Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Le analisi, condotte dall'Arta, sulle acque di balneazione a San Vito e Rocca San Giovanni confermano che i livelli di enterococchi ed escherichia coli sono di gran lunga inferiori ai limiti di legge e che quindi gli specchi di mare sono perfettamente balneabili. A pochi giorni dalle polemiche sulla mancata assegnazione delle Bandiere Blu da parte della Fee, l'Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente, ha pubblicato i risultati dei campioni prelevati il 17 maggio scorso. Il limite stabilito dalla legge per gli enterococchi è pari a 200 ogni 100 ml. Negli 4 punti di prelievo di San Vito i risultati sono stati 24 (Calata Turchino), inferiori a 4 (zona Molo Sud, lato sabbia), 10 (100 m nord foce Feltrino), 24 (50 m sud Fosso Cintioni). A Rocca, invece, nei 3 punti di prelievo i risultati sono stati inferiore a 1 (50 m nord foce San Biagio), inferiore a 4 (zona antistante km 484 Statale 16) e 65 (zona antistante km 482 Statale 16). Per quanto riguarda gli escherichia coli, il limite di legge è pari a 500 ogni 100 ml. A San Vito il livello ha toccato 87 (Calata Turchino), inferiori a 10 (zona Molo Sud, lato sabbia), inferiori a 10 (100 m nord foce Feltrino), 31 (50 m sud Fosso Cintioni). A Rocca, in tutti i punti, il livello è inferiore a 10. Per consentire un paragone ai nostri lettori, a Fossacesia (dove i punti di prelievo sono 3, come a Rocca), i livelli di escherichia coli vanno da 64 (zona antistante km 489 Statale 16), a 10 (75 m sud stazione Fossacesia), a inferiore 10 (800 m a nord foce fiume Sangro). Il livello degli enterococchi, invece, è 100 (zona antistante km 489 Statale 16), 22 (75 m sud stazione Fossacesia), e 10 (800 m a nord foce fiume Sangro).

I dati completi sono sul sito www.artaabruzzo.it