Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

LANCIANO - Sono partiti questa mattina, disposti dal settore Lavori Pubblici del Comune di Lanciano, gli interventi di messa in sicurezza urgenti per rimuovere alcuni alberi pericolanti a ridosso del canile comunale di Villa Martelli.

I lavori riguardano 18 piante di pioppo pericolanti e pericolose per l'incolumità dei volontari del canile e degli animali ospitati nella struttura. Mercoledì, un pioppo dell'altezza di circa 25 metri (che presentava chiari segni di tarlatura interna), è caduto sulla recinzione, provocando preoccupazione tra gli addetti.

 L'intervento di messa in sicurezza è iniziato ieri a cura della ditta Raimondo Casalanguida di Lanciano, per un importo di 5mila euro. Si sta procedendo alla potatura degli alti fusti, per poi abbatterli definitivamente. Dell'intervento sono stati informati il Corpo Forestale e gli organi regionali competenti.

“Nei prossimi giorni provvederemo a sistemare la strada di accesso al canile, anche in vista della prossima apertura del canile sanitario da parte della Asl - spiega il sindaco di Lanciano Mario Pupillo - l'attenzione dell'amministrazione è massima”.

“Questa mattina - aggiunge l'assessore Pino Valente - ho effettuato un sopralluogo per verificare lo stato degli alberi e dei lavori. Ringrazio pubblicamente i volontari per la preziosa opera che svolgono quotidianamente con i nostri amici a quattro zampe, ci adopereremo affinché la struttura sia pienamente funzionante e sicura”.

BOMBA - Domani alle ore 10, a Bomba, al Museo Etnografico di via Largo Sacchetta, ci sarà la presentazione ufficiale dell'“AVAS – Associazione vittime animali selvatici”, nata il 3 novembre a seguito dell'incidente mortale che si è verificato il 30 agosto scorso in Val di Sangro, sulla Fondovalle, e nel quale Daniela Martorella, mamma di 38 anni di Bomba, ha perso la vita.
L’Associazione, intitolata proprio a Daniela Martorella, è costituita da familiari, amici ed esperti (come avvocati e agronomi) e si propone di assistere le vittime di incidenti con animali selvatici e di ricercare soluzioni adeguate al problema insieme alla collettività ed alle istituzioni. Sabato, l'associazione, presieduta da Carla Martorella, illustrerà ufficialmente le proprie finalità e come intende operare. L'AVAS verrà presentata dal sindaco di Bomba e dai rappresentanti dell'Associazione.

TORNARECCIO - C'è anche Apicoltura Luca Finocchio tra le 100 Eccellenze Italiane, il prestigioso premio ideato dall'editore Riccardo Dell'Anna per onorare quanti contribuiscono con il loro lavoro e il loro ingegno alla crescita del brand "Made in Italy", rendendo il nostro Paese unico al mondo nei settori del bello e del buono: dalla ricerca all'industria, dalla letteratura all'arte, passando per la moda, lo spettacolo, il turismo e via dicendo.

Il riconoscimento è stato assegnato all'azienda di Tornareccio dal Comitato d'Onore presieduto da Raffaele Squitieri, presidente della Corte dei Conti, e che annovera tra i suoi membri personalità del calibro del rettore Università Luiss Guido Carli, Massimo Egidi, e del mondo della moda, della televisione e dello spettacolo come Sandro Versace, Bruno Vespa, Milly Carlucci e Albano Carrisi.

La consegna c'è stata ieri, giovedì 1 dicembre 2016, nella sala della Lupa di Montecitorio a Roma, alla presenza di personalità tra cui Antimo Casaro, sottosegretario di Stato ai Beni Culturali, l'ambasciatore presso la Santa Sede, Daniele Mancini, l'architetto Paolo Portoghesi, e Roberto Snaidero, presidente di Federlegno Arredo Nazionale. Presenti anche l'editore Dell'Anna, il presidente del Comitato d'Onore, Squitieri, e vari componenti.

Tra i premiati 2016 di 100 Eccellenze Italiane anche Michele Placido, Raoul Bova, Carlo Conti, Laura Biagiotti, Vittorio Sgarbi, Raffaele Cantone, Gianfranco Vissani, Cantine Ferrari, Alviero Martini, Gay Odin, Renzini. Per l'occasione, è stata realizzata anche una pregiata pubblicazione con le storie personali e imprenditoriali dei premiati.

