Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Si chiama “ABRUZZODAI” il concerto benefico ideato e diretto dal bassista abruzzese Enrico Bevilacqua che si svolgerà ad Atessa (Ch) sabato 4 febbraio alle ore 20 presso l'Auditorium Italia. Il ricavato dell’evento, che è patrocinato dal Comune di Atessa, sarà interamente devoluto alle popolazioni e ai paesi abruzzesi duramente colpiti dal sisma. Tre ore spettacolo alle quali parteciperanno oltre trenta tra artisti e band: Antonella Bucci, Lorenzo Tucci, Michele Di Toro, Natascia Bonacci, Lucy Campeti, Vincenzo Olivieri, Mauro Mengali, Claudio Filippini, Roberto Di Virgilio, Luisiana Lorusso, Maurizio Rolli Band, Lusy Campeti, Nicola Oliva, Danny Manzo project, Claudia D’Ulisse, Terzacorsia, Latin Fire, Crossroads, Inserto, Gianni De Chellis, Andrea Castelfranato, Compagni di Viaggio, Giani Filippone Project, Cris Bertini Band, Claudia Pantalone duo, Erika secondino duo, Davide Ciarallo, Stefano Sastro, Michelangelo Brandimarte, Angelo Valori, Ritmia, Egidio Marchitelli e Fratelli di Taglia. Questa la line up del concerto ma non sono esclusi altri artisti che potrebbero aggregarsi nei prossimi giorni.

Il biglietto di ingresso prevederà un contributo minimo di 10 €.

“Lo show non mancherà – spiega il direttore artistico Enrico Bevilacqua - e la bellezza di questa iniziativa risiede proprio nella sua giustissima causa”.

La serata non si concluderà all'Auditorium ma continuerà con una notte bianca organizzata dai locali del centro di Atessa che hanno deciso di aderire all’evento: l’Andriano Pub, Muzajk, Bar Jolly e Mainea.

“Il 4 febbraio – aggiunge Bevilacqua - non si può mancare, qui in Abruzzo di eventi catastrofici ne abbiamo avuti tanti. La risposta di noi musicisti è ABRUZZODAI, un evento al quale tutti gli artisti parteciperanno gratuitamente”.

LANCIANO - E' intitolato “Le Immagini delle identità” il calendario realizzato anche quest'anno dalle Associazioni “I colori dell'Iride” e “Social Photographi Street” di Lanciano con scopo solidale e benefico. Il ricavato, infatti, della vendita andrà a sostenere le attività dello sportello di aiuto S.O.S. Iride rivolto alle donne che vivono situazioni di difficoltà e di abusi. Sono sempre le donne le protagoniste di questo calendario speciale che per il 2017 vede in primo piano le immagini realizzate con l'autoscatto dalle fotografe che in questo modo interpretano se stesse, come si sentono, come si vedono. Non un semplice autoritratto ma anche la proiezione di sé. C'è chi ha individuato qualcuno da fotografare ritenendolo un modello di riferimento, una persona importante per il ruolo che ricopre nella propria vita, qualcuno a cui fare riferimento per completarsi nella ricerca della propria identità. “Una riflessione comune sarà fatta durante la presentazione, guidati dalla psicoterapeuta Cecilia Natarella, sul rapporto che abbiamo con la nostra immagine, sul senso dell'identità. A livello conscio ognuno pensa di sapere chi è, ma in profondità, dove non arriva la consapevolezza, ci sentiamo meno sicuri” ha sottolineato Patrizia Di Rocco, Presidente dell'Associazione Culturale Donne “I colori dell'Iride”. Un autoritratto può essere quindi, l'occasione per interrogarsi sul senso e sui limiti della propria identità. Si parlerà anche di questo sabato 3 dicembre alle 11.00 nel Salone dell''ex Casa di Conversazione nel corso di una conferenza stampa aperta anche al pubblico che vedrà la presentazione del Calendario 2017 “Le Immagini delle Identità”.

PESCARA - Nel corso della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, che si è tenuta sabato scorso, in Abruzzo sono state donate 191 tonnellate di alimenti, raccolte da 4 mila volontari in circa 300 punti vendita di tutta la regione. Nel 2015, le tonnellate raccolte sono state 198 e, pertanto, quest’anno si è registrato un leggero calo del 3,5 per cento. Nel dettaglio, a Pescara e provincia sono state raccolte 59 tonnellate, a Teramo 49, a Chieti 53 e a L’Aquila 30.
Sin dai prossimi giorni inizierà la distribuzione dei prodotti ai 40.701 poveri dell’Abruzzo assistiti dal Banco Alimentare mediante 200 enti convenzionati.
"Il nostro grazie di cuore a tutti coloro che anche quest'anno hanno aderito alla Colletta: da quanti hanno donato cibo ai volontari, passando per i supermercati e quanti a vario titolo si sono coinvolti. Si è rinnovato come sempre questo miracolo di gratuità, vera speranza per la nostra terra e l'Italia intera".

