Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO - Verrebbe da dire: a mali estremi, estremi rimedi. Al Comune di Lanciano devono averla pensata così nell'approvare la delibera di giunta che incrementa il contributo all'Estate Musicale Frentana di altri 40mila euro. Il documento è stato pubblicato oggi sull'albo pretorio di Palazzo di Città e autorizza il prelievo - appunto di 40mila euro - dal fondo di riserva per finanziare l'associazione "Amici della Musica - Fedele Fenaroli", che da tempo versa in una situazione di difficoltà finanziaria. Un quadro che appena qualche giorno fa aveva portato alle dimissioni del direttore artistico Luigi Piovano, in polemica con la Regione che aveva escluso il sodalizio dai fondi assegnati nell'ultima variazione di bilancio, in cui erano stati invece finanziati il Mastrogiurato, la Fiera e la Deputazione teatrale del Fenaroli. Alle dimissioni di Piovano era seguito anche uno scontro politico tra il sindaco Mario Pupillo e il consigliere regionale del suo stesso partito Camillo D'Alessandro, che aveva comunque spiegato che i fondi per l'Estate Musicale sarebbero arrivati, ma che il percorso da seguire era diverso rispetto a quello seguito per gli altri enti cittadini. Il punto è che era a rischio la prosecuzione della stagione concertistica e dei seminari programmati. Di qui la decisione di autorizzare l'incremento del contributo (che ora dovrà essere comunicato al consiglio comunale), inizialmente fissato in 5mila euro.

Si concluderà il 10 agosto, con il tradizionale concerto dell’Orchestra Sinfonica Internazionale Giovanile “Fedele Fenaroli” nella piazza d’Armi delle Torri Montanare la parte estiva dell’Estate Musicale Frentana 2016. Ed a pochi giorni dalla chiusura del sipario, il presidente Omar Crocetti, insieme ai componenti del CdA (Antonio Spadano, Mariella Bomba, Elvira Giancristofaro, Franco Fanci e Franco Ruggieri) ha tenuto una conferenza stampa per fare il punto sulla questione fondi regionali e chiarire la posizione dell’Associazione Amici della Musica “Fedele Fenaroli” dopo settimane non facili. “Abbiamo iniziato la nostra stagione il 12 giugno scorso - ricorda Crocetti - ed i primi fondi che ci sono arrivati dalla Regione, sono i 20 mila euro per l’Estate Musicale Frentana, pervenuti alla nostra Associazione venerdì 29 luglio scorso. Per gli altri crediti accumulati con l’Ente Regionale siamo ancora in attesa, fiduciosi che l’iter burocratico necessario in questi casi possa presto dirsi concluso a darci una boccata d’ossigeno”. L’Associazione percepisce infatti fondi dal Ministero della Cultura per gli eventi concertistici, dal Comune di Lanciano per la gestione delle varie attività e dalla Regione per i pagamenti delle borse di studio e per l’attività di formazione e didattica, caratteristica principale dell’ente frentano. “Grazie anche al lavoro dell’Amministrazione Comunale e del sindaco Mario Pupillo e del vice sindaco Pino Valente - spiega il presidente Crocetti - siamo riusciti a far conoscere la nostra splendida realtà alla Regione Abruzzo. Per questo siamo convinti che la stessa Regione farà la sua parte dandoci i fondi promessi. E ringraziando ancora il sindaco Mario Pupillo per il lavoro che ha portato avanti insieme a noi per salvaguardare la nostra Associazione, - prosegue Crocetti - auspichiamo una sempre più fattiva collaborazione con l’Amministrazione Comunale e con il nuovo assessore alla cultura Maruscia Miscia”. Il presidente Crocetti coglie, inoltre, l’occasione per rispondere ad alcune critiche mosse nei giorni scorsi all’Associazione, al CdA ed alla direzione artistica. “Chi afferma che l’Estate Musicale Frentana non crea indotto ed è vittima di uno scollamento con la realtà evidentemente non sa di cosa parla. - chiarisce Crocetti - Noi rispondiamo con i fatti e con i dati dei report ministeriali sulle nostre attività. Negli ultimi 7 anni, sono stati pagati 180 mila euro di debiti ereditati dalla passata gestione, il CdA ha portato avanti l’istituzione lavorando con passione, competenza, spirito di abnegazione ed a titolo gratuito. La direzione artistica, nonostante le note difficoltà economiche, ha svolto un lavoro straordinario portando a Lanciano il meglio della musica classica mondiale (solo nell’ultimo anno sono state a Lanciano personalità del calibro di Bacalov, Shimono e Pappano) e didattica e formazione orchestrale sono tornate ad essere la vera prerogativa artistica di Lanciano offrendo una concreta opportunità di approfondimento ai tanti musici che sono approdati in città. Nonostante il nostro sia una settore di nicchia - sottolinea il presidente - abbiamo una media di spettatori elevata, riconosciuta dal Ministero. E se parliamo di didattica musicale e coinvolgimento delle scuole, - continua Crocetti - rispondo con i numeri: negli ultimi anni abbiamo portato al teatro Fenaroli 9800 studenti in occasione della Festa di Santa Cecilia. 11 premi ministeriali e 128 mila euro di fondi europei e nazionali negli ultimi 7 anni per nostre progettazione e fondi tutti investiti sul territorio parlando chiaro su illazioni di assistenzialismo e dipendenza dai fondi pubblici”. “L’Associazione “Amici della Musica” - conclude il presidente Omar Crocetti - resta il vero vanto della città di Lanciano, che porta in città centinaia di ragazzi e tiene alto il nome di Lanciano nel mondo. Auspichiamo pertanto di portare a termine la riforma culturale che vede questa istituzione protagonista, progettata in questi mesi con l’Amministrazione Comunale”.

