Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

La Centrale Unica di Committenza ha pubblicato l'avviso per individuare i soggetti da invitare alla procedura negoziata per l'affidamento dei lavori di riqualificazione urbana per gli alloggi a canone sostenibile del quartiere Santa Rita di Lanciano.

I lavori sono finanziati per un importo di 2.052.808 euro, ci cui 1.518.920 euro da fondi Stato-Regione e 533.887 euro da fondi Comune di Lanciano (350.000 da mutuo Bper e 183.887 euro da fondi propri di bilancio). L'appalto dei lavori è stato diviso in tre lotti, per ottimizzare e velocizzare l'intervento urbanistico destinato al quartiere più popoloso del Comune di Lanciano ottenuto dal Settore diretto dall'Assessore Pasquale Sasso.

Il primo lotto riguarda la costruzione di una palazzina a canone sostenibile, per un importo di 643.905 euro; il secondo lotto riguarda la costruzione di una palazzina a canone sociale, per un importo di 641.385 euro; il terzo lotto riguarda le opere di urbanizzazione per un importo di 356.378 euro. La cifra complessiva dell'intervento urbanistico è di 1.641.669 euro, cui si aggiungono 411.138 euro di somme a disposizione dell'Amministrazione.

Tutti i lotti hanno come durata prevista per la realizzazione dei lavori 168 giorni decorrenti dalla data di consegna dei lavori, che devono necessariamente partire entro il 9 marzo 2017 come previsto dal disciplinare di convenzione del finanziamento.

Il criterio di aggiudicazione dei lavori è del prezzo più basso, nelle forme e nei modi previsti dalle norme in materia di appalti. Le ditte che manifesteranno l'interesse potranno farlo per tutti i lotti, ma verranno invitate, qualora sorteggiati per partecipare alla procedura negoziata di affidamento dei lavori, per un solo lotto.

Le ditte in possesso dei requisiti descritti nell'avviso pubblico dovranno far pervenire le manifestazioni di interesse entro le ore 13 del 29 dicembre 2016. Se le ditte saranno più di 20 per ciascun lotto, l'Amministrazione inviterà alla gara 20 imprese scelte per sorteggio in seduta pubblica.

L'avviso e i modelli di istanza sono disponibili per il download e la consultazione nella sezione del sito istituzionale del Comune di Lanciano, www.lanciano.eu, nella sezione “Centrale Unica di Committenza”. Il progetto esecutivo dei lavori è stato affidato all'architetto Giuseppe Di Biase di Lanciano.

“E' un intervento di capitale importanza per la riqualificazione dell'intero quartiere Santa Rita, oltre che per la crescente domanda di abitazioni a canoni agevolati cui intendiamo dare una risposta concreta e tangibile. La Centrale Unica di Committenza e il settore Lavori Pubblici guidato dall'Assessore Pino Valente stanno già lavorando a ritmo serrato per centrare l'obiettivo dell'inizio lavori entro marzo 2017. Un particolare ringraziamento va all'Assessore all'Urbanistica, Pasquale Sasso, che ha avuto la capacità di attrarre il finanziamento regionale”, dichiara il Sindaco Mario Pupillo.

LANCIANO - Brandendo un bastone, si è introdotto in casa dei vicini, picchiando selvaggiamente una donna di 82 anni e il figlio di 52. Protagonista Rocco Buccini, 32 anni, finito in manette con l'accusa di lesioni aggravate. Tutto è accaduto intorno a mezzanotte, in un palazzo dell'Ater di via Sigismondi, nel quartiere Santa Rita di Lanciano. Buccini, che si trovava ai domiciliari per precedenti vicende giudiziarie, improvvisamente ha dato in escandescenze: ha sfondato la porta dei vicini e li ha aggrediti. Poi è sceso in strada, danneggiando anche una vettura posteggiata in strada. Il 32enne ha rischiato il linciaggio da parte degli altri residenti del condominio, stanchi dei continui episodi spiacevoli di cui l'uomo si è reso protagonista negli ultimi mesi. Per riportare la calma sono dovute intervenire 3 pattuglie dei carabinieri e una volante della polizia. Anche un militare è rimasto lievemente contuso. L'anziana e il figlio sono stati trasportati all'ospedale di Lanciano, dove sono stati ricoverati. La donna se la caverà in 30 giorni, mentre il figlio - che è stato colpito alla testa - è ancora in prognosi riservata. Buccini è stato rinchiuso nel carcere di Villa Stanazzo: dovrà rispondere anche di evasione, violazione di domicilio, danneggiamenti, porto abusivo d'arma atta ad offendere, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

