Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

ORSOGNA - «Ancora una volta, egregio Presidente del Consiglio regionale, la massima Assemblea abruzzese esclude dall'assegnazione di fondi per la cultura i Talami di Orsogna, una delle manifestazioni culturali italiane più antiche, che nel 2011 il Ministero del Turismo ha dichiarato ufficialmente "Patrimonio d'Italia per la tradizione"»: è quanto afferma il sindaco di Orsogna, Fabrizio Montepara, in seguito all'approvazione della legge regionale su centri di ricerca e istituzioni culturali.

«Non un centesimo - spiega Montepara - è stato previsto nella legge che ha dispensato centinaia di migliaia di euro ad altre istituzioni e manifestazioni, per le quali la mia comunità nutre profondo rispetto, anzi siamo felici quando gli enti pubblici finanziano la cultura. Ma la mappa che ne viene fuori evidenzia scelte legate esclusivamente alle enclave elettorali dei consiglieri regionali. E non mi riferisco a questo o quello schieramento. Lei stesso, caro Presidente, parla in una nota di un riconoscimento alla "vivacità culturale dei territori". Per quanto ci riguarda, evidentemente al nostro territorio manca un "santo" che lo "riconosca" in Consiglio regionale, visto che è questa l'unica logica che vale. Continueremo a fare da soli, a farci conoscere e "riconoscere", e a contribuire alla cultura e al turismo di questa regione anche senza di voi, sempre più distanti dalle reali esigenze dei territori. Ovviamente, mi auguro che i cittadini ne tengano conto al momento giusto».

ATESSA - Lo stabilimento Sevel di Val di Sangro ha ottenuto la medaglia d’argento nella classifica mondiale del World Class Manufacturing (WCM), la metodologia di organizzazione del ciclo produttivo per gestire gli stabilimenti secondo i migliori standard a livello mondiale: dalla sicurezza all’ambiente, dalla manutenzione alla logistica e alla qualità.

“Non è stato facile raggiungere questo traguardo – precisa l’Azienda - che rappresenta una tappa intermedia verso ulteriori futuri successi.  Sevel ha fatto un’ ottima figura sia durante la fase delle presentazioni sia durante le visite ai reparti produttivi, riuscendo ad ottenere un punto in più della precedente valutazione nei pilastri tecnici Safety e Professional  Maintenence e nei pilastri manageriali ‘route map to WCM’ e ‘time and budget’. Dopo diversi tentativi, sono state premiate  la competenza, la motivazione, l’impegno e la passione di tutti i dipendenti, operai ed impiegati, quadri e dirigenti. Di rilievo il fatto che Sevel abbia migliorato di ben 6 punti lo score raggiunto nell’ anno precedente a testimonianza dell’ottimo lavoro svolto nel 2016 dal plant e dell’ottimo livello di collaborazione e integrazione tra i lavoratori”.

 
Il WCM è stato adottato da molte delle più importanti aziende del mondo. L’approccio prevede l’interazione con tutta l’organizzazione della fabbrica, partendo dagli aspetti di sicurezza e proseguendo con i sistemi per la qualità e la manutenzione, l’ottimizzazione logistica e l’organizzazione della postazione di lavoro. Il sistema prevede una serie di valutazioni periodiche da parte di auditor certificati per verificare i risultati ottenuti dallo stabilimento, al termine delle quali viene assegnato un punteggio tra 0 e 100. Il percorso di miglioramento del WCM prevede tre tappe intermedie – Bronze, Silver e Gold – prima del traguardo finale del World Class Level.

LANCIANO - Mentre proseguono gli accertamenti sulla natura dei liquami rinvenuti nei terreni circostanti la centrale biogas di Villa Pasquini a Lanciano, il Comune ha emesso un'ordinanza "contingibie urgente" che vieta "l'utilizzo per uso umani, irrigui e zootecnici - si legge nel provvedimento - delle acque provenienti dall’area circostante la centrale, ovvero il divieto di coltivazione di prodotti agricoli nei terreni adiacenti e il divieto di attingere l’acqua dai pozzi presenti nel raggio di 500 metri dalla Centrale, sia per uso agricolo che zootecnico". L'ordinanza sindacale è stata trasmessa alla Procura della Repubblica, ai carabinieri di Lanciano, alla polizia municipale, al nucleo operativo ecologico dei carabinieri di Pescara e alla Asl. Una seconda ordinanza è stata invece inviata alla Ditta Ata Energia, che gestisce la centrale, affinché provveda alla rimozione e smaltimento dei rifiuti liquidi. "Inoltre il sindaco - conclude la nota - ha dato mandato a un laboratorio analisi accreditato, di effettuare prelievi di terreno e di liquido dalla zona  in cui si è verificato lo sversamento, così dar fare piena chiarezza sull’accaduto".
 