Per Apicoltura Luca Finocchio si chiude così un 2016 ricco di riconoscimenti: il Sofi Award 2016 di New York, l'"oscar" internazionale delle eccellenze culinarie, il primo posto al Concorso nazionale dei mieli "Roberto Franci" di Montalcino, le Tre Gocce d'Oro e altri sei riconoscimenti al Concorso nazionale "Grandi Mieli d'Italia - Premio Giulio Piana - Tre Gocce d'Oro" a Castel San Pietro Terme.

"Un anno straordinario - commenta Luca Finocchio - che riempie me e la mia famiglia di soddisfazione: essere stati riconosciuti come ambasciatori del Made in Italy appaga i nostri sforzi decennali per fare un prodotto che sia la massima espressione di italianità. E averlo ricevuto nella splendida cornice di Montecitorio mi fa sentire ancora più fiero di contribuire al prestigio del nostro Paese. Grazie di cuore a Riccardo Dell'Anna Editore, al Comitato d'Onore e a tutti gli intervenuti in una serata indimenticabile".

CHIETI - Stop a trasferte in altre regioni o in strutture private. Ora gli esami di risonanza magnetica possono essere effettuati a Chieti anche in sedazione o anestesia. Una novità assoluta che la Radiologia dell’Ospedale ha sviluppato presso l'Istituto di Tecnologie Avanzate Biomediche (Itab). Tali prestazioni sono rivolte principalmente a pazienti pediatrici con patologie del sistema nervoso, ma anche agli adulti "non collaboranti", vale a dire quanti hanno problemi di mobilità o sono affetti da gravi sindromi dolorose o, ancora, disturbi psichiatrici. Ma la possibilità della sedazione rappresenta un'opportunità anche per gli utenti che vivono un estremo disagio nel restare fermi all'interno del cilindro entro cui il corpo deve scivolare per essere posizionato al centro del magnete: la permanenza non brevissima in uno spazio decisamente ristretto, infatti, può generare in alcuni pazienti reazioni claustrofobiche, che ora a Chieti possono essere superate grazie a questa nuova metodica.
Per gli esami di risonanza magnetica in sedazione, effettuati sotto costante controllo anestesiologico, viene impiegato un apparecchio "3 Tesla", gioiello di alta tecnologia che consente esami ancora più precisi e veloci e arricchisce l'offerta di diagnostica ad alta specializzazione, proiettando l'Itab all'avanguardia in campo radiologico, con ricadute importanti anche in termini di mobilità.  
Le nuove prestazioni, accessibili sia ai pazienti ricoverati sia agli esterni, possono essere richieste direttamente all'Itab, chiamando i numeri  0871.3556901 o 0871.3556902. Al momento della prenotazione saranno fornite tutte le informazioni utili per l'esecuzione dell'esame, dall'impegnativa ai tempi di digiuno, agli esami del sangue, all'elettrocardiogramma.
Il servizio è affidato a Massimo Caulo per la Radiologia e Massimo Dell'Elce per l'Anestesia.

ATESSA - E’ Pier Giorgio Antonelli, fotografo abruzzese di Atessa, il direttore artistico del Festival Europeo della Fotografia che si terrà il 3 dicembre a Roma, presso il Teatro 1 di Cinecittà.
“E’ una bellissima esperienza che credo tutti vorrebbero fare – spiega Pier Giorgio - mi sento fortunato ed onorato di ricoprire questo importante ruolo, conscio anche di tutti i sacrifici e gli investimenti fatti su me stesso.
Classe 1985, comincia per gioco, all’età di 13 anni, ad immortalare tutto ciò che lo colpisce con la fotocamera a pellicola del padre, una Zenit EM. Tanta passione per la fotografia, due master in fotografia e cinema presso la Scuola Romana di Fotografia e Cinema e tante collaborazioni con prestigiosi eventi, da Pitti Uomo a Milano Fashion Week fino al Festival di Cannes.
 “Sono grato sempre alla mia terra natia – aggiunge - essere nato in un paese mi ha giovato molto, perché mi ha insegnato a non mollare mai. Sono molto legato all’Abruzzo e metto a disposizione dei giovani abruzzesi che vogliono intraprendere un percorso artistico la mia esperienza di fotografo maturata fuori regione”.


