincolo di Atessa. Un 37enne di Paglieta, mentre viaggiava a bordo della sua moto, si è schiantato contro una Fiat Punto condotta da un 66enne di Santa Maria Imbaro, che - secondo una prima ricostruzione - stava effettuando un'inversione a "u". La ruota posteriore della moto è finita nel finestrino della macchina, dal lato del guidatore, che è rimasto illeso. Il centauro, invece, è stato trasportato in eliambulanza al policlinico di Chieti, dove è tutta ricoverato per i traumi riportati nell'incidente.  
 

LANCIANO - Si chiama “La Majella da vicino” l'iniziativa della sezione Cai di Lanciano che ha organizzato un ciclo di incontri per conoscere meglio la Montagna madre.  Il nome dato al ciclo di appuntamenti non è casuale, ma una scelta precisa basata su due motivi fondamentali. “Il primo è perché l’attenzione è focalizzata su specifici ed interessanti aspetti della nostra montagna – si legge in un comunicato della presidente Catia Manfrè -, il secondo è che a parlare saranno i soci della sezione stessa che hanno particolari competenze e passioni, quindi persone a noi “vicine”. Gli incontri si tengono alla sala Mazzini ogni venerdì fino alla fine di novembre alle 21. Al primo che ha visto un'affluenza di oltre 100 partecipanti, il prof. Gianfranco Cavasinni, geologo, ha illustrato in modo chiaro la storia geologica della Majella, argomento che ha destato grande interesse e ha suscitato numerose domande; venerdì scorso è toccato all'etno-botanico Aurelio Manzi che ha raccontato la storia delle coltivazioni tipiche della Majella e ha fatto il punto sulle problematiche legate ad un’alimentazione particolarmente povera, ma anche sulla domesticazione e sulla diffusione di piante coltivate; mentre venerdì 17, con il socio Mario Di Campli e con il paleontologo Andrea Di Cencio dell’Università di Siena, vedremo “dentro le pietre”, il meraviglioso mondo dei miro-fossili”. La manifestazione si concluderà venerdì 24 con l’alpinista CAI Cristiano Iurisci che racconterà dei cambiamenti del clima della Majella e di come questo ha influito sui nevai. Tutte le serate si concludono con un bicchiere di vin brulé nella sede Cai di via dei Frentani.
 

  • Pagina 6