"Per la prima volta dopo 45 anni l’Estate Musicale Frentana è costretta a respingere 184 domande e a ridurre gli elementi dell’orchestra sinfonica per mancanza di fondi". A denunciare la situazione è il consigliere comunale di "Lanciano al Centro" Gabriele Di Bucchianico, che torna sulle difficoltà (ormai arcinote, quanto irrisolte) della prestigiosa istituzione cittadine, che ottenne un riconoscimento anche da Papa Giovanni Paolo II in occasione del Giubileo del 2000. "L'Estate Musicale Frentana - continua l'esponente dell'opposizione - nel solco di una tradizione musicale secolare, ha concorso alla formazione artistica dei musicisti, consentendo, sin dalla prima edizione dei Corsi Internazionali Estivi, a giovani provenienti da tutto il mondo di sviluppare lo studio teorico e pratico della musica mediante una formazione professionale guidata da docenti di chiara fama".Di Bucchianico punta l'indice contro quella che definisce la "strategia attendista" del Comune di Lanciano, "figlia delle riboliite promesse pre-elettorali fine a sé stesse, che stanno consentendo di assistere increduli alla lenta morte di una eccellenza della nostra città". Il rappresentante di Lanciano al Centro sottolinea che dai banchi della maggioranza c'è stato un consigliere che ha proposto un emendamento (approvato) che assegna altri 50mila euro alla cultura. "Un flebile tentativo di rattoppo - lo definiisce Di Bucchianico - posto sul tavolo dal solitario consigliere di maggioranza, anche se appare chiaro che assegnare forfettariamente e sommariamente, fondi alla 'cultura' ben sapendo che il problema dell'estate musicale non si risolve, significa nascondere ancora una volta la testa sotto la sabbia, rimandando  ad oltranza la questione senza porsi seriamente in una prospettiva risolutiva. Pertanto, dopo le tante promesse evidentemente rimaste tali, chiediamo all'amministrazione comunale di affrontare in maniera determinata questa situazione dirottando tutti i fondi disponibili a garanzia della sopravvivenza delle attività musicali estive".
 

Prende ufficialmente il via domenica 12 giugno, alle ore 21, nella piazza d’armi delle Torri Montanare, la stagione numero 45 dell’Estate Musicale Frentana organizzata dall’Associazione “Amici della Musica” Fedele Fenaroli. Nell’anno del centenario della morte di Francesco Paolo Tosti, l’evento concertistico che aprirà questa stagione, nato da una collaborazione tra Associazione “Amici della Musica” e ISA (Istituzione Sinfonica Abruzzese), vedrà l’Orchestra Sinfonica Abruzzese proporre un programma che darà spazio alle tante anime del compositore abruzzese, amatissimo ai suoi tempi e ancora oggi uno dei più eseguiti autori italiani nel mondo. Tosti pubblicò centinaia di canzoni e, interpretando il gusto del suo tempo, nobilitò il genere della romanza in italiano, diede impulso e forma al song inglese e alla chanson francese, così come alla canzone napoletana moderna con il suo stile limpido. A dirigere l’orchestra ci sarà il maestro Sesto Quatrini, mezzosoprano Monica Bacelli, tenore Aldo Di Toro e Coro Lirico d’Abruzzo. Posto unico 15 euro. Biglietti in vendita su ciaotickets.com e da un’ora prima del concerto, nel botteghino delle Torri Montanare. La stagione EMF, come da tradizione, sarà anticipata dalla celebrazione della Missa Brevis che quest’anno si terrà sabato 11 giugno, alle ore 18.30, nella chiesa di Santa Lucia.