Il Festival, che comprenderà, oltre alla categoria Fotografia anche quelle di Fotomodelli e Fashion Designer, è diretto da Alexandra Titova, ed ha come obiettivo quello di promuovere giovani talenti attraverso l’unione di due forme d’arte: la moda e la fotografia. Numerose saranno le presenze di volti noti del mondo della moda e dello spettacolo: tra cui il fotografo di fama internazionale Max Moor, il presidente di Roma Fashion Week Riccardo Gubiani, il ballerino Jacopo Paone (concorrente di “Amici 14”), Mahmood (concorrente di “X-Factor 2012”), gli stilisti di alta moda Monika Marek e Igor Occhipinti e tanti altri ancora.
“Mi sono subito innamorato di questo festival, lo sento mio in tutto e per tutto – commenta il direttore artistico Pier Giorgio Antonelli - mi ha dato tantissimo sia a livello professionale che a livello umano. Per la selezione dei fotografi non mi sono basato su una singola foto ma bensì su un progetto fotografico fatto di tecnica e soprattutto di contenuti. La fotografia è un mezzo di espressione e tante volte lo dimentichiamo. Ecco perché il fotografo deve partire da un’idea, costruirla e tramutarla in foto”.
 

FOSSACESIA - Parte il pagamento online di alcuni servizi del Comune di Fossacesia. L’Amministrazione Comunale, infatti, in linea con quanto previsto dal Codice dell’Amministrazione Digitale, ha aderito in questi giorni al sistema di pagamento “PagoPa”, che consente a cittadini ed imprese di effettuare pagamenti online di tributi comunali, in maniera sicura e tracciata. “In un’epoca in cui tutto corre sul digitale, l’adesione a PagoPa – esordisce Enrico Di Giuseppantonio, Sindaco di Fossacesia – porterà una serie di vantaggi per i cittadini, primo fra tutti l’evitare le carambole fra uffici e sportelli vari per effettuare semplicissimi pagamenti”. Il sistema, infatti, consente ai cittadini di poter pagare i tributi comunali in modalità elettronica, 24 ore su 24, comodamente da casa e semplicemente cliccando sul link attivo sul sito del Comune di Fossacesia www.fossacesia.gov, da dove si accede alla piattaforma digitale Ancitel – Pay. Al momento il Comune di Fossacesia ha attivato questa modalità solo per il pagamento della contribuzioni di mensa, trasporto, diritti di segreteria per l’ufficio tecnico ed il transito nella ZTL di San Giovanni in Venere, ma a breve amplierà la rosa dei servizi pagabili online. Chiunque potrà pagare comodamente da casa, in qualsiasi momento della giornata, semplicemente con un clic, i tributi comunali per i quali è stato attivato il servizio, scegliendo inoltre l’operatore finanziario di cui servirsi, fra quelli attivi nel sistema e maggiormente vantaggioso per il cittadino, ed ottenendo in tempo reale la ricevuta di pagamento.

CHIETI - Non sono state commesse irregolarità e il concorso espletato dalla Asl Lanciano Vasto Chieti per l’assunzione di un dirigente medico per il Servizio di Medicina Legale è da ritenersi pienamente legittimo. Il Consiglio di Stato ha così annullato e ribaltato la sentenza del Tar Abruzzo dello scorso anno, che accoglieva il ricorso di una candidata, classificatasi al quarto posto, secondo cui la selezione presentava profili di illegittimità.
Le contestazioni erano riferite alla correttezza della prova orale e di quella pratica, nella forma e nella sostanza. A partire dalla scelta delle domande d’esame, incentrate sulla responsabilità medica, e ritenute “illogiche” dalla ricorrente.
"Per i giudici del Consiglio di Stato - spiega la Asl in una notta - , invece, erano da ritenersi congrue ai compiti connessi alle funzioni da svolgere, così come per la prova pratica non si rendeva necessario misurarsi sul tavolo necroscopico con un corpo, ma esporre la tecnica operativa più appropriata relativamente all’esame di “un cadavere che presenta un foro di entrata sulla superficie laterale del torace e uno in uscita sulla superficie controlaterale. Anche sotto il profilo formale la candidata aveva contestato alcuni aspetti, come lo svolgimento nella stessa seduta della prova orale e della pratica, e lo stretto margine di tempo intercorso tra l’esame scritto e le successive prove. Avrebbe voluto più tempo per studiare, insomma, ma per i magistrati la comunicazione di una data d’esame dev’essere fatta con un termine di anticipo che garantisca al candidato la possibilità di partecipare, non di prepararsi meglio. Nessuna norma, inoltre, vieta lo svolgimento nella stessa giornata di due prove, purché restino distinte. Insomma un impianto totalmente rigettato e demolito dal Consiglio di Stato, secondo cui la condotta della Asl è stata corretta, non ravvisando violazioni né di natura formale né sostanziale".