I carabinieri di Lanciano, nel corso di un’attività finalizzata alla repressione del traffico e del consumo di sostanze stupefacenti, dopo una serie di servizi di osservazione e appostamento nei pressi di un’abitazione del quartiere Santa Rita, hanno tratto in arresto, con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, una coppia di coniugi campani, che da tempo vive in città. Gli uomini dell’Arma, dopo aver notato uno strano via vai  di personaggi noti come assuntori di stupefacenti dalla casa della coppia, hanno deciso di intervenire e, al termine di una minuziosa perquisizione, hanno rinvenuto una busta contenente circa 150 grammi di marijuana di cui l’uomo, alla vista dei militari, aveva tentato invano di disfarsi gettandola da una finestra. Il recupero dello stupefacente ha quindi indotto i carabinieri ad estendere la perquisizione anche alle pertinenze dell’abitazione riuscendo così a recuperare altri 4 panetti di hashish da 100 grammi ciascuno, della sostanza da taglio ed un bilancino di precisione, tutti occultati all’interno del garage. Il marito 30enne, è stato associato al carcere di Villa Stanazzo, mentre alla moglie, 34enne, sono stati concessi i domiciliari.  
 

"Se entro venerdi 22 aprile non avranno provveduto ad aprire i lucchetti del cancello del parco, tagliare la vegetazione e sistemare i giochi presenti nel parco, lo farò io con la cittadinanza del quartiere." E' un vero ultimatum quello che lancia Nico Barone, responsabile di CasaPound Lanciano, che punta l'indice contro la mancata possibilità, per le famiglie del quartiere Santa Rita, di usufruire del parco pubblico di via Polzinetti. "L'area in questione è stata chiusa lo scorso autunno a causa della stagione invernale. A distanza di più di sei mesi l'area è ancora chiusa - conclude - col nostro ultimatum intendiamo porre l'attenzione della competente amministrazione municipale sulla necessità di rendere praticabile tale parco, che rappresenta un'isola verde nel quartiere Santa Rita, zona ad alta densità abitativa di famiglie con bambini che necessitano di strutture del genere

Nel giro di una settimana due chiamate dall’asilo, in cui si comunicava che veniva tolta l’acqua, ovviamente senza alcun preavviso. E’ accaduto in questi giorni alle scuole della zona di Santa Rita, dove ricordiamo si trova il Comprensivo d’Annunzio, con la media, la primaria, la scuola materna e il nido d’infanzia. Il tutto sempre intorno alle 13, orario clou, dove alla fine del pranzo i bambini si preparano al riposo. Ne consegue la chiamata a casa - non si può neanche tirare lo scarico dell’acqua e i bambini non possono quindi andare neppure in bagno - con i genitori che lavorano costretti a fare i salti mortali per riprendere i figli, delegando nonni, zii e conoscenti. "La Sasi dovrebbe avvertire la scuola per tempo - lamenta un'insegnante - i bambini piccoli hanno abitudini ben precise e chiamare le famiglie, due volte nel giro di pochi giorni, è davvero imbarazzante. Oltre al fatto che molti genitori, quando ricevono una telefonata dalla scuola, pensano sempre che si accaduto qualcosa di grave al figlio". La speranza è che la situazione si risolva al più presto, ma che soprattutto la Sasi consideri - quando programma gli interventi - anche le esigenze dei bambini e delle loro famiglie.