“Alle parole devono seguire i fatti e da socio, prima ancora che da amministratore, cercherò di percorrere ogni via possibile per salvare l’associazione “Amici della Musica” ed i 45 anni di storia dell’Estate Musicale Frentana”. E’ il commento del candidato sindaco Errico D’Amico, a seguito dell’incontro da lui concordato, tra il presidente Omar Crocetti ed il sottosegretario alla Cultura Dorina Bianchi. La Bianchi era in Abruzzo e quindi D'Amico ha colto l’occasione per farle conoscere la grave situazione che affligge l’associazione ormai da troppo tempo. "La nostra è una vera eccellenza abruzzese, unica nel suo genere nel campo della formazione orchestrale periodale - ha spiegato alla Bianchi il presidente Crocetti - e a causa di una visione miope da parte della Regione Abruzzo, il nostro fiore all’occhiello in campo musicale e didattico rischia di chiudere i battenti". Ed è stato grande l’interesse del viceministro che ha concordato con il presidente Crocetti un nuovo incontro per provare a trovare insieme soluzioni alternative che possano garantire un futuro all’istituzione frentana. “Sono davvero felice di essere riuscito a far entrare in contatto il presidente Crocetti con l’onorevole Bianchi. - commenta D’Amico - In queste situazioni è necessario mettere in campo tutte le forze possibili per garantire un futuro alla Cultura ed alla Tradizione di Lanciano ed è proprio quello che, nel mio piccolo, sto cercando di portare avanti”.

"Abbiamo lavorato in questi mesi e la risposta è arrivata. Oggi (ieri per chi legge) D'Alfonso ha scritto al Sindaco di Lanciano ed al Presidente dell'associazione degli Amici della Musica Crocetti,  assicurando il finanziamento atteso e prefigurando nuove modalità di sostegno anche in ragione del finanziamento alla formazione". Lo annuncia il coordinatore della maggioranza in consiglio regionale Camillo D'Alessandro (PD). " Stiamo organizzando gli Stati generali della cultura in Abruzzo, vogliamo programmare il passaggio dalle emergenze alla nuova programmazione sulla cultura. Il ministro Dario Franceschini sarà in Abruzzo per ragionare di cultura e turismo e con lui quale affronteremo anche lo sviluppo della mobilità dolce  ai fini turistici, progetto che stiamo elaborando con Sangritana-Tua". Per quanto riguarda gli Amici della Musica, D'Alessandro specifica che si tratta di "un atto di indirizzo che ha l'obiettivo di soddisfare le esigenze del mondo della cultura, nel rispetto dei limiti di bilancio e delle procedure. In alcun modo non è possibile più garantire contribuzione a pioggia, né interventi puntuali, rivolti a questa o quella associazione, ma una nuova modalità di programmazione e di sostegno alle attività della cultura. In tal senso ritorniamo che una Associazione culturale che fa formazione debba avere gli strumenti adeguati per garantire la preziosa attività".
 

“Il 25 maggio sarà ufficialmente presentata la 45esima stagione concertistica e didattica dell’Estate Musicale Frentana ed entro quella data ci aspettiamo una risposta positiva dal presidente Luciano D’Alfonso che faccia seguito alla richiesta ufficiale da parte dell'Amministrazione Comunale e dell'Associazione circa l'assegnazione per il FURC regionale entro il 2016, di un contributo congruo alle sue attività e alla sua storia”. E’ quanto emerso dall’assemblea dei soci dell’associazione “Amici della Musica” - Fedele Fenaroli tenutasi ieri, giovedì 28 aprile, per l’annuale approvazione del bilancio.  Quest’anno l’associazione chiude i conti con un buco di 27.273 euro, e una pesante situazione debitoria da affrontare, a causa dell’erogazione di finanziamenti alquanto risibili da parte della Regione Abruzzo per il 2014 ed il 2015. Una situazione denunciata dall’associazione con le dimissioni di inizio anno che, però, nonostante i proclami, non riesce ancora a vedere un finale positivo. La stagione 2016 è stata progettata e inviata al Ministero e così, garantita la continuità dell'attività didattica e artistica, come richiesto dalla città e il territorio. “L’associazione ed il Comune di Lanciano, - anche attraverso una mozione presentata in consiglio comunale, hanno ufficialmente chiesto al presidente D’Alfonso l’istituzione di una legge specifica, di un decreto o di un provvedimento sicuro e stabile nel tempo, che consenta la programmazione e che dia stabilità per non far morire l'istituzione di formazione orchestrale periodale più importante del nostro paese e 45 anni di storia, tradizione. Se questo non dovesse accadere, - concludono dall’associazione “Amici della Musica” - entro il 25 maggio prossimo, allora la politica dovrà prendersi la responsabilità delle sue - non - azioni”.