Sabato 26 novembre si terrà anche in Abruzzo la ventesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, promossa a livello nazionale dalla Fondazione Banco Alimentare. Almeno 4 mila volontari in circa 400 punti vendita di tutta la regione inviteranno a donare alimenti a lunga conservazione come alimenti per l'infanzia, tonno in scatola, sughi e pelati, olio d'oliva, riso, legumi e biscotti, che verranno distribuiti a 200 strutture caritative convenzionate (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza, ecc. ) che in Abruzzo aiutano 40.701 persone bisognose. A livello nazionale, i poveri assistiti dalla Rete Banco Alimentare, cui aderisce il Banco Alimentare dell'Abruzzo, sono 1.560.000, mediante 8.100 enti convenzionati. Le donazioni di alimenti ricevute sabato prossimo andranno a integrare quanto il Banco Alimentare dell'Abruzzo recupera grazie alla sua attività quotidiana, combattendo lo spreco di cibo: nel 2015, ha distribuito 1.708 tonnellate di alimenti, di cui 198 quelle provenienti dalla Colletta Alimentare.

Quella 2016 è un'edizione particolarmente importante per il Banco Alimentare dell'Abruzzo, che nacque proprio in occasione della prima Colletta Alimentare: era il 1997 e oggi, dopo quasi vent'anni, è la più importante realtà di aiuto ai poveri di Abruzzo e Molise.

Come ogni anno, la Colletta Alimentare è occasione di riflessione, grazie alle ormai famose "dieci righe". Quelle del 2016 sono tratte dal discorso di Papa Francesco ai partecipanti al Giubileo degli Operatori di Misericordia il 3 settembre scorso: “Non si può distogliere lo sguardo e voltarsi dall’altra parte per non vedere le tante forme di povertà che chiedono misericordia…la misericordia di Dio non è una bella idea, ma un’azione concreta” La misericordia non è un fare il bene “di passaggio”, è coinvolgersi lì dove c’è il male, dove c’è la malattia, dove c’è la fame, dove ci sono tanti sfruttamenti umani. […] La verità della misericordia, infatti, si riscontra nei nostri gesti quotidiani che rendono visibile l’agire di Dio in mezzo a noi. […] Voi esprimete il desiderio tra i più belli nel cuore dell’uomo, quello di far sentire amata una persona che soffre.".

Da qui l’invito a partecipare alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, donando una parte della propria spesa a chi ha bisogno. Dal 1996 questo gesto di carità è diventato quello più partecipato in Italia: se all'inizio erano 14.800 i volontari coinvolti, oggi sono oltre 140 mila, con più di 5.500.000 di donatori solamente l’anno scorso. Stesso discorso per quanto riguarda l'Abruzzo: nella prima edizione della Colletta furono raccolte 11 tonnellate di alimenti, a fronte delle 198 tonnellate dell'anno scorso.

Il Banco Alimentare dell'Abruzzo ringrazia quanti contribuiscono alla riuscita della giornata. In particolare, I.C.O. srl Industria Cartone Ondulato, che ha donato ben 26 mila cartoni per la raccolta del cibo donato nella giornata di sabato, e quanti hanno messo a disposizione magazzini temporanei di stoccaggio: Mar Plastica srl di Bruno Marfisi (Lanciano), E.r.m.a.i. Sas di Ettore Romani & C (Teramo), Frigomeccanica srl (Tortoreto), Officina Cerratti Luigi & Vincenzo snc (Avezzano), Complesso Ursini (L'Aquila), Parrocchia S. Martino (Chieti Scalo), chiesa S.S. Martiri Larinesi (Larino).

La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, ed è reso possibile grazie alla collaborazione dell’Esercito Italiano e alla partecipazione di volontari aderenti all’Associazione Nazionale Alpini, alla Società San Vincenzo De Paoli, alla Compagnia delle Opere Sociali. Main sponsor: Intesa Sanpaolo,Banca Prossima, UnipolSai Assicurazioni. Sponsor: Eni. Sponsor tecnici: Poste Italiane.