LANCIANO - E' intitolato “Le Immagini delle identità” il calendario realizzato anche quest'anno dalle Associazioni “I colori dell'Iride” e “Social Photographi Street” di Lanciano con scopo solidale e benefico. Il ricavato, infatti, della vendita andrà a sostenere le attività dello sportello di aiuto S.O.S. Iride rivolto alle donne che vivono situazioni di difficoltà e di abusi. Sono sempre le donne le protagoniste di questo calendario speciale che per il 2017 vede in primo piano le immagini realizzate con l'autoscatto dalle fotografe che in questo modo interpretano se stesse, come si sentono, come si vedono. Non un semplice autoritratto ma anche la proiezione di sé. C'è chi ha individuato qualcuno da fotografare ritenendolo un modello di riferimento, una persona importante per il ruolo che ricopre nella propria vita, qualcuno a cui fare riferimento per completarsi nella ricerca della propria identità. “Una riflessione comune sarà fatta durante la presentazione, guidati dalla psicoterapeuta Cecilia Natarella, sul rapporto che abbiamo con la nostra immagine, sul senso dell'identità. A livello conscio ognuno pensa di sapere chi è, ma in profondità, dove non arriva la consapevolezza, ci sentiamo meno sicuri” ha sottolineato Patrizia Di Rocco, Presidente dell'Associazione Culturale Donne “I colori dell'Iride”. Un autoritratto può essere quindi, l'occasione per interrogarsi sul senso e sui limiti della propria identità. Si parlerà anche di questo sabato 3 dicembre alle 11.00 nel Salone dell''ex Casa di Conversazione nel corso di una conferenza stampa aperta anche al pubblico che vedrà la presentazione del Calendario 2017 “Le Immagini delle Identità”.

LANCIANO - Manca solo qualche giorno all'appuntamento con il voto referendario e anche a Lanciano, come in tutte o quasi le città italiane, gli incontri si fanno più intensi dopo la carrellata di tavole rotonde e convegni tutti con l'obiettivo di spiegare meglio, di informare, di  permettere ai cittadini un voto consapevole al di là del Sì e del No. In queste ultime ore che dividono gli elettori dalle urne, sono più numerose pure le assemblee studentesche, quasi tutte con la formula bipartisan con due relatori  uno per il Sì e l'altro per il No.

Il tentativo di molti (anche nei convegni) è stato proprio quello di mettere insieme le diverse posizioni per favorire un pensiero critico che resta comunque non facile, a meno che non si scelga la strada più corta, ma anche la più sbagliata (affidarsi alla scelta del proprio partito o coalizione) quando si parla di referendum e a decidere devono essere i cittadini liberi da condizionamenti.

Intanto in questo clima che è invece diventato un vero e proprio scontro politico, pro o contro Renzi, si continua nell'opera di convincimento per catturare qualche indeciso. Non mancano nemmeno i comunicati stampa, l'ultimo, in ordine di tempo, è quello inviato dal coordinatore di Progetto Lanciano Daniele Pagano in cui si torna a puntualizzare con dovizia di particolari, punto per punto, perché bisogna votare No. E se da una parte il gruppo che fa capo al vice sindaco Pino Valente, fin dall'inizio di questa campagna elettorale, si è schierato contro la Riforma “Renzi-Boschi”, il sindaco di Lanciano e presidente della Provincia di Chieti Mario Pupillo, insieme a tutto il gruppo consiliare del Partito Democratico, ha sostenuto con forza e convinzione il Sì alla Riforma.

Uno scenario, piuttosto insolito (non abbiamo approfondito se in altre città della Penisola si sia verificata la stessa situazione) da queste scelte emerge inconfondibile e inequivocabile la diversa visione di Valente e di Pupillo rispetto a principi fondamentali, visto che non si tratta di cambiare una legge “qualsiasi”, ma tocca la Carta Costituzionale e quindi il futuro del nostro Paese. Futuro che, in questo caso, il primo cittadino e il suo vice pensano e vorrebbero disegnare non con gli stessi colori.