SAN VITO - In occasione della giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il 21 novembre si terrà a San Vito Chietino la prima “Marcia dei cuori e dei colori” alla quale parteciperanno i bambini delle scuole elementari e medie dell’Istituto Comprensivo “G.D’Annunzio” di San Vito Chietino che comprende anche i plessi di Treglio e Rocca San Giovanni. La manifestazione intende rafforzare nei ragazzi il senso della solidarietà e della integrazione Il corteo partirà dalla sede dell’istituto in via Michelangelo alle 10 per arrivare, attraversando il corso principale, nella zona del Colle presso il Teatro all’aperto D’Annunzio. Ad introdurre la manifestazione sarà la dirigente dell’Istituto Comprensivo Paola Monacelli ed i sindaci dei tre comuni: Rocco Catenaro per San Vito Chietino, Massimiliano Berghella per Treglio e Gianni di Rito per Rocca San Giovanni.  Poi ci saranno le varie esibizioni dei bambini. A ricordare i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sarà Giulia Amodio, psicoterapeuta responsabile del Telefono Azzurro di Pescara e a portare all’attenzione di tutti realtà difficili come quella dei Paesi sottosviluppati saranno Delia Verna ed Angela Catalano del Kiwanis Club Pescara. A coordinare l’evento la giornalista Gioia Salvatore, presidente dell’Associazione La Luna di Seb. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà presso la palestra della scuola secondaria di San Vito.
 

FOSSACESIA - “Tutti insieme per tutti i bambini del mondo”: si intitola così la manifestazione che l’Amministrazione Comunale di Fossacesia ha organizzato per domani Sabato 19 Novembre, in occasione della giornata mondiale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, a ricordo della Convenzione ONU sottoscritta 27 anni fa. L’Amministrazione Comunale quest’anno ha deciso di dedicare questo evento in particolare ai bambini di Amatrice, uno dei paesi maggiormente dilaniati dal terremoto, per i quali durante l’evento vi sarà una raccolta fondi tramite la vendita di oggetti realizzati dai bambini del Centro Diurno per Minori di Fossacesia, come in una sorta di gemellaggio dell’infanzia e dell’adolescenza. Si inizierà dalle ore 17.15, quando, dopo i saluti del Sindaco Enrico Di Giuseppantonio, la Prof.ssa Tonia Orlando, autrice del libro “Come gli Aquiloni”, parlerà ai presenti dell’importanza del valore della famiglia e dell’educazione morale delle nuove generazioni. Seguirà, a cura del Teatro del Sangro, la rappresentazione teatrale “L’Anello di Gollum” in cui Stefano Angelucci Marino rappresenterà, attraverso un monologo teatrale liberamente tratto dall’opera di Tolkien, l’importanza di valori come l’amicizia, la fedeltà, l’amore, la gioia, il sacrificio, la libertà, la verità e la grazia. L’evento si concluderà per le 19.00, con i saluti finali dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Fossacesia, Mariangela Galante.

LANCIANO - L’Associazione Libertazione ha organizzato per sabato 19 novembre, al Palazzo Degli Studi in Corso Trento e Trieste a Lanciano, un convegno sul tema della riforma costituzionale, oggetto del Referendum che si terrà domenica 4 dicembre.
"L’obiettivo dell’incontro - spiega il presidente di Libertazione, Ermando Bozza - è rendere consapevole il cittadino nella scelta che dovrà affrontare con il Referendum, contrariamente a quanto in genere si assiste nei dibattiti dei partiti e comitati politici, interessati più a strumentalizzare il voto, che a far conoscere la riforma".
L'appuntamento è alle ore 17 e interverrà il professor Vincenzo Colalillo, già docente di Diritto costituzionale.

LANCIANO - "In questi giorni la Polizia Municipale, su mandato del sindaco, sta effettuando controlli a tappeto sui detentori di cani, per la verifica del rispetto delle norme che impongono l'iscrizione all'anagrafe canina, l'uso del guinzaglio e della museruola, l'obbligo di portare con sé strumenti idonei alla raccolta delle feci e, quindi, il divieto di abbandono delle deiezioni". Lo fa sapere il Comune di Lanciano, in una nota. "Si tratta di un'attività volta a sensibilizzare la cittadinanza al rispetto per gli animali e per l'ambiente - spiega il documento - con l'auspicato obiettivo di un miglioramento delle condizioni di vivibilità delle strade e dei parchi pubblici, nonché della civile convivenza". La Polizia Municipale ha già controllato alcune decine di persone, rilevando un sostanziale rispetto delle norme in materie. Le sanzioni per la violazione delle norme possono andare dai 77 euro, per l'omessa iscrizione all'anagrafe canina, ai 150 euro, per l'abbandono delle deiezioni, ma possono trasformarsi anche in sanzioni di natura penale quando si riscontrano casi di maltrattamenti degli animali. "Il Comandante della Polizia Municipale - conclude la nota - rivolge un accorato appello a non lasciare mai i cani liberi, di qualunque razza o taglia essi siano, in luoghi frequentati o vicini alle strade, di portare sempre con sé una museruola da utilizzare all'occorrenza e di raccogliere sempre le deiezioni, anche nei suoli non pavimentati. Si tratta di semplici regole di buon senso, ancor più che norme di legge, il cui rispetto rende la Città più sicura per gli animali e per le persone e, certamente, più igienica per tutti".
 