 

 

LANCIANO - Prende il via oggi a Lanciano fino al 21 dicembre la raccolta di farmaci senza obbligo di ricetta promossa da CasaPound Italia. Contenitori per la raccolta sono stati posti presso le diverse farmacie cittadine, per raccogliere le donazioni da parte dei cittadini che verranno poi consegnate alle famiglie lancianesi in difficoltà. Le ragioni dell'iniziativa sono state illustrate in una nota stampa di Marco Pasquini, responsabile lancianese del movimento. "Abbiamo scelto di dare il via a questa ulteriore raccolta di beneficienza, che va ad aggiungersi a quella di generi alimentari - afferma Pasquini - perché con l'arrivo della stagione fredda aumenta la spesa sanitaria a carico delle famiglie, spesso un fardello per molti difficile da sopportare ".
"Recenti rilevazioni statistiche - prosegue Pasquini- attestano come ogni anno sempre più italiani incontrino difficoltà nel sostenere spese sanitarie anche minime. È un dato di fatto come ormai per tanti anche l'acquisto di un farmaco senza obbligo di ricetta, ad esempio un semplice pacco di aspirine, può rappresentare un problema. Per questo abbiamo deciso di fare appello al senso di solidarietà dei lancianesi, invitando ad acquistare farmaci senza obbligo di ricetta e ad deporli negli appositi contenitori per la raccolta che troveranno presso le farmacie. Siamo certi che insieme riusciremo ancora una volta a dare una mano ai nostri concittadini più in difficoltà, supplendo attraverso lo strumento della solidarietà alle mancanze di uno stato che ha ormai smesso di svolgere la sua funzione ed abbandonato gli italiani, ricordandosi di loro solo in occasione del pagamento delle tasse".

L’attesa edizione 2016 della fiera ambulante di San Michele a Vasto, in programma domenica 25 settembre e organizzata dalla Federazione italiana venditori ambulanti (Fiva) Confcommercio con il patrocinio della Camera di commercio di Chieti, sarà caratterizzata dalla solidarietà con una raccolta fondi a favore dei commercianti di Amatrice colpiti dal tremendo terremoto dello scorso 24 agosto. L’annuncio arriva direttamente da Marisa Tiberio, presidente provinciale Confcommercio Chieti. “Il terremoto che ha colpito Amatrice e Accumoli ci ha portato via in una sola notte 283 vite e ci ha lasciato psicologicamente atterriti con uno stillicidio sismico di oltre 4000 scosse che tutti i giorni ravviva tragicamente la paura ed il ricordo di quella triste notte. Abbiamo perso sotto le macerie ben 40 colleghi- afferma Tiberio- e visto andare in frantumi i sacrifici di oltre 400 attività commerciali. Una task force inviata dalla nostra confederazione sta lavorando a stretto contatto con il sindaco di Amatrice, la Protezione civile e il presidente di Confcommercio Rieti per valutare le azioni di assistenza alla popolazione e agli imprenditori.” L’obiettivo di Confcommercio Chieti è quello di supportare la rinascita commerciale nelle zone colpite dal sisma. “Con il sindaco di Amatrice- aggiunge Tiberio- si è concordato di aiutare gli imprenditori locali che vogliono continuare nella propria attività a sistemarsi in moduli commerciali da affiancare ai moduli abitativi che saranno collocati insieme alla scuola nelle zone individuate. Per questo lavoro di coordinamento tecnico ringraziamo l’architetto Angelo Patrizio, nostro dirigente.” Ma servono tanti soldi e, in tal senso, si colloca la lodevole iniziativa di Confcommercio che ha promosso, su spinta degli ambulanti aderenti a Fiva Confcommercio, una raccolta fondi in occasione della fiera di San Michele di domenica a Vasto dove sono annunciati oltre 200 espositori provenienti anche da fuori regione. “Saranno presenti tutte le categorie merceologiche e nonostante le preoccupazioni che gli operatori stanno vivendo a causa delle incertezze della Bolkestain e del periodo di crisi che sembra non finire mai- riprende Tiberio- si è deciso di lanciare una gara di solidarietà per i nostri sfortunati colleghi colpiti dal terremoto. Siamo sicuri di poter ottenere un ottimo risultato considerando la partecipazione e la qualità della fiera di San Michele a Vasto.” Inoltre Confcommercio, grazie alla Fondazione Orlando, si è già attivata per merito del presidente Borghi, nella raccolta di fondi per far fronte alla riqualificazione del tessuto imprenditoriale dei luoghi devastati dal sisma. “Anche una piccola somma rispetto ad una grande tragedia, può essere una significativa azione che conferma l’importanza di appartenere ad un sistema di rappresentanza unito, forte e solidale. Sono aiuti- chiosa Tiberio- che andranno direttamente a sostenere la ripresa delle attività che saranno il vero cuore pulsante della ripresa di una vita dignitosa negli stessi luoghi in cui s è verificato il sisma.” 