Questo non può non far riflettere, anche se in più occasioni sia il Sindaco che il suo Vice hanno ribadito che la distanza che si è creata in merito al Referendum non condiziona assolutamente l'attività amministrativa, tanto meno la continuazione di un programma condiviso e sottoscritto. Insomma come a dire l'attività amministrativa è una cosa e li vede insieme a costruire una Lanciano più bella e vivibile, a risolvere i tanti problemi che ancora l'affliggono, a lottare per il potenziamento di strutture e servizi e il referendum ovvero la politica è un'altra cosa.

Nessuno, a parte qualche mal pensante, mette in dubbio il rapporto di fiducia e lealtà tra Pupillo e Valente, né quello che c'è tra Progetto Lanciano e il Partito Democratico, ma qualche interrogativo sorge davvero spontaneo. La vittoria del Sì o del No davvero sarà ininfluente negli equilibri della maggioranza di centro sinistra? Dopo queste settimane passate a parlare, a spiegare, dicendo ognuno l'esatto contrario dell'altro, cercando di convincere perché votare Sì e perché dire invece No, si tornerà “tutti insieme appassionatamente” come se non fosse successo niente, a prescindere dal responso delle urne? (p.d.f.)

LANCIANO - Cosa fanno i bambini a Lanciano? La città offre spazi adeguati, appuntamenti, e propone in maniera gratuita opportunità di svago anche per i bambini le cui famiglie non possono permettersi una ludoteca o un laboratorio creativo che tanto vanno di moda? Di strutture private che promettono mondi fatati, che organizzano feste per ogni gusto ne sorgono ogni giorno. Slogan accattivanti e immagini della Disney, a molti neo genitori che ovviamente possono permetterselo, danno l’impressione che portare il figlio a saltare come un ossesso su un gonfiabile o a rimanere incastrato in una vasca di palline, sia un bel modo per far trascorrere al figlioletto il proprio tempo. In molti, invece, credono che i bambini debbano inventarsi il proprio svago, fare i bambini, annoiarsi anche quando è il caso. Spetterenne a loro decidere con chi e come giocare, senza chi invece dall’alto si limita a riempire un bambino di mollette per i panni, invitando tutti gli altri a liberarlo…fantasia dei piccoli annientata e pomeriggio trascorso al chiuso, con le mamme però contente, perché il piccino non ha preso freddo.

Al di là delle tante considerazioni che si possono fare di cosa significhi l’infanzia negli ultimi anni, e al di là del pensiero di ognuno di noi, quel che è certo è che a Lanciano i bambini se non pagano non giocano, non fanno sport e soprattutto non possono giocare all’aria aperta.

Lo stato dei parchi giochi pubblici è sotto la nostra lente di ingrandimento da anni. Una città di 35mila abitanti con un parco con due altalene sgangherate, il più delle volte chiuso per il fango, che nonostante tappeti di ultima generazione lo rendono una laguna dopo due gocce di pioggia. Posizionati su una strada con scarsa illuminazione, con la Villa di fronte e  le auto che passano a folle velocità: il pericolo è costante, tanto che non a caso, tempo fa, il Comune aveva messo un dipendente a monitorare la situazione. Attività ludico ricreative accessibili a tutti? Aiuto scolastico? Supporto per le mamme che lavorano? Incontri pubblici con i genitori che spiegano cosa sarebbe meglio per i propri figli? Ecco tante sono le domande in un deserto di cultura per la prima infanzia che a dir la verità in campagna elettorale era stato rilevato da tutti i contendenti, ma che a oggi non vede ancora nessuna e soluzione.

In estrema sintesi la situazione è questa: zero proposte, mercato privato in ascesa, con davvero pochi professionisti che propongono cose giuste, bambini rimbalzati da una attività scolastica all’altra, mentre in un batter d’occhio diventano adolescenti annoiati che in un pomeriggio annoiato vandalizzano la Pista e un Comune che non è in grado di proporre una politica per l’infanzia seria e concreta e che chieda ai genitori, o ai piccoli stessi, cosa sarebbe meglio per loro. (C.Lab)

  • Pagina 3