L'AQUILA - Un contributo di 125mila euro al Mastrogiurato per l'organizzazione della rievocazione storica dell'investitura dell'antico magistrato, 40mila euro a Lancianofiera e 35mila alla Deputazione del Teatro Fenaroli. Sono i fondi assegnati a Lanciano dalla Regione, e inseriti nella variazione di bilancio approvata ieri sera dal consiglio regionale, dopo una lunga maratona iniziata in mattinata. Una seduta accompagnata da durissime polemiche, scatenate dal M5S, che ha parlato di "legge marchetta", con somme assegnate a pioggia e senza criterio. Tra gli altri contributi, 30mila euro all'Istituto Tostiano di Ortona, 15mila al Festival John Fante di Torricella Peligna, 30mila alla Fondazione Brigata Maiella e altrettanti alla Fondazione Spaventa, 5mila a Tornareccio per le iniziative sul miele.

LANCIANO - Il cuore di Parigi raccontato dagli occhi, e dalla penna, di un lancianese speciale: il giornalista Peppino Gnagnarella, che domani presenterà il suo volume "Rendez-vous a Saint Germain, dove batte il cuore di Parigi". L'appuntamento è alle 18 all'ex Casa di Conversazione, nell'ambito dell'iniziativa "Conversazioni del Venerdì" promosse dall'assessorato alla cultura del Comune. "Gnagnarella - si legge nella presentazione dell'iniziativa - racconta con parole eleganti rivolgendosi a tutti, ma soprattutto all’universo giovanile che ama  Parigi".
Giuseppe Maria Gnagnarella ha lavorato in Rai per moltissimi anni e, solo per ricordare alcuni degli incarichi, è stato responsabile della comunicazione della Presidenza della Rai, portavoce del Vice Direttore Generale della Rai, capo ufficio stampa di Rai2, responsabile dei rapporti Rai con la Commissione parlamentare di Vigilanza e con gli Enti locali, capo redattore politico del Tg3 e del Giornale Radio, Vaticanista e inviato speciale di guerra in Israele, Libano, Nicaragua ed ex Jugoslavia. Ha insegnato nelle Facoltà di Scienze delle Comunicazioni all’Università La Sapienza di Roma, all’Università Salesiana e all’Università di Cassino.

LANCIANO - E' allarme a Villa Pasquini per lo sversamento di liquami maleodoranti fuoriusciti dalla centrale a biomasse che si trova nella contrada. "Un grave incidente - commenta in una nota Nuovo Senso Civico - con un notevole sversamento di liquami maleodoranti in tutti i terreni circostanti, sino a raggiungere la valle e presumibilmente il fosso d’acqua sottostante". Ad allertare il sodalizio sono stati gli stessi abitanti della zona, che ora chiedono che siano eseguite verifiche sull'eventuale contaminazione dei terreni circostanti, dove ci sono vigneti e uliveti. Un esposto è già stato presentato alla Procura di Lanciano e una segnalazione è stata inoltrata anche ai carabinieri del Noe (il nucleo operativo ecologico). "Quando, alcuni anni fa, siamo stati gli unici a contrastare la realizzazione di questo impianto e abbiamo sventato, con la mobilitazione popolare, l’apertura di uno analogo da parte della stessa proprietà a Santa Maria Imbaro - continua l'associazione - avevamo messo in guardia sui forti rischi connessi a questo tipo di attività". L'auspicio, si augura Nuovo Senso Civico, è che quando accaduto a Villa Pasquini sia da monito agli amministratori locali e alle istituzioni per fermare il proliferare di questo tipo di impianti. La centrale a biomasse di Villa Pasquini è entrata in funzione nel 2012 e avrebbe dovuto produrre biogas da materie prime vegetali. Ora le indagini dovranno accertare se invece sono stati lavorati anche altri materiali, come il letame bovino.

  • Pagina 8