Feste di settembre di solidarietà per il Rotary Club di Lanciano, che si mobilita in favore  delle comunità terremotate. L’appuntamento è per venerdì 16, giornata clou delle celebrazioni in onore della Madonna del Ponte, con “Un’amatriciana per Amatrice”, iniziativa che fa ricorso alla tradizione gastronomica di una delle città maggiormente colpite dal sisma per raccogliere fondi da destinare alla ricostruzione. A partire dalle ore 19,30, e fino a tarda ora, nell’area food di piazza Pace, sul retro del Palazzo degli Studi, sarà possibile gustare pasta all’amatriciana e alla gricia preparati in diretta dall’agriturismo Caniloro, al costo di 5 euro per piatto. Il ricavato sarà impiegato in un progetto di ricostruzione sul quale saranno investite tutte le somme raccolte dal Rotary, come già accaduto per l’Aquila dove il sodalizio ha finanziato i lavori per ripristinare la facoltà di Ingegneria. In una serata di festa, dunque, il Club di Lanciano, presieduto da Eliana De Berardinis, fa appello alla sensibilità di tutti, e dei lancianesi in particolare, affinché devozione e tradizione abbiano il valore aggiunto della solidarietà. L’appuntamento è allo stand Rotary, per gourmet dal cuore grande e un’amatriciana che si annuncia di rara bontà.

Dopo il successo dello scorso anno, torna (e raddoppia) Malvò in Festa portando in piazza musica, enogastronomia e divertimento per ben due sere consecutive: venerdì 9 e sabato 10 settembre.

L’evento, inserito nel più vasto cartellone delle Feste di Settembre 2016, vuole dare una nuova vita ed una nuova veste ad uno degli scorci più belli e caratteristici di Lanciano: piazza del Malvò. E grazie a stand enogastronomici, musica e particolari giochi di luci che illumineranno piazza del Malvò come non l’avete mai vista, tutto questo sarà possibile.

Si parte alle ore 20 con l’apertura degli stand che trasformeranno la piazza in un grande ristorante a cielo aperto in cui, grazie alla collaborazione con La Corona di FerroOsteria Patria La Locandà del Malvò, sarà possibile degustare i piatti più tipici della nostra tradizione come le pallotte cace e ove, pizze e fojie, insalata di baccalà, porchetta e gli immancabili arrosticini.

Ma come già anticipato, non solo enogastronomia ma anche tanta musica. Venerdì 9 settembre si parte con il live degli Inserto per poi scatenarsi con il dj Giorgio Santovito. Sabato 10, invece, musica live con i Gabbiani ’68 e a seguire live disco con Vera Hit Radio.

Due serate per tutti i gusti, dalle 20.00, fino a tarda notte, perché le Feste di Settembre non iniziano il 13 settembre, ma qualche giorno prima.

Spazio anche ad un angolo solidale. “Un bracciale per Amatrice” è l’iniziativa che, nei giorni di Malvò in Festa, l’associazione Amici del Malvò ha pensato per dare il proprio concreto aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto lo scorso 24 agosto. Con 1 solo euro sarà possibile acquistare un braccialetto starlight, con 1 solo euro sarà possibile dare una speranza a chi si è visto crollare il mondo addosso. Ciò che si vuole fare è accendere (letteralmente) piazza del Malvò con i braccialetti starlight per accendere la speranza di chi ha perso tutto per poter guardare al futuro senza paura. 9 e 10 settembre, in piazza del Malvò, con un braccialetto, per tendere la mano a chi ora ne ha più bisogno.

 

 

Il Comitato di Lanciano della Croce Rossa Italiana ha organizzato una serie di iniziative a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma del Centro Italia. Lanciano e il suo circondario confermano la loro solidarietà e, come sempre, rispondono al meglio agli appelli della loro Croce Rossa. Presso lo stabilimento balneare Il Corallino di Torino di Sangro, località Le Morge, alcuni giorni fa, si è giocato un torneo di beach volley che in poche ore ha permesso agli organizzatori di raccogliere 766 euro, già confluiti nel conto nazionale della CRI destinato alle popolazioni colpite dal sisma. Inoltre, lo scorso 31 agosto, in occasione della tradizionale Fiera di Sant'Egidio di Lanciano, le campanelle decorate a mano dai volontari sono state tutte vendute ben prima che calasse la sera: tanti i cittadini che, non avendole trovate, hanno dato comunque dei contributi volontari e annotato gli estremi dell'IBAN nazionale per fare la loro donazione. Dalla vendita delle campanelle sono stati ricavati 1620 euro, già destinati al conto nazionale della CRI destinato alle popolazioni colpite dal sisma.
E' possibile continuare a sostenere le popolazioni colpite dal devastante terremoto del 24 Agosto utilizzando il conto corrente attivato da Poste Italiane e Croce Rossa Italiana con le seguenti coordinate:
IBAN: IT38R0760103000000000900050
BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX
Beneficiario: Associazione Italiana della Croce Rossa
Causale: "Poste Italiane con Croce Rossa Italiana - Terremoto Centro Italia"
 oppure utilizzare il conto corrente della Croce Rossa Italiana con le seguenti coordinate:
 IBAN: IT40F0623003204000030631681
BIC/SWIFT: CRPPIT2P086
Beneficiario: Associazione Italiana della Croce Rossa
Causale: "Terremoto Centro Italia"